Emma

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Jane Austen
Emma
Newton 2009.

…Emma si alzò la mattina successiva più pronta a consolarsi di quando si era coricata, più disposta a riconoscere la possibilità di alleviare il male che doveva affrontare, e a confidare di poterne uscire in modo accettabile. Era una grande consolazione che il signor Elton non fosse davvero innamorato di lei, o cosi particolarmente amabile da rendere penoso il doverlo deludere (e anche che l’indole di Harriet non fosse di quella specie superiore in cui i sentimenti sono estremi e tenacissimi); che non fosse necessario che qualcuno venisse informato di quel che era accaduto, se non le tre persone interessate; e soprattutto che suo padre dovesse subire un momento di inquietudine. Questi pensieri erano assai confortanti; e la vista di un bel po’ di neve per terra le portò un altro motivo di sollievo, giacchè ogni cosa che potesse giustificare la separazione di loro tre, per il momento, era la benvenuta. Il tempo l’aiutava molto…

inviato il 14/11/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiunto segnalibro

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy