Il Capitano è fuori a pranzo

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Charles Bukowski
Il Capitano è fuori a pranzo
Tradotto da Andrea Buzzi
Feltrinelli - I Canguri 2000
10 righe da pagina 6:

“Nella morte non c'è niente di triste, non più di quanto ce ne sia nello sbocciare di un fiore. La cosa terribile non è la morte, ma le vite che la gente vive o non vive fino alla morte. Non fanno onore alla propria vita, la pisciano via. La cagano fuori. Muti idioti. Troppo presi a scopare, film, soldi, famiglia, scopare. Hanno la testa piena di ovatta. Mandano giù Dio senza pensare, mandano giù la patria senza pensare. Dopo un po' dimenticano anche come si fa a pensare, lasciano che siano gli altri a pensare per loro. Hanno il cervello imbottito di ovatta. Sono brutti, parlano male, camminano male. Gli suoni la grande musica dei secoli ma loro non sentono. Per molti la morte è una formalità. C'è rimasto ben poco che possa morire.”

inviato il 20/12/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

bukowski piace perchè é attuale, perchè é l'uomo di oggi, della società in cui viviamo!

La frase che continua a piacermi tantissimo é : "La cosa terribile non è la morte, ma le vite che la gente vive o non vive fino alla morte. Non fanno onore alla propria vita... " Riflettete, gente, riflettete!

Grande Bukowski!

In effetti, occorre far onore alla propria vita, anche se a volte capita a tutti di avere la testa piena di ovatta...

Chi vuol esser lieto sia...di doman non c'é certezza, ma con moderazione1

Riflettete sulla frase, bellissima: "Dopo un po' dimenticano anche come si fa a pensare, lasciano che siano gli altri a pensare per loro. Hanno il cervello imbottito di ovatta". Credo che ognuno di noi conosca persone che, purtroppo, non pensano....

Occorre pensare, riflettere!

Vita e morte sono unite...

Occorre fare onore alla propria vita, ci insegna questo libro.

Vivi bene la vita! Carpe diem!

Bisogna pensare, ha ragione l'autore!

Occorre sempre vivere la vita, con serenità, con impegno e con amore!

Grande Bukowski!

Tuttavia, lo sbocciare di un fiore é più dolce della morte, anche se la morte fa parte della vita!

Bello il riferimento alle vite che non sono vissute!

Tratto da pagina 6

Complimenti, ti sei aggiudicato il libro incentivo per le 10 righe più gradite della settimana!
P. S.: Puoi mettere la pagina da cui hai tratto le 10 righe?
Enrico staff 10 righe dai libri

anche secondo me il bello di Bukowski è che è perennemente incazzato, per i vicini che bussano alla sua porta troppo presto la mattina, per i reading di poesie che è costretto a fare controvoglia per racimolar quattrini, per il mal di testo del dopo sbronza, per l'ennesima giornata finita male alle corse dei cavalli, per l'America in cui trovi tanto facilmente un lavoro quanto facilmente lo molli dopo una settimana, per le donne che vorrebbero amore e dolcezza quando lui invece ha solo voglia di scopare, per le pagine bianche accanto alla macchina da scrivere che riempie vomitando parole, per la bottiglia che è ormai quasi finita...

Quando si incazza, Bukowski, e succede più che spesso, mi piace troppo.

...ti assicuro che sorrido abbastanza e che la vita, per come può, ricambia in pieno!!!! vai per la tua strada; il messaggio, come presentivo, non so se è stato colto...

Mel va, DON'T BE TOO SQUARE!! Non essere così quadrato; sorridi e la vita ti sorriderà, e prendila con più leggerezza!!! Per queste 10righe ci sono per il momento 6 segnalibri di miei contatti Facebook appassionati di lettura che io ho invitato a prender parte al sito, nella speranza che anche loro scrivano 10righe, che male c'è a fare un pò di campagna letturale per incrementare il numero degli iscritti??? Stai pure tranquillo che sto godendo come un riccio a "conquistare" segnalibri, con queste 10 righe del grande Bukowski!!
Romano

AVVAI iniziamo bene la settimana, con Bukowski non potevo fallire, ma stiamo a vedere...

direttamente nella pancia.

adorabile bukowski, semplicemente adorabile

fichissimo

Secondo me di tutti i romanzi e le raccolte di poesie del grande Chinasky, Il capitano è fuori a pranzo è uno di quelli meno belli!! Non male le 10 righe però

Troppo forte Bukowski!! se trovo Factotum metto anche io le 10 righe!!

Romano, 10 righe sono poche ma puoi scrivere tanti post con 10 righe tratte da pagine differenti
;)

10 RIGHE SON POCHE PER BUKOWSKI:
Ottima giornata alle corse, maledettamente vicino a fare il colpaccio. Eppure, anche quando si vince, è noioso. Quei trenta minuti di attesa fra una corsa e l'altra, la vita ti sgocciola via nello spazio. Tutti sembrano grigi, calpestati. E io sto lì con loro. Ma dove altro potrei andare? In un museo d'arte? Dovrei starmene in casa tutto il giorno a fare lo scrittore? Potrei mettermi una sciarpetta. Mi ricordo quel poeta, che nei suoi vagabondaggi passava sempre da queste parti. Camicia senza bottoni, vomito sui pantaloni, capelli negli occhi, stringhe slacciate, però aveva quella lunga sciarpa sempre pulitissima. Era quello il segnale dell'essere un poeta. Le sue opere? Be', lasciamo perdere...

come non segnalibrare il grande Chinasky!!

ricorda un pò lentamente muore.. di Neruda

Daniele, tra i tanti scritti di Bukowski c'è anche "Taccuino di un vecchio sporcaccione" che dovrebbe essere forse una raccolta di racconti, ma io ti consiglio "Donne" per la tua amica, anche se forse è uno dei libri più sentimentali di Buk. non temere che esce fuori tutta la sua indole....

Il grande Henry Chinasky lo avevo proprio dimenticato. Ho trovato cosa regalare ad una mia collega di lavoro troppo pudica, ma quale sarà il più sporcaccione???

mitico HENRY CHINASKY!! Io ho letto solo POST OFFICE, postino ubriacone e sporcaccione appassionato di corse di cavalli; quante donne avrà sedotto con la scusa di consegnare la posta hahahahahhahahaa

scusate, ma Storie di ordinaria follia ce lo vogliamo dimenticare??? è il primo Bukowski che ho letto, avrò avuto 18 anni e non lo dimenticherò mai!!

Bellissimo! Anche se il mio preferito in assoluto è "Donne" che ho letto 3 volte!! Mi spiace solo che l'ho prestato e non posso scrivere le 10 righe :(

Omaggio al grande Charles Bukowski vecchio sporcaccione, alcolista e appassionato di corse di cavalli!

“ An intellectual is a man who says a simple thing in a difficult way; an artist is a man who says a difficult thing in a simple way.”

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy