Il burattinaio

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Francesco Barbi
Il burattinaio
Dalai Editore
10 righe da pagina 114:

Le ombre parvero ritrarsi, presero a contorcersi. Tornavano indietro, tentavano di sottrarsi, ma erano come risucchiate verso la pedana. Confluivano nel ciondolo.
Steben non riusciva a staccare gli occhi da quel prodigio. D’un tratto, un vortice e le ombre scomparvero. Pian piano le fiamme si affievolirono. Il volto dello stregone tremolò nell’alone di luce rimasto al centro dei candelabri. Le palpebre si sollevarono, gli occhi girarono nelle orbite. Puntarono dritti in quelli di Steben. Le fiamme si spensero e l’oscurità avvolse l’ambiente.
“Avvicinati.”
La voce era nella sua testa. Le gambe di Steben si mossero. Dieci, quindici passi, non lo avrebbe saputo dire. Si fermò. Nel buio, sentì una mano afferrarlo dietro la nuca. Un tintinnio metallico. Una sensazione di freddo alla base del collo. Steben percepì il ciondolo posarsi sul suo petto. Perse conoscenza.

inviato il 15/11/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy