Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Cerca tra le 10 righe

Ovunque tu vada

immagine copertina
Tenti Katia
Ovunque tu vada
Farfalle Marsilio 2014
10 righe da pagina 85:

"Procuratore!" esclamó " non sei contento? Finalmente nevica!"
La cittá si andava rapidamente imbiancando a tal punto da fare credere che di lí a poco tutto, perfino gli assassini, sarebbero sprofondati in un bianco abisso. Era per questo che Dekas amava la neve, per quell'inverosimile e infantile speranza di purezza che gli infondeva.

inviato il 06/10/2014
Nei segnalibri di:

Soffocare

immagine copertina
Chuck Palahniuk
Soffocare
Tradotto da Emanuele Montanari
Oscar Mondadori - Piccola Biblioteca 2009
10 righe da pagina 159:

L'irreale è più potente del reale. Perché la realtà non arriva mai al grado di perfezione cui può spingersi l'immaginazione. Perché soltanto ciò che è intangibile, le idee, i concetti, le convinzioni, le fantasie, dura. Le pietre si sgretolano. Il legno marcisce.La gente, bè...la gente muore. Ma le cose fragili, come un pensiero, un sogno, una leggenda, durano in eterno. Se riesci a modificare il modo di pensare delle persone, diceva. Il modo che hanno di vedere se stessi. Il modo che hanno di vedere il mondo. Se riesci a fare questo, allora puoi cambiare il modo in cui vivono. Ed è questa l'unica cosa duratura che una persona può creare.

inviato il 06/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Rebecca, sei nella classifica di ottobre 10 righe scelte dalla redazione complimenti!!!

Lo sono moltissimo...

la potenza della comunicazione! un paio d'anni fa ho segnalato le stesse righe...è la conferma di quanto siano coinvolgenti.

Compleanni d'autore: Luis Sepúlveda

immagine copertina
Luis Sepúlveda
Compleanni d'autore: Luis Sepúlveda
10 Righe dai libri 2014
10 righe da pagina 6:

Buon compleanno Luis Sepúlveda! (Nato il 4 ottobre 1949)
Sognavo che tutti quei libri rinchiusi volevano parlare, che aspettavano il giusto interlocutore, e quello ero io. Sognavo che i libri mi parlavano con il loro linguaggio silenzioso, mi mostravano tutte le parole stampate sulle loro pagine, a una a una, ed esigevano da me una promessa: dovevo trasformarmi nel depositario, nel custode, nell’amoroso protettore delle parole. Allora io promettevo di vigilare che non perdessero mai il loro valore intrinseco, la loro capacità di dare un nome a tutte le cose e, a partire da questo, di farle esistere.
(Il potere dei sogni)

inviato il 04/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

- 10 righe suggerite da Chiara Giovagnotti
http://scrivi.10righedailibri.it/il-potere-dei-sogni

Mucchio d'ossa

immagine copertina
Stephen King
Mucchio d'ossa
Tradotto da Tullio Dobner
Sperling & Kupfer - I Miti Mondadori 2002
10 righe da pagina 301:

È così che andiamo avanti, un giorno alla volta, un pasto alla volta, un dolore alla volta, un respiro alla volta. I dentisti medicano un canale radicolare alla volta; il carpentiere mette una doga alla volta. Se scrivi libri, lavori una pagina alla volta. Ci distacchiamo da tutto ciò che sappiamo e tutto ciò che temiamo. Studiamo cataloghi, seguiamo partite di football, scegliamo tra Sprint e AT&T. Contiamo gli uccelli in cielo e non stacchiamo gli occhi dalla finestra quando sentiamo i passi di qualcuno che ci si avvicina da dietro; diciamo di sì, conveniamo che spesso le nuvole assumono forme di altre cose, pesci e unicorni e cavalieri; ma alla fine sono solo le nuvole e noi riportiamo l’attenzione al prossimo pasto, il prossimo dolore, il prossimo respiro, la prossima pagina. È così che andiamo avanti.

inviato il 03/10/2014
Nei segnalibri di:

La ragazza di Scampia

Francesco Mari
La ragazza di Scampia
Fazi Editore 2014
10 righe da pagina 64:

Là su quella piazza dove si affaccia il vero paradiso di tutti noi aspiranti scrittori dii questa città, la grande, luminosa,coloratissima megalibreria PAROLE &MUSICA ! Entrare in questa libreria è ogni volta per me come entrare in un mondo incantato, un mondo di sogno.
Mi sembra quasi di tornare un pò bambino, la stessa sensazione delle feste di piazza,con le giostrine, la musichetta e il profumo di zucchero filato e mandorle tostate nell'aria. Ogni volta mi prende una specie di imbambolamento catatonico e comincio a camminare la bocca semiaperta e lo sguardo perso. Tutti questi libri quanti saranno ? Chilometri di libri di ogni formato, colore e veste grafica, novità,tascabili, libri del giorno, del mese, della settimana...

inviato il 03/10/2014
Nei segnalibri di:

Compleanni d'autore: Gore Vidal

immagine copertina
Gore Vidal
Compleanni d'autore: Gore Vidal
10 Righe dai libri 1925
10 righe da pagina 196:

Gore Vidal, nato il 3 ottobre 1925
" [...] Il libero pensiero è fuori moda. La fede è all'ordine del giorno: Freud, Marx, Stalin, Gesù... chiunque oggi ha la possibilità di indossare un'armatura dottrinaria...". Cominciando a inebriarsi, continuò a denunciare la nuova epoca buia finché non ebbe detto tutto quello che sentiva, dichiarato a chiare lettere il proprio odio verso i sistemi e i programmi, verso tutti gli altruistici leader e, ancora di più, verso quegli esseri insulsi che fanno i discepoli di professione e corrono come pecore spaventate da Erode a Pilato, dal comunismo al cattolicesimo, mugolando estaticamente, come pecore in calore durante la primavera, tenute sempre in riga da un cane con i denti aguzzi la cui presenza brutale è più che compensata dalla presenza divina, appartata e, tuttavia, vigile, di qualche buon pastore con il suo bastone.

- 10 righe suggerite da Enrico Conticchio
http://scrivi.10righedailibri.it/il-giudizio-di-paride

inviato il 03/10/2014
Nei segnalibri di:

Se la luna mi porta fortuna

immagine copertina
Achille Campanile
Se la luna mi porta fortuna
BUR Rizzoli 1975
10 righe da pagina 11:

Quali difficoltà incontra uno scrittore nella scelta dei nomi da dare ai suoi personaggi! E' più difficile dare un nome che un carattere.
Perché il romanzo non è come la vita, che può permettersi qualunque libertà - Pensate a Garibaldi.
Se voi aveste creato un personaggio simile, l'avreste chiamato Giuseppe?
Sareste stati incerti fra Goffredo, Orlando,Fortebraccio o Cuordileone.
La vita non ci sta troppo a riflettere: Garibaldi lo chiama Giuseppe; Beppe, Peppe, Peppino; Rossini lo chiama, pensate un po' Giovacchino; a voi sarebbe mai passato per la mente di chiamare Giovacchino un uomo simile? E se aveste dovuto creare un tipo di grande astronomo, lo avreste mai chiamato Galileo?
E avreste mai chiamato Dante un poeta di quella fatta ? Per un uomo simile ci voleva,a dir poco un doppio nome; Gianfrancesco,Gianpaolo,Gian Domenico. Oppure un nome solo,ma un nome come Ercole, Petrarca con quel Francesco, non è niente di speciale.Pensate quanto sarebbe stato meglio Armando o Lucio Petrarca.

inviato il 02/10/2014
Nei segnalibri di:

Frase nella giorrata della non violenza

immagine copertina
Gandhi
Frase nella giorrata della non violenza
10 righe dai libri
10 righe da pagina 1:

"Tra il mezzo e il fine vi è la stessa relazione
che vi è fra il seme e l'albero "
M:K Gandhi

"2 ottobre giornata mondiale della nonviolenza"

inviato il 02/10/2014
Nei segnalibri di:

Il desiderio di essere come tutti

immagine copertina
Francesco Piccolo
Il desiderio di essere come tutti
Edizioni Mondolibri su licenza Einaudi 2013
10 righe da pagina 192:

Puoi vivere tutta la vita con una persona, soltanto se hai abbandonato l'idea di purezza. Non lasciarsi mai non è un'idea pura, ma al contrario è un modo di accettare in un rapporto d'amore tutte le fragilità, le debolezze, le diversità, gli odi e i periodi di stanchezza, i tradimenti. L'amore è tutto questo, messo accanto ai periodi belli. Invece l'idea che si ha dell'amore è di solito un inseguimento ossessivo della perfezione assoluta della coppia. Così, però, ogni litigio, ogni stanchezza, ogni desiderio altro, sono macchie, indebolimenti, sacrilegi contro la perfezione, segni di declino. Quindi, avendoli accumulati nel tempo, ci si deve lasciare perché non si sopporta che dentro il rapporto ci sia anche il dolore o il ricordo di momenti tristi.

inviato il 01/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

:)

Grazie!!!

Grazie Natalina :) Francesca scusa il ritardo... Le tue righe sono in finale nella classifica 10 righe scelte dagli utenti. :)

Grazie Natalina, felice che ti siano piaciute

Allo staff ,va bene la mia comunicazione per Francesca Cammisa ,riguardante
le 10righe del libro : Il desiderio di essere come tutti- scritto da Francesco Piccolo ?

IL MALE NON DIMENTICA

immagine copertina
Roberto Costantini
IL MALE NON DIMENTICA
Farfalle Marsilio i gialli
10 righe da pagina 24:

era stufo quanto sereno. Aveva lentamente svuotato se stesso ma la sua non era una scelta zen nè una forzatura. Era una conseguenza naturale della terra bruciata di rapporti umani che aveva fatto intorno a sè nel corso degli anni.

inviato il 01/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie molte

Francesca benvenuta :)

Ritratto in seppia

Isabel Allende
Ritratto in seppia
Tradotto da Elena Liverani
GIANGIACOMO FELTRINELLI EDITORE MILANO 2008
10 righe da pagina 267:

Per mezzo della fotografia e della parola scritta cerco disperatamente di sconfiggere la fuggevolezza della mia vita, di catturare gli attimi prima che svaniscano, di rischiarare la confusione del mio passato. Ogni istante si dissolve in un soffio trasformandosi immediatamente in passato, la realtà è effimera e transitoria, pura nostalgia. Con l'aiuto di queste fotografie e di queste pagine tengo vivi i ricordi; sono il punto fermo di una verità labile, che è pur sempre verità, attestano che questi eventi hanno avuto luogo e che questi personaggi sono transitati nel mio destino.

inviato il 01/10/2014
Nei segnalibri di:

Poesie scelte

immagine copertina
Friedrich Holderlin
Poesie scelte
Tradotto da Susanna Mati
Feltrinelli 2010
10 righe da pagina 57:

A DIOTIMA
Bella creatura ! Tu vivi come le gemme tenere d'inverno,
nel mondo invecchiato fiorisci al chiuso, da sola.
Per amore tendi ad uscire al sole, alla luce di primavera,
per riscaldarti ad essa cerchi la giovinezza del mondo
Il tuo sole, il tempo più bello, è tramontato
e nella notte gelata ora contendono gli uragani

Il tuo sole, il tem

inviato il 01/10/2014
Nei segnalibri di:

La madonna delle rocce

immagine copertina
Clelia Farris
La madonna delle rocce
Delos Digital 2014

Cinque anni prima i naufraghi vagavano disperati fra i rottami dell'astronave, in cerca di una bioincubatrice sana, e ora ritenevano che la colonia potesse fare a meno di nuovi individui. Solo di certi individui, avrebbe detto Elizete.

Poco più avanti scorse un altro ghenolite. L'acqua era più limpida in quel punto, riusciva a vedere la piccola mano del feto al di là del candore traslucido del minerale: sembrava premere contro la pietra in un blando tentativo di uscire prima di finire annegata. Fece un passo indietro per aggirare la pietra e si avvide che lì intorno ce n'erano altre cinque, bianche e nette contro il fondale scuro.

Ovviamente contenevano femmine.

inviato il 01/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! molto interessante il vostro sito

Benvenuta Marcella :)

Se la luna mi porta fortuna

immagine copertina
Achille Campanile
Se la luna mi porta fortuna
BUR Rizzoli 1975
10 righe da pagina 71:

Quando si cominciò a viaggiare con i treni, si rimpiansero le diligenze postali e si disse che quello era viaggiare.
Quando si viaggerà soltanto per aria, si rimpiangeranno i treni e si dirà che in essi era la poesia del viaggio.
Giorno verrà in cui si rimpiangeranno gli aeroplani a causa d'imprevedibili mezzi di locomozione. In realtà, i grandi espressi internazionali hanno una loro poesia, che s'intende quando, all'ora del tramonto, essi traversano le sconfinate praterie dagli orizzonti bassi e nuvolosi, Non parliamo, poi dei grandi vetri lucidissimi, battuti dalla pioggia, dei paralumi rosa nelle vetture-ristorante, dei fazzoletti agitati ai finestrini e degli angoli intrisi di lagrime.
Ma, più che gli espressi internazionali, si rimpiangeranno i piccoli treni che,nelle sere d'inverno,si arrampicano su per le montagne.
È una delizia viaggiare in questi treni.

inviato il 01/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie ! allora è questione di "luna" che porta fortuna e ben venga, occhio alla luna piena domani sera e buona fortuna a tutti !

Emma : ) le tue 10 righe sono state scelte dalla redazione! Sei in finale nella classifica di ottobre. Complimenti!

Grazieee :)

"Credo che a studiar bene Campanile si possa scrivere un bel saggio su tutti i meccanismi del comico " UMBERTO ECO

PREMIAZIONE LIBRO INCENTIVO CLASSIFICA MENSILE - SETTEMBRE

STAFF 10 RIGHE DAI LIBRI
PREMIAZIONE LIBRO INCENTIVO CLASSIFICA MENSILE - SETTEMBRE
LIBRI CLASSIFICA 10 RIGHE 2014

CLASSIFICA SETTIMANALE TOP SEGNALIBRI:
Barbara A. 16 segnalibri, Violet Hill 12 segnalibri, Violet Hill 8 segnalibri, Natalina Maio con 12 segnalibri.
LA VINCITRICE è Barbara A. con 16 segnalibri.
✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶
CLASSIFICA LIBRI SCELTI DAI FINASTI:
Viviana De Cecco, con 8 segnalibri, Claudio Tarani con 8 segnalibri, Monica Polelli con 6 segnalibri.
La Vincitrice è Viviana De Cecco.
✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶
CLASSSIFICA LIBRI SCELTI DALLA REDAZIONE:
Maurizio Vettraino con 13 segnalibri , Francesca Cammisa con 8 segnalibri, Simonetta di Rollo con 8 segnalibri , Mauro R. con 7 segnalibri.
Il Vincitore è Maurizio Vettraino.
✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶

inviato il 01/10/2014
Nei segnalibri di:

Semina il vento

immagine copertina
Alessandro Perissinotto
Semina il vento
Piemme 2013
10 righe da pagina 190:

"Vorrai mica negare che ci sono delle ragazze pachistane, o tunisine, o marocchine che vorrebbero vestire all'occidentale e che invece vengono costrette dalla famiglia a portare il velo."
"Non lo nego affatto. Qualcuna di loro è stata perfino uccisa o sfigurata dai familiari perché ritenuta troppo "libera", ma le altre non hanno nessuna voglia di essere liberate: se il velo è una scelta, perché vietarlo? Solo perché a noi non piace?"
Rimasi in silenzio a pensare, a ricordarmi di quando, negli anni Cinquanta, i vescovi liguri mandavano i vigili sulle spiagge a multare le temerarie che esibivano il due pezzi. Troppo svestite, troppo vestite, le donne erano sempre in balìa delle decisioni di qualche uomo, sindaco, vescovo, ayatollah, padre o fratello che misurava in centimetri di tessuto il loro diritto di stare al mondo.

inviato il 01/10/2014
Nei segnalibri di:

Se la luna mi porta fortuna

immagine copertina
Achille Campanile introduzione Umberto Eco
Se la luna mi porta fortuna
BUR Rizzoli 1975
10 righe da pagina 7:

E' un peccato che lo spettacolo della levata del sole si svolga la mattina presto.
Perchè non ci va nessuno. D'altronde come si fa ad alzarsi a quell'ora ?
Se si svolgesse nel pomeriggio o, meglio, di sera sarebbe tutt'altro va completamente deserto ed è sprecato.
Soltanto se un geniale impresario lo facesse diventare alla moda, vedremmo la folla elegante avviarsi di buon'ora in campagna per occupare i posti migliori; in questo caso pagheremmo persino il biglietto per assistere alla levata del sole, e prenderemmo in affitto i binocoli.
Ma per ora allo spettacolo si trova presente qualche zotico che non lo degna nemmeno d'una occhiata e preferisce occuparsi di patate e pomodori.

inviato il 30/09/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Emma :) scegli 10 righe dall'interno del libro? Ci sevono...

queste righe mi riportano con il pensiero al film di De Sica 1951 Miracolo a Milano,indimenticabile .

IL TRONO DI SPADE

GEORGE R.R. MARTIN
IL TRONO DI SPADE
Tradotto da SERGIO ALTIERI
OSCAR MONDADORI 2011
10 righe da pagina 120:

Drogo fece un passo avanti, pose le mani sui fianchi di Daenerys, la sollevò come se fosse stata priva di peso e la accomodò sulla sella dothraki, molto più stretta delle selle alle quali lei era stata abituata fino a quel momento. Per un attimo, Dany rimase immobile, incerta sul da farsi. Nessuno le aveva accennato a quell'aspetto della cerimonia.
"E adesso che faccio?"
"Prendi le redini e cavalca, principessa." Fu ser Mormont a risponderle. "Non è necessario che tu vada lontano."
Nervosamente, Daenerys afferrò le briglie e infilò i piedi nelle corte staffe. Era una cavallerizza appena passabile perché la maggior parte dei suoi viaggi avevano avuto luogo per nave, carro o portantina, non a cavallo. Pregò di non cadere di sella, finendo in completa disgrazia, quindi diede alla puledra un lievissimo sprone con le ginocchia.
E per la prima volta da molte ore, cessò di avere paura. Forse, per la prima volta, cessò di avere paura in assoluto.

inviato il 30/09/2014
Nei segnalibri di:

Il male non dimentica

immagine copertina
Roberto Costantini
Il male non dimentica
Marsilio Editori 2014
10 righe da pagina 156:

Il generale Jalloun arriva a tempo di record con ben dieci poliziotti. Non è efficienza ma sudditanza alla potente famiglia Bruseghin-Balistreri. "Ingegnere, Nadia ha amici in città?" chiede il generale. Si rivolge ossequioso a mio padre e ignora ostentatamente Mohammed. Mia madre interviene subito. "Non dovrebbe chiederlo al padre o ai fratelli, generale Jalloun?" Jalloun è offeso, Giuseppe Briseghin è suo amico ma sua figlia è un'arrogante fascista. Ma è anche la moglie di Salvatore Balistreri, l'italiano più importante a Tripoli. "Va bene, sentiamo Mohammed." In quel momento torna Laura dalla villa accanto.

inviato il 30/09/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

AAAAA allora non ti svelo nulla... ma preparati ad un turbinio di colpi di scena! ;)

Sì, è vero, una trilogia stupenda. Non vedo l'ora di finire il terzo volume.

Il fascino maledetto dell'irregolare che non si rassegna a vivere la vita che gli è stata preconfezionata.. una trilogia stupenda!

Quelle righe, Francesca, descrivono molto bene lo stato di Balistreri.

era stufo quanto sereno. Aveva lentamente svuotato se stesso ma la sua non era una scelta zen nè una forzatura. Era una conseguenza naturale della terra bruciata di rapporti umani che aveva fatto intorno a sè nel corso degli anni. IL MALE NON DIMENTICA MARSILIO EDITORE 2014

l'arte di essere saggi

immagine copertina
Lucio Anneo Seneca
l'arte di essere saggi
Tradotto da a cura di Nario Scaffidi Abbate
Newton Compton Editore 2014
10 righe da pagina 53:

Il filosofo Stilpone, interrogato da Demetrio Poliorcete - che aveva conquistato Megara, la sua città - se mai avesse perso qualcosa: "Nulla", rispose, "tutti i miei beni sono con me". Eppure il nemico gli aveva depredato l'intero patrimonio, portato vie le figlie, la sua patria era caduta sotto il dominio straniero, ed ora il re vincitore, attorniato da tutto il suo esercito in armi, lo interroga dall'alto del suo seggio. Ma lui gli tolse la soddisfazione di averlo vinto, gridandogli chiaro in faccia che nonostante la presa della città egli non solo rimaneva invitto ma ne usciva immune da qualsiasi danno, giacchè aveva con sè i beni veri, autentici, su cui nessuno può metter mani. (...) Incerto, infatti, e sfuggevole è il possesso di tutto ciò che ci viene dal di fuori.

inviato il 29/09/2014
Nei segnalibri di:

© 10righedailibri 2012

partner tecnologico