Odissea

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Omero
Odissea
Tradotto da I. Pindemonte
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli (collana Classici) 1993
10 righe da pagina 187:

Non poter senza me carcar la nave.
Che nave? in Libia vendermi a gran prezzo
Pensava il tristo. Io che potea? Costretto,
Di nuovo il seguitai: benché del vero
Mi trascorresse per la mente un lampo.
Su Creta sorse il rapido naviglio,
Che un gagliardo Aquilon feriva in poppa,
Mentre gli ordìa l'ultimo eccidio Giove.
Già né più Creta si vedea, né altra
Terra, ma cielo in ogni parte, o mare,
Quando il Fulminator sul nostro capo
Sospese d'alto una cerulea nube,
Sotto a cui tutte intenebrarsi l'acque.
Tonò più volte, e al fin lanció il suo telo
Contra la nave, che del fiero colpo
Si contorse, s'empieo di zolfo, e tutti
Ne cadettero giù. Quai corvi, intorno
Le s'aggiravan su per l'onde, e Giove
Lor togliea con la patria anco la vita.

inviato il 15/05/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee :-)

Ciao Chaira hai vinto il libro incentivo! manda una email con il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it, buona lettura.

Grazie Giovanni e scusa il ritardo, grazie 10 righe... .-)

Chiara, ancora non hai vinto il libro incentivo ma sei entrata in finale. L'email la manda solo il vincitore mensile. Grazie Giovanni, sei stato il primo a sperimentare il nuovo regolamento. :)

Ciao, ho scelto le tue 10righe per farti ricevere un libro incentivo, invia un email con il tuo indirizzo e il link di queste 10righe a libroincentivo@10righedailibri.it, buona lettura.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy