Morire dal Ridere

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Antonietta Maria Usardi
Morire dal Ridere
0111 edizioni
10 righe da pagina 120:

Il giorno in cui il piccolo Robespierre arrivò a bottega era una soleggiata mattina autunnale, di quelle che da queste parti capitano una volta ogni tanto durante l’anno.
Il bambino, cinque anni compiuti il primo aprile, porta in dote, come unico bagaglio, una valigia di velluto nero da cui sbuca un indecoroso pigiama giallo canarino, una borsa piena di libri da colorare, una lettera per gli zii, che da quel momento in poi saranno i suoi tutori legali fino alla maggiore età, una chioma arruffata di riccioli color carota dalla sfumatura impresentabile e un sorriso così beato stampato sulla faccia che nemmeno il Signore Iddio l’ultimo giorno della creazione.
Ben inteso, io Lui non l’ho mai visto di persona (e, detto tra noi, non ho tutta questa fretta di conoscerlo ) ma immagino dovesse essere piuttosto soddisfatto di cotanta opera, se non altro al pensiero di potersi finalmente godere la pensione per i secoli dei secoli.

inviato il 14/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Lille809 :)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy