L’amore in Italia – Vol. II

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Paul Johann Ludwig Heyse
L’amore in Italia – Vol. II
Tradotto da Gustavo Strafforello
Augusto Federico Negro 1863
10 righe da pagina 45:

Franz li lasciò dire, ridendo fra sé, quando Carlo si fece un tratto a chiedergli:
- E voi dite che non avete mai amato?
- Non più di due ore di seguito, mio giovine amico, e ciò nel migliore vuol dire nel peggiore dei casi. Nessuno nella prim’ora dell’amore è irreparabilmente perduto, posciachè l’amor non è cieco, come lo dipingono pittori e poeti. Ma la più parte bendansi volontariamente gli occhi per non vedere la via sulla quale potrebbero salvarsi. E perché ciò?... Per liberarsi comodamente dal dovere di amare gli uomini, tutti s’innamorano di una sola creatura, e il rimanente dell’umanità vada pure al diavolo!... Chi fugge dall’amore nulla può far di meglio che assuefarsi ad amare una sola persona.

inviato il 11/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

che brividi, doppio segnalibro. :)

Ritratto dell'autore realizzato da Adolph von Menzel

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy