Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Cerca tra le 10 righe

Cacciatore del male

immagine copertina
Simone Mazzei
Cacciatore del male
Gruppo Albatros Il Filo

Un volto mirabile ma al tempo stesso austero, da i contorni incerti, indefiniti, come se la sua espressione i suoi lineamenti fossero in espansione e irradiassero e moltiplicassero tutta la propria beltà nello spazio vuoto, di confine che a mano a mano se ne appropriava, riempiendosene. Brando rimase a bocca aperta per un minuto intero a compiacere Suor Lucia. Gino invece non riusciva a sbloccarsi…avrebbe voluto che il suo figlioccio le venisse incontro omaggiandola ma non era capace al momento di tradurre in azione il suo pensiero e le sue emozioni. Così alla sorella non restò che dire: “Posso entrare ? E’ permesso ?” entrambi: “Ehmm…” seguirono due colpi di tosse e poi ancora: “Ehmm…ehmm…eh” quando la suora era sul punto di rinunciare a varcare quella soglia i due urlarono insieme. “Pregooo”.

inviato il 12/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Simone benvenuto : )

Mal(e) d'Africa

immagine copertina
Bernardino Maria Serenari
Mal(e) d'Africa
Aracne Editrice
10 righe da pagina 349:

Ma che cosa doveva fare Vera con tutti quei soldi?
Niente, se non semplicemente vivere esattamente come quei personaggi della Dolce Vita felliniana.
Feste quasi tutte le sere, vestiti sempre nuovi ed alla moda, tanto alcol, tanto fumo ed all’ occasione, perché no? anche sesso, specialmente quando alle prime ore
dell’alba si ritrovava spesso a girovagare in macchina con gli amici per le strade di Torino, e se ci fosse stata anche lì una Fontana di Trevi lei ci si sarebbe buttata
dentro vestita, come Anita Ekberg!

inviato il 12/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

in queste dieci righe di Mal(e) d'Africa è citata Anita Ekberg... è per rendere omaggio a questa grande attrice che le pubblico!

Album foto Libridinosa

immagine copertina
Staff 10 Righe
Album foto Libridinosa
10 Righe 2015

Abbiamo aggiunto le vostre nuove foto all'album "Libridinosa, agenda Letteraria 2015"
: )
http://www.10righedailibri.it/gallery/libridinosa-agenda-letteraria-2015

inviato il 11/01/2015
Nei segnalibri di:

A passeggio con John Keats

immagine copertina
Julio Cortàzar
A passeggio con John Keats
Tradotto da Elisabetta Vaccaro e Barbara Turitto
Fazi 2014
10 righe da pagina 535:

“È sorprendente (qui devo premettere che la malattia, per quanto io possa giudicare, mi ha in breve tempo alleviato la mente da un carico di pensieri e di immagini ingannevoli e mi fa percepire le cose in una luce più vera), è sorprendente ma l'idea di lasciare questo mondo rende più profondo in noi il senso delle sue bellezze naturali. Come il povero Falstaff, anche se non balbetto come lui, penso ai prati verdi.
Medito con il più grande affetto su ogni fiore che conosco dall'infanzia: la loro forma e il colore sono così nuovi per me come se li avessi appena creati io con fantasia sovraumana”
14 febbraio 1820
Percepire le cose in una luce più vera...Di Fanny Brawne vede l'impossibile, il vuoto che apre il suo sbadiglio, il paradosso di amarla più di prima...

inviato il 11/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!!!!di tutto cari amici dello Staff ,Patty e...company

COMUNICAZIONE TECNICA: nome utente

Redazione 10 Righe
COMUNICAZIONE TECNICA: nome utente
10 Righe 2015

Cari lettori,
vi comunichiamo che abbiamo aggiunto un’opzione al profilo utente: ora potete scegliere quale Nome rendere pubblico: vi chiediamo di entrare per apportare le modifiche perché abbiamo invertito la visibiltà del nome e per alcuni di voi appare diverso rispetto al precendente.

- Cliccate su “Modifica il mio profilo”: trovate il pulsante in alto a destra.

- Scrivete il vostro nome cognome pubblico nello spazio “Nome utente”.

Riceverete questa comunicazione anche tramite mail.

Se avete bisogno di aiuto scrivete un commento sotto questo post, noi ci siamo.
: )

inviato il 10/01/2015
Nei segnalibri di:

Olivia ovvero la lista dei sogni possibili

Paola Calvetti
Olivia ovvero la lista dei sogni possibili
Mondadori 2012
10 righe da pagina 18:

Mi chiamo Olivia, ho trentatré anni,undici mesi e dodici giorni.
Quanto basta per essere stata delusa un migliaio di volte,ma abbastanza pochi per lsciarmi ancora sorprendere
Alla scuola materna ero secca come un rametto e la prospettiva di un futuro da adolescente segaligna come la fidanzata di Braccio di Ferro mi perseguitò fino a quando scoprii che,prima dell'arrivo del marinaio con la pipa, Olivia non era una sfigata,ma la protagonista assoluta del fumetto.
Non nel mio caso,Olivia era la nonna paterna,morta di parto mettendo al mondo zia Emma che continua a espiare in ogni modo possibile:non si è sposata e dedica tutto il suo tempo al lavoro di giudice al tribunale dei minori.

inviato il 10/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

10 GENNAIO 1958 nasce a Milano Paola Calvetti

Il Bunker

immagine copertina
Viviana De Cecco
Il Bunker
ePubblica 2014

Il nemico è dietro di lui. Sente la sua presenza, oscura e ancora invisibile.
Lui si muove rapidamente. Raggiunge la costruzione, infilandosi al suo interno con la stessa fiducia con cui metterebbe piede nella sua camera.
All’interno, lo accoglie la quiete composta dei luoghi abban-donati, l’umido abbraccio del rifugio in cui altri uomini, molto prima di lui, avevano atteso l’arrivo del nemico, appoggiati stancamente alle sue solide mura tondeggianti, chiedendosi se ciò che avrebbero scorto al di fuori avrebbe portato loro la morte, la prigionia o la salvezza.
E quando lui si rannicchia per terra, sotto una delle feritoie della fortificazione, prova la stessa sensazione. Il dubbio e l’incertezza di ciò che si annida nell’oscurità, nel silenzio del mondo esterno che sembra tacere in previsione della battaglia più dura.
Gli sembra quasi di percepire l’eco di assordanti colpi di mitragliatrice, grida d’aiuto mescolate ad una voce indistinta, risorta dal ricordo di quella sera d’estate, quando avevano solo tredici anni, e si erano messi a giocare alla guerra.

inviato il 09/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Oh grazie!! Sia allo Staff che agli altri lettori che hanno scelto le mie righe! Sono piccole grandi soddisfazioni che mi riempiono di gioia la giornata!! :-)

Ciao Viviana le tue 10 righe sono state scelte dalla redazione sei nella finale di gennaio. Complimenti!!!

Grazie Natalina!! Sono felice che ti piaccia... In effetti, ero sparita da un po' dal sito perché dopo centinaia di libri letti, ho provato a scriverne uno io stessa. Confesso che scrivo e pubblico dal 2008 con piccole case editrici e concorsi letterari nazionali. Ovviamente, questa mia prima prova con il thriller non sarà all'altezza dei grandi maestri del brivido, ma ci ho provato!!
Nel frattempo, spero di ricominciare presto a mettere altre righe (degli altri!!!)
Un caro saluto... :-)

Viviana ...complimenti!!!

Il Dio del deserto

immagine copertina
Wilbur Smith
Il Dio del deserto
Tradotto da Sara Caraffini
Longanesi 2014
10 righe da pagina 138:

"Grande Faraone, sai bene quanto me che il Supremo Minosse ha spie in ogni
città del nostro Egitto ",gli feci notare.
"Nel giro di brevissimo una di loro manderebbe un messaggio a Creta per informarlo
che ogni mercato e taverna di Tebe è invaso da lingotti d'argento con il marchio del
Toro di Creta."
"Mi stai dicendo che non potrò mai spendere l'argento che ho accatastato nella
mia sala del regno laggiu'?"Indicò con il mento la tomba paterna sul lato opposto
del Nilo.
"Per paura che il Supremo Minosse venga avvisato della sua esistenza ?"
Il suo tono era risentito e la sua espressione adirata.
"Ti supplico di perdonarmi, Reale Egitto. Sei il padre della nazione. Il tesoro ti appartiene...

inviato il 09/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Il 9 gennaio del 1933 nasceva a Broken Hill ,Wilbur Smith

Candido ovvero un sogno fatto in Sicilia

immagine copertina
Leonardo Sciascia
Candido ovvero un sogno fatto in Sicilia
Einaudi 1977
10 righe da pagina 71:

Candido, dunque, leggeva Marx.
Aveva letto prima Gramsci,poi Lenin ; ora leggeva Marx.
Su Marx si annoiava, ma vi si ostinava.
I libri di Gramsci li aveva invece letti con grande interesse; ed anche con la commozione che gli veniva dall'immaginare quel piccolo uomo gracile e malato che divorava libri e annotava riflessioni; e così aveva vinto il carcere e il fascismo che ve lo teneva.
Gli pareva proprio di vederlo,di vedere la cella,il tavolo,il quaderno, la mano che scriveva e di sentire il lieve raschio del pennino sulla carta.

inviato il 08/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

l'8 gennaio 1921 nasceva a Racalmuto Leonardo Sciascia

Scrittori nati l'8 gennaio

immagine copertina
Libridinosa
Scrittori nati l'8 gennaio
10 Righe 2015

Auguri a Leonardo Sciascia nato a Racalmuto nel 1921 e auguri Terry Brooks nato a
Sterling nel 1944. Scrivete 10 righe tratte dai loro libri : )
...
«Non esce mai di casa?»
«Mai, da parecchi anni… Ad un certo punto della mia vita ho fatto dei calcoli precisi: che se io esco di casa per trovare la compagnia di una persona
intelligente, di una persona onesta, mi trovo ad affrontare, in media, il rischio
di incontrare dodici ladri e sette imbecilli che stanno lì pronti a comunicarmi le
loro opinioni sullʼumanità, sul governo, sullʼamministrazione municipale,
su Moravia… Le pare che valga la pena?».
(Leonardo Sciascia, A ciascuno il suo, Adelphi 2004)
10 righe suggerite da Marco Santulli

inviato il 08/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Fonte: Libridinosa, agenda letteraria 2015
http://www.10righedailibri.it/agenda-letteraria-2015-libridinosa

Mal(e) d'Africa

immagine copertina
Bernardino Maria Serenari
Mal(e) d'Africa
Aracne Editrice
10 righe da pagina 205:

Lui amava la filosofia, lei amava l’arte… lui con lei parlava di filosofia e lei con lui parlava di arte… due discipline diverse, ma con un denominatore comune, il pensiero!
Forse fu proprio quello, il pensiero profondo, così staccato dal materiale, dal concreto, dal quotidiano, quel quotidiano che era fatto di guerra, di bombe, di farina, di pane, di danaro, di ricchezze, di banane, di registri, di carte bollate, di cambiali… fu proprio il
pensiero profondo, che Sauro riusciva a trasmettere a chiunque lo ascoltasse parlare, che affascinò così tanto Gigliola!

inviato il 08/01/2015
Nei segnalibri di:

Le città invisibili

immagine copertina
Italo Calvino
Le città invisibili
Tradotto da /
Mondadori 1993
10 righe da pagina 74:

Le città e gli scambi
Dalla costa di un monte accampati con le masserizie, i profughi di Ersilia
guardano l'intrico dei fili tesi e pali che s'innalza nella pianura. E' quello ancora
la città di Ersilia e loro sono niente.
Riedificano Ersilia altrove.
Tessono con fili una figura simile che vorrebbero piu' complicata e insieme
piu' regolare dell'altra. Poi l'abbandonano e trasportano ancora piu' lontano
sé e le case.
Così viaggiando nel territorio di Ersilia incontri le rovine delle città abbandonate,
senza le mura che non durano, senza le ossa dei morti che il vento fa rotolare:
ragnatele di rapporti che cercano una forma.

inviato il 07/01/2015
Nei segnalibri di:

Il Fuoco degli Angeli

immagine copertina
Terry Brooks
Il Fuoco degli Angeli
Tradotto da Riccardo Valla
A. MONDADORI 2011
10 righe da pagina 12:

Poi avrebbe avuto circa trenta giorni per cambiare il corso della storia.
La sfida avrebbe scosso qualsiasi uomo, ma non era il pensiero del Variante a tormentarlo mentre usciva dal parco per iniziare il viaggio che l'avrebbe portato nell'Ovest. Era il ricordo dell'uomo da lui sognato: l'uomo crocifisso, il Cavaliere del Verbo caduto. Era la faccia che aveva visto quando l'uomo aveva sollevato la testa negli ultimi istanti della sua vita, liberandola dall'ombra dei lunghi capelli.
La faccia dell'uomo crocifisso era quella di John Ross.

inviato il 07/01/2015
Nei segnalibri di:

Sempre al Mare

immagine copertina
Mauro Filigheddu
Sempre al Mare
Paolo Sorba Editore

Nuotare è volare, un po’.
Se la consistenza dell’aria fosse pari a quella dell’acqua, voleremmo per muoverci.
È forse per questo che d’estate si va al mare: per volare.
Oltre al cielo, all’orizzonte ed agli striduli gabbiani che lo attraversano, dalla casa di Elena si vede il mare.
Lei, dopo aver osservato fuori a lungo per avere un’idea del clima, si prepara ad uscire. In maniera molto femminile, va dal bagno alla camera, dalla camera al balcone, dal balcone di nuovo alla camera. Sceglie con cura la maglietta che indosserà sopra il costume da bagno.

inviato il 07/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Mauro, scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi ;)

Il Leone di Pietra

immagine copertina
Mauro Filigheddu
Il Leone di Pietra
Paolo Sorba Editore

Due importanti chiese di Roma recano ciascuna una croce in
cima. Se si uniscono queste due croci con una linea retta, questa
si sovrappone esattamente a via Panisperna. Ciò crea un’atmosfera
mistica che si confà al luogo. Lo studio di Massimo non poteva
essere situato meglio. Nella stessa via ci sono due locali che
egli frequenta sporadicamente: il Charity Cafè, piccolo tempio
del jazz e il ristorante Tre Scalini, pullulante di giovani.
Massimo frequenta nella medesima misura persone di ogni
età, e si trova più o meno a proprio agio con tutti. I giovani spesso
creano le tendenze, consapevoli o meno di questo. Un creativo
non può prescindere da essi, se vuole restare tale.

inviato il 07/01/2015
Nei segnalibri di:

Pensieri di pace e di speranza

immagine copertina
Herman Hesse
Pensieri di pace e di speranza
National Geografic
10 righe da pagina 3:

..,e vide i suoi passi pieni di pace
vide il suo capo circonfuso
di splendore, vide la sua figura
radiosa di luce.

Aforisma

inviato il 07/01/2015
Nei segnalibri di:

Olive Kitteridge

immagine copertina
Elizabeth Strout
Olive Kitteridge
Tradotto da Silvia Castoldi
FAZI Editore 2009
10 righe da pagina 90:

Tre ore fa,mentre il sole brillava fulgido lungo il prato sul retro della casa,il podologo della cittadina,un uomo di mezza età di nome Chritopher Kitteridge, ha sposato una donna che viene da fuori e si chiama Suzanne.
E' il primo matrimonio per entrambi, e la cerimonia è stata intima e piacevole, con una suonatrice di flauto e vasi di leggiadre rose gialle piazzati dentro e fuori della casa.
Per ora l'educata allegria degli ospiti non dà segno di scemarea Olive Kitteridge,ferma accanto al tavolo da picnic,pensa che sia ormai ora che se ne vadano tutti quanti.

inviato il 06/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie Vera !

Guarda la miniserie: é una delle più belle del 2014.

6 GENNAIO 1956 nasce a Portland,Maine,Stati Uniti Elizabeth Strout

Nata il 6 gennaio

immagine copertina
Elizabeth Strout
Nata il 6 gennaio
10 Righe 2015

Buon compleanno a Elizabeth Strout nata a Portland nel 1956.
“Connie sapeva (probabilmente sì) di essere una di quelle donne che incroci al supermercato senza nemmeno vederle? Eppure cʼera una dolcezza sul suo viso, unʼincertezza commovente, come se avesse trascorso molti anni nel tentativo di essere allegra e poi avesse smesso, ma i residui di unʼantica, ansiosa gentilezza fossero ancora presenti. In altre parole, i suoi lineamenti non si erano induriti; e cʼerano molte donne in quella zona che avevano i lineamenti induriti, donne di mezza età il cui volto avrebbe potuto appartenere a un uomo; ma questo non era il caso di Connie Hatch.”
(Elizabeth Strout, Resta con me, traduzione S. Castoldi, Fazi 2010)

inviato il 06/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Fonte: Libridinosa, agenda letteraria 2015
10 righe suggerite da Alessandra Petretto
http://www.10righedailibri.it/agenda-letteraria-2015-libridinosa

Solstizio d’inverno

immagine copertina
Nicole Rossi Alongi
Solstizio d’inverno
Aracne Editrice
10 righe da pagina 14:

Coraggio! Avventuriamoci allora nell’oceano sconfinato
in cui queste dee, nella loro funzione di archetipe,
cavalcano onde minacciose e lunghe distese senza vento,
planando ora su spiagge ridenti ora su lidi impervi e
rocciosi.
Vediamole attraverso i loro tratti (almeno in una ricostruzione
possibile), in generale e nello specifico del
mio flusso scomposto di memorie, senza pretendere di
rubare il mestiere agli studiosi, ai saggisti.
Se queste limitate e personali note desteranno in voi
il desiderio di saperne di più, tutte noi ne saremo contente.

inviato il 06/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Chiedo ai Lettori che pubblicano 10 righe, di porre un pò più di attenzioni a testi di Autori italiani.... vedo che vengono citate prevalentemente traduzioni da testi stranieri!!

Il ragazzo dalla faccia pulita. Saggio su Rimbaud

immagine copertina
Elio Ria
Il ragazzo dalla faccia pulita. Saggio su Rimbaud
Villaggio Maori Edizioni
10 righe da pagina 160:

Era un ragazzo bello, con i suoi occhi blu-azzurri, chiari come la luce della luna delle notti d'estate. Il viso ovale, da "angelo in esilio" - come lo definiva Verlaine - lo rendeva più attraente e affascinante. Era il cherubino della madre.
il suo mondo era un mondo impossibile. Lo vagheggiava pieno, ricco, vibrante, misterioso: a compensare la mancanza di tali requisiti nel mondo in cui era nato.
Il mondo impossibile è un mondo che neppure li dèi hanno mai abitato.

inviato il 05/01/2015
Nei segnalibri di:

© 10righedailibri 2012

partner tecnologico