Madame Bovary

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Gustave Flaubert
Madame Bovary
Tradotto da Diego Valeri
Oscar Mondadori 1993

Le borghesi ammiravano la sua economia, i clienti la sua gentilezza, i poveri la sua carità.
Ma essa era piena di brame, di rabbia, di odio. Quel vestito dalle pieghe diritte nascondeva un cuore sconvolto; quelle labbra così pudiche serravano una tempesta. Era innamorata di Leone, e cercava la solitudine per poter più liberamente godere della sua immagine. La vista della persona veniva a turbare la voluttà di quelle fantasie. Emma palpitava al rumore dei suoi passi; poi, in presenza di lui, si sentiva abbandonare da quello commozione, e infine non le restava che un immenso stupore che finiva in tristezza.
Leone non sapeva, quando usciva disperato dalla casa di lei, ch'essa si alzava da sedere per rivederlo in istrada.
(Madame Bovary, Gustave Flaubert, Oscar Mondadori 1993, trad.Diego valeri, pag.117)

inviato il 28/09/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

è bellissimo,l'ho letto diverso tempo fà e l'ho davvero amato:))

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy