Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Atti osceni in luogo privato

immagine copertina
Marco Missiroli
Atti osceni in luogo privato
Mondolibri 2015
10 righe da pagina 48:

Feci due passi e mi avvicinai a lei, da Deauville la differenza di altezza si era assottigliata. La baciai sulla guancia. Così percepii cosa voleva dire sorprendere una donna. Dava un senso di compiutezza. E quando andai a compilare i moduli per il prestito mi accorsi che sì, stava accadendo, la soggezione nei confronti del femminile era meno pronunciata. I libri spostavano la mia gravità, e attuavano una legge: avevano iniziato a mettermi al mondo.

inviato il 26/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

:))

Oggi sul'agenda letteraria Libridinosa 2016 ci sono le 10 righe scelte da te :))

Grazieeeee!!! Rieccomi :-))

Sara, bentornataaa :))

Il visconte dimezzato

immagine copertina
Italo Calvino
Il visconte dimezzato
Mondadori 2002
10 righe da pagina 89:

Così mio zio Medardo ritornò uomo intero, né cattivo né buono, un miscuglio di cattiveria e bontà, cioè apparentemente non dissimile da quello ch’era prima di esser dimezzato. Ma aveva l’esperienza dell’una e dell’altra metà rifuse insieme, perciò doveva essere ben saggio. Ebbe vita felice, molti figli e un giusto governo. Anche la nostra vita mutò in meglio. Forse ci s’aspettava che, tornato intero il visconte, s’aprisse un’epoca di felicità meravigliosa; ma è chiaro che non basta un visconte completo perché diventi completo tutto il mondo.

inviato il 25/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Bene, grazie per avermi comunicato la notizia. Ringrazio inoltre la redazione per la scelta!

Ciao Alessandro le tue 10righe sono state scelte dalla redazione, sei nella classifica finale di luglio.

L'Ultimo Demone

immagine copertina
Mirco Tondi
L'Ultimo Demone
Autopubblicato 2016
10 righe da pagina 410:

Scomparsa la speranza, o meglio, l’illusione, ci si accorge che tutti hanno catene cui essere legati. Gli animali lo sono con il proprio istinto. I Demoni ai Vizi. Le divinità ai loro fedeli. Non c’è nessuno che sia completamente libero. Non c’è nessuno che non abbia una catena da portare.

inviato il 22/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao M.T. le tue 10righe sono state scelte da Voi utenti, sei nella classifica finale di luglio.

http://scrivi.10righedailibri.it/lultimo-demone -Queste sono le 10 righe da me scelte ...(dal 18 luglio al 24 luglio) ,un saluto ,naty

Titolo del libro: I grandi romanzi Piccole donne - Piccole donne crescono - Piccoli uomini I ragazzi di Jo - Un lungo, fatale inseguimento d’amore

immagine copertina
Louisa May Alcott
Titolo del libro: I grandi romanzi Piccole donne - Piccole donne crescono - Piccoli uomini I ragazzi di Jo - Un lungo, fatale inseguimento d’amore
Tradotto da Anna Maria Speckel, Dina Uccelli, Lucilla Rodinò, Stefania Di Natale, Monica Ricci, Maria Eugenia Morin
Newton Compton editori 2012
10 righe da pagina 69:

"Buon Natale, bambine! Sono contenta che abbiate cominciato subito e mi auguro che continuerete. Ma desidero dirvi una parola prima di sedere a tavola. Non lontano di qui si trova una povera donna ammalata con un bimbo appena nato. Sei bambini stanno rannicchiati in un letto per non morire di freddo perché sono senza fuoco. Non hanno nulla da mangiare e il ragazzo più grande è venuto a dirmi che soffrivano la fame e il freddo. Bambine mie, volete dar loro la vostra colazione come regalo di Natale?".
Avevano tutte un appetito straordinario avendo aspettato quasi un’ora, e per un attimo nessuna parlò; un attimo solo, perché subito Jo gridò con impeto:
"Sono felice che tu sia arrivata prima che cominciassimo!".
"Posso aiutare a portare queste cose a quei poveri bambini?", chiese Beth con premura.
"Io prenderò la panna e i pasticcini", continuò Amy, sacrificando eroicamente i dolci che più le piacevano.
Meg stava già preparando le focacce di granturco e ammucchiando il pane in un gran piatto.
"Ero sicura che l’avreste fatto", commentò la signora March con un sorriso di soddisfazione. "Ve

inviato il 18/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ok, Grazie.

Ciao Giovanni sei nella finale di luglio, 10 righe classifica settimanale. Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono, partendo da oggi 25 luglio a domenica 31.

Louisa May Alcott (Germantown, 29 novembre 1832)

Menzogna e sortilegio

immagine copertina
Elsa Morante
Menzogna e sortilegio
Einaudi

Il mio tempo e il mio spazio, e la sola realtà che m’apparteneva, eran confinati nella mia piccola camera. Io ero, difatti, venuta in possesso dell’ultima e piú importante eredità lasciatami dai miei genitori: la menzogna, ch’essi m’avevano trasmessa come un morbo. Veramente, i loro casi funesti, che nell’infanzia m’avevano tanto turbata, erano i piú adatti a immunizzarmi dal nostro morbo ereditario. Essi mi mostravano, infatti, la disumana, solitaria fine riserbata a chi rifiuta la sorte assegnatagli in questa vita; e si finge uno scenario e una compagnia di menzogne, eleggendole a sua sola verità. E partecipa ad esse, come un demente condotto a teatro, il quale si spaventa alla tragedia rappresentata, e urla vedendo la primadonna trafitta, e vuol precipitarsi sulla ribalta ad uccidere il tiranno. Ma il povero folle ha per sua giustificazione, se non altro, la propria inesperienza di finzioni e di teatri, o, quanto meno, il non aver lui medesimo assistito o cooperato all’allestimento dell’inganno.

inviato il 17/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

Benvenuto Yuri :)

L'ultimo cacciatore di libri

immagine copertina
Matthew Pearl
L'ultimo cacciatore di libri
Tradotto da Giulio Lupieri
Rizzoli - Ebook 2016
10 righe da pagina 64:

All’epoca lui stava scrivendo a ritmo forsennato i resoconti dei suoi viaggi avventurosi, e presto la sua incontenibile immaginazione lo spinse a passare ai romanzi. Ovviamente ci sono molti scrittori che, dopo aver firmato articoli, poesie, saggi o testi critici, prima o poi decidono di cimentarsi con un romanzo e falliscono perché non sanno quanta vita sia necessaria per animare quel genere. Ma Stevenson era diverso. Dalla sua penna scaturirono romanzi indimenticabili. Romanzi che nessuno si aspettava e che crearono nuovi mondi. Romanzi che gli fecero guadagnare una fortuna.Ovviamente ci sono molti scrittori che, dopo aver firmato articoli, poesie, saggi o testi critici, prima o poi decidono di cimentarsi con un romanzo e falliscono perché non sanno quanta vita sia necessaria per animare quel genere. Ma Stevenson era diverso. Dalla sua penna scaturirono romanzi indimenticabili. Romanzi che nessuno si aspettava e che crearono nuovi mondi. Romanzi che gli fecero guadagnare una fortuna.

inviato il 15/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Yeah!!! :)

Ciao Vera sei nella finale di luglio, 10 righe scelte dalla redazione.

Matthew Pearl, New York, 2 ottobre 1975

Moby Dick

immagine copertina
H.Melville
Moby Dick
Tradotto da A.Nutini
Marzocco 1957
10 righe da pagina 87:

Sì,anche Ismaele sognava ora di aiutare a uccidere l'odiata balena bianca.Il vecchio Tuono aveva ragione :occhio per occhio ,dente per dente!...Poi ,chi sa...?Ismaele,sognava di far fortuna.Chi è nato povero-pensava sorridendo a se stesso con la bella bocca carnosa e gioconda-deve morir ricco,e l'oro,la ricchezza,l opulenza potevano venir dalla balena bianca,a cominciar da quel doblone.
Non era anch'egli un marinaio del "Pequod",la barbara nave dai denti scintillanti...?
E il doblone,quando Ismaele passava vicino all'albero maestro pareva occhieggiare,strizzargli l'occhio come per dire:-Potrei essere anche tuo giovanotto!-Perfino Queequeg,pensava talvolta a lui "doblone luccicante" scherzava col giovane amico,gonfiando le narici e sgranando gli occhi.

inviato il 11/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

http://scrivi.10righedailibri.it/lultimo-demone. ...ho scelto queste 10 righe ,un saluto , naty

D'accordo!naty

Ciao Natalina sei nella finale di luglio, 10 righe classifica settimanale. Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono, partendo da oggi 18 luglio a domenica 24.

Hermann Melville nato a NewYork -US -1 Agosto 1819-
d.28 Settembre 1891 -NewYork

Quando ruggisce la notte

immagine copertina
Marcello Parsi
Quando ruggisce la notte
Youcanprint 2016
10 righe da pagina 18:

I Germani stavano scappando disordinatamente in tutte le direzioni, quando Tiburzio, che era salito su una vicina altura, attirò la mia attenzione:
"Console Marcello, presto! Guarda verso quegli alberi a sinistra! Velleda fugge a cavallo..."
Spronai immediatamente e mi lanciai al suo inseguimento. Non impiegai molto tempo a raggiungerla e per un breve tratto cavalcammo quasi affiancati. Mi accostai sempre di più e, appena possibile, le saltai addosso, travolgendola e scaraventandola giù dal cavallo. Rotolammo avvinghiati in mezzo alla fanghiglia, ma d'un tratto... i suoi lineamenti si confusero davanti ai miei occhi: al posto del viso torvo di Velleda c'era quello grazioso e sorridente della piccola Rutilia, che aveva però il corpo adulto di una donna. Quel corpo mi attirava a sé, ed io seguitavo ad abbracciarla, ma adesso in maniera ben diversa, sensuale, bramoso di possederla...
Mi svegliai ansimante con gli occhi sbarrati.

inviato il 11/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ho voluto aggiungere qualche altra riga, per chiarire meglio il significato e il tenore del brano citato.

Come avevo potuto immaginare, anche se soltanto in un sogno, di avere un rapporto... intimo con una ragazzina di soli dodici anni? Provai una specie di vergogna per quel desiderio davvero indegno di me, per quanto fosse inconscio e indipendente dalla mia volontà.
Con il passare dei giorni mi sforzai di escogitare numerose giustificazioni auto-consolatorie, per alleggerire il senso di colpa provocatomi da quel torbido sogno. In fondo erano trascorsi sei anni, da quando l'avevo lasciata dodicenne e Rutilia ormai doveva avere diciotto anni...

L’amico ritrovato

immagine copertina
Fred Uhlman
L’amico ritrovato
Tradotto da Maria Giulia Castagnone
Feltrinelli 2006
10 righe da pagina 29:

Tre giorni dopo, il quindici marzo – una data che non dimenticherò più – stavo tornando a casa da scuola. Era una sera primaverile dolce e fresca. I mandorli erano in fiore, i crochi avevano già fatto la loro comparsa, nel cielo – un cielo nordico in cui indugiava un tocco italiano – si mescolavano il blu pastello e il verde mare.

inviato il 11/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Molto bene! Grazie mille per l'informazione, saluti!

Ciao Alessandro sei nella classifica finale di luglio, 10 righe scelte da voi utenti.

Chi manda le onde

immagine copertina
Fabio Genovesi
Chi manda le onde
Mondadori 2015
10 righe da pagina 48:

Perché le cose quando devono succedere sono prepotenti, se ne sbattono dell'impossibile e dell'assurdo, si mettono in cammino a testa bassa e semplicemente succedono.

inviato il 06/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Francesca!

Le 10 righe dal 4 Luglio a domenica 10 luglio che ho scelto sono queste: http://scrivi.10righedailibri.it/chi-manda-le-onde

ma sono così "prepotenti" queste tre righe che ne valgono 10!

Solo tre righe...così vere ,che meritano il segnalibro!

Lo so, non sono 10 righe ma 3... chiedo perdono! :)

Donatori di voce

immagine copertina
NotizieLibri 10 Righe
Donatori di voce
10 Righe dai libri 2016

Vi segnaliamo una bellissima inizitiva "Donatori di voce" organizzata dall'associazione Libro Parlato.
Stanno cercando voci per leggere i libri il cui mp3 sarà destinato ai non vedenti e a chi ha problemi di lettura.
Potete trovare tutte le informazioni sul "Come diventare donatore di voce" nel sito Libroparlato.org http://www.libroparlato.org/it/index2.php?p=diventare-donatori

inviato il 05/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Brava Francesca :)

Ho già "donato" la mia voce per alcuni audioracconti (e non solo), quindi ho l'attrezzatura, spero di riuscire ad avere il tempo per inviare un provino.

il pittore felice

immagine copertina
enrico job
il pittore felice
sellerio editore palermo 1995
10 righe da pagina 98:

Dopo cena uscì nel cortile. Era una notte limpidissima. Gli alberi fremevano per un leggero vento fresco, delizioso dopo quella giornata torrida. (...) D'un tratto era al margine di un abisso a scrutare verso un fondo lontano e confuso: il futuro, l'arte, la sua stessa vita... Laura. Alzò lo sguardo verso il cielo luminoso ma senza luna. Era un immenso specchio di silenzio sopra la casa e tuttavia, per un attimo, lui fu lo specchio di quell'infinito. Misteriosamente, ma solo per un irrecuperabile istante, gli sembrò che il cuore potesse contenere quell'immenso spazio stellato.

inviato il 04/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao, scelgo queste righe http://scrivi.10righedailibri.it/l%E2%80%99amico-ritrovato

Ciao Barbara sei nella finale di luglio, 10 righe classifica settimanale. Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono, partendo da oggi 11 luglio a domenica 17.

Le dimissioni di Osvaldo Giustozzi

immagine copertina
Roberto Del Balzo
Le dimissioni di Osvaldo Giustozzi
StreetLib Selfpublish
10 righe da pagina 44:

Arriva per chiunque l’idea del cambiamento, uscire da un sentiero sempre uguale. Gli stessi ritmi, le stesse facce, guardare l’ora e ripetere gli stessi gesti del giorno prima e di quello prima ancora. Almeno con il pensiero tutti si portano sull’orlo di un’altra vita, al confine con tutti i vorrei, lì dove uno vuole almeno cambiare lavoro anzi vuole orgogliosamente smettere di lavorare, senza mentire. Vivere in modo diverso, tentare di calarsi in nuovi panni. Basta fare l’avvocato, basta fare l'impiegato, basta fare il proprio mestiere, fosse anche il più bello. C’è una data di scadenza in quello che facciamo, nessun mestiere è eterno. Possiamo andare avanti all’infinito ma lentamente si entrerà in una dimensione dove la vita non sarà più la stessa, dove tutto è stato già fatto, tutto è stato già visto.

inviato il 04/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie

Benvenuto Roberto :)

Quante parole valgono

immagine copertina
Giuseppe Wochicevick
Quante parole valgono
Ed. ilmiolibro.it 2016
10 righe da pagina 77:

La vera rivoluzione
è essere
tesoro di se stessi

Accettarsi

Conoscersi

La vera rivoluzione
è saper ascoltare

Aspettare

Cambiare opinione

Comprendere
i propri errori

I propri sbagli

inviato il 04/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie davvero!Giuse

Ciao Giuse sei nella finale di luglio, 10 righe scelte dalla redazione.

Diluvio di fuoco

immagine copertina
Amitav Gosh
Diluvio di fuoco
Tradotto da Anna Nadotti e Norman Gobetti
Neri Pozza 2015
10 righe da pagina 161:

Le montagne,i deserti e le pianure che si stendono in questo vasto territorio sono come fiumi e mari per lui:li ha attraversati molte volte.E' stato Beijjng col Panchen Lama; ha addirittura presenziato a uno dei suoi incontri con Qianlong.
Ha detto una cosa che mi ha sconcertato: lo sapevo mi ha chiesto,che l'imperatore
Qianlong,il più grande sovrano della dinastia Qing aveva scritto un libro sull'Indostan?
L'ho guardato stupito ,confessandogli di non avermimai sentito parlare.
Aveva negli occhi il luccichio.Sì quel libro esisteva davvero.Negli ultimi anni della sua vita l'imperatore Qianlong aveva maturato un profondo interesse per l'Yndu(o Enetek,come lo chiamano i manchu)E perché i Qing avevano allargato le frontiere della Cina all'interno del Tibet fino ai confini con l'india,cosa che aveva procurato loro molti nuovi problemi.

inviato il 04/07/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Barbara...ricambio!

Ciao Natalina, un abbraccio :-)

L'Ultimo Abele. Storia di una ossessione.

immagine copertina
Massimo Della Penna
L'Ultimo Abele. Storia di una ossessione.
autopubblicato
10 righe da pagina 85:

E l'amore lascia sempre impronte, nelle sabbie color pesca dei tempi che vivo e che vorrei non vivere davanti a un monitor, né in ufficio. Ma fuori. A guardar le stelle. O a sentire l'alito di un barbone, a scattare due foto, a bere una birra in un pub. Vorrei essere fuori a stringere la mano di un amico. O anche una chiappa, volendo spoetizzare il tutto. Gli è che l'amore mi fa sperare, mi fa sognare, gli è che per l'amore val la pena di vivere e anche di non vivere. Ma solo per l'Amore, quello vero, che conferisce peso e massa alle cose leggere.
Senza la grammatica e la logica dell'Amore, un cigno è un animale che puzza. La luna è una fetta di formaggio, i campi d'erba stupide macchie pistacchio scuro, un tramonto è solo una foto porpora sottoesposta e il mare impetuoso d'inverno fa venire l'artrosi.
L'Amore è in fin dei conti il motore di tutti noi. Che hai voglia di fingere che ti interessano solo soldi e carriera, io non ci credo.

inviato il 29/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

scusate, ma devo scegliere delle 10 righe? grazie!

Uhh grazie! Che bello! È stato pubblicato a novembre 2015.
Ma ora devo cosa devo fare?

Anno di edizione?

Ciao Alessia, sei nella finale di Luglio, 10 righe scelte dalla redazione.

Grazie! Che bello il vostro sito! Non vedo l'ora di girarlo tutto!

La libreria

immagine copertina
Penelope Fitzgerald
La libreria
Tradotto da Musolino d'Amico
Sellerio 1999
10 righe da pagina 51:

Guardò il titolo, Lolita. «Tratto solo romanzi buoni, sai. Non vanno via troppo velocemente. È buono questo?».
«Farà la tua fortuna, Florence».
«Ma è buono?».
«Sì».
«Grazie per il suggerimento. Sento il bisogno di consigli a volte. Sei molto gentile».
«Commetti sempre questo errore» replicò Milo.
La verità era che Florence Green non era stata allevata a comprendere nature come quella di Milo. Proprio come continuava a considerare la gravità alla stregua di una forza che attirava le cose verso di sé, non semplicemente come una questione di minore resistenza, così era sicura che il carattere fosse una lotta fra intenzioni buone e intenzioni cattive. Le era difficile credere che costui semplicemente si abbandonasse ogni volta a quello che faceva, qualunque cosa fosse, soltanto se gli sembrava meno disturbo di qualsiasi altra iniziativa.
Si annotò il titolo Lolita, e il nome dell'autore, Nabokov.
Suonava straniero - russo, forse, pensò.

inviato il 29/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

:))))))

Ciao Vera sei nella finale settimanale di luglio.

Penelope Fitzgerald, nata Penelope Knox (17 dicembre 1916 – 28 aprile 2000)

David Copperfield

Charleston Dikens
David Copperfield
Mursia
10 righe da pagina 5:

Queste pagine diranno se sarò io l'eroe della mia vita o se questa parte sarà sostenuta da qualche altro. Per cominciare dal principio, dirò, come mi venne riferito e come credo, che nacqui venerdì, a mezzanotte in punto.

inviato il 28/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Scrivi qui nei commenti nome del traduttore, anno di edizione e integra le 10 righe... Grazie :-)

Ciao Sara sei nella finale di Luglio, 10 righe classifica settimanale.

Benvenuta Sara :)

Brando

immagine copertina
Paolo Longarini
Brando
Edizioni Efesto 2016
10 righe da pagina 58:

La parte più bella dell'acquistare un libro non è la scelta, nemmeno l'arrivare alla cassa con il volume sottobraccio ed i soldi nell'altra mano, no, è l'ingresso in libreria. [...] Puoi uscire senza alcun libro sottobraccio e non avrai comunque sbagliato, avrai goduto della pace dei volumi, scoperto delle novità che non sapevi essere uscite, assistito a goffi corteggiamenti tra persone che solo tra quelle mura trovano il coraggio di esprimersi e che mai, lontani da tutto quell'amore descritto, da quel coraggio narrato, avrebbero il cuore di aprire bocca. Sarai pervaso dalla voglia di leggere e conoscere quante più storie possibili, anche quell'intimo piacere solitario sarà più che sufficiente a renderti migliore la giornata. [...] Esci con un libro? Sei felice. Ne compri tanti da non sapere come portarli a casa? Sei ancora più felice. Ne compri qualcuno ben sapendo che a casa ci sono ancora, intonsi, quelli che hai comprato l'ultima volta?

inviato il 27/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)) sarà fatto!

Ciao Francesca sei nella finale di luglio, 10 righe classifica settimanale. Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono, partendo da oggi 4 Luglio a domenica 10 luglio.

Heartless. Il nemico immortale

immagine copertina
Cornelia Funke
Heartless. Il nemico immortale
Tradotto da Roberta Magnaghi
A. MONDADORI 2016
10 righe da pagina 53:

"Commovente come voi mortali prendiate sul serio le apparenze." Il Giocatore si alzò e andò lentamente verso una delle finestre. "Gli animali si lasciano ingannare con meno facilità. Qualche secolo fa, c’è mancato poco che ci scopriste, perché un esemplare raro di airone non voleva dividere con noi quest’isola." Fece un tiro dalla sigaretta che teneva fra le dita affusolate, sei dita per mano, il segno distintivo degli immortali, e soffiò il fumo in direzione di Jacob. La stanza divenne grande quanto il salone di un castello, con pareti argentate e lampadari in vetroelfo. L’unica cosa che non cambiò fu una scultura in marmo di travolgente bellezza.

inviato il 27/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie infinite Barbara e grazie Staff, che gioia :)

Ciao Giovanni, per te un libro incentivo, (10 righe scelte da voi utenti, mese di giugno) manda i tuoi dati a libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Giovanni sei nella classifica finale di giugno, 10 righe scelte da voi utenti.

Ciao scelgo le 10 righe di Giovanni. :-)

Cornelia Funke (Dorsten, 10 dicembre 1958)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy