Il mondo di Sofia - romanzo sulla storia della filosofia

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Jostein Gaarden
Il mondo di Sofia - romanzo sulla storia della filosofia
Tradotto da Tradotto da Margherita Podestà Heir
Longanesi 1994
10 righe da pagina 217:

Nel Rinascimento si formò anche una nuova visione della natura. Che l'uomo vivesse con gioia la sua esistenza, senza più considerare la vita sulla Terra come una preparazione alla vita celeste, modificò l'atteggiamento verso il mondo fisico. La natura venne considerata come qualcosa di positivo e, secondo molti pensatori, Dio era presente nel creato perché, essendo Egli infinito, doveva trovarsi ovunque. Questa concezione viene chiamata panteismo. I filosofi medievali avevano affermato che esisteva un'insormontabile divisione tra Dio e creato. Adesso si diceva che la natura era divina, era una "manifestazione di Dio". Queste nuove idee non vennero sempre accolte con benevolenza dalla Chiesa e un esempio di tale ostilità ci viene offerto dalla vicenda di un filosofo, Giordano Bruno.

inviato il 10/10/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

... Egli affermò non soltanto che Dio è presente in natura.... ma anche che il cosmo è infinito. Affermazioni che gli costarono care...

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy