Harry Potter e i doni della morte

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

J.K. Rowling
Harry Potter e i doni della morte
Salani
10 righe da pagina 632:

“Dopo tutto questo tempo?” “Sempre” rispose Piton.
[…]
“Non ucciderai nessun altro questa notte”. Ribatté Harry. “Non potrai uccidere nessuno di loro, mai più. Non capisci? Ero pronto a morire per impedirti di fare del male a queste persone” “ma non l’hai fatto!” “era mia intenzione,ed è questo che importa. Ho fatto quello che ha fatto mia madre. Sono protetti da te. Non hai notato che nessuno dei tuoi incantesimi funziona su di loro?Non puoi torturarli. Non puoi toccarli”[…] “Severus Piton non era tuo. Piton era di Silente, di Silente dal momento in cui hai cominciato a dare la caccia a mia madre. E non te ne sei mai accorto, per via della cosa che non puoi capire. Non hai mai visto Piton evocare un Patronus, vero Riddle? Il Patronus di Piton era una cerva, come quello di mia madre, perché lui l’ha amata per tutta la vita, da quando erano bambini".

inviato il 08/12/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Manca la copertina! :P

splendido...

il senso di Harry Potter, riassunto in 10 righe..

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy