LA PAZIENTE DELLE QUATTRO

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

NOAM SHPANCER
LA PAZIENTE DELLE QUATTRO
Tradotto da GUIDO CALZA
PONTE ALLE GRAZIE 2010
10 righe da pagina 170:

Adesso l'auto procede al galoppo, i fari inghiottono la linea di mezzeria. Serpeggia fra i camion: bestioni impacciati, davanti alla pantera vivace che è la sua macchina. Figlia mia. Figlia mia. I suoi riccioli d'ambra, di seta e luce, il tintinnio della sua risata. Mia: venuta da me, dal mio seme, dal mio sangue e dalla mia carne. Billie. Gli pulsano le tempie. Respira affannosamente. Si ferma a lato della strada. Camion giganteschi passano a rotta di collo come i vagoni di un treno senza fine. Raggomitolato sul sedile, abbandona pesantemente il capo sulle mani posate sul volante. Dove sono i tuoi piedi adesso? Nuvole d'autunno, aria limpida, trasparente.

inviato il 17/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy