Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Cerca tra le 10 righe

La masseria delle allodole

immagine copertina
Antonia Arslan
La masseria delle allodole
Tradotto da Ag.Letteraria Robert Santachiara
BUR extra 118

Azniv sorride di se stessa e del tenente Djelal che l'amava,e che è scomparso csì improvvisamente;adesso capisce i discorsi di lui,la frenesia di portarla lontano.Ora provvida,combattiva,dispone per il piccolo gruppo dei familiari viventi.Non c'è che la cuoca,Araxy,per aiutarla;e Madame Nevart che piagnucola sottovoce in un angolo.Le fiamme danzano nel suo cuore,che diventa più forte a ogni minuto che passa, nutrendosi della debolezza degli altri.Si sente la figlia d'Armenia,l'eroina delle leggende .
Lei li salverà,ha la forza e il coraggio per farlo.
"Ora tu ragazza Azniv,tu lascerai le tue ossa danzare al vento dei morti per salvare i bambini,e Shushanig;tu ti offrirai al soldato e al cavaliere curdo,tu riderai follemente,drappeggiata nella pezza di seta rossa con le rose di velluto e fili d'oro zecchino,quella che ti mandò Zareh per la festa di Pasqua..

inviato il 23/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Antonia Arslan -Padova 1938 -(di origini armene)da Wikipedia-

...tu eroica,generosa creatura che ti lascerai infine morire,contaminata,ad Aleppo con la pesante traccia ancora viva giù per le spalle,avendo compiuto la tua missione...

La Porta delle Tenebre

immagine copertina
Glenn Cooper
La Porta delle Tenebre
Tradotto da Paolo Falcone
Nord 2015
10 righe da pagina 395:

Parlare gli aveva seccato la gola. Garibaldi prese la sua coppa di vino e, quando la staccò dalle labbra, successe qualcosa. Un membro della nobiltà francese si mise a battere le mani, subito imitato da un altro e poi da un altro ancora, finché l’intera sala non proruppe in un applauso convinto. Anche il duca di Borgogna si unì all’ovazione, prima a malincuore, poi con entusiasmo.
Forneau ne approfittò per urlare a pieni polmoni: "Proclamo quest’uomo straordinario, Giuseppe Garibaldi, re del glorioso impero unificato di Gallia e Italia!"
Garibaldi si asciugò una lacrima che gli scendeva sulla guancia e fece cenno al ministro di avvicinarsi. "Cosa starà pensando il vecchio Massimiliano di tutto questo?"
"Non avremo mai modo di conoscere la sua opinione al riguardo", sorrise Forneau, per poi aggiungere: "Gli troverò una cella di putrefazione dignitosa, e arriverò persino a decorarla con alcuni dei suoi ornamenti preferiti".

inviato il 23/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Glenn Cooper (White Plains, 8 gennaio 1953)

La fedeltà

immagine copertina
Diane Brasseur
La fedeltà
Tradotto da Jacopo De Michelis
Sonzogno 2015
10 righe da pagina 51:

Ho un codice per proteggere la tastiera del mio telefonino. Mia moglie lo conosce, è la data del compleanno di nostra figlia. Mia moglie non fruga. Non credo. Ma basterebbe che il mio telefono vibrasse, adesso, l'ho lasciato sulla libreria. Mia moglie vedrebbe la luce dello schermo che s'illumina proiettarsi sullo scaffale superiore. Spegnerebbe l'aspirapolvere pensando che il mio telefono sta suonando: forse è importante, magari è l'ufficio. "Mi manchi!" con sopra le 10 cifre del numero di telefono di Alix. Istintivamente mia moglie annoterà il numero che comincia per 06 all'interno di un tascabile lasciato in giro.

inviato il 23/05/2016
Nei segnalibri di:

Lettere a Lucilio

immagine copertina
Seneca
Lettere a Lucilio
Tradotto da Enrico De Negri
Fabbri 1996
10 righe da pagina 29:

Fa’ così, caro Lucilio: renditi veramente padrone di te e custodisci con cura quel tempo che finora ti era portato via, o ti sfuggiva. Persuaditi che le cose stanno così come io ti scrivo: alcune ore ci vengono sottratte da vane occupazioni, altre ci scappano quasi di mano; ma la perdita per noi più vergognosa è quella che avviene per nostra negligenza. […] Fa’ tesoro di tutto il tempo che hai. Sarai meno schiavo del domani, se ti sarai reso padrone dell’oggi.

inviato il 23/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Di nulla Alessandro ,da tempo...inseguo :"le belle parole".Ciao ,naty

Ciao Alessandro, come già sai, sei nella finale di maggio... 10 righe scelte da Voi utenti. :-)

Grazie infinite, Natalina, anche per le belle parole!

http://scrivi.10righedailibri.it/lettere-lucilio-3...E' domenica...29.5.2016,ho scelto queste 10 righe,dedicate alla nostra vita ,ed al tempo...alla libertà...naty

Grazie Flavia, mi fa piacere! :)

Operette morali

immagine copertina
Giacomo Leopardi
Operette morali
Fetrinelli 2009
10 righe da pagina 225:

Viviamo, Porfirio mio, e confortiamoci insieme: non ricusiamo di portare quella parte che il destino ci ha stabilita, dei mali della nostra specie. Si bene attendiamo a tenerci compagnia l’un l'altro; e andiamoci incoraggiando, e dando mano e soccorso scambievolmente; per compiere nel miglior modo questa fatica della vita. […] E quando la morte verrà, allora non ci dorremo: e anche in quell'ultimo tempo gli amici e i compagni ci conforteranno: e ci rallegrerà il pensiero che, poi che saremo spenti, essi molte volte ci ricorderanno, e ci ameranno ancora.
[Tratto da "Dialogo di Plotino e di Porfirio"]

inviato il 23/05/2016
Nei segnalibri di:

La cultura dell'educazione

immagine copertina
Jerome Seymour Bruner
La cultura dell'educazione
Tradotto da Lucia Cornalba
Feltrinelli 2009
10 righe da pagina 8:

La cultura plasma la mente, ci fornisce l’insieme degli attrezzi mediante i quali costruiamo non solo il nostro mondo, ma la nostra concezione di noi stessi e delle nostre capacità. […]
La vita mentale viene vissuta con gli altri, è fatta per essere comunicata e si sviluppa con l’aiuto di codici culturali, tradizioni e simili. Tutto questo va ben oltre la scuola, perché l’educazione non ha luogo solo nelle aule scolastiche, ma quando la famiglia è riunita a tavola e i suoi membri cercano di dare un senso insieme agli avvenimenti della giornata, o quando i bambini cercano di aiutarsi a capire il mondo adulto, o quando maestro e apprendista interagiscono sul lavoro.

inviato il 23/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Jerome Seymour Bruner (New York 1915-) psicologo e pedagogista statunitense

L'amore graffia il mondo

immagine copertina
Ugo Riccarelli
L'amore graffia il mondo
Mondadori 2015
10 righe da pagina 41:

Mai lo ammise a se stessa, né lo confessò a don Gualtiero, ma la Maria di quella capacità era un po' invidiosa, e provava quella giusta curiosità che viene quando ci si trova di fronte a qualcosa di misterioso. E i libri e la scrittura le parevano davvero misteriosi, capaci di celare dietro segni oscuri storie, informazioni e notizie, una sorta di mondo altro che lei sbirciava soltanto dall'esterno, spilluzzicando i discorsi di chi a quell'universo aveva accesso. L'idea di potersi accostare anche lei alla comprensione della scrittura l'aveva toccata pochissime volte, e subito l'aveva rigettata come qualcosa di blasfemo o lascivo, un lusso che non avrebbe mai potuto permettersi e che anzi non era neppure pensabile che lei desiderasse. Così la Maria rimproverava l'Ada e Signorina quando giudicava stessero perdendo troppo tempo sui libri e trovava subito un rammendo, un bucato, qualcosa a suo dire di più utile da fare che non fosse quell'ozioso scimmiottare gli uomini.

inviato il 23/05/2016
Nei segnalibri di:

Memorie di una ragazza perbene

immagine copertina
Simone de Beauvoir
Memorie di una ragazza perbene
Tradotto da Bruno Fonzi
Einaudi 2015
10 righe da pagina 292:

Ogni tanto guardavo gli altri lettori, e mi crogiolavo soddisfatta nella mia poltrona; tra quegli eruditi, quei dotti, quei ricercatori, quei pensatori, ero al mio posto. Non mi sentivo più affatto respinta dal mio ambiente: ero io che l'avevo abbandonato per entrare in questa società di cui qui vedevo una rappresentanza; una società in cui comunicavano tra loro attraverso lo spazio e i secoli tutti gli spiriti che s'interessavano alla verità. Anch'io partecipavo allo sforzo dell'umanità per sapere, per comprendere, per esprimersi: ero impegnata in una grande impresa collettiva, e non avrei mai più sofferto la solitudine. Che vittoria!

inviato il 19/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie =)

Ciao Flavia, le tue 10 righe sono state scelte da Natalina, quindi sei nella finale 10righe scelte da Voi utenti nella classifica di maggio.

memorie-di-una-ragazza-perbene (1)Queste sono le righe che ho scelto -
dal 16.maggio al 22 maggio.

Bearers of the black staff : legends of Shannara

immagine copertina
Terry Brooks
Bearers of the black staff : legends of Shannara
Ballantine Books 2010
10 righe da pagina 10:

His hands tightened about the black staff that marked him for who and what he was, conscious of the deep carving of its runes and the pulse of the magic they commanded. He did not call upon the power much these days, did not have cause to do so, but it was comforting to know that it was there. The Word’s magic was given to him by his predecessor and before that by his, and so on over a span of five centuries. He knew the story of its origins; all those who carried the staff knew. They passed it on dutifully. Or when time and events did not allow for an orderly passage, they learned it another way. The Gray Man was not familiar with the experiences of those others who had borne the staff; he knew only his own. He had never been visited by the Lady who served as the voice of the staff’s maker. She had never come to him in his dreams as she had sometimes come to others.

inviato il 19/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Terry Brooks (Sterling, 8 gennaio 1944)

Mrs Bridge

immagine copertina
Evan S. Connell
Mrs Bridge
Einaudi

Per un certo tempo dopo il matrimonio era stata oggetto di un tale desiderio, che non le dispiaceva quando finalmente il marito si addormentava. Ad un certo punto, però, lui aveva cominciato a dormire subito ed era allora che lei aveva preso a star sveglia più di frequente, e a fissare il buio, interrogandosi sulle peculiarità degli uomini, ponendosi dubbi sul futuro, fino a una notte in cui aveva scosso il marito per svegliarlo e comunicargli il PROPRIO desiderio. Magnanimo, lui le aveva messo una delle sue lunghe braccia bianche intorno alla vita; lei si era girata verso di lui, fremente di gioia e di aspettativa, fiduciosa. Ma non era successo altro, e in un attimo il marito si era riaddormentato.
Fu la notte in cui Mrs Bridge decise che se il matrimonio poteva anche essere un rapporto alla pari, l'amore non lo era.

inviato il 18/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Christian, nome del traduttore e anno di edizione del libro del libro da cui hai tratto le 10 righe? :)

La "Storia Universale del Matrimonio, vol. VI - il Novecento", in sole 20 righe. #EvanConnell @Einaudieditore …E dopo Mrs, a quando #MrBridge?

Nessuno dei due

immagine copertina
Lucia Vasini
Nessuno dei due
Baldini & Castoldi 2015
10 righe da pagina 221:

Sono sempre stata attratta dalla figura di Anton Čechov, immenso scrittore di teatro del Novecento, e medico, le sue commedie hanno ispirato grandi personaggi come Woody Allen, Lee Strasberg.
Quando frequentavo il liceo a Ravenna, andavo spesso alla biblioteca Classense, un posto meraviglioso, pieno di portici, scale enormi, quadri, mi mettevo in un angolo vicino a una finestra che dava sul giardino e leggevo le lettere tra Čechov e Olga Knipper (prima attrice del teatro dell’arte diretto da Stanislavskij). Invece di studiare le materie scolastiche, amavo leggere questo epistolario e i sonetti di Shakespeare. Ero affascinata dal loro amore e dal loro lavoro e sognavo a occhi aperti, sognavo di fare il medico per aiutare gli altri e l’attrice in un grande teatro, non capivo come mai potessi avere quel genere di sogno. Čechov era un medico che professava e nel tempo rimanente si dedicava all’arte dello scrivere.

inviato il 17/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Thanks!

;)

Ciao Vera, le tue 10 righe sono nella finale di maggio... 10righe scelte dalla redazione.

Lucia Vasini, Ravenna, 15 dicembre 1955.
Libro incentivo, grazie allo staff e alla Baldini & Castoldi :)

Dall'Italia ,diari,poesie,saggi e racconti

immagine copertina
Hermann Hesse
Dall'Italia ,diari,poesie,saggi e racconti
Tradotto da Eva Banchelli Enrico Gianni
Oscar Mondadori 1990
10 righe da pagina 248:

Canto di viaggio
Sole, illumina il mio cuore
vento ,disperdi ansie e dolori!
Non conosco gioia piu' profonda
del peregrinare in paesi lontani.
Seguo il percorso della pianura,
il sole mi accenda,il mare mi rinfreschi
perché vibri in me la vita della terra.
festosamente schiudo tutti i sensi.
Che ogni nuovo giorno
mi rechi fratelli .amici nuovi,
finché ,senza soffrire ,lodare ogni energia,
e d'ogni stella saprò essere ospite e amico.

inviato il 16/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

http://scrivi.10righedailibri.it/lettere-lucilio-3 E' domenica 29.5.2016 ,ho scelto queste 10 righe...naty

Hermann Hesse -" Luglio 1877 -Calw Germania -9 Agosto 1962 -Montagnola -Svizzera

certamente,grazie!!!

Ciao Natalina, le tue 10 righe sono nella finale settimanale di maggio. Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono partendo da oggi 23 maggio a domenica 29 maggio, riportando qui nei commenti il link.

Ritrattino di Kant a uso di mio figlio

immagine copertina
Massimo Piattelli Palmarini
Ritrattino di Kant a uso di mio figlio
Mondadori 1994
10 righe da pagina 37:

Gli aneddoti sulla vita di Kant sono numerosi. Si dice che a Könisberg la gente rimettesse l’orologio quando lo vedeva passare. La sua meticolosa puntualità diventò proverbiale. Ogni giorno era identico all’altro. Si faceva svegliare dal fedele Lampe, il quale aveva l’ordine tassativo di buttarlo giù dal letto e di ignorare le maledizioni, gli improperi e le contumelie che l’assonnato professore scagliava contro di lui. […] Usciva poi di casa per andare a tenere la sua lezione, calcolando esattamente il tempo occorrente, lungo lo stesso itinerario, per essere in aula alle sette in punto. A quel tempo, un libero docente (“Privatdozent”) come Kant intascava i soldi dovuti da ogni studente dopo ogni lezione. Immaginiamoci, quindi, Kant passare di banco in banco con la vaschetta delle monete tintinnanti, dopo avere spaziato, fino a un minuto prima, tra le più eteree astrazioni filosofiche.

inviato il 16/05/2016
Nei segnalibri di:

L’opera

immagine copertina
Émile Zola
L’opera
Tradotto da Franco Cordelli
Garzanti 2011
10 righe da pagina 231:

A tutte le ore, con ogni tempo, la Cité gli sorgeva davanti, fra i due bracci di fiume. Sotto una tardiva nevicata la vide ammantata d’ermellino, sopra l’acqua color di fango, stagliata contro un cielo ardesia chiaro. La vide ai primi soli, asciugarsi dall’inverno, ritrovare l’infanzia, con le cime verdi dei grandi alberi del terrapieno. La vide, un giorno di nebbia leggera, indietreggiare vanificarsi, leggera e tremula come un palazzo di sogno. Altre volte ancora, quando il sole si frantumava in polvere fra i vapori della Senna, appariva immersa in quella diffusa luminosità, senza un’ombra, ugualmente rischiarata dovunque, delicatamente bella come un gioiello intagliato in oro fino. Ma davanti a queste venti Cité diverse, qualunque fosse l’ora, qualunque tempo facesse, tornava sempre alla Cité che aveva visto la prima volta, verso le quattro, un bel pomeriggio di settembre, quella Cité serena sotto un vento leggero, quel cuore di Parigi che batteva nella trasparenza dell’aria, come slargato attraverso il cielo immenso che un volo di piccole nuvole attraversava.

inviato il 16/05/2016
Nei segnalibri di:

Il Gattopardo

immagine copertina
Giuseppe Tomasi di Lampedusa
Il Gattopardo
Feltrinelli 2005
10 righe da pagina 68:

L’attimo durò cinque minuti; poi la porta si aprì ed entrò Angelica. La prima impressione fu di abbagliata sorpresa. I Salina rimasero col fiato in gola; Tancredi sentì addirittura come gli pulsassero le vene delle tempie. Sotto l’urto che ricevettero allora dall’impeto della sua bellezza, gli uomini rimasero incapaci di notare, analizzandola, i non pochi difetti che questa bellezza aveva […] Era alta e ben fatta, in base a generosi criteri; la carnagione sua doveva possedere il sapore della crema fresca alla quale rassomigliava, la bocca infantile quello delle fragole. Sotto la massa di capelli color di notte avvolti in soavi ondulazioni, gli occhi verdi albeggiavano immoti come quelli delle statue […] Procedeva lenta, facendo roteare intorno a sé l’ampia gonna bianca e recava nella persona la pacatezza, l’invincibilità della donna di sicura bellezza.

inviato il 16/05/2016
Nei segnalibri di:

Per favore, non chiamatemi prof

immagine copertina
Corinne Bouchard
Per favore, non chiamatemi prof
Tradotto da Paolina Barruchello
Mondadori 2001
10 righe da pagina 68:

L’ultimo scrutinio è stato fatto, il caso dell’ultimo candidato risolto. Per l’ultima volta si esce dalla scuola. Si posa uno sguardo abbagliato, stupito, incredulo sul mondo.
E’ una bella giornata di giugno. Il cielo è azzurro, anche se sta piovendo a dirotto.
Il cielo è sempre azzurro quando cominciano le vacanze.

inviato il 16/05/2016
Nei segnalibri di:

Destini personali

immagine copertina
Remo Bodei
Destini personali
Feltrinelli 2002
10 righe da pagina 119:

La personalità di ciascuno si è negli anni concentrata attorno a diversi nuclei […] che poi si sono, a loro volta, organizzati in coalizioni successive, in arcipelaghi di coscienza con capitali diverse. Ci siamo così trovati spesso al bivio, abbiamo scartato possibilità di sviluppo in altre direzioni […]
La nostra è stata una crescita a stelo: pur facendo ciascuno “valanga su se stesso”, ogni scelta è stata una vittoria su alternative che, prima della decisione, avevano ancora qualche probabilità di diventare effettuali.

inviato il 16/05/2016
Nei segnalibri di:

Esercizi preparatori alla melodia del mondo

immagine copertina
Maurizio Crosetti
Esercizi preparatori alla melodia del mondo
Baldini&Castoldi 2016
10 righe da pagina 8:

Quel silenzio è uno schiaffo in faccia nel vuoto delle strade.
Lui sente cigolare le ruote del carrello. Un pianoforte agganciato a una bicicletta agganciata a un uomo. Non si vede tutti i giorni, una scena così. Ha lasciato l'auto a un paio di chilometri dal teatro. Non ha navigatore, il suo unico spartito sono le mappe di carta. Per tutto il resto va a memoria. Con la musica si può essere tristi o fingere di esserlo. Si può persino immaginare di essere contenti senza esserlo. Si possono impressionare le ragazze, tre minuti jazz fanno miracoli: reggere il ritmo dopo, è il problema di tutti. Il suo problema, in particolare, è la noia del quarto minuto.

inviato il 16/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Giovanni, abbiamo inviato i tuoi ringraziamenti all'editore :)

Libro incentivo, grazie allo Staff e all'editore :)

Maurizio Crosetti (Torino, 14 maggio 1962)

Metaphoria

immagine copertina
Rubin Battino
Metaphoria
Crown House Publishing 2002
10 righe da pagina 242:

Acting as if you were stressed brings out the same reactions as actually being in a stressful situation. This is why you do not quiz a friend or a relative about her recent divorce or heart attack. She will relive, both emotionally and physically, the stresses of that event while she is talking about it. The relating of an incident, the recalling of the memory "tricks" both the mind and the body into reliving that experience. [...] We are what we think, and we are our (mutable) memories.

inviato il 13/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

infatti così faremo... :) Grazie!

Purtroppo non c'è da nessuna parte (nemmeno sul libro e nemmeno cercando con Google). Penso che il modo migliore per scoprirlo sia scrivere una breve mail all'autore

L'abbiamo visto ma non c'è scritto...

No, ma il suo sito internet ufficiale è questo: http://www.rubinbattino.com/

Sai la data e il luogo di nascita dell'autore?

ai morti non dire addio

immagine copertina
Brian Freeman
ai morti non dire addio
Tradotto da alfredo colitto
Edizione Piemme 2016
10 righe da pagina 159:

Era la verità. I giurati erano gente strana.Imprevedibili,sempre capaci di sorprendere. Dan diceva che gli avvocati non erano altro che narratori per una giuria di bambini,e l'avvocato che raccontava la migliore favola della buona notte vinceva il processo.
Stride rispettava la difficoltà del compito dei giurati.
Veniva chiesto loro di abbandonare una vita di giudizi di parte,ma erano pur sempre esseri umani, pieni di empatie e pregiudizi.

inviato il 13/05/2016
Nei segnalibri di:

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy