Un delitto fatto in casa

Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Gianni Farinetti
Un delitto fatto in casa
Tascabili Maxi 2011

Finalmente le parole sono state dette, il riconoscimento è avvenuto. Guarienti pensa alla propria cecità che ora paga a caro prezzo. Le parole pronunciate si sono trasformate in una struggente melodia. Appaiono e spariscono come lampi in un cielo offuscato, non rivestono più concetti, ma sono solo gli evanescenti riverberi dei suoi errori.
La testa gli fa male, ma solo se ci pensa. E lui non ci vuole pensare. Il colpo non l'ha quasi schivato e gli è stato inferto con singolare clemenza. Ora due braccia lo stanno spingendo al posto di guida e lui quasi aiuta il suo carnefice a compiere il lavoro in fretta e bene. Non si difende, e come potrebbe? La nuca sanguina debolmente mentre i suoi pensieri galleggiano lontano, verso un lancinante mare d'agosto.

inviato il 27/12/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy