Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pinocchio

immagine copertina
C.Collodi
Pinocchio
Tradotto da Illustrata da E-Mazzanti
Felice Paggi Firenze 1883
10 righe da pagina 38:

Pinocchio vende l'Abbecedario per andare a vedere il teatrino-dei burattini
Smesso che fu di nevicare ,Pinocchio col suo bravo Abbecedario nuovo sotto il braccio,
prese la strada che menava alla scuola: e strada facendo ,fantasticava nel suo cervellino
mille ragionamenti e mille castelli in aria , uno piu' bello dell'altro .
E discorrendo da sé solo diceva:
-Oggi ,alla scuola , voglio subito imparare a leggere :
domani imparerò a scrivere , e domani l'altro imparerò a fare i numeri .
Poi colla mia abilità guadagnerò molti quattrini primi quattrini che mi verranno in tasca,
voglio subito fare al mio babbo una bella casacca di panno.
Ma che dico di panno?
Gliela voglio fare tutta d'argento e d'oro ,coi bottoni di brillanti.
E quel pover'uomo se la merita davvero: perché ,insomma ,per comprarmi i libri
e farmi istruire ,è rimasto in maniche di camicia...a questi freddi! Non ci sono che i babbi
che sieno capaci di certi sacrifici...

inviato il 23/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Molti sono i libri per bambini, tutti belli e colorati !!! peccato che non tutti colgano le tante "verità" e
l'attualità racchiusa tra le pagine di questo libro,e del personaggio, grazie,ciao Emma

Allo staff. ho inviato due immagini, fatemi sapere se sono giunte ...altrimenti riprovo,ciao

brava Natalina , concordo con te e la tua è un'edizione pregiata. Sai però che i bambini d'oggi (spero non tutti) c 'è un'invasione di libri per bambini che sono ben lontani da questo genere. E' un vero peccato secondo me.

Naty ci mandi la foto un po' più grande? : )

Pinocchio...si lui il piu' bel libro della letteratura italiana...un affermazione di Umberto Eco...ed io ho pensato di rispolverarlo in questa Giornata mondiale dedicata al "Libro".

POESIE

immagine copertina
Pier Paolo Pasolini
POESIE
Garzanti 1999
10 righe da pagina 113:

IL GLICINE
di Pier Paolo Pasolini

... e intanto era aprile,
e il glicine era qui, a rifiorire.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Prepotente, feroce
rinasci, e di colpo, in una notte, copri
un intera parete appena alzata, il muro
principesco di un ocra
screpolato al nuovo sole che lo cuoce ...
E basti tu, col tuo profumo, oscuro,
caduco rampicante, a farmi puro
di storia come un verme, come un monaco:
e non lo voglio, mi rivolto – arido
nella mia nuova rabbia,
a puntellare lo scrostato intonaco
del mio nuovo edificio.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tu che brutale ritorni,
non ringiovanito, ma addirittura rinato,
furia della natura, dolcissima,
mi stronchi uomo già stroncato
da una serie di miserabili giorni,
ti sporgi sopra i miei riaperti abissi,
profumi vergine sul mio eclissi,
antica sensualità . . . . . . . . .

da “La religione del mio tempo”
Garzanti 1961

inviato il 20/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Lo meriti Emma...la tua conoscenza è da ammirare ,grazie a te!!!

grazie Natalina , sei veramente gentile e ti sono riconoscente per la tua attenzione verso di me. Calvino è uno dei miei autori preferiti e non mi stanco mai di leggerlo. Questa è la forza di uno scrittore : la capacità di vivere sempre nel tempo. un caro augurio Natalina e grazie ancora !

Ciao Emma ,ho scelto di donarti il libro incentivo
assegnatomi la settimana scorsa con
"Le città invisibili ", invia la mail a "libroincentivo", un saluto ,naty

fedeli compagne di viaggio un augurio sincero e che questi giorni trascorrano sereni !

Harry Potter e l'ordine della fenice

immagine copertina
J.K. Rowling
Harry Potter e l'ordine della fenice
Tradotto da Beatrice Masini, Valentina Daniele, Angela Ragusa
Salani 2007
10 righe da pagina 612:

Posò sul tavolo una scatola avvolta in carta marrone, chiaramente aperta e richiusa alla meno peggio. Sopra era scarabocchiato in inchiostro rosso: Ispezionato e approvato dall'Inquisitore Supremo di Hogwarts.
"Uova di Pasqua da parte di mamma" spiegò Ginny. "Ce n'è uno anche per te...eccolo".
Gli tese un bell'uovo di cioccolato: era decorato con piccoli Boccini glassati e secondo l'etichetta conteneva un sacchetto di Api Frizzole. Harry lo fissò un momento e poi, inorridito, si sentì salire un nodo alla gola.

inviato il 20/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Buona Pasqua anche a Te anche se in ritardo :)

Buona Pasqua a tutti :)

Dance Dance Dance

immagine copertina
Haruki Murakami
Dance Dance Dance
Tradotto da Giorgio Amitrano
Einaudi Super ET 2013
10 righe da pagina 8:

Guardo le gocce di pioggia e rifletto. Non so bene neanch'io cosa voglia dire far parte di qualcosa, nè avere qualcuno che piange per me. Sembrano cose lontane, irreali. Che accadono sulla luna. Del resto, sto parlando di un sogno. Ho la sensazione che per quanto possa allungare le braccia, per quanto veloce possa correre, non lo raggiungerò mai.
E poi perchè qualcuno dovrebbe piangere per me?
Comunque, quello che so è che lei mi sta cercando. In qualche angolo di quell'albergo. E anch'io, in qualche angolo dentro di me, voglio esserne avvolto di nuovo. Far parte ancora una volta di quel posto sinistro e fatale.

inviato il 19/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie mille Naty!! Ho visto solo ora,spero che tutti voi abbiate passato una serena Pasqua e Pasquetta!! :)

Buongiorno Lara ,le tue 10righe del libro Dance,Dance,Dance, sono state da me scelte, perché mi hanno colpito particolarmente, ed inoltre anche tu appartieni a questo spazio edificante, felice Pasquetta a te e tutti, invia la mail a libroincentivo ,io ho già scritto, Naty

Cose che nessuno sa

immagine copertina
Alessandro D'Avenia
Cose che nessuno sa
A. MONDADORI
10 righe da pagina 312:

"C'è un idiota che da quando sei lontana soffre e si sente perduto. Si era illuso che la soluzione fosse alla voce "amore" di vocabolari, libri, enciclopedie. Ma ha capito che c'era troppa ragione e poco sentimento. E che la pace è frutto di una guerra con se stesso: le sue paure e i suoi limiti. Adesso è pronto per una nuova vita. Ha grandi speranze, vuole cambiare e spera che lo aiuti anche a rimanere se stesso. Sa che ci sono e ci saranno tempi difficili, ma non vuole che la sua casa resti sola e desolata. Insieme attraverseremo tutte le regioni della vita: dalle ombre dell'inferno alle luci del paradiso, passando per i chiaroscuri del purgatorio. Vivremo notti luminose come il giorno, in cui ci ameremo e ci confesseremo cose vecchie e cose nuove. Adesso non ho più paura. Tutta la vita che ho davanti la voglio correre insieme a te. E dalla tempesta vederemo nascere un mondo nuovo. Solo così avrò tutto il tempo che ho perduto. E forse di più."

inviato il 19/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

"E dalla tempesta vederemo nascere un mondo nuovo ..." l'autore di questo libro è davvero interessante e coinvolge moltissimo. Complimenti per la scelta!

Infiniti segnalibri

LibriAcasa

immagine copertina
Mikkel Birkegaard
LibriAcasa
Longanesi
10 righe da pagina 8:

[...]Durante il giro d'ispezione aggiustò i volumi in modo che fossero perfettamente allineati oppure spostò opere che erano state erroneamente collocate. Di quando in quando posava con delicatezza il bicchiere per tirar fuori un libro che vedeva per la prima volta. Lo sfogliava incuriosito, studiava i caratteri di stampa, e saggiava con le dita la consistenza della carta. Infine chiudeva gli occhi e se lo portava al naso per annusare il profumo delle pagine, quasi fosse un vino d'annata. Dopo aver esaminato ancora una volta il frontespizio e la copertina rimetteva a posto accuratamente l'opera con un'alzata di spalle o un ammirato cenno del capo.

inviato il 19/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie... ;-)

Alessandra benvenuta :)

Cronaca di una morte annunciata

immagine copertina
Gabriel Garcia Marquez
Cronaca di una morte annunciata
Tradotto da Dario Puccini
Oscar Mondadori 1987
10 righe da pagina 76:

"Santiago Nasar è morto".
Poi impartì una benedizione episcopale, inciampò sullo scalino della porta e se ne
andò traballando.
In mezzo alla piazza incrociò Padre Amador.
Andava verso il porto con i paramenti per officiare, seguito da un sagrestano che
suonava la campanella e con diversi accoliti che portavano l'altare per la messa da
campo del vescovo.
Nel vederli passare, il fratelli Vicario si fecero il segno della croce.
Clotilde Armenta mi raccontò d'aver perduto ormai le ultime speranze quando
il parroco passò di fronte alla sua casa tenendosi al largo.
"Pensai non avesse ricevuto il mio messaggio "disse.
Invece Padre Amador mi confessò molti anni dopo,già ritirato dal mondo nella
tenebrosa Casa di Salute Calafell ,che effettivamente aveva ricevuto il messaggio di
Clotilde Armenta...

inviato il 18/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

:(

A Gabriel Garcia Marquez, Nobel per la Letteratura anno 1982 :a colui che non è piu' di questo mondo...

La principessa che credeva nelle favole

immagine copertina
Marcia Grad Powers
La principessa che credeva nelle favole
Tradotto da Alessandra De Vizzi
Edizione Piemme 2014
10 righe da pagina 184:

La principessa ripensò a tutti gli anni in cui aveva cercato di apparire perfetta e di fare ogni cosa alla perfezione.
"Vorresti dire che io sono sempre stata perfetta?"
"Esatto! Tu sei una parte di tutto ciò che è, e ciò che è, è perfetto nella sua cosiddetta imperfezione."
"Che ne dici del fatto che sono troppo delicata, sensibile e timorosa, e sogno cose che con ogni probabilità non si realizzeranno mai? E la mia lista di elementi a favore e contrari?"
"Quando accetti il miracolo di chi sei e ami te stessa senza condizioni, cambiare le cose che devono essere modificate ti risulta molto più facile. Alcuni aspetti che hai sempre pensato di dover cambiare perché li giudicavi tue mancanze, veri e propri nemici, in realtà sono stati tuoi fedeli servitori. E' grazie a loro che sei chi sei, una creatura unica e perfetta, diversa da chiunque altro venga prima o dopo di te."

inviato il 17/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Anche tu brutto periodo...spero ti aiuti come ha aiutato me.
Sotto al titolo c'é scritto "Come liberarsi del proprio principe azzurro", letto questo ho pensato potesse aiutarmi a stare meglio :)

Grazie, allora fa per me. Lo sto provando sulla mia pelle.

Molto bello, ma soprattutto di aiuto, specie se una persona ti lascia o sei sfiduciata...e ti senti perduta, questo libro aiuta molto. Io stò rileggendo alcune parti ogni giorno.
Se avessi modo di conoscere l'autrice la ringrazierei di persona ^^''

deve essere bello, ce l'h e spero di leggerlo presto!!

Io ho trovato questo libro come il miglior amico che si possa avere nel momento del bisogno :)

Gioco - Chi eravate nella vita passata?

immagine copertina
Lo Zoo di 105
Gioco - Chi eravate nella vita passata?
Lo Zoo di 105

Giochiamo?
Abbiamo trovato questo bellissimo gioco nella Pagina fan di "Lo Zoo di 105". Il nome dell'autore non era indicato ma ci complimentiamo per la genialità.
Il 70% di voi lettori di 10 Righe dai libri non è iscritto su FB e per questo pubblichiamo qui il gioco... è divertente e non potevamo non condividerlo con voi.
: ))
Vi giriamo la domanda:

Chi eravate nella vita passata?
10 Righe dai libri era FILOSOFO...
Cliccate l'imagine per vedere meglio le lettere.
.
.
.
- sito web http://ilsitodellozoo.com/
- pagina FB: Lo Zoo di 105 https://www.facebook.com/THE105ZOO/

inviato il 16/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

L' eremita...

Pescatore....O__o

Seconda, cantante. E ora sono stonata come una campana! ahahahahaha

La seconda parola...contadino...+modello ,mi piace !!!

- Emma le tue pitture sicuramente erano frasi in 10 righe :))

Le notti bianche

immagine copertina
Fedor Dostoevskij
Le notti bianche
Tradotto da Giulia Gigante
Einaudi 2010
10 righe da pagina 119:

E' già da molto tempo che ci penso: perché non possiamo essere tutti come fratelli? Perché l'uomo, anche il migliore, cela sempre qualcosa, tace sempre qualcosa al fratello? Perché non dire subito, apertamente, quello che si ha nel cuore se le proprie parole non sono gettate al vento? Ognuno si mostra molto più duro di quanto non sia realmente, come se temesse di offendere i propri sentimenti rivelandoli troppo presto...

inviato il 14/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Non devi inviarla, spetta solo a chi vince i segnalibri della settimana :)

Dimenticavo di chiedere una cosa importante. Devo mandare un'altra email entro lunedì con le mie righe preferite della settimana? O deve farlo solo chi vince la classifica settimanale?

Grazie ancora! Invierò subito l'indirizzo...

Ciao, le tue 10 righe sono state scelte dallo staff come le migliori della settimana, ti aggiudichi un libro incentivo! Per riceverlo invia un tuo recapito a libroincentivo@10righedailibri.it

Le città invisibili

immagine copertina
Italo Calvino
Le città invisibili
Tradotto da Presentazione dell'autore con uno scritto di Pier Paolo Pasolini
Oscar Mondadori 2012
10 righe da pagina 63:

Le città e gli scambi

Eutropia è non una ma tutte questa città insieme; una sola è abitata, le altre vuote; e questo si fa a turno. Vi dirò ora come. Il giorno in cui gli abitanti di Eutropia si sentono assalire dalla stanchezza, e nessuno supporta più il mestiere, i suoi
parenti, la sua casa e la sua via, i debiti, la gente da salutare o che saluta, allora la cittadinanza decide di spostarsi nella città vicina e che è li ad aspettarli, vuota e come nuova, dove ognuno prenderà un altro mestiere, un'altar moglie, vedrà un
altro paesaggio aprendo la finestra, passerà le sere in altri passatempi amicizie maldicenze.
Così la loro vita si rinnova di trasloco in trasloco, tra città che per l'esposizione o la pendenza o i corsi d'acqua o i venti si presentano ognuna con qualche differenza dalle altre.

inviato il 09/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie a tutti! !!! felice settimana ed auguri di Buona Pasqua,Naty

Ciao Natalina!!! Questa settimana le tue 10righe sono risultate le più segnalibrate
Hai vinto un libro incentivo!
Lunedì prossimo ricorda di inviare una mail a libroincentivo@10righedailibri.it indicandoci il tuo indirizzo e le 10righe che preferisci tra quelle postate da oggi a domenica 20 aprile

Col corpo capisco

immagine copertina
David Grossman
Col corpo capisco
Tradotto da Alessandra Shomroni
Oscar Mondadori 2014
10 righe da pagina 98:

Cosi, senza rendersene conto, ha formulato il motivo della sua sofferenza: ogni cosa che Elisheva fa con me, dice a Esti, le ricorda quello che fa laggiù, o non fa laggiù, con Paul. Io fatico a capire come lei possa sopportare tutto questo. Paul fa capolino da ogni tazza di caffè che beviamo insieme, da ogni sorriso che lei mi rivolge, [...] e, naturalmente, ogni volta che fa l'amore con me e pensa a lui, ogni volta che sta attenta a non toccarmi in un modo che lui le ha insegnato, e anche ogni volta che la tocco io, pensa, in ogni punto del corpo che tocco o bado a non toccare per via di quell'uomo, e quando sto attento a non baciarla e a non lasciarle un segno sul collo, o sui seni, per non vedere il modo in cui lei si ritrae, non perché io le faccia male ma per l'istinto di nascondere cose del genere, ormai radicato in lei. [...] Ah, che bella vita avremmo potuto avere; facile, felice, senza complicazioni. La vita che volevo tanto e a cui ero così vicino...

inviato il 08/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie, a dire il vero Che tu sia per me il coltello non è tra i miei preferiti. Mi è piaciuto molto Qualcuno con cui correre invece.:)

Ciao Elena, lo sto leggendo ora. É diviso in due parti, ho letto giá la prima storia e mi è piaciuta molto. Mi piace come Grossman descrive i sentimenti, gli stati d'animo dei suoi personaggi. Se hai apprezzato "Che tu sia per me il coltello", secondo me ti piacerá anche questo ;).

Ciao Moni, come è? E' nella mia lista

Voltati e sorridi

immagine copertina
Jonathan Tropper
Voltati e sorridi
Garzanti Editore
10 righe da pagina 22:

"Mentre ci accingiamo a compiere i primi passi nel mondo degli adulti, la nostra unica certezza è l'incertezza... Alla fine diventeremo la somma delle nostre scelte e dei nostri errori... Possiamo già vedere questa vita che ci è così cara mentre sbiadisce alle nostre spalle, e che un giorno riscopriremo sotto forma di ricordi da condividere con i nostri figli... bla bla bla... i legami che abbiamo stretto, le lezioni che abbiamo appreso, le esperienze che ci accomunano..." eccetera eccetera, fino alla nausea.

inviato il 08/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao, ho scelto le tue righe tra quelle della settimana scorsa (in quanto vincitrice della settimana precedente) perché mi sono particolarmente piaciute.
Comunica il tuo indirizzo per la spedizione del libro allo staff scrivendo a: libroincentivo@10righedailibri.it
buona lettura!

Fabio benvenuto :)

Le braci

immagine copertina
Sándor Márai
Le braci
Adelphi
10 righe da pagina 139:

Gli uomini contribuiscono al loro destino, a determinare certi eventi. Invocano il loro destino, lo stringono a sé e non se ne separano pur sapendo fin dall'inizio che il loro modo di agire porterà a risultati nefasti. L'uomo e il suo destino si realizzano reciprocamente modellandosi l'uno sull'altro. Non è vero che il destino s'introduce alla cieca nella nostra vita: esso entra dalla porta che noi stessi gli abbiamo spalancato, facendosi da parte per invitarlo ad entrare.

inviato il 08/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Edizione di marzo 2008...

Grazie Viviana :) anno di edizione?

Ah,comunque per essere precisi il romanzo è stato tradotto dalla Hungarian Book Foundation ed è a cura di Marinella D'Alessandro... Mi ero dimenticata d'inserire il traduttore!! Comunque grazie ancora...

Grazie, provvedo a inviare l'indirizzo e se ho capito bene il regolamento le mie righe preferite di questa settimana...

Ciao le tue righe sono state scelte dalla redazione e per questo hai vinto un libro. Ci devi comunicare un indirizzo a cui inviarlo
libroincentivo@10righedailibri.it
Complimenti

STORIA DI UNA CAPINERA

immagine copertina
GIOVANNI VERGA
STORIA DI UNA CAPINERA
Newton Compton Editori
10 righe da pagina 29:

Avevo visto una povera capinera chiusa in gabbia: era timida, triste, malaticcia; ci guardava con occhio spaventato; si rifuggiava in un angolo della sua gabbia, e allorché udiva il canto allegro degli altri uccelletti che cinguettavano sul verde del prato o nell’azzurro del cielo, li seguiva con uno sguardo che avrebbe potuto dirsi pieno di lagrime. Ma non osava ribellarsi, non osava tentare di rompere il fil di ferro che la teneva carcerata, la povera prigioniera. Eppure i suoi custodi, le volevano bene, cari bambini che si trastullavano col suo dolore e le pagavano la sua malinconia con miche di pane e con parole gentili. La povera capinera cercava rassegnarsi, la meschinella; non era cattiva; non voleva rimproverarli neanche col suo dolore, poiché tentava di beccare tristamente quel miglio e quelle miche di pane; ma non poteva inghiottirle. Dopo due giorni chinò la testa sotto l’ala e l’indomani fu trovata stecchita nella sua prigione.

inviato il 06/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

anno 2013 :D

Partecipo al Giuoco domenicale #56: Righe siciliane http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-56-righe-siciliane

Il giorno della civetta

immagine copertina
Leonardo Sciascia
Il giorno della civetta
Corriere della Sera su licenza Adelphi Edizioni 2002
10 righe da pagina 39:

Il confidente di S. rischiava la vita: una cosca o l’altra, con un colpo doppio a lupara o con una falciata di mitra (anche nell’uso delle armi le due cosche facevano differenza), un giorno lo avrebbe liquidato. Ma tra mafia e carabinieri, le due parti tra cui muoveva il suo azzardo, la morte poteva venirgli da una sola parte. Da questa parte non c’era la morte, c’era quest’uomo biondo e ben rasato, elegante nella divisa; quest’uomo che parlava mangiandosi la esse, che non alzava la voce e non gli faceva pesare disprezzo: e pure era la legge, quanto la morte paurosa; non, per il confidente, la legge che nasce dalla ragione ed è ragione, ma la legge di un uomo, che nasce dai pensieri e dagli umori di quest’uomo, dal graffio che si può fare sbarbandosi o dal buon caffè che ha bevuto, l’assoluta irrazionalità della legge, ad ogni momento creata da colui che comanda, dalla guardia municipale o dal maresciallo, dal questore o dal giudice; da chi ha la forza, insomma.

inviato il 06/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

;) no problem!

Hai ragione, ho confuso il post :)

L'avevo pubblicato sotto al post del gioco alle 14.58. Comunque l'ho ripubblicato.

Grazie Massimo ;)
Staff, a me compare tutto perfettamente, l'avevo scritto appena pubblicato. Sono appena dopo natalina maio che ha postato il gattopardo.

Vera devi scrivere il link delle tue 10 righe nel giuoco http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-56-righe-siciliane

Il Gattopardo

immagine copertina
Tomasi di Lampedusa
Il Gattopardo
Tradotto da /
Feltrinelli 1971
10 righe da pagina 97:

Don Fabrizio continuava ad esaltare Tancredi:trascinato dall'affetto parlava di lui
come di un Mirabeau:ha cominciato presto ed ha comiciato bene; la strada
che farà non è molta."La fronte liscia di Angelica si chinava nell'assenso;
in realtà all'avvenire politico di Tancredi non badava. Era una delle molte ragazze
che considerano gli avvenimenti pubblici come svolgentisi in un universo
separato e non immaginava neppure che un discorso di Cavour potesse con
l'andar del tempo,attraverso mille ingranaggi minuti, influire sulla vita di lei e mutarla.
Pensava in siciliano"Noi avremo il 'frumento' e questo cvi basta;che stra e che strada !"
Ingenuità giovanili queste, che essa doveva in seguito rinnegare quando,nel corso
degli anni divenne delle piu' viperine di Montecitorio e della Consulta.

inviato il 06/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo al giuoco http://scrivi 10righedailibri./it- giuoco domenicale 56-righe-siciliane

Naty, qui devi scrivere partecipo al giuoco http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-56-righe-siciliane

Partecipo al giuoco domenicale 56 righe siciliane + link http://scrivi.10righedailibri.it/il-gattopardo-8

Privo di titolo

immagine copertina
Andrea Camilleri
Privo di titolo
Sellerio editore Palermo 2005
10 righe da pagina 282:

Un fotomontaggio. Una sollenne pigliata pi fissa. Una cosa che lo potiva cummigliari di ridicolo. Mussolini […] telefonò al segretario politico di Catania. Della missione che gli affidava nisciuno doviva sapiri nenti, pena la galera a vita. Il federale Crescimone si partì da solo con la so macchina, sbagliò quattro volte strata […]. Finalmenti vitti a dù ca scinnivanu intabarrati e li fermò. […]
- Dov'è Mussolinia? - fece voci il federale.
- Mussolini a Roma è – disse uno.
E si misero a curriri, scomparendo nella neglia. Comu Dio vosi, il federale doppo un'ora di gira ca ti rigira, scoprì la radura. Completamente vacante, sterpi, piante serbagge, àrbori caduti che marcivano. Mussolinia non esistiva. O almeno, esistiva ma in fotografia.
Quando il Duce lo vinni a sapiri, ordinò al segretario del partito che tutti i gerarchi in un raggio di cinquanta chilometri torno torno a Caltagirone dovivano andarsela a pigliari in quel posto.

inviato il 06/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Moni devi scrivere il link delle tue 10 righe nel gioco http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-56-righe-siciliane

Partecipo al Giuoco domenicale #56: Righe siciliane + link http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-56-righe-siciliane

Poesie scelte

immagine copertina
Salvatore Quasimodo
Poesie scelte
Guanda 1961

' LETTERA''

Questo silenzio fermo nelle strade,

questo vento indolente che ora scivola

basso tra le foglie morte o risale

ai colori delle insegne straniere...

forse l'ansia di dirti una parola

prima che si richiuda ancora il cielo

sopra un'altro giorno, forse l'inerzia,

il nostro male più vile... La vita

non è in questo tremendo, cupo, battere

del cuore, non è pietà, non è più

che un gioco del sangue dove la morte

è in fiore. O mia dolce gazzella,

io ti ricordo quel geranio acceso

su un muro crivellato di mitraglia.

O neppure la morte ora consola

più i vivi, la morte per amore?

SALVATORE QUASIMODO

inviato il 06/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

ieri avevo scritto i link ma ho visto che è successo qualcosa per cui sono spariti

http:/scrivi.10righedailibri.it/giuoco domenicale-56 righe siciliane Quasimodo poesie scelte

Emma devi scrivere il link delle tue 10 righe nel gioco http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-56-righe-siciliane

http://scrivi.10 righedailibri.it/giuoco domenicale-56 righe siciliane Il consiglio d'Egitto Sciascia

GIUOCO DOMENICALE #56: Righe siciliane

immagine copertina
10righedailibri
GIUOCO DOMENICALE #56: Righe siciliane
10righedailibri

Giuoco domenicale #56
Per partecipare a questo giuoco dovete postare 10 righe scritte da un autore siciliano.
Fino alle 22:00 di domenica 6 aprile 2014.
1) Scrivi in bacheca le tue 10 righe e aggiungi un’immagine secondo te rappresentativa o la foto della copertina, titolo, autore, anno e numero della pagina da cui hai tratto le tue 10 righe. Sono ammesse anche poesie, saggi, ecc.
2) Scrivi nei commenti commento sotto le tue 10 righe: Partecipo al Giuoco domenicale #56: Righe siciliane + link http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-56-righe-siciliane
3) Scrivi sotto questo post un commento “partecipo con link delle tue 10 righe (copialo cliccando il titolo).
È possibile partecipare più volte con 10 righe tratte dagli stessi libri e da libri diversi.
INCENTIVI
-1 libro incentivo per le 10 righe più segnalibrate.

inviato il 06/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo al giuoco domenicalehttp://scrivi.10righedailibri.it/il-gattopardo-8

© 10righedailibri 2012

partner tecnologico