La sorella

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Sándor Márai
La sorella
Gli Adelphi
10 righe da pagina 188:

Il più delle volte questi impulsi assumono una forma volgare, comoda, come se si presentassero in veste da camera: il sesso, la nudità, il piacere… Ma si tratta solo di un camuffamento. Ogni profondo rapporto umano – amicizia, amore, e quello strano legame che unisce, per la vita o per la morte, due nemici – comincia con la sensazione che qualcuno ci sfiori: una sensazione surreale, simile a quelle che si hanno in sogno. A un tratto, in mezzo alla folla estranea, ti sfiora uno sguardo, una voce, e ti senti svenire, ti sembra di aver già vissuto quell’istante e di sapere tutto quello che poi accadrà, persino le parole e i gesti: ed è la realtà più seria e fatale, e al tempo stesso è come un sogno… così cominciano i legami più importanti. E così mi ero sentito sfiorare anch’io: ancora una volta, forse per l’ultima, qualcuno era giunto fino al ciglio del burrone, ancora una volta “avevo incontrato” qualcuno, ancora una volta avevo potuto vivere quella solenne realtà onirica che avevo già vissuto…

inviato il 12/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy