Frammenti tellurici

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Domenico Loddo
Frammenti tellurici
Città del Sole Edizioni
10 righe da pagina 63:

Io sono Tua. Non una promessa a un amante, signori, anche se sono costretto in questa forma da sempre,da quando ero piccolo,e correvo ancora sul selciato dell’ottocento. Io sono tua, il Maggiore Tua,ufficiale dei carabinieri. Ancora due giorni dopo il disastro, Reggio non rispondeva al mondo. Tutti erano a conoscenza di ciò che era accaduto a Messina, ma qui dall’altra parte dello stretto i telegrafi tacevano,come se l’intera città fosse stata ingoiata dal mare. Il 29 dicembre raggiunsi Gerace Marina e da lì riuscii a mandare un telegramma al Ministero degli interni. “ Reggio è completamente distrutta. I morti non si contano. Le scosse di terremoto sono state cinque. Tutte terribili. Urgono soccorsi”. Lo ricevettero soltanto alle 20 di martedì, 62 ore e quaranta minuti dopo la scossa della tragedia. Ogni aiuto possibile fu tardivo e lacunoso. Si sarebbero potute salvare molte vite. Eppure in quei giorni luttuosi avrei preferito essere una semplice frase d’amore.

inviato il 05/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Aggiungo segnalibro!

segnalibro

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy