Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Harry Potter e la camera dei segreti

immagine copertina
J. K. Rowling
Harry Potter e la camera dei segreti
Tradotto da Marina Astrologo
Salani 2016
10 righe da pagina 10:

La creatura scivolò giù dal letto e fece un inchino così profondo da toccare la moquette con la punta del suo naso lungo e sottile. Harry notò che indossava qualcosa di simile a una vecchia federa, con degli strappi da cui uscivano le braccia e le gambe.
“Ehm... salve” disse nervoso.
“Harry Potter” disse la creatura con voce così acuta da trapanare i muri. “È tanto tempo che Dobby voleva conoscerla, signore... È un tale onore...”
“G-grazie” disse Harry sgattaiolando lungo la parete e sprofondando nella sedia davanti la scrivania, vicino alla gabbia di Edvige. Avrebbe voluto chiedere: “Che cosa sei?”, ma pensando che suonasse poco gentile disse invece:”Chi sei?”
“Dobby, signore. Solo Dobby, l'elfo domestico” disse la creatura.

inviato il 16/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ho anche il primo, ne esce uno l'anno, fra cinque anni avrò la serie completa. Costano un pò ma le illustrazioni sono bellissime.

Oddio hai comprato questa edizione!!!! :))))))))))

Joanne Rowling (Yate, 31 luglio 1965)

Le avventure di Alice nel Paese delle Meravigliei

Lewis carroll
Le avventure di Alice nel Paese delle Meravigliei
Tradotto da M.D'Amico
Biblioteca universale Rizzoli BUR 2010
10 righe da pagina 1:

Alice cominciava ad essere veramente stufa di star seduta senza far nulla, accanto alla sorellastra sulla riva del fiume. Una o due volte aveva provato a dare un'occhiata al libro che sua sorella stava leggendo ma non c'erano nè figure nè filastrocche.
"Che me ne faccio di un libro senza figure nè filastrocche?" pensava Alice.
A dire il vero non era possibile pensare molto perchè faceva così caldo che Alice si sentiva tutta assonnata e con le idee confuse: adesso si stava chiedendo se valesse la pena di alzarsi a raccogliere fiori per fare una ghirlanda di margherite, quando ecco che improvvisamente le passò proprio davanti un Coniglio bianco con gli occhi rosa.
La cosa non sembrò troppo strana ad Alice. Non le parve neppure troppo strano che il coniglio dicesse tra sè: Povero me, povero me, arriverò troppo tardi!

inviato il 14/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Bellissimo!

Un libro di grandi candore e fantasia. Scrittore, fotografo, matematico Lewis Carroll nacque il 27 gennaio 1832 e morì il 14 gennaio 1898

Gente di Dublino (Dubliners)

James Joyce
Gente di Dublino (Dubliners)
Tradotto da Margherita Ghilardi M.
Biblioteca universale Rizzoli BUR 1961
10 righe da pagina 9:

Il Rev. James Flynn (già della Chiesa di Santa Caterina) a 65 anni
R.I.P.
....
Desideravo entrare e guardarlo, ma non avevo il coraggio di bussare. Mi allontanai lentamente lungo il lato soleggiato della strada, leggendo, mentre camminavo, tutti i manifesti teatrali nelle vetrine dei negozi.
Trovai strano che nè io nè il giorno sembrassimo in lutto e mi sentii anche seccato scoprendo in me una sensazione di libertà, come se la sua morte mi avesse liberato di qualcosa.
Mi meravigliai perchè, come aveva detto lo zio la sera prima, mi aveva insegnato una quanità di cose...

inviato il 13/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Gente di Dublino è una raccolta di 15 racconti. Le 10 righe sono tratte dal racconto Le Sorelle

James Joyce, scrittore, poeta, drammaturgo nasce a Dublino il 2 febbraio 1882 - muore a Zurigo il 13 gennaio 1941

Gli ultimi incantesimi

Silvana De Mari
Gli ultimi incantesimi
Salani Editore
10 righe da pagina 717:

Prima di essere ucciso, Yorsh le aveva detto di vivere. Era stata la sua ultima preghiera. Lei non l'aveva esaudita. Si era limitata a sopravvivere, chiusa nella sua pena che non si era annullata neanche al suono delle voci dei suoi figli. Ricontò i passi di Joss nelle notti di Daligar, risentì la sua vocina che le chiedeva se poteva venire a scaldarsi nel suo letto. Come aveva osato non essere felice?
Vivere è sorridere. È riuscire a trovare in ogni singola giornata un motivo di gioia.
Non avrebbe mai più ripetuto lo stesso crimine.

inviato il 13/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie ^ ^

Benvenuta Vale :)

Felici i felici

immagine copertina
Yasmina Reza
Felici i felici
Adelphi
10 righe da pagina 26:

Ci congediamo dagli altri con battute idiote, sul pianerottolo ridiamo ma appena entrati in ascensore cala il gelo. Un giorno bisognerebbe
studiarlo, questo particolare silenzio dei viaggi in macchina, della notte,
quando si torna a casa dopo aver sfoggiato una serenità a uso e consumo
degli altri, un misto di conformismo e autoinganno. Un silenzio che non può
essere rotto neanche dalla radio, perché chi, in questa muta guerra di resistenza,
avrebbe il coraggio di accenderla?

inviato il 12/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Divertente e tragicomico. Talvolta triste.
Grazie!

Sembra interessante! Grazie per aver condiviso, metto in lista :D

Sostiene Pereira

immagine copertina
Antonio Tabucchi
Sostiene Pereira
Giangiacomo Feltrinelli Editore 1994
10 righe da pagina 120:

Ebbene, disse Pereira, è una sensazione strana, che sta alla periferia della mia personalità, è per questo che io la chiamo limitrofa, il fatto è che da una parte io sono contento, di aver fatto la vita che ho fatto, sono contento di aver fatto i miei studi a Coimbra, di aver sposato una donna malata che ha passato la sua vita nei sanatori, di aver tenuto la cronaca nera per tanti anni in un grande giornale e ora di aver accettato di dirigere la pagina culturale di questo modesto giornale del pomeriggio, però, nello stesso tempo, è come se avessi voglia di pentirmi della mia vita, non so se mi spiego.

inviato il 09/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :-)

Ciao Barbara, sei nella finale settimanale di Gennaio. Ricordati di scegliere 10righe che più ti piacciono partendo da oggi lunedì 16 gennaio a domenica 22 gennaio.

Antonio Tabucchi nacque a Pisa il 23 settembre 1943.

Memorie di una ragazza perbene

Simone de Beauvoir
Memorie di una ragazza perbene
Tradotto da Bruno Fonzi
Einaudi ET 2013
10 righe da pagina 173:

Una vita nuova, un'altra vita; ero più emozionata che alla vigilia del mio ingresso alla classe Zero.
Distesa sulle foglie morte, lo sguardo stordito dai colori appassionati dei vigneti, mi ripetevo quelle parole austere: laurea, abilitazione.
E tutte le barriere, tutti i muri scomparivano. Avanzavo, a cielo aperto, attraverso la verità del mondo. L'avvenire non era più una speranza, lo toccavo.
Quattro o cinque anni di studi, e poi un'esistenza che avrei modellata con le me mani.
La mia vita sarebbe stata una bella storia che si sarebbe avverata a mano a mano che me la fossi raccontata...

inviato il 09/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Lulù, sei nella finale settimanale di Gennaio.

Simone de Beauvoir nasce a Parigi, in una casa del boulevard Raspail il 9 gennaio 1908. Scrittrice, filosofa, intellettuale, femminista.

Il maestro e Maestro e Margherita

immagine copertina
M.A.Bulgakov
Il maestro e Maestro e Margherita
Tradotto da Mauro Martini
Newton Compton editori 2011
10 righe da pagina 215:

Margherita si alzò di un metro e colpì il lampadario.
Due lampadine andarono in frantumi e le gocce di cristallo volarono in ogni direzione.
Le grida nella serratura cessarono e si udì correre per le scale.Margherita volò
fuori dalla finestra,si trovò all'esterno e prendendo lo slancio,colpì senza violenza il vetro con il martello.
Quello sembrò emettere un singhiozzo e lungo la facciata ella casa ricoperta di marmo i frantumi precipitarono a cascata verso il basso .Margherita si accostò all'altra finestra .
Lontano in basso,accorreva gente lungo i marciapiedi ,di due macchine ferme presso l'ingresso del palazzo una si allontanò rombando.Finito il lavoro alle finestre
Latunskij,Margherita raggiunse l'appartamento vicino.
I colpi si infittirono,la strada si riempì di rumori e frastuono. Dall'ingresso principale accorse il portiere ,guardò verso l'alto,restò per qualche istante incerto ,evidentemente non riusciva a capire cosa stesse accadendo,che cosa fare,portò il fischietto alla bocca e cominciò a fischiare selvaggiamente.Solleticata dal fischio Margherita ....

inviato il 09/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Natalina sei nella finale di gennaio, 10 righe scelte da Voi utenti.

Ciao Natalina, scelgo le tue 10 righe :-)

Staff ..scusate ,cè un .."MAESTRO " in più...grazie!!!

M.A.Bulgakov nato a Kiev -Ucraina il 15.5.1891-Mosca -Russia 10.3.1940)
Scrittore e drammaturgo russo,romanziere del Novecento.

Gli ultimi sette mesi di Anne Frank

immagine copertina
Willy Lindwer
Gli ultimi sette mesi di Anne Frank
Tradotto da Franco Paris
Newton Compton editori 2016
10 righe da pagina 7:

Primo Levi ha descritto con molta efficacia questo stato d’animo diffuso tra i deportati nei campi. Egli, testimone oculare della vita che là si conduceva, si rese conto di come nei prigionieri si fosse radicata l’idea che se si fossero salvati e avessero raccontato la loro terrificante esperienza, nessuno li avrebbe creduti. “Curiosamente — egli ha scritto — questo pensiero (“se raccontassimo non saremmo creduti”) affiorava in forma di sogno dalla disperazione dei prigionieri. Quasi tutti i reduci, a voce o nelle loro memorie scritte, ricordano un sogno che ricorreva spesso nelle notti di prigionia, vario nei particolari, ma unico nella sostanza, di essere tornati miracolosamente a casa, di raccontare con passione e sollievo le loro sofferenze passate rivolgendosi ad una persona cara e di non essere creduti, anzi neppure ascoltati”.

inviato il 09/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

Ciao Giovanni, sei nella finale settimanale di Gennaio.

Willy Lindwer (Amsterdam, 18 marzo 1946)

Il Conte di Montecristo

immagine copertina
Alexandre Dumas
Il Conte di Montecristo
Tradotto da Gaia Panfili
I CLASSICI UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI 2015
10 righe da pagina 269:

Giudicate voi, mio ospite, giudicate. Ma non limitatevi ad una prima esperienza: come in ogni cosa, occorre abituare i sensi a un'impressione nuova, mite o violenta, triste o gioiosa. Contro tale divina sostanza v'è una lotta della natura, della natura che non è fatta per la gioia e si aggrappa al dolore. La natura deve soccombere sconfitta in questo duello, la realtà deve cedere al sogno. Ma quale differenza in tale trasfigurazione! In altri termini, comparando i dolori dell'esistenza reale alle letizie dell'esistenza fittizia, non vorrete vivere mai più e vorrete sognare sempre. Quando lascerete il vostro mondo per il mondo altrui, vi parrà di passare da una primavera napoletana a un inverno lappone, vi parrà di lasciare il paradiso per la terra, il ciel per l'inferno. Assaggiate l'hashish, mio ospite! Assaggiatene!

inviato il 08/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Natalina e... hai proprio ragione! Ogni volta che vengo su questo sito e leggo le citazioni, finisco per arricchire sempre di più la mia lista di libri ancora da leggere! :D

Grazie Flavia,la scelta delle 10 righe per me è sempre un compito difficile,poiché questo spazio di divulgazione letteraria ,ospita menti sapienti.

Gratitudine

immagine copertina
Oliver Sacks
Gratitudine
Tradotto da Isabella C. Blum
Adelphi 2016
10 righe da pagina 39:

Il bismuto è l'elemento 83. Non credo che vedrò il mio ottantatreesimo compleanno, ma penso che, in un modo o nell'altro, tenere vicino a me l'«83» ispiri speranza e infonda coraggio. Senza contare che ho un debole per questo modesto metallo grigio spesso ignorato e scarsamente considerato perfino dagli amanti dei metalli. La mia sensibilità di medico verso i maltrattati e gli emarginati si estende anche al mondo inorganico, e trova un parallelo nella mia simpatia per il bismuto.

inviato il 07/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Natalina :)

Valentina ...eri nella lista degli "eletti" con queste 10 righe!
Vi ricordo :Risvegli" da cui è stato tratto anche il relativo film...

Emma ti consiglio anche la sua autobiografia, "In movimento", per conoscere meglio il grande uomo (oltre che il medico) che è stato Sacks

ho apprezzato molto dello stesso autore il libro " L'uomo che scambiava sua moglie per un cappello", non un testo "facile" ma interessante, profondo e adesso voglio spingermi a leggere il suo "Gratitudine"

WALDEN; o, vita nei boschi

immagine copertina
Henry David Thoreau
WALDEN; o, vita nei boschi
Tradotto da Piero Sanavio
I CLASSICI UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI 1963
10 righe da pagina 152:

Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita, e per vedere se non fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi, e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto. Non volevo vivere quella che non era una vita, a meno che non fosse assolutamente necessario. Volevo vivere profondamente, e succhiare tutto il midollo di essa, vivere da gagliardo spartano, tanto da distruggere tutto ciò che non fosse vita, falciare ampio e raso terra e mettere poi la vita in un angolo, ridotta ai suoi termini più semplici

inviato il 04/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Davide, le tue 10 righe sono finaliste nel mese di gennaio. 10 righe scelte da voi utenti.

Grazie Flavia, anche io lo amo!! :D

Natalina, hai ragione! :)

io adoro Thoreau! Ottima lettura! =)

http://scrivi.10righedailibri.it/walden-o-vita-nei-boschi-0-ho scelto queste 10 righe...Nel bosco si nasconde la vita...

Le Faville del Maglio

immagine copertina
Gabriele d'Annunzio
Le Faville del Maglio
Fratelli Treves Editori 1924
10 righe da pagina 15:

7 ottobre 1898 (Roma)

Mi sovviene d'un malinconico mio verso giovenile: l'autunno è veramente una primavera dissepolta. Ma, come tutti i morti dissotterrati, spande le più pericolose infwzioni coi tossici della putredine. L'anima non fu mai più fumida in me. Ho veduto una nuvola bassa su l'aventino lacerarsi contro le ruine dei palazzi imperiali. Che strana sera! Affannata dallo sforzo del temporale, tutta ancor bagnata dagli scrosci ma caldiccia come se ancòra tra le commessure del lastrico luccicanti ribollisse la feccia dell'estate. I corpi lenti delle nuvole erano maculati di solfo come la pelle delle salamandre piovane. Qualcosa di simile a un ribrezzo animale pareva spargersi per l'ombra là dove la luce si ritraeva come la marea su le spiagge oceaniche quando la sabbia palpita oscuramente della vita marina rimàstavi presa tra i rottami e il tritume e le lunghe erbe senza radici e i riflessi delle prime stelle.

inviato il 04/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Barbara, sei nella classifica finale di Gennaio. Ricordati di scegliere 10righe che più ti piacciono partendo da oggi lunedì 9 gennaio a domenica 15 gennaio.

Gabriele d'Annunzio nacque a Pescara nel 1863.

la strda di casa

immagine copertina
sejal badani
la strda di casa
Tradotto da Ombretta Giumelli
Baldini & Castoldi 2016
10 righe da pagina 58:

E' stato un errore tornare. Nono c'è posto per me qui. Speravo che le cose fossero cambiate. Che con lui in coma, potessi finalmente trovare casa. Ma non c'è nessuna casa per me. Solo i ricordi di una ferita che non potrà mai guarire. La conversazione avuta con mamma mi brucia ancora. Non è cambiata e non cambierà mai.

inviato il 03/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Tiffany, abbiamo inviato i tuoi ringraziamenti all'editore :)

Ringrazio lo Staff 10 righe e la casa editrice Baldini & Casoldi per il libro incentivo. Molto gradito, GRAZIE :-)

L'Emancipazione Imperfetta

immagine copertina
Claudio Schermi
L'Emancipazione Imperfetta
Herald Editore
10 righe da pagina 27:

Fatta la spesa chiamai di nuovo la donna che amavo per invitarla a venire da me a cena.
Parafrasai una celebre battuta de Il Padrino, “Se vieni a cena domani avrai ancora un fidanzato, se no… saprò come regolarmi”.
Lei non venne, io non la chiamai e lei non mi chiamò.
Chiamai Anna e la portai in uno dei ristoranti panoramici più belli di Roma. Non era abituata e capitolò quasi subito.
La grande bellezza era di nuovo intorno a me, Roma ed una donna bella, giovane, elegante, erotica.
Era una psicologa infantile, ne risi, nulla di meglio per me. E seppe come arrivare al punto.
Aveva bisogno di un prestito di 600 Euro per pagare l’affitto.
Cominciammo a fare sesso già dal secondo incontro, un sesso pazzesco, fatto di completini sexi, scarpe, stivali, risate.

inviato il 03/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie, lo farò... per ora sto leggendo molte delle "10 righe dai libri" che trovo molto belle. Al momento sto leggendo un libro in inglese che trovo molto interessante e scritto in un inglese molto ricercato ma comprensibile. Ne riporterò qualche passaggio. Mi fa piacere che a qualcuno piacciono le righe del mio primo romanzo L'Emancipazione Imperfetta. Non ho capito come aggiungerlo a "prime pagine". Complimenti e buon lavoro.

Claudio, dovesti postare anche 10 righe tratte dai libri che leggi ;)

La zona cieca

immagine copertina
Chiara Gamberale
La zona cieca
Romanzo Bompiani 2008
10 righe da pagina 142:

Il peso dell'ambiguità a cui mi sottoponeva a volte diventava insostenibile.
Vivevo ogni giorno nella condizione precaria di chi fa il lavoro che ha sempre sognato, ma ha firmato un contratto a termine.
Quando meno se lo aspetta potrà venire licenziato.
Quando meno me l'aspettavo sarei potuta di nuovo venire abbandonata.
Di nuovo dimenticata.
- Diciamolo, siamo un aereo che non è mai decollato, - mi diceva a volte.
- Sei la donna a cui in assoluto ho dato di più, - mi diceva altre volte.

inviato il 02/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)))

Ciao Francesca, sei nella finale 10righe scelte dalla redazione mese di gennaio.

Dove batteva il mio cuore

immagine copertina
Sebastian Faulks
Dove batteva il mio cuore
Tradotto da Maddalena Togliani
Neri Pozza 2016
10 righe da pagina 41:

Una sera ,mentre sedevo con un volume di Catullo ,chiedendomi se la mia vita sarebbe mai iniziata,una ragazza più o meno della mia età uscì sul prato.Partivo presto al mattino e rincasavo tardi la sera ,cosicché avevo ben pochi rapporti con la famiglia che viveva lì,sebbene il signor Liddell mi avesse detto che si chiamavano Miller.Il padre lavorava nel settore dell'elettronica e la figlia si chiamava Mary.
Portava un completino da tennis e reggeva un bicchiere con una bevanda all'arancia .Si sdraiò su un tappeto e cominciò a leggere.Accantonai Catullo per run istante.Non avevo sorelle;sebbene avessi trascorso alcune ore in biblioteca a studiarmi le donne delle tribù primitive o i testi di biologia umana,ero stato al liceo delle ragazze una sola volta ,a vedere una rappresentazione del "Mercante di Venezia",in cui la Porzia di Lindsay Elliot mi aveva provocato strani formilcolii al collo.Dopo lo spettacolo ero rimasto a parlare con qualcuna delle ragazze;mi sentivo più a mio agio con loro che non con i compagni di scuola,ma nessuna mi invitò a casa propria.

inviato il 02/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

....FAULKS...

Sebastian Faulks nato a Donnington -Berkshire- UK-20 aprile 1974 -

Rivoluzionario per caso

immagine copertina
Linus Torvalds e David Diamond
Rivoluzionario per caso
Tradotto da Fabio Paracchini
Garzanti 2002
10 righe da pagina 25:

Probabilmente non vi sorprenderà sapere che alcuni dei miei primi e più felici ricordi sono legati ai momenti in cui giocavo con la vecchia calcolatrice elettronica di mio nonno.
Era il padre di mia madre, Leo Waldemar Tornqvist, professore di statistica all’università di Helsinki. Ricordo che mi ero divertito un sacco a calcolare […] numeri a caso. Non che mi interessasse particolarmente la risposta […], ma era molto tempo fa e i calcolatori non si limitavano a darti una risposta. La calcolavano. E mentre lo facevano lampeggiavano un sacco, soprattutto per darti l’idea che “Sì, sono ancora vivo, ci metterò dieci secondi a fare questo calcolo e nel frattempo lampeggerò per mostrarti quanto sto lavorando”.

inviato il 02/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

anch'io vorrei mettere due asterischi !

Linus Torvalds (Helsinki 1969) è un programmatore e informatico finlandese, creatore del sistema operativo Linux.

TENERA E' LA NOTTE

Francis Scott Fitzegerald
TENERA E' LA NOTTE
Tradotto da Fernanda Pivano
Einaudi Tascabili 1973
10 righe da pagina 327:

Nicole intraprese la sua giornata consueta nel giardino. Lasciò i fiori tagliati in posti precisi perchè il giardiniere li portasse a casa più tardi.
Giungendo accanto al muraglione sul mare le venne un desiderio di espansione, e non c'era nessuno con cui espandersi: così si fermò a pensare.
Era un po' scandalizzata all'idea di provare interesse per un altro uomo; ma le altre donne hanno degli amanti: perchè non io?
Nella bella mattinata primaverile le inibizioni del mondo maschile scomparvero e Nicole ragionò lietamente come un fiore mentre il vento le soffiava nei capelli.
Altre donne avevano avuto degli amanti: le stesse forze che ieri sera l'avevano fatta arrendere a Dick fino alla morte, ora le facevano muovere la testa nel vento, soddisfatta e felice alla logica del Perchè io no?

inviato il 27/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Lulù, le tue 10righe sono state scelte dalla redazione sei nella classifica finale di dicembre.

10 righe suggerite da Lulù

Il libro del desiderio

immagine copertina
Leonard Cohen
Il libro del desiderio
Tradotto da Livia Brambilla e Umberto Fiori
Mondadori 2007
10 righe da pagina 187:

Titoli
Ho ricevuto il titolo di poeta
e forse lo sono stato
per un po'
Anche il titolo di Cantante
mi è stato gentilmente attribuito
anche se
a stento ero capace di intonare un motivo
per molti anni
sono stato considerato un Monaco
Mi rasavo il cranio indossavo lunghe vesti
e mi svegliavo prestissimo
odiavo tutti
ma fingevo di essere generoso
e nessuno mi ha mai smascherato
La mia reputazione
di Donnaiolo era uno scherzo
mi ha fatto ridere amaramente
nel corso delle diecimila notti
che ho passato solo
Da una finestra del terzo piano
affacciata sul Parc Portugal
ho guardato la neve
scendere tutto il giorno
Come sempre
qui non c'è nessuno
Non c'è mai
Per fortuna
L'intima conversazione
è cancellata
dal bianco rumore dell'inverno
"Io non sono la mente
l'intelletto
e nemmeno la voce che tace dentro..."

inviato il 26/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

http://scrivi.10righedailibri.it/walden-o-vita-nei-boschi-0-ho scelto queste 10 righe le mie preferite per questa settimana (2.1.2017- 8-1-2017)

Va bene ,cari amici dello Staff!

Ciao Nataina sei nella classifica finale settimanale di Dicembre.Ricordati di scegliere da oggi 2 Gennaio a domenica 8 gennaio, 10 righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

Leonard Cohen ,è nato a Montreal- Canada il 21 settembre 1934 -
d. US- Los Angeles il 7 novembre 2016

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy