Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Il ritratto di Dorian Gray

immagine copertina
Oscar Wilde
Il ritratto di Dorian Gray
Canguro Editore 2011
10 righe da pagina 36:

Quando finirà la vostra gioventù sparirà insieme con essa anche la vostra bellezza e allora vi accorgerete di colpo che per voi non ci sono più trionfi, oppure che dovete accontentarvi di quei bassi trionfi che il ricordo del passato vi farà sembrare più amari di una sconfitta. Ogni mese che passa vi avvicina a qualche cosa di terribile. Il tempo è geloso di voi e ha dichiarato guerra ai vostri gigli e alle vostre rose. Diventerete giallo, con le guance incavate, con l’occhio smorto. Soffrirete orribilmente... Ah, finché avete la vostra giovinezza fate di essa una realtà. Non sprecate l'oro delle vostre giornate ad ascoltare gente noiosa, a cercare di emendare insuccessi senza speranza, a regalare la vostra vita a gente ignorante, ordinaria, volgare: sono queste le aspirazioni morbose, i falsi ideali del nostro tempo. Vivete!

inviato il 13/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!

Ciao Sofia, sei nella classifica del mese di febbraio. 10righe scelte dalla redazione.

Giorni selvaggi

immagine copertina
William Finnegan
Giorni selvaggi
Tradotto da Fiorenza Conte, Mirko Esposito, Stella Sacchini
66th and 2nd 2016
10 righe da pagina 225:

I surfisti sono ossessionati dalla perfezione. L'onda perfetta e via discorrendo. Tutta roba che non esiste. Le onde non sono oggetti naturali immobili come le rose o i diamanti. Sono eventi rapidi e brutali al termine di una lunga catena di azioni tempestose e reazioni oceaniche. Anche i break più simmetrici hanno certe irregolarità e caratteristiche locali, del tutto specifiche, e si modificano con i cambiamenti della marea, del vento e dello swell.I surfisti sono ossessionati dalla perfezione. L'onda perfetta e via discorrendo. Tutta roba che non esiste. Le onde non sono oggetti naturali immobili come le rose o i diamanti. Sono eventi rapidi e brutali al termine di una lunga catena di azioni tempestose e reazioni oceaniche.

inviato il 13/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

uhhhhhh!!! ma grazieeeeeeeee!!!! :*

Ciao Vera, sei nella classifica settimanale del mese di febbraio.

Sai che gli alberi parlano? La saggezza degli indiani d'america

K.Recheis e G. Bydlinski
Sai che gli alberi parlano? La saggezza degli indiani d'america
Il punto d'ncontro

"Vi è molto di folle nella vostra cosiddetta civiltà. Come pazzi voi uomini bianchi correte dietro al denaro, fino a che ne avete così tanto, che non potete vivere abbastanza a lungo per spenderlo. voi saccheggiate i boschi e la terra, sprecate i combustibili naturali, come se dopo di voi non venisse piu' alcuna generazione, che ha altrettanto bisogno di tutto questo.
voi parlate sempre di un mondo migliore, mentre costruite bombe sempre piu' potenti, per distruggere quel mondo che ora avete."
TATANGA MANI
(da "SAI CHE GLI ALBERI PARLANO? La saggezza degli indiani d'America" a cura di K. Recheis e G. Bydlinski)

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Maria, sei nella classifica finale del mese di febbrario. 10righe scelte da Voi utenti.

Time Deal

immagine copertina
Leonardo Patrignani
Time Deal
De Agostini 2017
10 righe da pagina 25:

Questa era la vita di Julian Darrel, l’anno in cui ogni certezza si sgretolò per sempre. Questo il suo lavoro dietro le quinte del megastore di elettronica da quando, quattro anni prima, lui e la sorellina Sara erano rimasti orfani. Soli, senza nessuno a cui chiedere aiuto. Adesso la piccola, affidata in custodia a Julian, di anni ne aveva otto. Un fragile cucciolo che non si interrogava ancora su quanto fosse marcia la loro società. Ma capiva. Capiva come stava il fratello, capiva come la pensava. Julian era certo che comprendesse anche quella storia dell’eterna giovinezza – del resto ormai trionfava ovunque, in televisione, sui manifesti, nei discorsi della gente – e come molti ne fossero attratti. Da quando la TD Pharma, l’industria guidata dalla dinastia Werner, aveva esteso la vendita a tutte le classi sociali, abbassando drasticamen

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

Ciao Giovanni, sei nella classifica settimanale del mese di febbraio. Scegli partendo da oggi 19 febbraio a domenica 25 febbraio, riportando qui nei commenti il link scelto.

Leonardo Patrignani (Moncalieri, 28 febbraio 1980)

destinatario sconosciuto

immagine copertina
kressmann taylor
destinatario sconosciuto
Tradotto da ada arduini
Bur Rizzoli 2015
10 righe da pagina 20:

Ma c'è un luogo in cui possiamo sempre trovare qualcosa di autentico: il focolare di un amico, dove poter condividere le nostre piccole preoccupazioni, trovare calore e comprensione, dove i meschini egoismi sono inconcepibili e dove vino, libri e chiacchiere danno un significato diverso all'esistenza. Allora sappiamo di aver conquistato qualcosa che nessuna falsità può corrompere e ci sentiamo a casa. "Il popolo tedesco era intrappolato nelle sabbie mobili della disperazione, immerso
fino al mento. Poi, appena prima che giungesse la fine, è arrivato un uomo che li ha tratti in salvo. Oggi, tutto ciò che sanno è che non moriranno. Sono in preda a un delirio di felicità, lo venerano quasi, ma farebbero lo stesso chiunque fosse il loro salvatore..."

inviato il 05/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie.

Ciao Barbara, sei nella finale di febbraio 10righe della settimana. Scegli 10righe che più ti piacciono partendo da oggi lunedì 12 febbraio a domenica 18 febbraio. Riportando qui nei commenti il link.

Katherine Taylor nacque a Portland nel 1903.

Prigionieri del Paradiso

immagine copertina
Arto Paasilinna
Prigionieri del Paradiso
Tradotto da Marcello Ganassini
Iperborea 2009
10 righe da pagina 170:

Quasi tutti i popoli primitivi vivono secondo il principio dell'equa distribuzione e della solidarietà.
Reeves continuò:
"Quando ritornerò in Inghilterra voglio raccontare a tutti come ci siamo organizzati.E' stata un'esperienza davvero interessante."
Gli chiesi se considerasse Robinson Crusoe un socialista.
"A suo modo.Con Venerdì condivise i beni e le sue capacità.Ma si comportava come il padrone dell'isola e Venerdì non solo era un suo compagno,era anche il suo servo. Robinson aveva una concezione un po' feudale delle relazioni umane.Ma quando era arrivato sull'isola era solo.Venerdì l'aveva raggiunto in seguito.Loro formavano una famiglia,noi una tribù. Se un giorno Robinson capitasse dalle nostre parti non gli andrebbe così bene.qui non c'è un Venerdì e non potrebbe fare il capo."L'ostetrica lo manderebbe subito a lavorare.""Questo è

inviato il 05/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Natalina, sei nella finale di febbraio 10righe della settimana.

Arto Paasilinna: nato a Kittilà -Finlandia il 20 Aprile 1942-Scrittore finlandese,con un passato di giornalista,poeta e guardia boschi.

Buona vita a tutti: I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione

immagine copertina
10 righe da pagina 32:

Allora perché parlare dei benefici del fallimento? Per il semplice fatto che il fallimento mi costrinse a eliminare tutto ciò che era superfluo. Smisi di illudermi di essere qualcosa che non ero e presi a incanalare ogni mia energia nel portare a termine l'unico lavoro che mi stava a cuore. Se davvero avessi avuto successo in qualcos'altro, forse non avrei mai trovato la forza di riuscire nell'unico campo a cui ero convinta di appartenere veramente. Con il realizzarsi della mia più grande paura mi ero ritrovata libera, ero ancora viva, avevo una figlia che adoravo, avevo una vecchia macchina da scrivere e un'ottima idea. E così il fondo che avevo toccato diventò la solida base su cui ricostruire la mia esistenza.

inviato il 05/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

Ciao Giovanni, sei nella finale di febbraio 10righe scelte dalla redazione.

Joanne Rowling (Yate, 31 luglio 1965)

L'anno del pensiero magico

immagine copertina
Joan Didion
L'anno del pensiero magico
Tradotto da Vincenzo Mantovani
Il saggiatore 2006
10 righe da pagina 77:

Queste persone che hanno perso qualcuno sembrano nude perchè si credono invisibili.Io stessa per un certo lasso di tempo mi sentii invisibile,incorporea.Mi pareva di aver attraversato uno di quei fiumi leggendari che dividono i vivi dai morti, di essere entrata in un luogo dove potevo essere vista solo da coloro che avevano anch'essi subito una perdita recente.Per la prima volta compresi la forza del''immagine dei fiumi,lo Stige,il Lete,e del traghettatore intabarrato con la sua pertica.Compresi per la prima volta il significato della pratica del sati.Le vedove non si gettano sulla pira ardente per il dolore.La pira ardente era invece un'accurata rappresentazione del luogo in cui il dolore (non la famiglia,non la comunità,non la tradizione, il DOLORE) le aveva portate.La sera in cui John morì mancavano trentun giorni al nostro quarantesimo anniversario.[...]Io volevo qualcosa di più che una notte di ricordi e sospiri. Io volevo urlare. Io volevo che tornasse.

inviato il 02/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie.

ok, grazie mille..
ecco il link: http://scrivi.10righedailibri.it/gli-anni-0

Ciao, devi scegliere 10righe degli altri utenti e riportare qui il link del libro scelto così lo premiamo. :-)

ciao Staff, non ho capito bene cosa devo fare... tra le mie 10 righe o in generale? grazie, scusate...

Ciao Beths, sei nella classifica settimanale del mese di Febbraio. Scegli partendo da oggi 5 febbraio a domenica 11ebbraio, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

Joan Didion (Sacramento, 5 dicembre 1934) è una giornalista, scrittrice e saggista statunitense, vincitrice del National Book Award nel 2005 per la saggistica con il libro L'anno del pensiero magico.

Il tuffo

immagine copertina
Jonathan Lee
Il tuffo
Tradotto da Sara Reggiani
Sur 2017
10 righe da pagina 45:

Certi giorni in cui l'ambizione e il rimpianto avevano la meglio, quando le opportunità sprecate gli restavano appiccicate alle scarpe come gomma da masticare gettata a terra i cui schifosi e pigri filamenti rallentavano il passo, diceva a se stesso che dentro l'albergo c'era tutta la vita umana. D'accordo, le relazioni clandestine. La tipica domanda che ti fanno tutti. Certo, ce n'erano eccome. Ma lì la gente si fidanzava anche, si sposava. Riceveva telefonate in cui le veniva comunicata la morte di un genitore. Concepiva figli. Spegneva candeline.
Moose era l'uomo più felice del mondo quando parlava con i clienti. Non fosse stato per la costante pressione delle scadenze e delle liste di cose da fare, avrebbe tranquillamente trascorso giornate intere ad ascoltarli disquisire delle loro idee su come arricchirsi e dei tanto lamentati acciacchi, dell'ideale platonico di cuscino, con la sua consumata sofficità e pienezza. Gli piaceva conoscere i nomi di tutti gli ospiti e poi dar corpo, pian piano, alle vite che c'erano dietro.

inviato il 31/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Francesca, sei nella classifica settimanale del mese di febbraio.

Jonathan Lee è nato nel Surrey (Regno Unito) il 24 aprile 1981 e vive a New York, dove lavora come editor per la casa editrice Catapult e collabora con la rivista letteraria Guernica. Il tuffo è il suo terzo romanzo, e il primo a essere pubblicato in Italia.

Non scrivere di me

immagine copertina
Livia Manera Sambuy
Non scrivere di me
Feltrinelli 2015
10 righe da pagina 193:

Mi aveva fatto così ridere. Ecco: se pensando a lui dovessi dire a cosa serve l’umorismo, direi che serve a bruciare la distanza tra due esseri umani in un corto circuito di sintonia che ha un immediato effetto di intimità; ridi delle stesse cose e non sei più solo. All’improvviso è come trovarsi in un luogo molto speciale, un pianeta per due. E se continui a ridere insieme – come è accaduto a noi quando il nostro rapporto è diventato più intenso, anche se guardingo, da entrambe le parti-, puoi avere la sensazione che abitare quel pianeta anche solo per una frazione di tempo è qualcosa che assomiglia molto alla felicità..a maggior ragione perché è un’esperienza così fugace.

inviato il 30/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!!!

Ciao Millesoli, sei nella classifica del mese di febbraio, 10righe scelte dalla redazione.

I misteri dell'abbazia di Pomposa

immagine copertina
Marcello Simoni
I misteri dell'abbazia di Pomposa
La nave di Teseo 2017
10 righe da pagina 109:

Nell'undicesimo riquadro, una figura celeste con nimbo sovrasta un paesaggio rupestre popolato da pecore, tendendo le mani verso un uomo ritratto di profilo, forse barbato, anch'esso con nimbo. L'identificazione più probabile richiama la descrizione fornita dal Manuel d'iconographie chrétienne per l'episodio in cui Mosè, portando al pascolo il gregge, giunse dinanzi al roveto ardente: sopra quest'ultimo dovrebbero comparire la Vergine con in braccio il bambino e,nell'immediate vicinanze, un angelo.

inviato il 29/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie

Ciao Elena, sei nella classifica settimanale del mese di febbraio.

Marcello Simoni nato a Comacchio - 1975

Colonna di fuoco

immagine copertina
Ken Follet
Colonna di fuoco
Tradotto da Annamaria Raffo e Roberta Scarabelli
Mondadori 2017
10 righe da pagina 72:

Sylvie e la sua famiglia avevano ricevuto una missione da Dio.
Il loro sacro dovere era di aiutare i loro compatrioti a conoscere la religione
a conoscere la religione.E lo facevano vendendo libri:principalmente la Bibbia,ovviamente in francese,in modo che tutti potessero comprenderla con facilità e vedere con i propri occhi quanto fossero nel torto la chiesa cattolica,ma anche commentari di studiosi quali Erasmo,che spiegavano le cose con chiarezza per quei lettori che potevano avere difficoltà a giungere alle giuste conclusioni senza un aiuto.Sylvie e la sua famiglia avevano ricevuto una missione da Dio.
Il loro sacro dovere era di aiutare i loro compatrioti a conoscere la vera religione.E lo facevano vendendo libri:principalmente la bibbia,ovviamente ,in francese,in modo che tutti potessero comprenderla con facilità e vedere con i propri occhi quanto fosse nel torto la Chiesa cattolica,ma anche commentari di studiosi quali Erasmo,che spiegavano le cose con chiarezza per quei lettori che potevano avere difficoltà a giungere alle giuste conclusioni senza un aiuto.

inviato il 29/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Natalina, sei nella classifica settimanale del mese di febbraio.

Metto il segnalibro anche se poi questo 3 capitolo della saga, non mi è poi tanto piaciuto.

Ken Follett ,pseudomino Kenneth Martin Follett-nato a Cardiff il 5 giugno del 1949 UK.

Red Knight. Il cavaliere rosso

immagine copertina
Miles Cameron
Red Knight. Il cavaliere rosso
Tradotto da Adriano Angelini
Fanucci 2017
10 righe da pagina 38:

Uccise tutti quelli che riuscì ad afferrare, fino a che i suoi artigli non furono ricoperti totalmente di sangue, gli arti dolenti. Molti urlarono, si ostacolarono, gli artigli a colpire alla cieca come un ariete assediato, e chiunque toccava, uomo o donna, veniva ucciso. Se avesse potuto avrebbe ucciso ogni essere umano del mondo. Il suo piccolo era morto. Il suo cucciolo era stato ucciso.
Quindi riuccise, e riuccise, e tutti scapparono in ogni direzione.
Quando non poté più acchiapparne, tornò indietro e sventrò i cadaveri, ne trovò alcuni ancora vivi e si assicurò che crepassero nel terrore.
Il suo cucciolo era morto.
Ma non ebbe tempo per piangere. Prima che gli umani potessero radunare i loro potenti arcieri e i loro mortali soldati vestiti d'acciaio, raccolse l'altro piccolo sopravvissuto, ignorò il dolore e la fatica e tutta la paura e il panico che sentiva così forte in quell'orrore monotono che erano i territori umani, e fuggì.

inviato il 29/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Staff e grazie Barbara :)

Ciao Giovanni, le tue 10righe sono nella classifica finale del mese di febbraio. 10righe scelte da Voi utenti.

Miles Cameron, pseudomino di Christian Gordon Cameron (Pittsburgh, 16 Agosto 1962)

FAVOLE

immagine copertina
JEAN DE LA FONTAINE
FAVOLE
Tradotto da Emilio De Marchi
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 1980
10 righe da pagina 10:

Al mio Narciso allor altro non resta
che andare, per fuggir tanto tormento,
in paesi selvaggi e sconosciuti, ove
di specchi non vi fosse il segno.
Ma specchio ancora, o illusion, discende
ivi un bel fiume, che da pura fonte
sgorga e l'attira di sì strano incanto
ch'ei non può dal cristal torcer lo sguardo.
Della favola è questa la morale,
che non d'un solo io traggo a beneficio,
ma di quanti son folli in questo mondo.

inviato il 25/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie.

Ciao, scelgo 10 righe di Giovanni Pisciottano.
http://scrivi.10righedailibri.it/red-knight-il-cavaliere-rosso

Grazie...

Ciao Barbara sei nella classifica settimanale del mese di gennaio. Scegli partendo da oggi 29 gennaio a domenica 4febbraio, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

Il coraggio di essere liberi

immagine copertina
Vito Mancuso
Il coraggio di essere liberi
Garzanti 2016
10 righe da pagina 29:

Se non esiste una reale libertà a livello personale, è assai improbabile che possa esisterne una a livello politico, dove gli enormi interessi economici producono condizionamenti e messaggi sublimali di ogni tipo, comprano il pensiero di molti cosidetti "opinionisti", e imbastiscono permanenti campagne elettorali senza elezioni i cui seggi sono supermercati e megastore. E poi perchè uno si dichiara di destra,l'altro di sinistra,l'altro ancora nè di destra nè di sinistra senza che neppure lui stesso sappia bene a destra o sinistra di che ?

inviato il 25/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Emma, sei nella classifica finale del mese di gennaio, 10righe scelte dalla redazione.

Bentornata Emma :)

Annientamento

immagine copertina
Jeff VanderMeer
Annientamento
Tradotto da Cristiana Mennella
Einaudi 2015
10 righe da pagina 92:

Ma divertirsi per me era uscire di nascosto a osservare una pozza di marea, cogliere la complessità delle creature che l'abitavano.Vivere per me era legato all'ecosistema e all'habitat, piacere per me era prendere coscienza dell'interconnessione fra esseri vivienti. Avevo sempre privilegiato l'osservazione rispetto all'interazione. Mio marito lo sapeva, credo.Ma divertirsi per me era uscire di nascosto a osservare una pozza di marea, cogliere la complessità delle creature che l'abitavano.Vivere per me era legato all'ecosistema e all'habitat, piacere per me era prendere coscienza dell'interconnessione fra esseri viventi. Avevo sempre privilegiato l'osservazione rispetto all'interazione. Mio marito lo sapeva, credo. Ma non sono mai riuscita a esprimermi così bene con lui,anche se ci ho provato,e lui mi ascoltava.Eppure, per altri versi,io non ero altro che espressione.Ormai credo che il mio unico dono,o talento,stesse nel fatto che i luoghi laciavano un'impronta su di me,e io riuscivo facilmente a fondermi con loro.Anche un bar era un ecosistema,sia pure grossolano,e chiunque vi fo

inviato il 23/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

bene! sono molto contenta!!

Ciao Beths, sei nella finale del mese di gennaio, 10righe scelte da Voi utenti.

Beths non preoccuparti... è un iter normale all'inizio :))

ah, ok... non ne faccio una giusta eh? ahahah!

Ciao Beths, secondo il regolamento, quando posti 10righe, devi aspettare che altri o un altro utente posti le sue, prima d'inserire di nuovo le Tue righe, in modo da dare visibilità a tutti. ☺

Jeffrey Scott VanderMeer (Bellefonte, 7 luglio 1968) è uno scrittore ed editore statunitense.

I Melrose

immagine copertina
Edward St Aubyn
I Melrose
Tradotto da Luca Briasco
BEAT - Neri Pozza 2013
10 righe da pagina 32:

"Come va la giornata, signor Maestro?"chiese suo padre,studiandolo con attenzione."Molto bene,grazie"rispose Patrick,chiedendosi se fosse una domanda a trabocchetto.Era senza fiato,ma sapeva di doversi concentrare,perchè era in compagnia di suo padre.Quando gli aveva chiesto quale fosse la cosa più importante al mondo,suo padre aveva risposto,"Osservare tutto".Patrick si scordava spesso di quell'istruzione,ma in presenza del padre studiava le cose con la massima cura,senza mai essere certo di cosa stesse cercando.Aveva più volte scrutato gli occhi del padre dietro gli occhiali scuri.Si spostav"Come va la giornata, signor Maestro?"chiese suo padre,studiandolo con attenzione."Molto bene,grazie"rispose Patrick,chiedendosi se fosse una domanda a trabocchetto.Era senza fiato,ma sapeva di doversi concentrare,perchè era in compagnia di suo padre.Quando gli aveva chiesto quale fosse la cosa più importante al mondo,suo padre aveva risposto,"Osservare tutto".Patrick si scordava spesso di quell'istruzione,ma in presenza del padre studiava le cose con la massima cura,senza mai essere certo di

inviato il 17/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Beths Creations, per Te un libro incentivo come finalista del mese di gennaio, 10righe scelte da Voi utenti. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

ma è fantastico!!! sono molto contenta!

Ciao Beths, sei nella classifica finale del mese di gennaio, 10righe scelte da Voi utenti.

Grazie.

PAGINA 32

Scrivi nei commenti il numero della pagina.

(Cornovaglia, 14 gennaio 1960) è uno scrittore e giornalista britannico

BABYLON-BERLIN

immagine copertina
VOLKER KUTSSCHER
BABYLON-BERLIN
Tradotto da PALMA SEVERI E ROSANNA VITALE
FELTRINELLI (NARRATORI) 2017
10 righe da pagina 172:

La sveglia era puntata parecchio prima del solito. Non che avesse - che avessero - dormito molto. Quando la lancetta scattò Rath era già sveglio e con una rapida manata fermò il mostro di lamiera sul comodino prima che potesse fare rumore. Si voltò. Capelli neri sul cuscino. Charlotte era ancora distesa accanto a lui. Non era stato un sogno... La accarezzò e la baciò sulla nuca e sul collo sottile. Si stava svegliando, ma rimase ancora un po', in modo che lui continuasse a baciarla. Poi si girò e gli sorrise.

inviato il 16/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Barbara, per Te un libro incentivo come finalista settimanale di 10righe. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie.

Grazie.
Le 10righe che ho scelto sono: http://scrivi.10righedailibri.it/annientamento

Ciao Barbara sei nella classifica settimanale del mese di gennaio. Scegli partendo da oggi 22 gennaio a domenica 28 gennaio, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

Ciao Elena.

Ciao Barbara.

Volker Kutscher è nato il 26 dicembre 1962 a Lindlar, Germania.

Patria

immagine copertina
Fernando Aramburu
Patria
Tradotto da Bruno Arpaia
Guanda 2017
10 righe da pagina 188:

Porta sbattuta. E Arantxa, chiusa dentro. Non le importava. Che schifo di madre. Sta' fresca se crede che così mi punisce. Il desiderio di Arantxa si chiamava solitudine. Il suo desiderio più grande, essere finalmente da sola, [...] Andassero affanculo. Dal pomeriggio della disgrazia non è più padrona della sua vita. E lei voleva stare da sola, cazzo, da sola. Per guardarsi allo specchio? Già, e se pure fosse stato così?
Si guardò negli occhi, tesa, con aria di sfida, in attesa che cominciasse il film dei suoi ricordi, il racconto della sua vita spezzata in scene. Si, spezzata, spezzata in frammenti di vetro come una bottiglia caduta a terra. E in ogni coccio, un ricordo, un episodio, le ombre e le figure disperse nel passato.

inviato il 15/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Staff, avete ricevuto la mia email? Volevo avvertire che ancora non mi è arrivato il libro.
Solo per sapere. Grazie

Oh grazie! Non me l'aspettavo.

Ciao Elena, per Te un libro incentivo come finalista del mese di gennaio, 10righe scelte dalla Redazione. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Elena sei nella classifica finale del mese di gennaio, 10righe scelte dalla redazione.

Va benissimo, no problem. Grazie mille.

Ciao Elena, è facoltativo. Noi lo aggiungiamo per l'Agenda letteraria.

Devo scrivere anche dove e quando è nato l'autore. Grazie.

Fernando Aramburu, nato a San Sebastián nel 1959.

Grazieeeeeeeeeeeeeee

Ciao Elena, ben tornata. :-)

4321

immagine copertina
Paul Auster
4321
Tradotto da Cristiana Mennella
Einaudi 2017

L'ultimo di questi titoli mise fine alle rozze fantasie di Ferguson [...], perchè la lettura di Delitto e Castigo lo cambiò, Delitto e Castigo fu il fulmine che si abbatté dal cielo e lo mandò in frantumi,e quando riuscì a riprendersi Ferguson non ebbe più dubbi sul futuro, se un libro poteva essere Questo, se un romanzo poteva fare Questo al tuo cuore, alla tua mente e ai tuoi sentimenti più profondi sul mondo, allora scrivere romanzi era senz'altro la cosa migliore che potevi fare nella vita, perchè Dostoevskij gli aveva insegnato che le storie inventate potevano andare ben oltre il semplice divertimento e lo svago, potevano rivoltarti come un calzino e scoperchiarti il cervello, potevano scottarti e gelarti e metterti completamente a nudo e scaraventarti tra i venti furiosi dell'universo e da quel giorno in poi, dopo aver annaspato per tutta l'infanzia, perso nei meandri più fitti dello smarrimento, finalmente Ferguson capì dove stava andando, e negli anni successivi non tornò mai sulla sua decisione , nemmeno in quelli più duri, ....

inviato il 13/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie Staff! mi fa molto piacere!!

Ciao Beths, sei nella finale del mese di gennaio. 10 righe scelte dalla redazione.

Paul Benjamin Auster nato a Newark il 3 febbraio 1947.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy