Dolce come il cioccolato

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Laura Esquivel
Dolce come il cioccolato
Tradotto da Silvia benso
TEA DUE 1998

Diceva che, benché nasciamo con una scatola di cerini dentro di noi, non possiamo accenderli da soli, abbiamo bisogno, come nell'esperimento, di ossigeno e dell'aiuto di una candela. Solo che in questo caso l'ossigeno deve provenire, per esempio, dal fiato della persona amata; la candela può essere un tipo qualsiasi di cibo, di musica, di amore, di parola o di suono che faccia scattare il detonatore e accendere in tal modo uno dei fiammiferi. Per un momento ci sentiremo abbagliati da una intensa emozione. Si produrrà dentro di noi un piacevole calore che con il passare del tempo si andrà affievolendo, lentamente, finché non sopraggiungerà una nuova esplosione a ravvivarlo. Ogni individuo deve scoprire quali sono i detonatori che lo fanno vivere, poiché è la combustione che si produce quando uno di essi si accende a nutrire di energia l'anima. In altre parole, questa combustione è il nostro nutrimento. Se non scopriamo in tempo quali sono i nostri detonatori, la scatola di cerini s'inumidisce e non potremo mai più accendere un solo fiammifero.

inviato il 05/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

c'è anche il film http://www.youtube.com/watch?v=Vqm8_GjKDBc

Ciao! Hai vinto la classifica settimanale, ricevi un libro incentivo e settimana prossima devi scegliere la tua citazione preferita! :)
- ma sai già tutto, lo dico giusto per pro forma :) -

Sono rimasta incantata da questo libro, semplicemente bellissimo!

belle righe...

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy