il giro di boa

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Andrea Camilleri
il giro di boa
Sellerio editore Palermo 2003
10 righe da pagina 56:

Il Questore si era messo d’accordo con la Capitaneria la quale comunicava direttamente alla Questura di Montelusa ogni arrivo di extracomunitari. E allura Riguccio si partiva verso Vigàta con una teoria di pullman requisiti, automezzi carrichi di poliziotti, ambulanze, jeep. E ogni volta, tragedie, scene di chianti e di duluri. C’era da dare adenzia a fìmmine che stavano partorendo, a picciliddri scomparsi nella confusione, a pirsone che avivano perso la testa o che erano addiventate malate durante viaggi interminabili passati sopracoperta all’acqua e al vento. Quando sbarcavano, l’aria frisca del mare non arrinisciva a disperdere l’odore insopportabile che si portavano appresso, che non era feto di gente mala lavata, ma feto di scanto, d’angoscia, di sofferenza, di disperazione arrivata a quel limite oltre il quale c’è sulamenti la spiranza della morte. Impossibile restare indifferenti e per questo Riguccio gli aveva confessato che non reggeva più.

inviato il 23/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy