Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di

L'estate e altri saggi solari

immagine copertina
Albert Camus
L'estate e altri saggi solari
Tradotto da Sergio Morando
Bompiani 2019
10 righe da pagina 37:

Mare, campagna, silenzio, profumi di questa terra, mi riempivo d'una vita odorosa e mordevo nel frutto già dorato del mondo, turbato di sentire il suo succo dolce e forte colare lungo le mie labbra. No, non ero io che contavo, né il mondo, ma soltanto l'accordo e il silenzio che fra il mondo e me faceva nascere l'amore. Amore che non avevo la debolezza di rivendicare per me solo, cosciente e orgoglioso di esserne partecipe con tutta una razza nata dal sole e dal mare, viva e saporosa, che attinge la propria grandezza dalla semplicità e in piedi sulle spiagge rivolge il proprio sorriso complice al sorriso splendente dei cieli.

inviato il 09/09/2019
Nei segnalibri di:

L'estate e altri saggi solari

immagine copertina
Albert Camus
L'estate e altri saggi solari
Tradotto da Sergio Morando
Bompiani 2019
10 righe da pagina 34:

La brezza è fresca e il cielo turchino. Amo questa vita con abbandono e voglio parlarne liberamente: essa mi dà l'orgoglio della mia condizione d'uomo. Pure, spesso mi è stato detto: non esiste nulla di cui essere fieri. Sì, qualcosa c'è: questo sole, questo mare, il mio cuore che balza di giovinezza, il mio corpo che sa di sale e l'immenso scenario dove s'incontrano l'amore e la gloria nel giallo e nell'azzurro. È per conquistare questo che devo adoperare la mia forza e le mie risorse. Qui tutto mi lascia integro, non abbandono nulla di me stesso, non indosso alcuna maschera: mi basta apprendere pazientemente la difficile scienza della vita che vale certamente tutto il loro saper vivere.

inviato il 09/09/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Albert Camus (Dréan, 7 novembre 1913 – Villeblevin, 4 gennaio 1960).

Quel che resta del giorno

immagine copertina
Kazuo Ishiguro
Quel che resta del giorno
Tradotto da Maria Antonietta Saracino
Super ET 1989
10 righe da pagina 121:

Un momento dopo scorsi,non lontano,il giovane Mr.Cardinal che sene stava in piedi,da solo, e pensai che il giovanotto potesse sentirsi a disagio in quel tipo di compagnia.Ad ogni modo il suo bicchiere era vuoto e cosi mi diressi verso di lui.Egli parve rallegrarsi molto alla prospettiva del mio arrivo e allungò il suo bicchiere.
Trovo ammirevole che tu sia amante della natura Stevens,disse mentre gli versavo da bere.E oserei dire che è un grande vantaggio per Lord Darlington il fatto di avere al suo servizio qualcuno che sappia seguire con occhio esperto il lavoro dei giardiniere.
Come dite, signore?
La natura,Stevens.L'altro giorno parlavamo delle meraviglie del mondo della natura .Ed io concordo abbastanza con te,noialtri siamo tutti fin troppo distratti riguardo alle grandi meraviglie che ci circondano.
Sì,signore.

inviato il 09/09/2019
Nei segnalibri di:

Quel giorno sulla Luna

immagine copertina
Oriana Fallaci
Quel giorno sulla Luna
Rizzoli 2019
10 righe da pagina 106:

E i negri seguaci di Abernathy, Oriana? Abbiamo saputo che hanno organizzato una marcia di protesta verso Cape Kennedy, per ricordare la loro miseria...
"Già, volevano attraversare i cancelli con i loro carri... ma dinanzi ai cancelli c'era un tale schieramento di polizia che non ci hanno nemmeno provato. Ormai, entrare qui dentro, è diventato difficile come entrare nel cosmodromo di Baikonur nell'Unione Sovietica, figurati se passano loro coi carri. Sicché sono là, accampati anche loro, mentre Abernathy dice: "Riuscirete a far sopravvivere due uomini sulla Luna e non riuscite a far sopravvivere noi poveri sulla Terra?". Che è vero. Ma è lo stesso discorso che facevo prima sui soldati che muoiono in Vietnam. E' lo stesso discorso delle piccole volgarità che accompagnano un grande evento o un miracolo.

inviato il 05/09/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Oriana Fallaci - Firenze, 29 giugno 1929

Montaigne l'arte di vivere

immagine copertina
Sarah Bakewell
Montaigne l'arte di vivere
Tradotto da Thomas Fazi
Campo dei fiori 2011
10 righe da pagina 197:

Tra le cose piccole, ma infinitamente frequenti e perciò molto efficaci, alle quali la scienza dovrebbe prestare attenzione più che alle cose grandi e rare, bisogna annoverare anche la benevolenza (Wohlwollen): intendo quelle manifestazioni di sentimenti gentili nei contatti umani, quel sorriso degli occhi, quelle strette di mano, quella piacevolezza di cui normalmente si riveste ogni atto umano. Ogni maestro, ogni funzionario aggiunge questo ingrediente a ciò che è il suo dovere; è l'esercizio costante di umanità, e per così dire le onde della sua luce, nelle quali tutto si sviluppa...L'indulgenza, la benignità, la gentilezza di cuore hanno edificato la cultura molto più attivamente delle manifestazioni più note di esso, cui si dà il nome di compassione, caritatevolezza e dedizione.

inviato il 02/09/2019
Nei segnalibri di:

La simmetria dei desideri

immagine copertina
Eshkol Nevo
La simmetria dei desideri
Tradotto da OFRA BANNETT E RAFFAELLA SCARDI
BEAT - Neri Pozza 2008
10 righe da pagina 146:

Volevi che ti definissi cosa intendo per ragazzi di Haifa. Be', eccoti la definizione: vi importa l'uno dell'altro. E' una cosa un po' antiquata, sai? Oggi non c'è nessuno a cui importa davvero qualcosa a parte il danaro.
Dài, questa è una generalizzazione bella e buona. Anche a Gerusalemme c'è qualche persone a cui importa.
No, Succede solo a Haifa. Anzi, sai cosa ti dico? In realtà siete solo voi quattro. Il mondo intorno a voi diventa sempre più cinico e violento, e voi mantenete in piedi questa vostra comitiva, in cui vi importa uno dell'altro.
Ma questa è proprio la definizione dell'amicizia , no? Un'oasi che ci permette di dimenticare il deserto ... o .. una zattera le cui assi tengono unite. O ... un piccolo staterello circondato dai nemici. Non credi?

inviato il 02/09/2019
Nei segnalibri di:

Non lasciarmi

immagine copertina
Kazuo Ishiguro
Non lasciarmi
Tradotto da Paola Novarese
Einaudi 2005
10 righe da pagina 11:

Amavamo il nostro padiglione per lo sport,forse perché ci faceva venire in mente quelle piccole,adorabili case di campagna che si vedono in tutti i libri illustrati quando si è bambini.Mi ricordo quando facevamo le elementari,mentre imploravamo i tutori che ci facessero lezione nel padiglione invece che nella solita aula.E poi alle medie-quando avevamo dodici anni e stavamo per compiere tredici anni-quello era diventato il luogo ideale dove andare a nascondersi con l'amica del cuore ogniqualvolta si aveva voglia di allontanarsi dal resto di Halisham.Il padiglione era sufficientemente ampio per ospitare gruppi separati senza che si dessero fastidio l'un l'altro-durante l'estate,poi, poteva venire ad aggiungersene un terzo sulla veranda.
Idealmente ,però ognuno avrebbe desiderato il posto per sé e per i propri amici, ...

inviato il 02/09/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Kazuo Ishiguro -Nagasaki Giappone- 8.Novembre 1954 -
Premio Nobel 2017

L'uomo che voleva essere colpevole

immagine copertina
Henrik Stangerup
L'uomo che voleva essere colpevole
Tradotto da Anna Cambieri
Iperborea 2017
10 righe da pagina 138:

Sapeva che quella era la sua unica occasione per dire le cose che non sentivano più dire da anni, per ricordare loro tutto quello che da tempo avevano dimenticato. Che cosa voleva dire essere un essere umano e non solo un’insignificante pedina in un gigantesco progetto superiore, che nessuno sapeva in cosa consistesse, neppure coloro che credevano di saperlo. (…) Era certo che tutti lo stessero ascoltando e riprese a parlare evocando le parole che aveva contribuito a eliminare dalla lingua, ma che di nuovo avrebbero riacquistato un significato: la parola amore, responsabilità, affetto, sentimento, umanità, onestà, perdono e colpa. Lui era colpevole. Non erano state le circostanze a spingerlo a uccidere Edith.

inviato il 02/09/2019
Nei segnalibri di:

L'uomo che voleva essere colpevole

immagine copertina
Henrik Stangerup
L'uomo che voleva essere colpevole
Tradotto da Anna Cambieri
Iperborea 2017
10 righe da pagina 105:

A poco a poco le strade si popolarono, sempre più gente, sempre più automobili in coda, una dietro l’altra… Eccoli lì tutti quelli che, in un attimo di esaltazione, aveva creduto di poter scuotere, eccoli lì intrappolati dietro al loro volante, con sguardi duri e irritati, che si dirigevano a un lavoro che da tempo avevano dimenticato quanto fosse privo di significato, anche se qualche riflesso recondito nel loro cervello continuava a rassicurarli che lavoravano per il bene comune.

inviato il 02/09/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Henrik Stangerup (Copenaghen, 1º settembre 1937 – 4 luglio 1998) è stato uno scrittore, regista cinematografico e giornalista danese.

The Apprentice's Quest

immagine copertina
Erin Hunter
The Apprentice's Quest
HarperCollins 2016
10 righe da pagina 25:

“Maybe each of us medicine cats should speak privately with our own Clanmates,” Kestrelflight suggested diffidently. “There might be things to discuss that are private to our Clans.”
“No,” Barkface meowed gently, touching his nose to Kestrelflight’s shoulder. “We have a prophecy for all of you—one that concerns all the Clans.”
Jayfeather felt his heart start to beat faster. Not another prophecy! he groaned inwardly. Does this mean our seasons of peace are coming to an end?
“A prophecy, and a promise too,” Firestar meowed. He was staring directly into Jayfeather’s eyes, as if he knew the words Jayfeather hadn’t spoken aloud. “A time of great change is coming for all the Clans. Embrace what you find in the shadows, for only they can clear the sky.”

inviato il 02/09/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Erin Hunter è uno pseudonimo collettivo usato dalle autrici Victoria Holmes, Kate Cary, Cherith Baldry, Gillian Philip, Inbali Iserles, Tui T. Sutherland, Kasey Widhalm e Rosie Best
The Apprentice's Quest è scritto da Cherith Baldry (Lancaster, 21 Gennaio 1947)

L'estate e altri saggi solari

L'estate e altri saggi solari 1 week 1 giorno fa

Albert Camus (Dréan, 7 novembre 1913 – Villeblevin, 4 gennaio 1960).

Quel giorno sulla Luna

Quel giorno sulla Luna 1 week 5 giorni fa

Oriana Fallaci - Firenze, 29 giugno 1929

Non lasciarmi

Non lasciarmi 2 settimane 1 giorno fa

Kazuo Ishiguro -Nagasaki Giappone- 8.Novembre 1954 -
Premio Nobel 2017

L'uomo che voleva essere colpevole

L'uomo che voleva essere colpevole 2 settimane 1 giorno fa

Henrik Stangerup (Copenaghen, 1º settembre 1937 – 4 luglio 1998) è stato uno scrittore, regista cinematografico e giornalista danese.

Noi, i vivi

Noi, i vivi 2 settimane 1 giorno fa

Grazie!

The Apprentice's Quest

The Apprentice's Quest 2 settimane 1 giorno fa

Erin Hunter è uno pseudonimo collettivo usato dalle autrici Victoria Holmes, Kate Cary, Cherith Baldry, Gillian Philip, Inbali Iserles, Tui T. Sutherland, Kasey Widhalm e Rosie Best
The Apprentice's Quest è scritto da Cherith Baldry (Lancaster, 21 Gennaio 1947)

Il mare dove non si tocca

Il mare dove non si tocca 2 settimane 6 giorni fa

Benvenuta Light blue :)

A passeggio con John Keats

A passeggio con John Keats 3 settimane 1 giorno fa

Julio Cortazar è nato a Bruxelles il 26 agosto 1914

Lo specialista

Lo specialista 3 settimane 1 giorno fa

Robert Crais (Baton Rouge, 20 giugno 1953)

L'altare del passato

L'altare del passato 4 settimane 1 giorno fa

Guido Gozzano (Torino 1883 – Torino 1916).

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy