Le braci

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Márai Sándor
Le braci
Adelphi (collana Gli Adelphi)
10 righe da pagina 29:

Il castello era un mondo a sé stante, come quei grandi e sfarzosi mausolei di pietra in cui languono le ossa di intere generazioni e si dissolvono le vesti funebri di seta grigia o panno nero di donne e uomini vissuti in altri tempi. Esso racchiudeva in sé il silenzio,come un recluso che vegeti esanime sulla paglia marcescente di un sotterraneo,con la barba lunga,vestito di stracci e coperto di muffe. Racchiudeva anche la memoria,la memoria dei defunti,che si annidava nei recessi più occulti,così come i funghi,le mucillagini,i pipistrelli,i ratti,gli insetti si annidano nelle cantine umide dei vecchi edifici.

inviato il 12/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Fernanda, sei nella finale di giugno, 10righe scelte da Voi utenti. Riporta qui nei commenti il nome del traduttore e l'anno di edizione, come appunto la nostra Patti ti ha appena scritto. Grazie :-)

Ciao Fernanda, in qualità di finalista della scorsa settimana ho scelto le tue 10 righe :) dovresti scrivere nei commenti il nome del traduttore e l'anno di edizione

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy