Dio ne scampi dagli Orsenigo

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Vittorio Imbriani
Dio ne scampi dagli Orsenigo
Tradotto da G. Sgavicchia
Allori Edizioni 2004
10 righe da pagina 108:

Questo profondo desiderio della passione era, già, di per sé, la passione stessa: non la bufera, che sconquassa l'animo, anzi la breve pausa di raccoglimento, che precede i cataclismi così orali come fisici. Le scomparve il riso dalle labbra, le si accese un fuoco cupidissimo, negli occhi. Ned osava confessare a sé medesima cosa desiderasse, confessarselo esplicitamente, collocando i titoli sugl'i; non siamo franchi, nojaltri uomini, neppure ne' colloqui con la coscienza nostra. Eppure ch'ella ne convenisse o no, che l'avvertisse o no, pure, la passione le si presentava fatalmente, sotto le forme di quel Maurizio, nel quale, prima di ella l'aveva vista così rigogliosa e potente e (come a lei pareva) sublime.

inviato il 16/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Natalina. :)

aggiungo segnalibro

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy