Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

La masseria delle allodole

immagine copertina
Antonia Arslan
La masseria delle allodole
Tradotto da Ag.Letteraria Robert Santachiara
BUR extra 118

Azniv sorride di se stessa e del tenente Djelal che l'amava,e che è scomparso csì improvvisamente;adesso capisce i discorsi di lui,la frenesia di portarla lontano.Ora provvida,combattiva,dispone per il piccolo gruppo dei familiari viventi.Non c'è che la cuoca,Araxy,per aiutarla;e Madame Nevart che piagnucola sottovoce in un angolo.Le fiamme danzano nel suo cuore,che diventa più forte a ogni minuto che passa, nutrendosi della debolezza degli altri.Si sente la figlia d'Armenia,l'eroina delle leggende .
Lei li salverà,ha la forza e il coraggio per farlo.
"Ora tu ragazza Azniv,tu lascerai le tue ossa danzare al vento dei morti per salvare i bambini,e Shushanig;tu ti offrirai al soldato e al cavaliere curdo,tu riderai follemente,drappeggiata nella pezza di seta rossa con le rose di velluto e fili d'oro zecchino,quella che ti mandò Zareh per la festa di Pasqua..

inviato il 23/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Antonia Arslan -Padova 1938 -(di origini armene)da Wikipedia-

...tu eroica,generosa creatura che ti lascerai infine morire,contaminata,ad Aleppo con la pesante traccia ancora viva giù per le spalle,avendo compiuto la tua missione...

Lettere a Lucilio

immagine copertina
Seneca
Lettere a Lucilio
Tradotto da Enrico De Negri
Fabbri 1996
10 righe da pagina 29:

Fa’ così, caro Lucilio: renditi veramente padrone di te e custodisci con cura quel tempo che finora ti era portato via, o ti sfuggiva. Persuaditi che le cose stanno così come io ti scrivo: alcune ore ci vengono sottratte da vane occupazioni, altre ci scappano quasi di mano; ma la perdita per noi più vergognosa è quella che avviene per nostra negligenza. […] Fa’ tesoro di tutto il tempo che hai. Sarai meno schiavo del domani, se ti sarai reso padrone dell’oggi.

inviato il 23/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Flavia, mi fa piacere! :)

Bellissimo! L'ho letto anche io!! =)

Memorie di una ragazza perbene

immagine copertina
Simone de Beauvoir
Memorie di una ragazza perbene
Tradotto da Bruno Fonzi
Einaudi 2015
10 righe da pagina 292:

Ogni tanto guardavo gli altri lettori, e mi crogiolavo soddisfatta nella mia poltrona; tra quegli eruditi, quei dotti, quei ricercatori, quei pensatori, ero al mio posto. Non mi sentivo più affatto respinta dal mio ambiente: ero io che l'avevo abbandonato per entrare in questa società di cui qui vedevo una rappresentanza; una società in cui comunicavano tra loro attraverso lo spazio e i secoli tutti gli spiriti che s'interessavano alla verità. Anch'io partecipavo allo sforzo dell'umanità per sapere, per comprendere, per esprimersi: ero impegnata in una grande impresa collettiva, e non avrei mai più sofferto la solitudine. Che vittoria!

inviato il 19/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie =)

Ciao Flavia, le tue 10 righe sono state scelte da Natalina, quindi sei nella finale 10righe scelte da Voi utenti nella classifica di maggio.

memorie-di-una-ragazza-perbene (1)Queste sono le righe che ho scelto -
dal 16.maggio al 22 maggio.

Mrs Bridge

immagine copertina
Evan S. Connell
Mrs Bridge
Einaudi

Per un certo tempo dopo il matrimonio era stata oggetto di un tale desiderio, che non le dispiaceva quando finalmente il marito si addormentava. Ad un certo punto, però, lui aveva cominciato a dormire subito ed era allora che lei aveva preso a star sveglia più di frequente, e a fissare il buio, interrogandosi sulle peculiarità degli uomini, ponendosi dubbi sul futuro, fino a una notte in cui aveva scosso il marito per svegliarlo e comunicargli il PROPRIO desiderio. Magnanimo, lui le aveva messo una delle sue lunghe braccia bianche intorno alla vita; lei si era girata verso di lui, fremente di gioia e di aspettativa, fiduciosa. Ma non era successo altro, e in un attimo il marito si era riaddormentato.
Fu la notte in cui Mrs Bridge decise che se il matrimonio poteva anche essere un rapporto alla pari, l'amore non lo era.

inviato il 18/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Christian, nome del traduttore e anno di edizione del libro del libro da cui hai tratto le 10 righe? :)

La "Storia Universale del Matrimonio, vol. VI - il Novecento", in sole 20 righe. #EvanConnell @Einaudieditore …E dopo Mrs, a quando #MrBridge?

Nessuno dei due

immagine copertina
Lucia Vasini
Nessuno dei due
Baldini & Castoldi 2015
10 righe da pagina 221:

Sono sempre stata attratta dalla figura di Anton Čechov, immenso scrittore di teatro del Novecento, e medico, le sue commedie hanno ispirato grandi personaggi come Woody Allen, Lee Strasberg.
Quando frequentavo il liceo a Ravenna, andavo spesso alla biblioteca Classense, un posto meraviglioso, pieno di portici, scale enormi, quadri, mi mettevo in un angolo vicino a una finestra che dava sul giardino e leggevo le lettere tra Čechov e Olga Knipper (prima attrice del teatro dell’arte diretto da Stanislavskij). Invece di studiare le materie scolastiche, amavo leggere questo epistolario e i sonetti di Shakespeare. Ero affascinata dal loro amore e dal loro lavoro e sognavo a occhi aperti, sognavo di fare il medico per aiutare gli altri e l’attrice in un grande teatro, non capivo come mai potessi avere quel genere di sogno. Čechov era un medico che professava e nel tempo rimanente si dedicava all’arte dello scrivere.

inviato il 17/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Thanks!

;)

Ciao Vera, le tue 10 righe sono nella finale di maggio... 10righe scelte dalla redazione.

Lucia Vasini, Ravenna, 15 dicembre 1955.
Libro incentivo, grazie allo staff e alla Baldini & Castoldi :)

Dall'Italia ,diari,poesie,saggi e racconti

immagine copertina
Hermann Hesse
Dall'Italia ,diari,poesie,saggi e racconti
Tradotto da Eva Banchelli Enrico Gianni
Oscar Mondadori 1990
10 righe da pagina 248:

Canto di viaggio
Sole, illumina il mio cuore
vento ,disperdi ansie e dolori!
Non conosco gioia piu' profonda
del peregrinare in paesi lontani.
Seguo il percorso della pianura,
il sole mi accenda,il mare mi rinfreschi
perché vibri in me la vita della terra.
festosamente schiudo tutti i sensi.
Che ogni nuovo giorno
mi rechi fratelli .amici nuovi,
finché ,senza soffrire ,lodare ogni energia,
e d'ogni stella saprò essere ospite e amico.

inviato il 16/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Hermann Hesse -" Luglio 1877 -Calw Germania -9 Agosto 1962 -Montagnola -Svizzera

certamente,grazie!!!

Ciao Natalina, le tue 10 righe sono nella finale settimanale di maggio. Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono partendo da oggi 23 maggio a domenica 29 maggio, riportando qui nei commenti il link.

Esercizi preparatori alla melodia del mondo

immagine copertina
Maurizio Crosetti
Esercizi preparatori alla melodia del mondo
Baldini&Castoldi 2016
10 righe da pagina 8:

Quel silenzio è uno schiaffo in faccia nel vuoto delle strade.
Lui sente cigolare le ruote del carrello. Un pianoforte agganciato a una bicicletta agganciata a un uomo. Non si vede tutti i giorni, una scena così. Ha lasciato l'auto a un paio di chilometri dal teatro. Non ha navigatore, il suo unico spartito sono le mappe di carta. Per tutto il resto va a memoria. Con la musica si può essere tristi o fingere di esserlo. Si può persino immaginare di essere contenti senza esserlo. Si possono impressionare le ragazze, tre minuti jazz fanno miracoli: reggere il ritmo dopo, è il problema di tutti. Il suo problema, in particolare, è la noia del quarto minuto.

inviato il 16/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Giovanni, abbiamo inviato i tuoi ringraziamenti all'editore :)

Libro incentivo, grazie allo Staff e all'editore :)

Maurizio Crosetti (Torino, 14 maggio 1962)

Metaphoria

immagine copertina
Rubin Battino
Metaphoria
Crown House Publishing 2002
10 righe da pagina 242:

Acting as if you were stressed brings out the same reactions as actually being in a stressful situation. This is why you do not quiz a friend or a relative about her recent divorce or heart attack. She will relive, both emotionally and physically, the stresses of that event while she is talking about it. The relating of an incident, the recalling of the memory "tricks" both the mind and the body into reliving that experience. [...] We are what we think, and we are our (mutable) memories.

inviato il 13/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

infatti così faremo... :) Grazie!

Purtroppo non c'è da nessuna parte (nemmeno sul libro e nemmeno cercando con Google). Penso che il modo migliore per scoprirlo sia scrivere una breve mail all'autore

L'abbiamo visto ma non c'è scritto...

No, ma il suo sito internet ufficiale è questo: http://www.rubinbattino.com/

Sai la data e il luogo di nascita dell'autore?

La città incantata

immagine copertina
Nelson Bond
La città incantata
Tradotto da Luigi Cozzi e Walter Saudi
Libra Editrice 1981
10 righe da pagina 11:

C'era per esempio quello strano modo di parlare detto la «voce-senza-parole», che Meg imparò a definire più pro-priamente «scrittura». Apparentemente era una magia facile da fare, alme-no quando era la Madre a compierla. Ma la sottile bacchettina, che si muo-veva con tanta facilità fra le dita esperte della madre, si impuntava e scivo-lava con facilità, e lasciava delle macchie scure come la notte sulla pelle, quando era invece Meg che tentava di tracciare quella ragnatela di segni curiosi.
Meg capì anche che quelle strane righe ondulate non erano casuali o pri-ve di significato. Ogni linea era composta di «frasi», ogni frase di «parole» e ogni parole di «lettere». Ogni lettera aveva un suono, ed ogni insieme di lettere formava un «suono» o parola.
Le lettere erano strane, e creavano facilmente confusione. Una lettera a sé stante, fuori dal suo posto, cambiava infatti del tutto significato di una parola; altre volte, invece, stravolgeva l'intero significato di una frase. Ma Meg voleva imparare e aveva una grandissima forza di volontà...

inviato il 11/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Staff! ;)

Ciao Vera, le tue 10 righe sono nella finale di maggio... 10righe scelte dalla redazione.

Nelson Bond, 23 novembre 1908

Hotel Sacher

immagine copertina
Monika Czernin
Hotel Sacher
Tradotto da Mario Izzi
Edt 2015
10 righe da pagina 22:

Un albergo è sempre anche un palcoscenico e gli attori sono il personale e gli ospiti. […] E’ un luogo in cui il tempo ti sfila davanti con le sue mode, i suoi toni impertinenti e delicati, con le sue metamorfosi, la sua superficialità che cela gelosamente la complessità. Assistere allo spettacolo che circonda la vita di Anna Sacher, farne rivivere i singoli atti e così scoprire alcuni segreti ben nascosti è lo scopo di questo libro. […] All’Hotel Sacher fece la sua comparsa un’epoca in mutamento. Alla regia una donna degna di nota: Anna Sacher.

inviato il 09/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Alessandro :)

Questo libro me lo ritrovo sempre davanti in qualsiasi libreria io entri. Prima o poi lo leggerò :)

N.B. Il numero corretto della pagina è XXII nell’introduzione della stessa autrice, ma siccome il sistema informatico permette di scrivere solo i numeri ho riportato p. 22.
Monika Czernin (Klagenfurt 1965-) giornalista, saggista e scrittrice.

Equazione di un amore

immagine copertina
Simona Sparaco
Equazione di un amore
Giunti editore 2016
10 righe da pagina 318:

Dopo aver passato una vita a progettare, organizzare, razionalizzare, negli ultimi tempi ha capito, ancora più consciamente, che deve solo assecondare quello che il cuore chiede. Di recente l'ha convinta a rileggere per la seconda volta "Il lupo nella steppa" e andava ogni sera a letto più tranquilla. Quel giorno le aveva chiesto di fermarsi, di chiamare con l'interfono la sua segretaria e di chiederle di far partire dalle casse una musica.
Ora sta spiegando alla donna come si fa. Le indica dove poterla trovare nel suo archivio digitale: si tratta del Larghetto dal Concerto numero due di Chopin, eseguito dal maestro Barenboim.
Mentre le prime note s'irradiano nella sala conferenze, la segretaria porge a Lin Yu una tazza di "kopi" fumante e si allontana con un inchino.Negli ultimi tempi, Lin Yu
si concede spesso di osare,di lasciarsi coccolare anche sul posto di lavoro.
Quel luogo in fondo le appartiene. E ascoltare Chopin, guardando Singapore da così in alto, nell'illusione di dominarla, di poter dominare la vita che scorre frenetica nelle sue arterie, è qualcosa che la riempie.

inviato il 09/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

memorie-di-una-ragazza-perbene (1) queste sono le righe che ho scelto
dal 16 maggio al 22 maggio -naty

Grazie a tutti!naty

Ciao Natalina, le tue 10 righe sono nella finale settimanale di maggio. Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono partendo da oggi 16 maggio a domenica 22 maggio, riportando qui nei commenti il link.

Il tesoro dei Marvel

immagine copertina
Brian Selznick
Il tesoro dei Marvel
Tradotto da Loredana Baldinucci
Mondadori 2016
10 righe da pagina 406:

Pesanti tende di velluto scendevano ai due lati della finestra, come un sipario. Joseph ebbe la sensazione che qualcuno avesse preso un paio di forbici e tagliato il tessuto, scostando i lembi per rivelare un mondo ottocentesco nascosto, in attesa, sotto la gelida superficie del Ventesimo secolo. Era meglio di qualsiasi cosa lui e Tic avessero potuto immaginare, e per un breve, stranissimo istante, Joseph penso di essere davvero tornato indietro nel tempo, o di essersi imbattuto in un portale che conduceva nel passato. Naturalmente, sapeva che era una fantasia… i viaggi nel tempo non erano possibili; esistevano solo nei libri e nei film. Ma non aveva mai visto niente del genere prima di allora. Né lo aveva mai provato. L’esperienza più simile che ricordava era quando lui e Tic si immergevano insieme in un libro. A volte si sentivano pervadere da una strana sensazione mentre correvano fra le pagine e le parole svanivano, e si ritrovavano nel bel mezzo di Oz, o di Narnia, o nelle Ande, o in Africa, dove tutto era reale, intenso e vivo.
Le storie sapevano fare tutto questo.

inviato il 02/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Giovanni! :))

Ciao, ho scelto le tue 10righe :)

Brian Selznick, 14 luglio 1966

Il piccolo principe

immagine copertina
Antoine de Saint Exupéry
Il piccolo principe
Tradotto da Nini Bompiani Bregoli
Bompiani 1998
10 righe da pagina 100:

Quando ero piccolo abitavo in una casa antica, e la leggenda raccontava che c’era un tesoro nascosto. Naturalmente nessuno ha mai potuto scoprirlo né forse l’ha mai cercato. Eppure incantava tutta la casa. La mia casa nascondeva un segreto nel fondo del suo cuore…”

inviato il 02/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :-)

Vi sono grato per la lieta notizia! Sono onorato soprattutto in quanto è la prima volta che mi capita di arrivare primo nella settimana e ci tengo a ringraziare coloro che hanno espresso una preferenza per il volume che ho presentato!

Per quanto riguarda le 10 righe scelgo “Non esiste saggezza” inserito da Alessia S.: http://scrivi.10righedailibri.it/non-esiste-saggezza-3

Ciao Alessandro, le tue 10 righe sono nella finale settimanale di maggio. Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono partendo da oggi 9 maggio a domenica 15 maggio, riportando qui nei commenti il link.

La condanna del sangue - La primavera del Commissario Ricciardi

immagine copertina
Maurizio de Giovanni
La condanna del sangue - La primavera del Commissario Ricciardi
Fandango Libri 2008
10 righe da pagina 247:

Chi dice, pensava il dottore, che i sogni non hanno potere sulla realtà? Tu sei stato bene, finché non hai sognato. Hai passato momenti più o meno buoni: hai fatto tre figli, li hai tenuti in braccio, ci hai giocato e scherzato. Lavorando di giorno e qualche volta di notte, hai fatto sempre in modo che mangiassero e bevessero a sufficienza.
Hai tenuto la tua donna tra le mani, in abbracci forti e dolci. Ci hai fatto l'amore, guadagnandoti un piccolo pezzo di paradiso. Sei uscito con la pioggia e con il sole, hai cantato e forse pianto, hai sentito il primo profumo dei fiori e della neve. Hai conosciuto occhi neri e occhi azzurri, hai visto il cielo e la luna. Qualche volta hai avuto sete e nessuno ti ha negato un bicchiere d'acqua fresca. Poi, pensò Modo, hai sognato. E da quel giorno la tua felicità non ti è bastata più, hai deciso di cominciare a salire. Ma. dimmi: a parte la fatica della salita, chi ti ha fatto credere che in cima saresti stato meglio?

inviato il 02/05/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Buongiorno Emma, vale la pena leggere de Giovanni, io l'ho scoperto da poco e questo è il secondo libro che leggo. Ieri ne ho comprato un altro, sempre sul Commissario Ricciardi

bello ! non conoscevo questo libro, mi intriga !

Il paradiso dell'uomo

immagine copertina
Karl Adolph Gjellerup
Il paradiso dell'uomo
Tradotto da Carlo Picchio
Mondadori 1971
10 righe da pagina 45:

Rilesse la notizia. Sì, doveva essere avvenuto così. Il nome di lui non era ricordato neppure una volta. Si sentì in preda all’angoscia. Come avrebbe, lui, accolto quella notizia? Lui che diceva d’essere nato con la camicia del vincitore! Lo vedeva camminare su e giù sul tappeto rosso di quella casa, livido per la collera. Effettivamente egli non aveva, finora, mai incontrato opposizioni. Tutto gli era sempre andato bene. E adesso, in quest’occasione, era solo; senza nessuno su cui riversare la piena del suo malumore.

inviato il 30/04/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Cristina, le tue 10 righe sono nella finale di aprile. 10 righe scelte da Voi utenti.

Grazie Giovanni! Sono contenta ti siano piaciute :)

Ciao ho scelto le tue 10Righe :)

Grazie Emma, ho trovato tante vecchie edizioni perché sto mettendo ordine nello studio di mio padre e ci sono tantissimi libri

passaggio significativo e interessante. Brava a ritrovare questa edizione !

I "passages" di Parigi

immagine copertina
WALTER BENJAMIN
I "passages" di Parigi
Tradotto da Vari
Einaudi 2000
10 righe da pagina 12:

L'"interieur" non è solo l'universo, ma anche la custodia del privato cittadino. Abitare significa lasciare tracce, ed esse acquistano, nell'"interieur", un rilievo particolare. Si inventano fodere e copertine, astucci e custodie in quantità, dove si imprimono le tracce degli oggetti d'uso quotidiano. Anche le tracce dell'inquilino s'imprimo nell'interieur; [...]

inviato il 27/04/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! abbiamo integrato le 10 righe :)

Anno di edizione: 2000

Curatore: Rolf Tiedemann.
Edizione italiana a cura di Enrico Ganni.
Traduzione in italiano ad opera di Renato Solmi, Antonella Moscati, Massimo De Carolis, Giuseppe Russo, Gianni Carchia e Francesco Porzio.

Suite francese

immagine copertina
Irene Nimerovsky
Suite francese
Tradotto da Laura Frausin Guarino
Adelphi 2005
10 righe da pagina 273:

Che belle uniformi!
"E quanto mi piacerebbe una giacca a ricami d'oro come questo ussaro!"
"Assaggi questi dolci, mein Herr Sono fatti in casa".
L'ufficiale levò lo sguardo verso di lei e sorrise.
"Ha mai sentito parlare,signora,di quei cicloni che infuriano i mari del Sud?Se ho ben capito quello che ho letto, formano una specie di cerchio costellato di tempeste
tempeste lungo il centro immobile, tanto che un uccello o una farfalla che si trovassero nel cuore dell'uragano non ne soffrirebbero affatto,le loro ali non ne riporterebbero il minimo danno,mentre tutt'intorno si scatenerebbero le peggiori devastazioni. Guardi questa casa! guardi noi stessi mentre gustiamo il vino di Frontignan e biscottini e pensi a quello che sta succedendo nel mondo!"

inviato il 25/04/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!!!

Ciao Natalina sei nella classifica 10righe scelte dalla redazione di aprile.

Due

immagine copertina
Irène Némirovsky
Due
Tradotto da Tiziana Merani
Newton Compton Editori 2015
10 righe da pagina 35:

Il vecchio Carmontel spense le luci, entrò nella biblioteca per cercare un libro da portare con sé e tenere sino al mattino. La scelta era già fatta e limitata a uno dei quattro o cinque classici che rileggeva di continuo, ma quel momento di piacere, lo faceva durare, esitava a lungo, sfiorava le rilegature con mano amorevole. Talvolta prendeva un volume a caso, non lo leggeva, ma lo apriva e lo respirava, come si annusa il bouquet di un vino, per rimetterlo poi nella giusta collocazione, e cercarne un altro. Infine, col libro sotto il braccio, entrò nella camera che divideva con la moglie e si infilò nel letto.

inviato il 25/04/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Queste le 10righe che ho scelto: http://scrivi.10righedailibri.it/il-tesoro-dei-marvel

Ok, grazie.

Ciao Giovanni sei nella classifica settimanale di aprile. scegli riportando qui nei commenti le 10 righe che più ti piacciono partendo da oggi 2 maggio a domenica 8 maggio.

Irène Némirovsky (Kiev, 11 febbraio 1903 – Auschwitz, 17 agosto 1942)

ruggine

immagine copertina
Anna Luisa Pignatelli
ruggine
Fazi 2016
10 righe da pagina 88:

Un testo scolastico delle scuole medie del figlio riportava passi di racconti epici, e Gina non riusciva a situare in alcun tempo e luogo quei personaggi e quelle vicende. Lei non sapeva di re, di battaglie, di conquiste, di scoperte e lo rimpiangeva. L'avevano resa cieca, sorda e muta privandola del sottile conforto dell'uomo istruito che, non sapendo dove va, almeno sa da dove viene, e si sente unito a quelli che lo hanno preceduto e parte anche lui della Storia.
Eppure al leggere quei brani Gina ne aveva tratto un senso di pienezza, sentendo la mente schiudersi come nei primi anni di vita, quando le parole da oscure e nebulose diventano di giorno in giorno più chiare e intellegibili.

inviato il 21/04/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

ma chissà quante altre belle scoperte sono possibili da qua a fine anno!
comunque sì...anch'io l'ho trovato piacevolmente singolare
grazie del commento!

questo lo considero il mio libro dell'anno !

Il mago di Oz

immagine copertina
Lyman Frank Baum
Il mago di Oz
Tradotto da Francesca Pacchiano
Newton Compton Editori 2015
10 righe da pagina 19:

Ma era chiaro che la donnina aspettava una risposta, così Dorothy disse, esitando: "Sei molto gentile, ma ci dev'essere un errore. Io non ho ucciso nessuno".
"L'ha comunque fatto la tua casa" replicò la vecchina ridendo "e quindi è lo stesso. Guarda!" continuò indicando l'angolo della casa. "Quelli che spuntano da sotto quel pezzo di legno sono i suoi piedi".
Dorothy guardò e lanciò un grido di paura. Proprio da sotto l'angolo della grossa trave su cui poggiava la casa spuntavano due piedi che indossavano delle scarpe d'argento appuntite.

inviato il 19/04/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :-)

Ho scelto queste 10Righe http://scrivi.10righedailibri.it/il-paradiso-delluomo

Ok, grazie.

Ciao Giovanni, sei nella finale settimanale di Aprile.
Ricordati di scegliere 10righe che più ti piacciono partendo da lunedì 25 aprile a domenica 30

Lyman Frank Baum, generalmente abbreviato in L. Frank Baum (Chittenango, 15 maggio 1856)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy