Storia da almanacco da Diario d’antepace

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Max Frisch
Storia da almanacco da Diario d’antepace
Tradotto da E. Filippini
Feltrinelli 1962
10 righe da pagina 10:

Do la mia parola d’onore che quel giorno, cioè il due settembre di quest’anno, arrivavo a Praga per la prima volta. La sera prima, dopo un breve temporale, eravamo giunti a Kolin. Siccome non si riusciva a trovare una camera decente, decisi che appena le nubi si fossero un po’ diradate avremmo ripreso il viaggio, trangugiammo grappa, e Ivo, il mio ragazzo, brontolò contro la mia improvvisa decisione.
Verso mezzanotte scoppiò improvvisamente un altro temporale. Ricordo alti alberi mossi dal vento come lacere bandiere nere. Ci fermammo in un villaggio di cui ho dimenticato il nome per il cambio dei cavalli. Io rimasi in carrozza.

inviato il 16/04/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy