Cento lettere a uno sconosciuto

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Roberto Calasso
Cento lettere a uno sconosciuto
Adelphi

Fin dall'inizio i risvolti obbedivano ad una sola regola: che noi stessi li prendessimo alla lettera; e a un solo desiderio: che anche i lettori, contrariamente all'uso, facessero lo stesso.In quella angusta gabbia retorica, meno fascinosa ma altrettanto severa di quella che può offrire un sonetto, si trattava di dire poche parole efficaci, come quando si presenta un amico ad un amico.E superando quel lieve imbarazzo che c'è in tutte le presentazioni, anche e soprattutto fra amici.Oltre che rispettando le regole della buona educazione, che impongono di non sottolineare i difetti dell'amico presentato.Ma c'era, in tutto questo, anche un pungolo: si sa che l'arte della lode precisa non è meno difficile di quella della critica devastante.E si sa inoltre che il numero di aggettivi adatti per lodare gli scrittori è infinitamente minore di quello degli aggettivi disponibili per lodare Allah. ( roberto Calasso-Cento lettere a uno sconosciuto)

inviato il 24/07/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Corre l'obbligo di precisare che il numero di pagina manca perchè questa pagina non è numerata.Si tratta, infatti, del risvolto di copertina del libro di calasso sui risvolti di copertina.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy