I giorni del tè e delle rose

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Jennifer Donnelly
I giorni del tè e delle rose
Tradotto da Lucia Fochi e Stefania De Franco
Sonzogno 2010
10 righe da pagina 15:

Non le importava del fatto che normalmente le ragazze non si occupavano di affari commerciali, in special modo le ragazze del porto, come sua madre le ricordava in continuazione: dovevano imparare a cucinare, a cucire e a tenere in ordine la casa per trovare un marito che si occupasse di loro, come avevano fatti i loro padri. "Stupidaggini", così la madre liquidava le sue idee e le consigliava di cercare di imparare a fare il pane, invece di stare al fiume. Ma il padre non credeva che i suoi sogni fossero stupidi. "Bisogna avere dei sogni, Fee", diceva. "Il giorno che smetti di sognare puoi anche andare dal becchino, perchè non sei niente di più di un morto".

inviato il 09/11/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

bel libro mi è piaciuto molto!!

Grazie Holly, ora li inserisco
:)

La traduzione è di Lucia Fochi e Stefania De Franco, la pagina da cui ho tratto la citazione è pag. 15 ( il libro che ho io è la seconda edizione tascabili sonzogno dello scorso mese)

Holly chi è il traduttore? da che pagina hai tratto la citazione?
;)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy