Favole al telefono

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Gianni Rodari
Favole al telefono
Einaudi
10 righe da pagina 103:

- Uh, i ciclamini, - esclamò una signora, tutta giuliva.
- E' proprio il momento di pensare ai ciclamini, - ribattè l'avvocato.
- Non importa, - dichiarò la signora, - arriverò tardi al ministero, avrò una lavata di capo, ma tanto è lo stesso, e giacchè ci sono mi voglio cavare la voglia dei ciclamini. Saranno dieci anni che non ne colgo.
Scese dal filobus, respirando a bocca spalancata l'aria di quello strano mattino, e si mise a fare un mazzetto di ciclamini.
Visto che il filobus non voleva saperne di ripartire, uno dopo l'altro i viaggiatori scesero a sgranchirsi le gambe o a fumare una sigaretta e intanto il loro malumore scompariva come la nebbia al sole. Uno coglieva una margherita e se la infilava all'occhiello, l'altro scopriva una fragola acerba e gridava:
- L'ho trovata io. Ora ci metto il mio biglietto, e quando è matura la vengo a cogliere, e guai se non la trovo.
Difatti levò dal portafogli un bigietto da visita, lo infilò su uno stecchino e piantò lo stecchino accanto alla fragola. Sul biglietto c'era scritto: Dottor Giulio Bollati.

inviato il 14/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo al Giuoco domenicale #23: Righe primaverili http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-23-righe-primaverili

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy