Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Sweets Dreems

Il veleno dell'oleandro

immagine copertina
Simonetta Agnello Hornby
Il veleno dell'oleandro
feltrinelli 2013
10 righe da pagina 9:

Nuddu ammiscatu cu nenti
Mi hanno vestito con le mie cose migliori. Il doppio corteo funebre si snoda lungo le strade di Pezzino e rallenta davanti alla chiesa del Purgatorio. Lì, quarant' anni fa, sono state celebrate le tue nozze con Tommaso, nella stessa chiesa in cui lui aveva sposato tua sorella Mariangela. Io non c' ero; Tommaso mi aveva consigliato di non farmi vedere a Pezzino, dove ancora si parlava del "fattaccio" a causa del quale ero andato a vivere con la sua famiglia. Ma dopo i tuoi racconti era come se ci fossi stato anch' io alle vostre nozze: Giulia, cinque anni, seduta nel primo banco con i Belmonte, la tua famiglia lontana dalla sorella maggiore, Mara, seduta anche lei in prima fila ma dal lato opposto.....

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

:)

Esatto, chiude la trilogia Boccamurata....

La zia Marchesa dovrebbe essere il secondo della trilogia?

Metto il segnalibro anche su quello ;)
Ancora non ho letto nulla di questa autrice, ma metto il segnalibro a fiducia :)

Grazie Elena...!!! Ho preso pure La zia marchesa...

Anna Karenina

immagine copertina
Lev Tolstoj
Anna Karenina
einaudi 1993

...Quand'egli si volse a guardarla, ella pure voltò il capo. I scintillanti occhi grigi, che sembravano neri per le ciglia folte, si fermarono amichevolmente, con attenzione sul volto di lui, come se ella lo riconoscesse, e immediatamente si portarono sulla folla che passava, come cercando qualcuno. In questo breve sguardo Vronskij fece a tempo a notare l'animazione trattenuta che balenava sul volto di lei e svolazzava fra gli occhi scintillanti e il sorriso appena percettibile, che incurvava le sue labbra vermiglie. Come se un'abbondanza di qualcosa colmasse talmente il suo essere, da esprimersi all'infuori della sua volontà, ora nello scintillio delo sguardo, ora nel sorriso. Ella aveva spento deliberatamente quella luce nei suoi occhi, ma essa splendeva a suo malgrado nel sorriso appena percettibile.........

inviato il 23/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Lo sto leggendo in questo periodo..e trovo sempre meravigliosi spunti di riflessione..

Bellissimo.

ada o ardore

immagine copertina
VLADIMIR NABOKOV
ada o ardore
adelphi 2000

...il suo cuore mancò un battito, deliziosa perdita che non lasciò rimpianti, quando lei, vestita di rosa, accesa ed eccitata, corse nel frutteto guadagnandosi gli applausi della sua claque, un terzo della pacata ovazione che salutò l'istantaneo disperdersi degli imbecilli ma pittoreschi travisatori di Lyaska – o Iveria. Il suo incontro con il barone d'O., che arrivò senza fretta da una stradina laterale, tutto speroni e marsina verde, sfuggì in qualche modo alla coscienza di Deraon, tanto questi era sconvolto dalla meraviglia di quel breve abisso di assoluta realtà tra due simulate folgorazioni di vita artefatta. Senza aspettare la fine della scena, uscì in fretta dal teatro nella nitida notte di cristallo, e i fiocchi di neve gli trapuntarono di stelle il cappello a cilindro mentre ritornava verso la propria casa ...

inviato il 23/04/2013
Nei segnalibri di:

madame bovary

immagine copertina
Gustave Flaubert
madame bovary
Tradotto da del buono
garzanti libri 2007

...non avevano nient'altro da dirsi? I loro occhi, però, traboccavano di parole più gravi. Mentre si sforzavano di trovare frasi banali, si sentivano riempire tutti e due da uno stesso languore. Era come un mormorio dell'anima, profondo, continuo, che l'aveva vinta sulla voce. Stupiti da questo questo nuovo, soave sentimento, non pensavano neppure a spiegarne il senso, a scoprirne la causa. Le felicità future, come le rive dei tropici, proiettavano, sulla immensità che le precede, il loro molle sentore come una brezza profumata: si scivola in quell'estasi e non importa se l'orizzonte non si vede...

inviato il 23/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

La redazione di 10righedailibri ha scelto di premiare questa settimana 10 righe tratte da un evergreen della letteratura francese: MADAME BOVARY di GUSTAVE FLAUBERT (tradotto da Del Buono) ed GARZANTI LIBRI 2007
Complimenti Sweet Dreems e ricordati di inserire il numero della pagina da cui sono tratte le righe oltre che scrivere il tuo indirizzo alla redazione libroincentivo@10righedailibri.it
Care letture.

grazie, un abbraccio :)

Ciao Serena, nessun problema...comunica a libroincentivo@10righedailibri.it il tuo indirizzo per ricevere il libro...:)

Toccante davvero...ciao :) perdonami se troppo tardi mi sono resa conto del tuo dono...

La lunga vita di Marianna Ucrìa

immagine copertina
Dacia Maraini
La lunga vita di Marianna Ucrìa
rizzoli 2002

Le parole vengono raccolte dagli occhi come grappoli di una vigna sospesa, vengono spremuti dal pensiero che gira come una ruota di mulino e poi, in forma liquida si spargono e scorrono felici per le vene. E’ questa la divina vendemmia della letteratura? Trepidare con personaggi che corrono tra le pagine, bere il succo del pensiero altrui, provare l’ebrezza rimandata di un piacere che appartiene ad altri. Esaltare i propri sensi attraverso lo spettacolo sempre ripetuto dell’amore in rappresentazione, non è amore anche questo? Che importanza ha che quest’amore non sia mai stato vissuto faccia a faccia direttamente? assistere agli abbracci di corpi estranei, ma quanto vicini e noti per via di lettura, non è come viverlo quell’abbraccio, con un privilegio in più, di rimanere padroni di sè?”

inviato il 15/04/2013
Nei segnalibri di:

I SEGRETI DEL CUORE

immagine copertina
KAHLIL GIBRAN
I SEGRETI DEL CUORE
Tradotto da Cara G.
newton 2012
10 righe da pagina 23:

...ho cercato la solitudine perché la mia anima non ne può più di avere rapporti con chi crede sinceramente che il sole, la luna e le stelle non sorgano se non nei loro scrigni e non tramontino se non nei loro giardini...ho cercato la solitudine perché in essa lo spirito, il cuore e il corpo possono trovare pienezza di vita. Ho trovato le praterie sconfinate dove riposa la luce del sole, dove i fiori esalano il loro profumo nello spazio e dove i ruscelli cantano durante il loro corso verso il mare. Ho scoperto le montagne su cui ha trovato il fresco risveglio la primavera, la brama piena di colore dell'estate, i profondi canti dell'autunno e lo stupendo mistero dell'inverno...

inviato il 14/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo al Giuoco domenicale #23: Righe primaverili http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-23-righe-primaverili

Addio alle armi

immagine copertina
Ernest Hemingway
Addio alle armi
mondadori 2007

...So che la notte non è come il giorno: che tutte le cose sono diverse, che le cose della notte non si possono spiegare nel giorno perché allora non esistono, e la notte può essere un momento terribile per la gente sola quando la loro solitudine è incominciata....

inviato il 12/04/2013
Nei segnalibri di:

TODO MODO

immagine copertina
Leonardo Sciascia
TODO MODO
Adelphi 2003
10 righe da pagina 51:

..."Quando una cosa si comincia, tutto sta nel continuarla". "Ma il delitto..."."Appunto nel delitto non ci si può fermare". "Lei crede dunque che ce ne saranno altri?". "Ma no: qui ed ora è possibile che tutto si sia concluso. Non ci si può fermare, intendo, finché non si eliminano gli errori, gli incidenti, le sbavature che si sono verificati commettendo il primo; e poi, correggendo con altro delitto, quelli che ancora, imponderabilmente, insorgono; e così via... Questo, ovviamente, nei delitti il cui autore ha tutto calcolato per riuscire all’ impunità. E poiché non c’è calcolo che non abbia un margine in cui l’imponderabile, il fortuito e insomma la fortuna non giuochino un ruolo fatale... E siamo appunto a questo caso: se l’avvocato Voltrano, stamattina, non avesse manifestato il dubbio, l’impressione, di non avere avuto sempre, durante la marcia del Rosario, l’onorevole Michelozzi a lato, sarebbe ancora vivo”...

inviato il 12/03/2013
Nei segnalibri di:

medea

immagine copertina
euripide
medea
mondadori 1993

io, privata di voi, condurrò una vita triste e dolorosa per me. N'è voi vedrete più coi vostri occhi la madre, passando ad altro stato di vita. Ahi, ahi! Perché mi guardate con quegli occhi, o figli? Perché sorridete l' estremo sorriso? Ahi, che devo fare? Il cuore è venuto meno, quando ho visto lo sguardo lucente delle mie creature. Non potrei, addio propositi di prima. Condurrò fuori da questa terra i miei bambini. Perché mai, per affliggere il padre, devo procurare a me stessa sofferenze due volte più grandi? Ma cosa mi succede? [...] Oh, che viltà la mia, anche solo l' accogliere nell'animo tali morbidi discorsi. Andate in casa bambini. Colui al quale non è lecito assistere al mio sacrificio, è affar suo: io non svuoterò la forza della mia mano. Ahi, ahi. No certo, o animo mio, non compiere tu questo atto! Lasciali, o misera, risparmia i tuoi figli....

inviato il 12/03/2013
Nei segnalibri di:

I promessi sposi

immagine copertina
alessandro manzoni
I promessi sposi
mondadori 1996

La sua andatura era affaticata, ma non cascante; gli occhi non davan lacrime, ma portavan segno d'averne sparse tante; c'era in quel dolore un non so che di pacato e di profondo, che attestava un'anima tutta consapevole e presente a sentirlo. Ma non era il solo suo aspetto che, tra tante miserie, la indicasse così particolarmente alla pietà, e ravvivasse per lei quel sentimento ormai stracco e ammortito ne' cuori. Portava essa in collo una bambina di forse nov'anni, morta; ma tutta ben accomodata, co' capelli divisi sulla fronte, con un vestito bianchissimo, come se quelle mani l'avessero adornata per una festa

inviato il 08/03/2013
Nei segnalibri di:

Jane Austen si racconta

immagine copertina
Giuseppe Ierolli
Jane Austen si racconta
Ute Libri 2012
10 righe da pagina 42:

Mi è stato detto che uno dei suoi primi romanzi (Pride and Prejudice) fu letto a voce alta (naturalmente dal manoscritto) nella canonica a Dean, mentre io ero nella stanza, e non ci si aspettava che ascoltassi. Invece ascoltavo, con così tanto interesse, e con così tante chiacchiere successive su "Jane e Elizabeth" che fu deciso, a scopo prudenziale, di non leggere altro di quella storia in mia presenza. Questo mi è stato raccontato in seguito, quando era stato pubblicato il romanzo, e si supponeva che i nomi potessero farmi venire in mente quelle impressioni infantili.

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

PAURA NELLA NOTTE. Dave Brandstetter mysteries

immagine copertina
JOSEPH HANSEN
PAURA NELLA NOTTE. Dave Brandstetter mysteries
Tradotto da FRANCO SALVATORELLI
ELLIOT 2007
10 righe da pagina 71:

Le pareti dell'edificio posteriore erano di nodoso abete. C'era un grande camino. Le tavole del tetto inclinato erano a vista, e le travi di legno grezzo. Sopra, Amanda aveva ricavato una mansarda. adesso, salendo lassù sui gradini d'abete, il caldo aumentava. l'odore di pino cotto dal sole sovrastava l'antico sentore di fieno e di cavalli che sempre aleggiava nell'ambiente. Cecil sedeva nudo, nero sul bianco dei cuscini, nel grande letto, un lenzuolo sulle gambe magre. Era lustro di sudore, con la clavicola e le costole a rilievo.

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie alla casa Editrice Elliot per il libro incentivo... Un grazie Speciale a Staff 10 Righe dai Libri e molto speciale a tutti coloro che mi leggono :)

L'ultimo ballo di Charlot

immagine copertina
Fabio Stassi
L'ultimo ballo di Charlot
Sellerio 2012
10 righe da pagina 21:

Caro Christopher James,
stasera celebrerò il mio ottantesimo Natale in famiglia, come gli ultimi, e la storia che sto per scrivere è il regalo che ho deciso di farti.
Con te ho un debito che non posso saldare.
Sei il mio ultimo figlio, hai appena quindici anni e ti ho concepito che ne avevo più di settanta.
Crescerai senza di me.
Per questo è ora che mi sbrighi,prima che la mia scomparsa sollevi lo scalpore di tutto il pianeta.
A quanto mi disse una cartomante di San Francisco, nel 1910, sarei già dovuto morire sei Natali fa per una broncopolmonite dopo aver avuto per tutta la vita una strabordante fortuna.
Da sei anni, ogni Natale, mi viene a trovare la Morte. Si siede davanti a me e mi aspetta. Io allora indosso i miei panni di vagabondo e le recito una delle mie antiche scenette. Se lei ride mi concede un altro anno di vita. E' il nostro patto. Non morirò fin che continuerò a divertirla.

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Bellissimo libro, per il Campiello tifo sfegatato per lui :)

Emma non vale. Devo comprarlo ;)
Come è? Io faccio il tifo per questo.

questo libro fa parte della cinquina dei finalisti Premio Campiello 2013. Ma..non so se vincerà...

Il bar delle grandi speranze

immagine copertina
J. R. Moehringer
Il bar delle grandi speranze
Tradotto da Annalisa Carena
Piemme - Numeri Primi 2012
10 righe da pagina 78:

Spingendomi temerariamente negli angoli più remoti dello scantinato, scoprii la sua maggiore attrazione, il suo tesoro nascosto. Ammassati in scatoloni, impilati su tavoli, traboccanti da valigie e bauli, c’erano centinaia di romanzi e biografie, libri di scuole e libri d’arte, memoriali e manuali pratici, tutti abbandonati da generazioni successive e vari rami della famiglia. Ricordo che rimasi senza fiato. Amai quei libri a prima vista, ed era stata mia madre a predispormi ad amarli. […] Amavo l’aspetto di quelle parole, la loro forma, il collegamento subliminale dei caratteri col viso grazioso di mia madre, ma probabilmente fu la loro funzione a conquistarmi. Più di ogni altra cosa, le parole organizzavano il mio mondo, mettevano ordine nel caos, dividevano nettamente le cose in bianco e nero. Le parole mi aiutavano persino a definire i miei genitori. Mia madre era la parola stampata - tangibile, presente, reale - mentre mio padre era la parola detta - invisibile, effimera, subito persa nella memoria.

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

Di sesso femminile

immagine copertina
Karine Tuil
Di sesso femminile
Tradotto da Stefania Ricciardi
Voland 2003
10 righe da pagina 11:

"Il tempo stringe, Emma, devi sposarti" - sacra ingiunzione che le donne si trasmettono da generazioni. Col tempo avevo imparato a controllare le emozioni, dingevo di ascoltarla mia madre,canticchiavo dentro di me una musica abbastanza assordante da coprire le sue grida, ma la mia serenità apparente non la placava,anzi,si sentiva sfidata e la violenza dei rimproveri raddoppiava.
Sbraitò : "Come osi infliggermi una vergogna simile ! Dio io, che cosa ho fatto per meritare una figlia così !" quindi, col gesto improvviso di uno scippatore, mi strappò il libro di mano. Il "Libro di Giobbe, ecco cosa legge mia figlia, una figlis di trent'anni !" gridò, scuotendo l'opera con un vigore tale che sembrava tentasse di farne scivolare via le parole,di staccarne le lettere, o forse quel gesto inconsulto era un tentativo di svuotare la mia mente dai pensieri immorali. E mentre lei urlava,io salmodiavo in silenzio le parole bibliche adattate al femminile: "Perchè lei non ha rinchiuso le porte del mio ventre per nascondere la pena ai miei occhi ?
Perchè non sono morta nel ventre stesso ?"...

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

Musica dentro

immagine copertina
Paolo Fresu
Musica dentro
Feltrinelli 2011
10 righe da pagina 85:

Ancora una volta era il suono (o la sua sottrazione ?) ad alimentarmi e a suggerire idee,melodie, silenzi e pensieri.
Più questo suono si declinava in mille sfaccettature cambiando forma nei diversi contesti e progetti,più io mi sentivo ricco di emozioni e gratificato.
La musica era sinonimo di pace e di tranquillità e rappresentava bene il mio modo di vedere la vita e gli uomini.
Diventava la naturale traslazione del mio pensiero che era positivo nei confronti della vita e pronto a trovare i lati migliori anche negli uomini.
Il suono come comunione dunque e come espressione di pace e di fratellanza senza che questi concetti entrassero direttamente nella sfera della religione o della filosofia.

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

I pesci non chiudono gli occhi

immagine copertina
Erri De Luca
I pesci non chiudono gli occhi
Universale Economica Feltrinelli 2012
10 righe da pagina 91:

L'Italia sobbolliva a fuoco lento. Ritrovai la collera di bambino dentro le lacrime spremute dai gas lacrimogeni. Però potevo ricacciarle indietro, le lacrime, insieme ai barattoli fumanti del gas sparato addosso. Li raccoglievo bollenti con un guanto e li rilanciavo alle truppe. Si diventava molti, si riduceva l'importanza di se stessi. Ho conosciuto allora peso e vastità del pronome noi. Era esperto, non escludeva gli altri, sgomentava i poteri. Portò alle prigioni le rivolte e i libri, che non c'erano. Sono la più forte contraddizione delle sbarre, i libri. Al prigioniero steso sulla branda spalancano il soffitto.

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! Sceglierò con molta attenzione.

Complimenti, sei arrivata prima nella classifica settimanale, a te un libro incentivo!
Lunedì prossimo dovrai inviare il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it.
Quando mandi la mail, ricorda di scrivere la motivazione dell'assegnazione del premio alle righe preferite che dovrai scegliere tra le 10 righe postate in questa settimana, da lunedì 1 luglio a domenica 7 giugno.

Meravigliosa citazione!!

L'ultimo Ariosto

immagine copertina
Walter Moretti
L'ultimo Ariosto
Pàtron 1977
10 righe da pagina 79:

"Immobil son di vera fede scoglio". Se si confronta il linguaggio di queste parole che Bradamante fa sapere a Ruggero attraverso "una di sue fide cameriere", con quello dei monologhi ai quali la stessa Bradamante affida gli sfoghi della sua passione ancora tormentata dalla lontananza dell'amato e inasprita dalla gelosia, si può facilmente sorprendere nell'ultimo Ariosto l'innalzamento del livello stilistico, conseguito con il mezzo estremamente semplice - che tuttavia presuppone una drammatica, dolorosa tensione spirituale - di un ritmo nudo e scavato, che batte e ribatte su poche essenziali negazioni e certezze, secondo una direzione che il linguaggio poetico ariostesco aveva mostrato di privilegiare già nei precedenti episodi aggiunti.

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Certo! Grazie :)

Mi sono dimenticato di indicare la data: 1977. Potete aggiungerla voi? Grazie.

Libero arbitrio

immagine copertina
Caterina Armentano
Libero arbitrio
0111 Edizioni 2010
10 righe da pagina 57:

"...viviamo in un mondo in cui è difficile essere liberi, in cui il giudizio degli altri ci consuma i pensieri e le ossa e facciamo di tutto per piacere al prossimo, per omologarci, per non essere fuori dalla mischia. Per non essere iscritti gratuitamente nella lista nera. Ti racconto questo perchè tu sappia che non conquisteremo mai gli altri, perchè ci sarà sempre qualcuno che ha da ridire e questa sconfitta ci spingerà a chiedere sempre di più e non ci accontenteremo mai perchè siamo i primi a gettare gli occhi sulle vite altrui soppesandole e giudicandole.

inviato il 24/06/2013
Nei segnalibri di:

SETA

immagine copertina
Alessandro Baricco
SETA
I CLASSICI UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI 2008
10 righe da pagina 98:

Noi non ci vedremo più,
quel che era per noi l'abbiamo fatto,
e voi lo sapete.
Credetemi: l'abbiamo fatto per sempre.
Serbate la vostra vita al riparo da me.
E non esitate un attimo, se sarà utile per la vostra felicità,
a dimenticare questa donna che ora vi dice, senza rimpianto, addio.

inviato il 21/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo a Maturarighe 2013” + link
http://scrivi.10righedailibri.it/maturarighe-2013

Il veleno dell'oleandro

Il veleno dell'oleandro 4 years 8 settimane fa

Esatto, chiude la trilogia Boccamurata....

Il veleno dell'oleandro 4 years 8 settimane fa

Grazie Elena...!!! Ho preso pure La zia marchesa...

madame bovary

madame bovary 4 years 17 settimane fa

Ciao Serena, nessun problema...comunica a libroincentivo@10righedailibri.it il tuo indirizzo per ricevere il libro...:)

Leggo i libri perché ...

Leggo i libri perché ... 4 years 17 settimane fa

Io leggo perché ho fame... di imparare, capire, sapere...

GIUOCO DOMENICALE #23: RIGHE PRIMAVERILI

GIUOCO DOMENICALE #23: RIGHE PRIMAVERILI 4 years 18 settimane fa

I SEGRETI DEL CUORE

I SEGRETI DEL CUORE 4 years 18 settimane fa

Partecipo al Giuoco domenicale #23: Righe primaverili http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-23-righe-primaverili

le braci

le braci 4 years 24 settimane fa

Un fuoco brucia poche ore, poi si spegne. Le fiamme si trasformano in braci e lentamente si raffreddano e diventano cenere, che il vento disperde. Le braci conservano il calore delle fiamme, la loro forza, senza più essere fuoco. Come ne perpetuassero la memoria.

Romeo e Giulietta

Romeo e Giulietta 4 years 24 settimane fa

Ciao Serena, per queste 10 righe ti dono il libroincentivo che io ho vinto con Le città invisibili (Calvino)...manda il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it per ricevere il libro...:)

Le città invisibili

Le città invisibili 4 years 24 settimane fa

grazie!!!!

Gerusalemme conquistata

Gerusalemme conquistata 4 years 25 settimane fa

Ciao giusy! Ho scelto le tue 10righe, vinci dunque un libro incentivo...complimenti!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy