Giacomo l'idealista

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Emilio De Marchi
Giacomo l'idealista
Scrivere 2017
10 righe da pagina 13:

Quantunque si sforzasse di cantarellare sul suo patimento, una tenera commozione tremolò nella sua voce. Povero Giacomo! A questo suo amore aveva consacrato la parte migliore della giovinezza [...] Nel suo ascetismo filosofico aveva accesa una lampada davanti a una cara immagine, e in questa luce mite che emanava dal suo cuore, insieme alla sua virtù aveva potuto trattenerlo un santo rispetto per la celeste creatura, che l'amore monello piglia col vischio. Il tempo che egli aveva occupato in aspettare non era stato perduto per lui e nemmeno per la bella Celestina, se è vero che anche la donna migliori nel pensiero dell'uomo che l'adora.

inviato il 12/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Emilio De Marchi (Milano 1851 – Milano 1901).

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy