Dispvtationvm adversvs gentes – Libri VII (10righe tradotte da Riccardo Di Lorenzo)

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Arnobio o Arnobio di Sicca o Arnobio il Vecchio o Arnobio Afro
Dispvtationvm adversvs gentes – Libri VII (10righe tradotte da Riccardo Di Lorenzo)
Hambvrgi 1610
10 righe da pagina 128:

Se un bue o un altro qualunque degli animali, che viene sacrificato per placare la collera degli dei, assumesse voce umana, direbbe queste parole: «Dunque, o Giove, o qualsiasi altro dio tu sia, ti sembra ammissibile, retto o che si possa ritenere in qualche modo giusto che, dopo che un altro ha commesso un delitto, debba essere ammazzato io, e che tu accetti di essere soddisfatto del mio sangue, mentre io non ti ho mai fatto alcun torto, non ho mai offeso la tua divina maestà, né consapevolmente, né inconsapevolmente, essendo io un animale muto, che agisco secondo la semplicità dei miei istinti, come tu già sai? ... Ho mai giurato il falso in tuo nome? Ho mai rubato con sacrilego furto i tesori nei tuoi templi? Ho mai profanato i luoghi sacri? Allora per quale motivo i misfatti altrui devono essere lavati col mio sangue e per un’infamia, a cui sono estraneo, deve essere coinvolta la mia vita innocente? Forse perché sono un animale vile, senza ragione, senza intelligenza, né sentimento, come dicono costoro, che si chiamano uomini, ma in quanto a ferocia superano tutte le belve...»

inviato il 30/04/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy