Memorie di Adriano

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Marguerite Yourcenar
Memorie di Adriano
Tradotto da Lidia Storoni Mazzolani
Einaudi 1981
10 righe da pagina 118:

Quel viaggiatore era al tempo stesso il padrone, libero al tempo stesso di vedere e di riformare, libero di creare.
Era la mia sorte... E mi accorsi quanto sia vantaggioso essere un uomo nuovo, solo, quasi esente da vincoli matrimoniali, senza figli, quasi senza avi, un Ulisse senz'altra Itaca che quella interiore...: non ho mai avuto la sensazione di appartenere completamente a nessun luogo, neppure alla mia dilettissima Atene, neppure a Roma.
Straniero dappertutto, non mi sentivo particolarmente isolato in nessun luogo.

inviato il 22/08/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy