Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Cerca tra le 10 righe

L'Ultimo Abele. Storia di una ossessione.

immagine copertina
Massimo Della Penna
L'Ultimo Abele. Storia di una ossessione.
autopubblicato
10 righe da pagina 85:

E l'amore lascia sempre impronte, nelle sabbie color pesca dei tempi che vivo e che vorrei non vivere davanti a un monitor, né in ufficio. Ma fuori. A guardar le stelle. O a sentire l'alito di un barbone, a scattare due foto, a bere una birra in un pub. Vorrei essere fuori a stringere la mano di un amico. O anche una chiappa, volendo spoetizzare il tutto. Gli è che l'amore mi fa sperare, mi fa sognare, gli è che per l'amore val la pena di vivere e anche di non vivere. Ma solo per l'Amore, quello vero, che conferisce peso e massa alle cose leggere.
Senza la grammatica e la logica dell'Amore, un cigno è un animale che puzza. La luna è una fetta di formaggio, i campi d'erba stupide macchie pistacchio scuro, un tramonto è solo una foto porpora sottoesposta e il mare impetuoso d'inverno fa venire l'artrosi.
L'Amore è in fin dei conti il motore di tutti noi. Che hai voglia di fingere che ti interessano solo soldi e carriera, io non ci credo.

inviato il 29/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! Che bello il vostro sito! Non vedo l'ora di girarlo tutto!

Benvenuta Alessia :)

La libreria

immagine copertina
Penelope Fitzgerald
La libreria
Tradotto da Musolino d'Amico
Sellerio 1999
10 righe da pagina 51:

Guardò il titolo, Lolita. «Tratto solo romanzi buoni, sai. Non vanno via troppo velocemente. È buono questo?».
«Farà la tua fortuna, Florence».
«Ma è buono?».
«Sì».
«Grazie per il suggerimento. Sento il bisogno di consigli a volte. Sei molto gentile».
«Commetti sempre questo errore» replicò Milo.
La verità era che Florence Green non era stata allevata a comprendere nature come quella di Milo. Proprio come continuava a considerare la gravità alla stregua di una forza che attirava le cose verso di sé, non semplicemente come una questione di minore resistenza, così era sicura che il carattere fosse una lotta fra intenzioni buone e intenzioni cattive. Le era difficile credere che costui semplicemente si abbandonasse ogni volta a quello che faceva, qualunque cosa fosse, soltanto se gli sembrava meno disturbo di qualsiasi altra iniziativa.
Si annotò il titolo Lolita, e il nome dell'autore, Nabokov.
Suonava straniero - russo, forse, pensò.

inviato il 29/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Penelope Fitzgerald, nata Penelope Knox (17 dicembre 1916 – 28 aprile 2000)

David Copperfield

Charleston Dikens
David Copperfield
Mursia
10 righe da pagina 5:

Queste pagine diranno se sarò io l'eroe della mia vita o se questa parte sarà sostenuta da qualche altro. Per cominciare dal principio, dirò, come mi venne riferito e come credo, che nacqui venerdì, a mezzanotte in punto.

inviato il 28/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Sara :)

Brando

immagine copertina
Paolo Longarini
Brando
Edizioni Efesto 2016
10 righe da pagina 58:

La parte più bella dell'acquistare un libro non è la scelta, nemmeno l'arrivare alla cassa con il volume sottobraccio ed i soldi nell'altra mano, no, è l'ingresso in libreria. [...] Puoi uscire senza alcun libro sottobraccio e non avrai comunque sbagliato, avrai goduto della pace dei volumi, scoperto delle novità che non sapevi essere uscite, assistito a goffi corteggiamenti tra persone che solo tra quelle mura trovano il coraggio di esprimersi e che mai, lontani da tutto quell'amore descritto, da quel coraggio narrato, avrebbero il cuore di aprire bocca. Sarai pervaso dalla voglia di leggere e conoscere quante più storie possibili, anche quell'intimo piacere solitario sarà più che sufficiente a renderti migliore la giornata. [...] Esci con un libro? Sei felice. Ne compri tanti da non sapere come portarli a casa? Sei ancora più felice. Ne compri qualcuno ben sapendo che a casa ci sono ancora, intonsi, quelli che hai comprato l'ultima volta?

inviato il 27/06/2016
Nei segnalibri di:

Appunti sulla natura

immagine copertina
Edith Holden
Appunti sulla natura
Tradotto da Gina Bosisio
Mondadori 1989
10 righe da pagina 977:

Giugno
Se con me tu voi restare
Sotto l'albero frondoso,
E tu allegre note unire
degli uccelli al dolce canto
Vieni qui,vieni qui,vieni qui !
Qui nessun ti sarà avverso
Fuor che verno e tempo fosco.
Se disprezzi l'ambizione
Ed al sole ami giacere
Ed il cibo procurarti
Appagandoti di poco
Vieni qui,vieni qui, vieni qui!
Qui nessun ti sarà avverso
Fuor che verno e tempo fresco.

"Come vi piace II,VShakespeare

inviato il 27/06/2016
Nei segnalibri di:

Heartless. Il nemico immortale

immagine copertina
Cornelia Funke
Heartless. Il nemico immortale
Tradotto da Roberta Magnaghi
A. MONDADORI 2016
10 righe da pagina 53:

"Commovente come voi mortali prendiate sul serio le apparenze." Il Giocatore si alzò e andò lentamente verso una delle finestre. "Gli animali si lasciano ingannare con meno facilità. Qualche secolo fa, c’è mancato poco che ci scopriste, perché un esemplare raro di airone non voleva dividere con noi quest’isola." Fece un tiro dalla sigaretta che teneva fra le dita affusolate, sei dita per mano, il segno distintivo degli immortali, e soffiò il fumo in direzione di Jacob. La stanza divenne grande quanto il salone di un castello, con pareti argentate e lampadari in vetroelfo. L’unica cosa che non cambiò fu una scultura in marmo di travolgente bellezza.

inviato il 27/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Cornelia Funke (Dorsten, 10 dicembre 1958)

Filosofia del calcio

immagine copertina
Bernhard Welte
Filosofia del calcio
Tradotto da Oreste Tolone
Morcelliana 2010
10 righe da pagina 64:

E come forma terrena la musica è insieme fugace e imperitura. Fugace nel suo decorso temporale, che è completo solo in quanto non c’è più, cioè col risuonare dell’ultima nota; e imperitura prima di tutto in senso terreno, proprio perché essi si sforzano di non dimenticarla. […]
La musica intesa in questo modo è la totalità così come promessa. Essa possiede pertanto un carattere di avvento.

inviato il 27/06/2016
Nei segnalibri di:

Auto da fé

immagine copertina
Elias Canetti
Auto da fé
Tradotto da Luciano e Bianca Zagari
Adelphi 1996
10 righe da pagina 469:

...Quanto alla ben più profonda ed essenziale molla della storia - l'impulso che spinge gli uomini a collocarsi in una specie animale superiore, la massa, e a perdersi così completamente in essa come se un singolo uomo non fosse mai esistito -, loro non ne sapevano proprio niente. Questo perché erano persone colte, e la cultura è un salvagente dell'individuo contro la massa che è in lui. Noi conduciamo la cosiddetta lotta per l'esistenza non solo per soddisfare la fame e l'amore, ma anche per soffocare in noi la massa...

inviato il 24/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Mauro, le tue 10 righe sono state scelte dalla redazione. Sei nella finale di giugno.

L'albergo stregato

immagine copertina
Wilkie Collins
L'albergo stregato
Tradotto da Umberto Ledda
Newton Compton - Minimammut 2016
10 righe da pagina 114:

«Vi prego, lasciate che mi spieghi, signora. Quando il signor Henry Westwick è stato qui - me l’ha riferito il valletto - ha preso, senza saperlo, la stessa stanza in cui suo fratello era morto. Per due notti non ha chiuso occhio. Il valletto lo ha sentito mentre nella caffetteria raccontava di non essere riuscito a dormire e di essere stato colto da un senso di profondo malessere. E la cosa peggiore è che finché rimaneva sotto questo tetto non riusciva neppure a mangiare. Potete ridere di me, signora, ma perfino una serva è in grado di trarre le sue conclusioni. E le mie sono che dev’essere successo qualcosa a milord mentre stava morendo in questa casa, qualcosa che noi non sappiamo. Il suo fantasma si aggirerà inquieto fra queste mura finché non sarà riuscito a comunicare il suo segreto, e i vivi che appartengono alla sua famiglia possono percepirne la vicinanza. Potrebebro perfino vederlo, in futuro. Vi prego, signora, non trattenetevi oltre in questo posto spaventoso! Se dipendesse da me non passerei un’altra notte qui nemmeno per tutto l’oro del mondo!».

inviato il 23/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Wilkie William Collins, Marylebone, 8 gennaio 1824 – Londra, 23 settembre 1889

Anna Karenina

immagine copertina
Lev Nikolaevič Tolstoj
Anna Karenina
Tradotto da L. Ginzburg
Einaudi (collana Einaudi tascabili. Classici) 2014
10 righe da pagina 1513:

Il tempo era chiaro. Tutta la mattina era caduta giù una pioggerella fitta, minuta, e adesso s’era schiarito da poco. I tetti di ferro, le lastre dei marciapiedi, i ciottoli
del selciato, le ruote e il cuoio, il rame e lo stagno delle
carrozze, tutto luccicava vivido al sole di maggio. Erano
le tre ed era l’ora più animata per le strade.
Sedendo in un angolo del comodo carrozzino, che si
dondolava appena sulle molle elastiche all’andatura
veloce dei cavalli grigi, Anna, in mezzo al frastuono
incessante delle ruote e alle impressioni che si
succedevano rapide all’aria aperta, esaminando di
nuovo uno dopo l’altro gli avvenimenti degli ultimi
giorni, vide la propria situazione completamente diversa
da come le era sembrata a casa. Adesso anche il
pensiero della morte non le sembrava più così terribile e
chiaro, e la morte stessa non le appariva più inevitabile.

inviato il 23/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Barbara sei nella finale di giugno, 10 righe classifica settimanale. Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono, partendo da oggi 27 giugno a giovedì 30.

I templari

immagine copertina
Peter Partner
I templari
Tradotto da Lucio Angelini
Edizioni Mondolibri su licenza Einaudi 2005
10 righe da pagina 172:

Molti scrittori di fertile immaginazione conoscevano la recente storia del Temlarismo, alcuni ne avevano solo una vaga idea, altri ne sapevano ancora meno. Nel 1836 Balzac scrisse i suoi Etudes Philosophiques sur Catherine de Mèdicis, in cui nel 1573 a due finti adeptidi una setta esoterica. (...) I templari vengono introdotti nel dibattitoin un modo abbastanza in accordo con la dottrina massonica sull'argomento; il che desta sorpresa, dal momento che Balzac aveva una considerevole conoscenza della mass172oneria e Louis Lambert, per esempio, può essere considerato a tutti gli effetti un romanzo massonico.

inviato il 23/06/2016
Nei segnalibri di:

Insanely Great

Steven Levy
Insanely Great
Penguin
10 righe da pagina 165:

...all the clever decisions you made, all the twists and turns of the interface, the subtle dance of mode and modeless, the menu bars and trash cans and the mouse buttons and everything else inside and outside your creation, becomes part of people's lives, transforms their working habits, permeates their approach to their labors, and ultimately, their lives. But to do that, to make a difference in the world and a dent in the universe, you had to ship. You had to ship. You had to ship. Real artists ship.

inviato il 22/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Marco :) Welcome

Jukebox all'idrogeno

Allen Ginsberg
Jukebox all'idrogeno
Tradotto da Fernanda Pivano
Guanda
10 righe da pagina 1992:

Pensai che non avrei scritto una poesia, ma avrei semplicemente scritto ciò che volevo senza paura, avrei lasciato andare la mia immaginazione, aperto il sacrario, e buttato giù versi magici dalla mia mente reale, qualcosa che non avrei potuto mostrare a nessuno.

inviato il 21/06/2016
Nei segnalibri di:

Grigio è il colore della speranza

immagine copertina
Irina Ratusinskaja
Grigio è il colore della speranza
Tradotto da Luciana Montagnani
Rizzoli 1989
10 righe da pagina 254:

non dovrete mai, per nessuna ragione, permettervi di odiare ! Non perché i vostri aguzzini non se lo meritino. Ma perché se soltanto lascerete penetrare l'odio dentro di voi, negli anni di lager si svilupperà talmente che soppianterà qualsiasi altra cosa, vi corroderà e corromperà l'anima. Voi cesserete di esistere, la vostra personalità verrà annientata, e in libertà tornerà un essere isterico, furioso, indemoniato. E se doveste morire in una delle tante camere di tortura - questo sarebbe l'essere che si presenterebbe al cospetto di Dio. Ed è proprio ciò che "loro" vogliono.

inviato il 21/06/2016
Nei segnalibri di:

Se mi vuoi bene

immagine copertina
Fausto Brizzi
Se mi vuoi bene
Einaudi Stile Libero 2015
10 righe da pagina 243:

“Andai a braccio.
- Tempo fa mi sono trovato a spiegare a Giada, la figlia di una mia amica, che allora aveva tre anni, cos’è un amico. Sapete una di quelle domande che fanno i bambini curiosi. Non è mica facile rispondere. Cos’è un amico? Ci provo. Un amico è chi ti aiuta a rialzarti quando cadi. Un amico è quello col quale puoi stare in silenzio senza imbarazzo. Un amico è chi parla male di te soltanto se sei presente. Un amico è chi ti dice la verità anche se questa ti ferisce. Un amico è chi è felice delle tue vittorie e triste delle tue sconfitte. Un amico è chi sa ascoltare senza giudicare. Un amico è chi rinuncia a qualcosa per te. Un amico è più di un parente; essere amici è una scelta arbitraria, una delle poche che ci vengono concesse. […]”

inviato il 20/06/2016
Nei segnalibri di:

Satire

immagine copertina
Quinto Orazio Flacco
Satire
Tradotto da Mario Labate
Fabbri Editori 1994
10 righe da pagina 155:

Se nessuno potrà, in buona fede, rimproverarmi avidità, sordidezza o malfamati bordelli; se io vivo, tanto per lodarmi da me, puro e senza colpe e caro agli amici, di tutto questo ha merito mio padre: povero del suo magro campicello, egli non volle mandarmi alla scuola di Flavio, dove andavano i ragazzi, grandi figli dei gran centurioni, astuccio e tavoletta sulla spalla sinistra, portando ogni quindici del mese gli otto assi di retta; osò invece portarlo a Roma il suo ragazzo, perché fosse istruito nelle discipline che un qualsiasi cavaliere o senatore fa imparare ai suoi propri rampolli. Se uno avesse visto il mio vestito e i servi al mio seguito, come si usa nelle grandi città, avrebbe creduto che i denari per quelle spese mi venissero dal patrimonio degli avi. E poi, lui di persona, mi stava a fianco, il più impeccabile degli istitutori, nel mio giro fra un professore e l'altro. Perchè farla lunga? Mi ha conservato, ed è questo il primo ornamento della virtù, il senso del pudore...

inviato il 20/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Quinto Orazio Flacco (Venosa 65 a. C. - Roma 8 a. C.)

Versi 68 - 83 dalla Satira VI del primo libro.

Le memorie di Adriano

immagine copertina
M.YOURCENAR
Le memorie di Adriano
Tradotto da Lidia Storoni Mazzolani
Einaudi 1981
10 righe da pagina 127:

TRAHIT SUA QUEMQUE VOLUPTAS:ciascuno la sua china;ciascuno il suo fine,la sua ambizione se si vuole,il gusto più segreto,l'ideale più aperto .
Il mio era racchiuso a:in questa parola:il bello, di così ardua definizione a onta di tutte le evidenze dei sensi e della vista.
Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo.Volevo che le città fossero splendide,piene di luce ,irrigate di acque limpide ,popolate di esseri umani il cui corpo non fosse deturpato né dal marchio della miseria o della schiavitù, né dal turgore d'una ricchezza volgare;che gli alunni recitassero con voce ben intonata
lezioni non fatue;che le donne al focolare avessero nei loro gesti una sorta di dignità materna,una calma possente; che i ginnasi frequentati da giovinetti non ignari dei giochi né delle arti; i frutteti producessero le più belle frutta, i campi le messi più opime.Volevo che l'immensa maestà della pace romana si estendesse a tutti,insensibile e presente come la musica del firmamento nel suo moto...

inviato il 20/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Marguerite Yourcenar - Bruxelles -8 giugno 1903-Norteast Harbor -Maine -U.S.17.12.1987

I sette templari

immagine copertina
Guido Dieckmann
I sette templari
Tradotto da Angela Ricci
Newton Compton editori 2016
10 righe da pagina 16:

"Cosa volete?", chiese Lermond all’intruso dal volto che ricordava una maschera, sforzandosi di mantenere un tono di voce risoluto e sicuro di sé. "Siete un ladro? Volete derubarmi?".
L’uomo di fronte a lui inspirò a fondo, poi rise sommessamente. "Derubarti? Io?". Lo sconosciuto pareva divertirsi. La sua risata si fece più sonora, assomigliava al canto di un monaco in un chiostro. Poi tutto a un tratto smise di ridere e la sua espressione si colmò di rabbia e odio.
"Sei tu il ladro, Thomas Lermond! Hai rubato qualcosa che non appartiene a voi templari, ma al papa. Ma non preoccuparti, la troverò. Anche se dovessi bruciare Tempelhof e tutti i suoi abitanti!".

inviato il 20/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Guido Dieckmann (Heidelberg, 30 agosto 1969)

I miserabili

immagine copertina
Victor Hugo
I miserabili
Tradotto da Marisa Zini
Mondadori 1988
10 righe da pagina 222:

L’occhio dello spirito non può trovare in nessun luogo maggiore fulgore o maggiori tenebre che nell’uomo; non può fissarsi su niente di più temibile, di più complicato, di più misterioso e di più infinito. C’è uno spettacolo più grande del mare, il cielo, c’è uno spettacolo più grande del cielo, l’interno della nostra anima.
Comporre il poema della coscienza umana, foss’anche per un solo uomo […] significherebbe fondere tutte le epopee in una epopea superiore e definitiva.

inviato il 20/06/2016
Nei segnalibri di:

il codice di assurbanipal

immagine copertina
Maurizio Selvatico
il codice di assurbanipal
Cavinato Editore International
10 righe da pagina 10:

A giudicare dalle loro caratteristiche sembravano degli automezzi dei servizi governativi. Non ebbe il tempo di rendersene conto che passato qualche minuto le stesse ritornarono indietro sfrecciando. Pareva avessero molta fretta di lasciare quel posto. Ebbe uno strano sospetto e chiamò più volte Zac al suo cellulare che continuava a squillare libero, mentre l’interno della facoltà era isolato. Affrettò il passo molto preoccupato e imboccata un’uscita secondaria, si diresse ra-pidamente verso lo studio del suo amico. La porta era chiusa a chiave. Bussò più volte senza avere risposta.

inviato il 16/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Maurizios, benvenuto :)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy