Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di sandrage2009

Solstizio d'inverno

immagine copertina
Rosamunde Pilcher
Solstizio d'inverno
Tradotto da Annamaria Biavasco Valentina Guani
Mondadori 2000
10 righe da pagina 417:

In pieno inverno in Scozia al mattino era buio pesto e quando Elfrida apriva gli occhi
non sapeva mai che ora fosse.Cercava l'orologio sul comodino e guardava il quadrante
luminoso e, se erano le due di notte,scendeva dal letto ,si infilava la vestaglia e
andava in bagno.
Certe volte l'orologio segnava le cinque.
Oppure le otto ed era ora di alzarsi.
Ma nella stanza regnava comunque un buio assoluto e il cielo era nero a mezzanotte.
Quel giorno allungò una mano per prendere l'orologio e vide che erano le sette e mezzo.
Oscar al suo fianco ,dormiva ancora.
Si alzò senza fare rumore per non disturbarlo,cercò a tastoni la vestaglia,si infiò le
pantofole e andò a chiudere la finestra.
Vide che nevicava ancora,ma i fiocchi che il vento spingeva dal mare erano i piu'
piccoli.

inviato il 23/12/2013
Nei segnalibri di:

Favole al telefono

immagine copertina
Gianni Rodari
Favole al telefono
Einaudi
10 righe da pagina 45:

Una mattina al Polo Nord,l'orso bianco fiutò nell'aria un odore insolito e lo fece notare all'orsa maggiore
(la minore era sua figlia):
-Che sia arrivata qualche spedizione?
Furono invece gli orsacchiotti a trovare la viola.era
una piccola violetta mammola e tremava dal freddo,ma continuava
coraggiosamente a profumare l'aria ,perché quello era il suo dovere.
-Mamma,papà,- gridarono gli orsacchiotti.
-Io l'avevo detto subitoche c'era qualcosa di strano ,-fece osservare per prima cosa l'orso bianco alla
famiglia.-Ecco secondo me non è un pesce.
No di sicuro,-disse l'orsa maggiore,-ma non è nemmeno un uccello.
Hai ragione anche tu,- disse l'orso,dopo averci pensato un bel pezzo.
Prima di sera si sparse per tutto il Polo la notizia:
un piccolo,strano essere profumato,di colore violetto ,era apparso nel deserto di ghiaccio
si reggeva su una sola zampa e non si muoveva.A vedere la viola vennero foche,e trichechi,vennero
dalla Siberia ,le renne dell'America i buoi muschiati e piu' di lontano ancora le volpi
bianche ,lupi e gazze marine.Tutti ammiravano il fiore sconosciuto.

inviato il 05/01/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Allo Staff...la violetta è "gialla "...non ero presente all'evento ...grazie ,naty

Partecipo al giuoco domenicale 47http://scrivi.10righedailibri.it/favole-al-telefono-8

Il cappotto

immagine copertina
Nikolaj V. Gogol
Il cappotto
Tradotto da Luisa De Nardis
Tascabili economici Newton 1993
10 righe da pagina 29:

Esiste a Pietroburgo un acerrimo nemico di tutti coloro che prendono quattrocento rubli all'anno di stipendio, o su per giù. Questo nemico altri non è se non il nostro gelo nordico, sebbene, del resto, dicono anche sia molto salutare. Passate le otto del mattino, proprio nell'ora in cui le strade si coprono di gente che va al dipartimento, inizia a dare dei buffetti tanto forti e pungenti indiscriminatamente su tutti i nasi, che i poveri impiegati non sanno decisamente dove ficcarli. Nel momento in cui perfino a quelli che occupano le cariche più alte duole la fronte per il gelo, e agli occhi compaiono le lacrime, i poveri consiglieri titolari sono a volte indifesi. L'intera salvezza consiste nell'attraversare di corsa il più velocemente possibile, nel misero cappottino, cinque-sei strade e poi riscaldarsi per bene i piedi in portineria, finchè in tal modo non si scongelino tutte le capacità e le doti per le mansioni d'ufficio gelatesi per la strada.

inviato il 05/01/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

#47

Partecipo al Giuoco domenicale #43: Righe invernali + link http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-47-righe-invernali

La bambina che salvava i libri

immagine copertina
Markus Zusak
La bambina che salvava i libri
Tradotto da Gian M. Giughese
Mondolibri su licenza Frassinelli 2007
10 righe da pagina 30:

Sì, una brillante carriera.
Tuttavia devo subito puntualizzare che trascorse un notevole lasso di tempo tra il primo libro che rubò e il secondo. Un altro elemento degno di nota è il fatto che il primo venne sottratto alla neve, il secondo al fuoco. Senza trascurare che ricevette anche altri libri. In tutto ne possedeva forse quindici o sedici, ma riteneva che la sua storia si basasse prevalentemente su una decina. Di quei dieci, sei erano rubati, uno lo trovò sul tavolo della cucina, due furono scritti per lei da un ebreo nascosto e uno lo portò un pomeriggio morbido, vestito di giallo. Quando si dedicò a scrivere la propria storia, si domandò quando esattamente i libri e le parole avessero incominciato a significare non solamente qualcosa, ma tutto.

inviato il 09/01/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Staff e grazie a tutti!!! Vi segnalerò senz'altro la mia scelta il prossimo lunedì :)

Ciao Sara,
le tue, sono le 10righe più segnalibrate della settimana!
Hai vinto un libro incentivo: complimenti!
Lunedì prossimo invia il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it dopo aver scelto il vincitore tra le 10 righe postate da oggi a domenica 19.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy