Germinale

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Emile Zola
Germinale
Tradotto da Ida Porfido
La Repubblica 2004
10 righe da pagina 485:

"...Non resta che arrenderci.
La Maheude, rimasta fino a quel momento immobile e taciturna, perse di colpo ogni ritegno e, dandogli del tu, gli urlò in faccia, bestemmiando come un uomo:
- Ma che dici, perdio! Sei tu, che vieni a dirci questo?
Etienne fece per spiegarsi, ma lei glielo impedì.
- Non dirlo mai più, sai? Se no, anche se sono soltanto una donna, ti spacco la faccia... Secondo te, abbiamo patito la fame per due mesi, ci siamo venduti ciò che avevamo in casa, io ho visto i miei figli ammalarsi, e tutto per nulla? Per veder ricominciare le ingiustizie come se niente fosse?"

inviato il 13/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo a Libri in piazza” + link. http://scrivi.10righedailibri.it/libri-piazza

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy