Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di fededilo98

Something like thunder

Jay Bell
Something like thunder
CreateSpace Independent Publishing Platform 2015

"Love's greatest challenge is not endurance. Nor is it fidelity or sacrifice. Love's greatest challenge is recovery. A heart that has loved and lost is put through the ultimate trial. Failure means the unthinkable - never loving again. Success brings with it sweet redemption. Not a reprieve from the pain, but compensation in the form of discovery, the knowledge that love comes in infinite forms. All of them unique, all of equal importance. And yet, none an adequate substitute for the other. At times such as these, when faced with the end, it can be hard to be so visionary, to see light past the dark. For me especially, because let's face it, I'm the one who has lost the most here."

inviato il 06/09/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

2015 :P

Grazie Federico e bentornato :)
Anno di pubblicazione?

Ho colto l'invito a pubblicare righe in inglese :)

Il vagabondo delle stelle

Jack London
Il vagabondo delle stelle
Tradotto da Gianni Rebaudengo
Edizioni dell'albero
10 righe da pagina 188:

Il prete ha rinnovato la sua preghiera di rimanermi vicino sino alla fine. Poveretto! Perché rifiutargli questa consolazione?
Ho acconsentito, ed egli è felice. Mio Dio, ci vuole così poco, per rendere contenti gli uomini!

Qui termino. Non posso che ripetere quanto ho detto. La morte assoluta non esiste. La vita è Spirito, e lo Spirito non può morire.
Soltanto la carne muore e passa; e si dissolve, per poi rinascere sotto forme nuove e diverse. Forse effimere, che a loro volta periranno, per rinascere ancora.
Chi sarò nella mia prossima vita? Ecco il punto interrogativo che mi preoccupa. Chi sarò, quali donne mi ameranno?
Sono curioso, veramente curioso...

inviato il 03/08/2014
Nei segnalibri di:

Il vagabondo delle stelle

Jack London
Il vagabondo delle stelle
Tradotto da Gianni Rebaudengo
Edizioni dell'albero
10 righe da pagina 5:

Molte volte, nella mia vita, ho provato la straordinaria sensazione che il mio ''io'' si sdoppiasse, che altri esseri vivessero o fossero vissuti in lui, in altre epoche o in altri luoghi. Non stupirti, mio futuro lettore; ma indaga nella tua stessa coscienza. Ritorna indietro con il tuo pensiero, ai giorni in cui il tuo corpo e il tuo spirito non erano ancora cristallizzati; in cui, materia plasmabile, anima fluttuante come le onde in movimento, avvertivi appena, nel ribollire dell'essere tuo, il formarsi della tua identità.
Allora, leggendo queste righe, forse ti rammenterai delle cose dimenticate, delle visioni incerte e nebulose, che passarono davanti ai tuoi occhi di bambino e che, oggi, non ti sembrano che sogni irreali, un parto della fantasia e che ti fanno sorridere.

inviato il 03/08/2014
Nei segnalibri di:

Rintocchi

Charles Dickens
Rintocchi
Tradotto da Maria Luisa Cesa Bianchi
Alberto Peruzzo Editore
10 righe da pagina 205:

Era stato un sogno quello di Trotty? Erano stati un sogno le sue gioie e i suoi dolori, gli attori del dramma e lui stesso? Ed è forse l'autore del racconto anch'esso un sognatore che si desta soltanto ora? Se è così, oh tu che l'ascolti e gli sei caro in ogni sua visione, cerca di tenere a mente le dure realtà da cui ebbero origine questi fantasmi; e nella tua sfera d'azione - nessuna sfera è troppo ampia, nessuna è troppo limitata per tale fine - cerca di correggerle, migliorarle, addolcirle. Così il nuovo anno sia per te benigno, per te e tutti coloro la cui felicità è nelle tue mani! Così ogni anno possa essere più lieto del precedente, così non sia privato il più umile dei nostri fratelli della sua parte di bene, quale gli fu destinata dal Creatore.

inviato il 25/12/2013
Nei segnalibri di:

Canto di Natale

Charles Dickens
Canto di Natale
Tradotto da Maria Luisa Cesa Bianchi
Alberto Peruzzo Editore
10 righe da pagina 8:

- Ci sono molte cose dalle quali avrei potuto trarre del bene e di cui non ho mai profittato, oserei dire - rispose il nipote - e il Natale è una di queste. Ma sono sicuro di aver sempre considerato il Natale, quando si avvicina, come un giorno felice (a parte la venerazione dovuta alla sua sacra origine, anche se non necessariamente), un giorno di allegria, di indulgenza, di carità, l'unico giorno, nel lungo corso dell'anno, in cui uomini e donna sembrano inclini ad aprire liberamente il loro cuore e a pensare ai loro inferiori come a compagni di viaggio verso la tomba e non come a creature di un'altra specie destinate a mete diverse. Di conseguenza, zio, sebbene non mi abbia mai infilato nella tasca della giacca una briciola d'oro o d'argento, credo che il Natale mi abbia sempre portato del bene, e sempre me ne porterà. Perciò ripeto, sia benedetto!
Involontariamente, dal suo bugigattolo, l'impiegato applaudì; ma accortosi subito d'essere stato indiscreto prese a riattizzare il fuoco spegnendone le ultimi tenui braci.

inviato il 25/12/2013
Nei segnalibri di:

Canto di Natale

Charles Dickens
Canto di Natale
Tradotto da Maria Luisa Cesa Bianchi
Alberto Peruzzo Editore
10 righe da pagina 98:

Si vestì "con gli abiti della festa" e scese finalmente in strada. La gente si stava ormai riversando fuori così come l’aveva vista in compagnia del fantasma; e, camminando con le mani dietro alla schiena, Scrooge guardava compiaciuto e sorridente i passanti. Aveva un'aria così simpatica e cordiale che tre o quattro bontemponi dissero: -Buon giorno, signore!
, Buon Natale a lei! - E Scrooge ripeté spesso, in seguito, che fra tutti i suoni gioiosi che aveva udito, quelli erano stati i più gioiosi di tutti.

inviato il 25/12/2013
Nei segnalibri di:

Tutte le poesie

Salvatore Quasimodo
Tutte le poesie
A. MONDADORI

Natale. Guardo il presepe scolpito,
dove sono i pastori appena giunti
alla povera stalla di Betlemme.
Anche i Re Magi nelle lunghe vesti
salutano il potente Re del mondo.
Pace nella finzione e nel silenzio
delle figure di legno: ecco i vecchi
del villaggio e la stella che risplende,
e l'asinello di colore azzurro.
Pace nel cuore di Cristo in eterno;
ma non v'è pace nel cuore dell'uomo.
Anche con Cristo e sono venti secoli
il fratello si scaglia sul fratello.
Ma c'è chi ascolta il pianto del bambino
che morirà poi in croce fra due ladri?

inviato il 25/12/2013
Nei segnalibri di:

Rintocchi

Charles Dickens
Rintocchi
Tradotto da Maria Luisa Cesa Bianchi
Alberto Peruzzo Editore
10 righe da pagina 163:

La voce del tempo - riprese il fantasma - grida all'uomo: "Cammina!". Il tempo vuole che l'uomo proceda e migliori, perché sia più degno, più felice, abbia una vita migliore; vuole che proceda verso la meta accessibile alla sua capacità, alla meta prefissa sin da quando Tempo e Uomo ebbero inizio. Secoli di tenebre, malvagità e violenza si susseguirono; milioni di creature vissero, soffrirono e morirono solo per additargli quella meta. Chi cerca di farlo volgere indietro, di arrestarlo nella sua corsa, non fa che arrestare un potente congegno che colpirà a morte l'intruso, e sarà quindi più rapido e furioso per questa sosta momentanea!

inviato il 23/12/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ok, buona idea :)

Federico, idea: ogni tanto come foto carica le immagini 10 righe che twitti su twitter :)

Rintocchi

Charles Dickens
Rintocchi
Tradotto da Maria Luisa Cesa Bianchi
Alberto Peruzzo Editore
10 righe da pagina 159:

Neri nuvoloni si addensano sul mare stagnante del pensiero quando i suoi flutti calmi si sollevano, gettando a riva i loro mostri. Mostri orrendi e selvaggi, emergenti in una resurrezione prematura e imperfetta, forme imprecise di uomini e cose diverse che si accoppiano e si mescolano alla rinfusa; e quando, e come, e per quali stupende metamorfosi l'una si distacchi dall'altra, e ogni singolo oggetto della mente riassuma il suo aspetto e riviva, nessuno può dirlo, sebbene in ognuno di noi si compia ogni giorno il grande mistero.
Così, quando e come l'oscurità del fosco campanile si mutasse in luce sfavillante; quando e come la torre deserta si popolasse di miriadi di figure; quando e come il sussurro "Inseguitelo, prendetelo!", che ronzava monotono nell'orecchio di Trotty durante il sonno e lo svenimento, diventasse una voce riecheggiante: "Disturbategli il sonno, disturbategli il sonno"; quando e come le sue idee annebbiate si schiarissero e le cose reali e tangibili si separassero da quelle che non lo erano, nessuno avrebbe potuto dirlo.

inviato il 23/12/2013
Nei segnalibri di:

Rintocchi

Charles Dickens
Rintocchi
Tradotto da Maria Luisa Cesa Bianchi
Alberto Peruzzo Editore
10 righe da pagina 122:

E com'è duro, papà, invecchiare, morire, e pensare che ci si poteva sostenere e aiutare a vicenda. Com'è duro amarsi per tutta la vita e soffrire nel restare separati e vedersi logorare dal lavoro, dalle fatiche e dagli anni. Anche se riuscissi a dimenticarmi di lui(e questo non avverrà mai), com'è doloroso avere un cuore pieno d'amore e vederlo prosciugare lentamente, goccia a goccia, senza il ricordo di uno di quei momenti che rendono felice la vita di una donna, senza che un ricorso che mi conforti e mi renda migliore!

inviato il 22/12/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

E' un racconto di Natale di Dickens poco conosciuto, ma molto bello.. oggi se ho tempo ne aggiungo altre dello stesso racconto!

che belle righe commoventi

Notte infinita

immagine copertina
Romano Battaglia
Notte infinita
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli (collana Superbur) 1999

Nella vita ci sono giorni pieni di vento e pieni di rabbia,
ci sono giorni pieni di pioggia e pieni di dolore, ci sono giorni pieni di lacrime;
ma poi ci sono giorni pieni d'amore che ci danno il coraggio
di andare avanti per tutti gli altri giorni.

inviato il 28/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Quando arriva l'amore tutto il resto, scompare. :)

PER NASCERE SON NATO

immagine copertina
Pablo Neruda
PER NASCERE SON NATO
Tradotto da Savino D'Amico
SUGAR Edizioni 1977
10 righe da pagina 177:

SHAKESPEARE ,PRINCIPE DELLA LUCE
Io sono un vecchio lettore della poesia di Shakespeare,dei suoi poemi che
non ci dicono nomi,nè battaglie,nè insolenze,come le sue tragedie.
C'è solo il bianco della carta ,la purezza del cammino poetico.Per questa via ,
interminabilmente scorrono le immagini come piccole navi cariche di miele.
In questa ricchezza eccessiva in cui l'urgente potere creativo si misura con tutta
la somma dell'intelligenza,possiamo vedere e palpare uno Shakespeare costante
e crescente dove la cosa che risalta non è la sua ricca creatività,bensì la sua forma.
Il mio esemplare dei "Sonetti"reca il mio nome scritto e il giorno e il mese in cui
comprai quel libro nell'Isola di Giava nel 1930.
Sono perciò 34 anni che mi segue.
Lì nella lontana Isola,mi diede la norma di una purissima fonte,vicino alle foreste
e alla favolosa moltitudine dei miti sconosciuti fu per me la legge cristallina.

inviato il 24/12/2013
Nei segnalibri di:

La stagione delle fiamme danzanti. Un diario di Fiume

immagine copertina
10 righe da pagina 120:

ricondurre i giorni e le opere verso quel senso di virtuosa gioia che deve rinnovare dal profondo il popolo finalmente affrancato da un regime uniforme di soggezione e di menzogne. La vita è bella, e degna che severamente e magnificamente la viva l'uomo rifatto intero dalla libertà; L'uomo intiero è colui che sa ogni giorno inventare la sua propria virtù per ogni giorno offrire ai suoi fratelli un nuovo dono;
il lavoro, anche il più umile, anche il più oscuro, se sia ben eseguito tende alla bellezza e orna il mondo

inviato il 24/12/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Vincenzo benvenuto : )

Sherlock Holmes - Uno studio in rosso

immagine copertina
Arthur Conan Doyle
Sherlock Holmes - Uno studio in rosso
Tradotto da Nicoletta Rosati Bizzotto
Newton Compton 2013
10 righe da pagina 65:

Incalzato così da tutti noi, Holmes appariva indeciso. Continuò ad andare su e giù per la stanza, a capo chino, accigliato come sempre quando era immerso nei suoi pensieri.
"Non ci saranno altri omicidi", disse alla fine, arrestandosi bruscamente di fronte a noi. "Questo, potete anche scordarvelo. Mi avete chiesto chi è l'assassino. Lo so. Ma conoscerne solamente il nome è ben poca cosa rispetto alla possibilità di acciuffarlo. Prevedo di poterlo fare quanto prima; e ho buone speranze di riuscirvi seguendo i miei metodi. Ma è una faccenda da trattare coi i guanti, perché abbiamo a che fare con un individuo astuto e disperato, aiutato, come ho avuto modo di provare, da un altro, furbo quanto lui.

inviato il 26/12/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Buone feste! Ciao a tutti!

Un canto di Natale

immagine copertina
Charles Dickens
Un canto di Natale
Tradotto da Emmanuele Grazzi
Newton Compton 1993
10 righe da pagina 86:

"Che giorno è oggi?", gridò Scrooge, verso la strada, a un ragazzo vestito a festa, che forse si era fermato proprio per guardare lui.
"Eh...?", rispose il ragazzo, con tutto lo stupore di cui era capace.
"Che giorno è oggi, mio bel figliolo?", chiese Scrooge.
"Oggi...", replicò il ragazzo, "ma come? E' Natale!"
"E' Natale", disse Scrooge a se stesso. "Non l'ho lasciato passare. Gli spiriti hanno fatto tutto in una notte sola. Possono fare qualunque cosa vogliono, naturalmente; naturalmente, possono fare qualunque cosa vogliono!"

inviato il 25/12/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazieeeeeee : )

Grazie Giovanni, altrettanto a te.

Tanti auguri di Buon Natale a tutto lo staff e a tutti gli utenti :)

Il profeta

immagine copertina
Kahlil Gibran
Il profeta
Tradotto da Piera Oppezzo e Nicola Crocetti
Classici Oscar Mondadori 1993
10 righe da pagina 17:

Amatevi vicendevolmente, ma il vostro amore non sia una prigione: lasciate piuttosto un mare ondoso tra le due sponde delle vostre anime. Riempitevi la coppa uno con l'altro, ma non bevete da una sola coppa. Scambiatevi a vicenda il vostro pane, ma non mangiate dallo stesso pane. Cantate insieme e danzate e siate allegri, ma che ciascuno sia solo.

inviato il 17/12/2013
Nei segnalibri di:

Marcovaldo

immagine copertina
Italo Calvino
Marcovaldo
Einaudi
10 righe da pagina 131:

Tutti erano presi dall'atmosfera alacre e cordiale che si espandeva per la città festosa e produttiva
;nulla è più bello che sentire scorrere intorno il flusso dei beni materiali e insieme del bene che ognuno vuole agli altri;e questo soprattutto
come ci ricorda il suono ,firulì,firulì,delle zampogne,è cio' che conta.
In magazzino,il bene -materiale e spirituale passava per le mani di Marcovaldo in quanto
merce da caricare e scaricare.E non solo caricando e scaricando egli prendeva parte
alla festa generale,ma anche pensando in fondo a quel labirinto di centinaia di migliaia di pacchi lo attendeva un pacco solo suo,preparaatogli dall'Ufficio RelazioniUmane;e ancora di piu' facendo il conto di quanto gli spettava a fine mese tra "tredicesima mensilità " e

inviato il 20/12/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

...come imponevano i piu' sinceri sentimenti suoi e gli interessi generali dell'industria e del commercio.

Giuro che stavo per pubblicare le stesse righe, poi ho optato per Dickens :) peccato che hai mancato la parte finale

Peccato che alcune righe sono scomparse,anch'io lo ritengo un bel "libricino"
da affiancare a ...Pinocchio !!!

<3 un libricino stupendo!

Allo Staff..."Titolo del brano:I figli di Babbo Natale",scusate
ma oltre ad una cancellazione,scrivendolo ,le righe vagavano...un saluto Naty

Il giudizio degli altri

immagine copertina
Arthur Schopenhauer
Il giudizio degli altri
Tradotto da Bettino Betti
Edizione speciale per Corriere della Sera RCS Quotidiani 1819
10 righe da pagina 26:

Di fatto, il valore che attribuiamo all'opinione altrui e la costante preoccupazione riguardo a essa superano, generalmente, quasi tutte le motivazione veramente ragionevoli, sicchè quel pensiero si può considerare una specie di fissazione universalmente diffusa o, piuttosto, congenita. In tutto ciò che facciamo l'opinione altrui viene presa in considerazione prima, quasi, di ogni altra cosa; e, se ci riflettiamo attentamente, vedremo che quasi la metà di tutte le ansie e di tutti i timori che ci hanno turbati in tutto il nostro passato nascevano da quella preoccupazione; essa è alla base del nostro orgoglio, così spesso offeso perchè così morbosamente suscettibile, della nostra vanità e delle nostre ambizioni, dell'ostentazione del lusso e dell'esibizionismo.

inviato il 02/12/2013
Nei segnalibri di:

Something like thunder

Something like thunder 9 settimane 4 giorni fa

2015 :P

Something like thunder 9 settimane 5 giorni fa

Ho colto l'invito a pubblicare righe in inglese :)

Rintocchi

Rintocchi 4 years 46 settimane fa

Ok, buona idea :)

Marcovaldo

Marcovaldo 4 years 46 settimane fa

Giuro che stavo per pubblicare le stesse righe, poi ho optato per Dickens :) peccato che hai mancato la parte finale

Marcovaldo 4 years 46 settimane fa

<3 un libricino stupendo!

Rintocchi

Rintocchi 4 years 46 settimane fa

E' un racconto di Natale di Dickens poco conosciuto, ma molto bello.. oggi se ho tempo ne aggiungo altre dello stesso racconto!

Ventimila leghe sotto i mari

Ventimila leghe sotto i mari 4 years 49 settimane fa

Ok, mi è sfuggito, di queste righe comunque è Fabio Giovannini :)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy