Storia di un corpo

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

immagine copertina
Daniel Pennac
Storia di un corpo
Tradotto da Yasmina Melaouah
Feltrinelli (collana Universale economica) 2012
10 righe da pagina 163:

La prima cosa che si legge sui nostri volti quando siamo in società è il desiderio di far parte del gruppo, l’insopprimibile bisogno di esserci. Questo si può senz’altro attribuire all’educazione, al gregarismo, alla debolezza di carattere…ma io la vedo più come una reazione arcaica alla solitudine ontologica, un moto istintivo del corpo che si aggrega al corpo comune, rifiuta istintivamente la solitudine dell’esilio, fosse anche solo per la durata di una conversazione superficiale. Quando osservo tutti noi nei luoghi pubblici dove conversiamo –salotti, giardini, brasseries, corridoi, metropolitana, ascensori -, ciò che più mi colpisce nei movimenti del nostro corpo è questa propensione a dire sì. Fa di noi una banda di uccelli che annuiscono meccanicamente: Sì, sì, fanno i piccioni che camminano fianco a fianco.

inviato il 26/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

doppio grazie!

metterei anche un altro asterisco a queste righe ! le merita secondo me

Ciao Milesoli, sei nella finale di marzo 10righe della settimana.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy