Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Il coraggio di essere liberi

immagine copertina
Vito Mancuso
Il coraggio di essere liberi
Garzanti 2016
10 righe da pagina 103:

Abbiamo bisogno di una sapienza che ci riconduca a pensare con il cuore.
Abbiamo bisogno di tornare a sapere che nella vita della mente, oltre ai momenti comuni di ponderazione e di agitazione, vi sono occasioni dove l'agitazione si placa e si può raggiungere la pace interiiore.Il senso specifico del lavoro spirituale consiste nel servire proprio questa dimensione, quando la mente si acquieta e gusta il suono del silenzio, la pace interiore, la gioia intima del cuore, la più profonda liberazione.

inviato il 05/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Posso ...ogni tanto riappari ...è sempre un piacere leggerti!,naty

Vito Mancuso nasce a Carate Brianza il 9 dicembre 1962

Venti poesie d'amore e una canzone disperata.

immagine copertina

Tutte le cose sono colme della mia anima
e tu da loro emergi, colma d'anima mia.
Farfalla di sogno, assomigli alla mia anima
ed assomigli alla parola malinconia.

Mi piaci silenziosa, quando sembri distante.
E sembri lamentarti, tubante farfalla.
E mi senti da lontano e la mia voce non ti arriva:
lascia che il tuo silenzio sia il mio silenzio stesso.

inviato il 05/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Neruda ...poeta che amo...

secondo me questa è una delle più delicate poesie di Neruda e ho questa stessa edizione che ogni tanto riapro per godere di tanta poesia

Il novantatré

immagine copertina
Victor Hugo
Il novantatré
Tradotto da Oete Blatto
Newton e Compton 2004
10 righe da pagina 31:

Il sole era da un pezzo scomparso; la notte era calata fonda come lo è di rado in piena estate; era una notte di luna, ma spesso nubi da equinozio più che da solstizio vagavano in cielo, e con tutta probabilità la luna non sarebbe stata visibile se non al momento di toccare il mare, al tramonto. Alcune nuvole si erano abbassate fino al mare, coprendolo di foschia.

inviato il 05/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Alessandro hai visto l'agenda Libridinosa 2017? http://www.10righedailibri.it/agenda-letteraria-2017-libridinosa
Ci sono anche alcune 10 righe scelte da te : )

Victor Hugo (Besançon 1802 - Parigi 1885) scrittore francese.

Delitto e castigo

Fedor Dostoevskij
Delitto e castigo
Tradotto da Emanuela Guercetti
Einaudi Classici 2013
10 righe da pagina 634:

Non sapeva neanche lui come fosse accaduto, ma un tratto si sentì come afferrato e gettato ai piedi di Sonja.
Piangeva e le abbracciava le ginocchia.
In un primo momento lei si spaventò moltissimo, e tutto il suo viso impietrì.
Balzò in piedi e, cominciando a tremare, lo guardò.
Ma subito, in quello stesso istante comprese tutto.
Nei suoi occhi brillò una felicità infinita, capì
e per lei non ci fu più dubbio che lui l'amava,
l'amava immensamente e che quell'attimo era finalmente arrivato...

inviato il 03/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie. E' un libro magnifico; l'ho letto più volte e mi imbatto sempre in qualche frase su cui riflettere che mi era sfuggita nella lettura precedente!

anche se comparivano due volte queste righe sono così ben scelte che non avrebbero disturbato !

Abbiamo sistemato : )

scusatemi, ho cliccato per due volte il tasto "condividi" pertanto si presenta un doppio invio delle 10 righe da "Delitto e Castigo"

La saggezza di Stoner

immagine copertina
a cura di Barbara Carnevali
La saggezza di Stoner
Fazi editore 2016
10 righe da pagina 32:

Figlio di contadini, Stoner ha imparato a subire la normatività naturale fin dall'infanzia, e vi si adegua senza chiedere ragioni e senza ribellarsi ; segue istintivamente l'esempio dei suoi genitori, che concepiscono la loro vita come un compito iscritto nell'ordine naturale attraverso la necessità del lavoro e della sussistenza e che contano i loro giorni come un ricorrere di gesti rituali e immodificabili : la zappatura, la semina, il raccolto, la nutrizione degli animali. La terra, principale leitmotiv del racconto, è la sostanza che simboleggia la natura sia come matrice biologica sia come fondamento, origine e suolo, su cui gli esserei umani poggiano e verso cui per lo più guardano, vivendo a testa bassa, senza concepire il cielo, ignorando ogni trascendenza.

inviato il 02/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao sei nella finale di Novembre. 10righe scelte dalla redazione.

ai lettori di Stoner consiglio vivamente questo saggio che ripercorre la vita del protagonista approfondendo il suo carattere, il suo modo di vedere la vita non da uomo apparentemente mediocre ma uomo che viveva di una sua luce interiore costruita sulla passione per i libri, per l'apprendere, l'insegnare, nel suo comportamento nell'interno della sua famiglia.

John Williams nasce a Clarksville Texas il 29 agosto 1922

La signora delle camelie

A.Dumas
La signora delle camelie
Biblioteca economica Newton
10 righe da pagina 70:

C'era in quella Donna, qualcosa che somigliava al candore.
Si vedeva benissimo che era ancora alla verginità del vizio.
Il passo deciso, la figura slanciata, le narici rosee e aperte,
i grandi occhi leggermente cerchiati di azzurro,
denotavano una di quelle creature ardenti,
che spandono tutt'intorno un profumo di voluttà,
come quei flaconi d'Oriente, i quali, benchè perfettamente chiusi,
lasciano sfuggire l'effluvio dell'essenza che contengono.
Insomma, non so se per istinto, o come conseguenza della sua malattia,
negli occhi di quella donna passavano di tanto in tanto lampi di desiderio
che, effondendosi, sarebbero stati una rivelazione celeste
per quelli che avrebbe amato.

inviato il 28/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Traduttore, anno di edizione.

Ciao sei nella finale settimanale di Novembre.

Quaderno di lettura con il saggio Ore fra i libri di Virginia Woolf

immagine copertina
AA VV
Quaderno di lettura con il saggio Ore fra i libri di Virginia Woolf
Tradotto da Valeria Mastroianni e Lorenza Ricci
Jo March 2012
10 righe da pagina 13:

Lo stare in una libreria stipata di libri, tanto nuovi che le pagine quasi restano attaccate e la doratura sul dorso è ancora fresca, suscita un entusiasmo non meno delizioso del vecchio entusiasmo per la bancarella dell’usato. Non è forse intenso allo stesso modo. Ma l’antica brama di sapere cosa pensassero quegli autori immortali ha lasciato il posto alla curiosità molto più tollerante di sapere cosa stia pensando proprio la nostra generazione. Cosa sentano gli uomini e le donne di oggi, come sono le loro case e che abiti indossano, quanto denaro possiedono e che cibo mangiano, cosa amano e cosa detestano, in che modo vedono il mondo circostante, e qual è il sogno che riempie gli spazi delle loro vite pratiche? Ci raccontano tutte queste cose nei loro libri. Se abbiamo occhi per guardare, in essi possiamo vedere tanto sia della mente che del corpo del nostro tempo.
Quando una curiosità del genere si sarà pienamente impossessata di noi, la polvere si depositerà subito sui classici, a meno che qualche necessità non ci obblighi a leggerli.

inviato il 28/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

;)))))))))))))

Ciao sei nella finale settimanale di novembre.

Diciott'anni e dintorni

immagine copertina
Francesca Cammisa
Diciott'anni e dintorni
VIOLA Editrice 2016
10 righe da pagina 59:

Il bosco man mano si infittiva.
Erano meravigliosi quei pochi raggi solari che riuscivano a passare attraverso i rami di conifere.
Inebriata da un profumo di muschio misto a resina camminava di buon passo,ascoltando le note di quella canzone.lei amava le sonorità di David Sylvyan,in fondo un pò la rappresentavano:a volte dolci melodie , a volte dissonanti,a volte stridenti,a volte suadenti accompagnate da una voce che la distendeva.
Ogni tanto si fermava a raccogliere qualche fragola,o qualche mirtillo. Quell'atmosfera la faceva sentire in pace con se stessa,si era estraniata completamente dal mondo nonostante la sua anima,la sua mente e il suo cuore fossero in totale confusione.
All'improvviso come in un sogno,si trovò di fronte a un cerbiatto.Lei si fermò e non era per nulla spaventato dalla sua presenza,era illuminato dai pochi raggi di sole che attraversavano i rami .Rimasero a fissarsi per mezz'ora.

inviato il 28/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

(ho corretto ...errori ,il commento è di ieri...)

Cara Francesca,il tuo libro ,mi è piaciuto.
E' stato un viaggio,piacevole,a ritroso,nella realtà,e queste difficili da affrontare,da svelare;il tutto descritto con un linguaggio di peculiare delicatezza. Brava!!!

Grazie Natalina, grazie mille

Natalina Grazie :)))) spero ti sia piaciuto ...

Francesca Cammisa nata a Roma nel 1967.

Ossi di Seppia

immagine copertina
Eugenio Montale
Ossi di Seppia
Classici Moderni Mondadori 2010
10 righe da pagina 45:

Portami il girasole ch'io lo trapianti
nel mio terreno bruciato dal salino,
e mostri tutto il giorno agli azzurri specchianti
del cielo l'ansietà del suo volto giallino.
Tendono alla chiarità le cose oscure,
si esauriscono i corpi in un fluire
di tinte:queste in musiche.Svanire
è dunque la ventura delle venture.
Portami tu la pianta che conduce
dove sorgono bionde trasparenze
e vapora la vita quale essenza;
portami il girasole impazzito di luce.

inviato il 23/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Amici dello Staff...Grazie!!!,naty

Ciao Natalina, le tue 10righe sono state scelte dalla redazione, sei nella classifica finale di novembre.

Grazie Naty, bellissima foto : ) scrivi il tuo commento anche nella pagina di Libridinosa http://www.10righedailibri.it/agenda-letteraria-2017-libridinosa

Eugenio Montale n.a Genova 12.Ottobre 1896-
Milano 12 Settembre 1981 -Premio Nobel per la Letteratura 1975

Cari amici dello Staff...Libridinosa 2017 ,sarà una...fonte di luce ,ed io...la paragono ad un cielo sereno ,e ai girasoli...grazie a tutti,naty

In fondo al tuo cuore

immagine copertina
Maurizio de Giovanni
In fondo al tuo cuore
Einaudi Stile Libero 2014
10 righe da pagina 132:

Così fa, la rèfola.
Arriva quando tutto è stagnante, quando sembra che nulla cambierà più, e che il mondo e l'universo intero affonderanno nel calore. Quando si crede, vegliando nella notte come in un sudario bollente, di essere precipitati all'inferno, e che da un momento all'altro Belbezù verrà a chiederci conto dei peccati.
Ma la rèfola porterà un sorriso, sparendo prima che finisca un solo pensiero.
Io ti amo, sai. Ti amo.
Te lo dico nel silenzio di questa notte vissuta altrove, lontano dal mio letto e dalla mie cose, lontano dai pensieri che ora so essere stati di bambina. Lontano da te e dal tuo sguardo finestra.
Forse bisogna andare lontano, per capire l'amore. Forse bisogna staccarsi dai libri sullo scaffale, dal bicchiere d'acqua sul comodino, dai vestiti ordinati nell'armadio, per capire quanto si vorrebbe un bacio, quanto si ha bisogno di una mano, nella notte.

inviato il 21/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie :))

Ciao Francesca le tue dieci righe sono state scelte da Voi utenti. Sei nella classifica finale di novembre.

Se questo è un uomo

Primo Levi
Se questo è un uomo
Einaudi
10 righe da pagina 153:

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che muore per un sì o per un no
Coniderate se questa è una donna

inviato il 21/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Lulu , sei nella classifica finale settimanale del mese di novembre.

Grazie :)

2004

Benvenuta Lulù : ) anno di edizione del libro?

Il gabbiano Jonathan Livingston

immagine copertina
Richard Bach
Il gabbiano Jonathan Livingston
Tradotto da Pier Francesco Paolini
Bur Rizzoli 2000
10 righe da pagina 102:

“ […] Non dar retta ai tuoi occhi, e non credere a quello che vedi. Gli occhi vedono solo ciò che è limitato. Guarda col tuo intelletto, e scopri quello che conosci già, allora imparerai come si vola.”
Il tremulo barlume si spense del tutto. Il gabbiano Jonathan era svanito nell’aria, nell’impalpabile aria.
Di lì a poco, fattosi forza, Fletcher Lynd si levò in volo e incontrò un gruppo di nuovi adepti, ansiosi di ricevere la loro prima lezione.
“Innanzitutto,” incominciò piuttosto greve “vi dovete render conto che un gabbiano è fatto a immagine del Grande Gabbiano, è un’infinita idea di libertà, senza limite alcuno, e il vostro corpo da una punta dell’ala a quell’altra, altro non è che un grumo di pensiero.”

inviato il 21/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie.

Grazie mille! Scelgo le 10 righe inserite da Lulù, ossia "Memorie di Adriano" di Marguerite Yourcenar: http://scrivi.10righedailibri.it/userpage/16262

Ciao Alessandro , sei nella classifica finale settimanale del mese di novembre. Ricordati d scegliere 10 righe che più i Iacono partendo da oggi 28 novembre a mercoledì 30 novembre, riportando qui ni commenti il link scelto. Grazie.

Richard David Bach (Oak Park 1936) è un aviatore e scrittore statunitense.

Girl Runner

immagine copertina
Carrie Snyder
Girl Runner
Tradotto da Gioia Guerzoni
Casa Editrice Sonzogno
10 righe da pagina 101:

Ha fatto così piano che non l'ho sentita, o forse sono scivolata così a fondo dentro la mia testa che ho perso il senso di quello che mi circonda. Mi succede, a volte. A volte mi spavento quando qualcuno mi chiama - un insegnante, una sorella, o mia madre - come se fossi scivolata in un sogno, lontano, anche se non riesco mai a capire dove.

inviato il 21/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie, abbiamo inoltratato i tuoi ringraziamenti all'editore Sonzogno :)

Scusate 2016

Anno di pubblicazione?

Grazie alla casa Editrice Sonzogno per il libro incentivo :-)

Traduzione di: Gioia Guerzoni.

AIDA - Scopri come attrarre nuovi clienti ed incrementare le tue vendite pur non avendo le tette

immagine copertina
10 righe da pagina 114:

Si può raccontare il marketing come una storia d'amore? Angelo Bandiziol ci prova e ci riesce narrando la storia della giovane Aida, in cerca della sua dolce metà, metafora del giovane imprenditore che si affaccia per la prima volta sul mercato.
Un libro dedicato a tutti coloro che muovono i primi passi nel mondo dell'imprenditoria e si chiedono come avere successo.
Dai toni leggeri, lettura facile e un forte senso dell'umore, AIDA si legge in un paio d'ore e se ne esce pieni di idee.

inviato il 18/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie! anno 2015

anno di edizione?

Benvenuto :-)

Non ora, non qui

immagine copertina
Erri De Luca
Non ora, non qui
Universale Economica Feltrinelli
10 righe da pagina 61:

Una volta mi accusasti a torto ed io non riuscii a replicare. Non fu solo la sorpresa, non solo l'inciampo della balbuzie che raddoppiava consonanti sotto il palato.
Passato l'istante di sgomento continuai a tacere, a non discolparmi. Mi feci schermo del difetto fisico per conservare quella strana emozione d'amor proprio che consisteva nell'innocenza segreta.
Non mi incitò il tuo errore ma la circostanza sconosciuta di essere in un rimprovero ingiusto. Non mi augurai che venisse fuori la verità, come accadde poi, ma che durasse la estraneità interiore che si rafforzava col tacere.
Si cresce tacendo, chiudendo gli occhi ogni tanto, si cresce sentendo d'improvviso molta distanza da tutte le persone.

inviato il 18/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

4. edizione 2016

Ciao Tiziana ANNO DI EDIZIONE?

Povera gente

immagine copertina
Fëdor Mihailovič Dostoevskij
Povera gente
Tradotto da Perego E.
Biblioteca universale Rizzoli BUR 2007
10 righe da pagina 144:

Ma il bel mattino di oggi, fresco, limpido, radioso, come di rado ce ne dà il nostro autunno, mi ha rianimata. Ecco l’autunno, ho esclamato con gioia. Come amavo l’autunno in campagna! Ero una bambina, ma già sentivo molto. La sera autunnale mi piaceva più della mattina. A due passi da casa, alle falde della collina, c’era un laghetto. Mi pare ancora di rivederlo: largo, levigato, lucido come un cristallo. Se la serata era calma, era calmo anche il lago. Sugli alberi delle rive non si muoveva una foglia, l’acqua era immobile come uno specchio. Che bell'aria fresca, frizzante! La brina cadeva sull'erba, qua e là per le capanne brillava un fuoco, le greggi tornavano. Allora io cheta cheta sgusciavo fuori di casa, correvo al mio lago e me nestavo incantata a contemplarlo.

inviato il 16/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Tiffany sei vincitrice 10righe scelte dalla redazione del mese di novembre per te un libro incentivo. Manda i tuoi dati all'indirizzo: libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie

Ciao Tiffany, sei nella classifica finale del mese di novembre.10righe scelte dalla redazione.

Fëdor Michajlovič Dostoevskij Mosca, 11 novembre 1821.

l'avversario

immagine copertina
Emmanuel Carrère
l'avversario
Tradotto da Eliana Vicari Fabris
Adelphi 2010
10 righe da pagina 44:

Si controlla, controlla ogni cosa, è l'unico modo che ha per tener duro, ma se qualcuno lo punzecchia là dove non riesce più a controllarsi andrà in mille pezzi, così, davanti a tutti, e le assicuro che sarà spaventoso. Lì dentro credono di trovarsi davanti un uomo, ma quello non è più un uomo, è un pezzo che ha smesso di essere un uomo. È come un buco nero, e vedrà che ci esploderà in faccia. La gente non sa cosa sia la pazzia. È terribile. È la cosa più terribile che ci sia al mondo.

inviato il 15/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Barbara sei vincitrice settimanale del mese di novembre per te un libro incentivo. Manda i tuoi dati all'indirizzo: libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Barbara, sei nella classifica finale settimanale del mese di novembre. Ricordati d scegliere 10 righe che più i Iacono partendo da oggi 21 novembre a domenica 27 novembre, riportando qui ni commenti il link scelto. Grazie.

Emmanuel Carrère è nato a Parigi il 9 dicembre 1957.

La corretta manutenzione del maschio

immagine copertina
10 righe da pagina 134:

La prima domanda che dovrebbe porsi chi non riesce ad innamorarsi è: amo amare? Ho compreso il valore dell'amore? Sono disponibile a rischiare qualsiasi delusione pur di raggiungere questa meta straordinaria: travate un'anima con la quale condividere tenerezza, sesso, complicità e vita quotidiana? Diciamoci la verità: molti non si innamorano perché hanno altre priorità. Sono più interessati ai soldi, al successo, alla vittoria della squadra del cuore. Altri più semplicemente odiano la razza umana tutta.

inviato il 14/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Tatiana.

Tatiana, benvenuta :)

Va,metti una sentinella

immagine copertina
Harper Lee
Va,metti una sentinella
Tradotto da Vincenzo Mantovani
Feltrinelli 2015
10 righe da pagina 177:

Non mi crederete,ma voglio dirlo lo stesso:mai in tutta la vita.fino a oggi ,avevo udito la parola "negro"pronunciata da un membro della mia famiglia.Mai avevo imparato a pensare in questi termini. Quando sono diventata grande , e sono cresciuta con persone dalla pelle nera,queste erano Calpurnia , Zeebo lo spazzino,Tom il giardiniere
e come diavolo chiamavano tutti gli altri.C'erano centinaia di negri intorno a me braccianti che raccoglievano il cotone,o lavoravano sulle strade,o segavano il legname per la costruzione delle nostre case.
Erano poveri ,erano malati e sporchi,alcuni erano pigri e inefficienti ,mai nella vita mi è stata inculcata l'idea di disprezzarne uno di doverne temere uno,di doverne trattare uno scortesemente o di poterlo maltrattare e farla franca.

inviato il 14/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Harper Lee- N.28 Aprile 1926 -Monroeville -Alabama- US -
19-2-2016 - Monroeville -Alabama-US

Barbara..lieta di ricevere ,un tuo saluto,naty

Ciao Naty

Siddharta

immagine copertina
Hermann Hesse
Siddharta
Tradotto da Massimo Mila
Edizioni San Paolo 1998
10 righe da pagina 5:

Sulla riva del fiume, nei bagni […] il sole bruniva le sue spalle lucenti. Ombre attraversavano i suoi occhi neri nel boschetto di mango, durante i giochi infantili, al canto di sua madre, durante i santi sacrifici, alle lezioni di suo padre, così dotto, durante le conversazioni dei saggi. […]
Già egli sapeva come si pronuncia impercettibilmente l’Om, la parola suprema, sapeva assorbirla in se stesso pronunciandola silenziosamente nell’atto di inspirare, sapeva emetterla silenziosamente nell’atto di espirare, con l’anima raccolta, la fronte raggiante dello splendore che emana da uno spirito luminoso.

inviato il 14/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Il libro più bello che abbia mai letto.

Hermann Hesse (Calw, Germania 1877 – Montagnola, Svizzera 1962), scrittore tedesco.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy