Coro di funghi

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Hiromi Goto
Coro di funghi
Tradotto da C. De Santcis, V. Trisoglio
Edizioni Socrates 2005
10 righe da pagina 66:

Obachan, ho imparato a parlare giapponese dopo che te ne sei andata. Perché mi andava. è un buon motivo. E sai cosa ho imparato, Obachan? Ho imparato che in giapponese si può dire ti voglio bene solo a una sposa o all'uomo che ami. Non a una sorella o a un fratello, un figlio o una figlia, né a uno zio, una zia, un cugino, nemmeno a un padre e una madre. O a una nonna. Tutto quello che si può dire è daisuki yo. Un tiepido "mi piaci tanto". Ma sono contenta di aver imparato il giapponese, perché ora mi so destreggiare con due lingue e quando una parola in inglese non esiste, esisterà in giapponese, e se nella tua lingua non dovesse esserci troverò qualcosa in inglese. Perciò te lo dico in inglese. Ti voglio bene, nonna.

inviato il 19/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy