Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di discaro37

L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio

Murakami Haruki
L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio
Tradotto da Antonietta Pastore
Einaudi 2014
10 righe da pagina 228:

E' come costruire una stazione. Una cosa bella e di valore, che è stata importante anche per poco tempo, non sparisce nel nulla per un piccolo errore. Cominciamo col costruirla, la stazione,anche se non perfetta. Se non ci fossero le stazioni i treni non potrebbero fermarsi li' e non potremmo incontrare le persone a cui vogliamo bene. Se poi si scoprono dei difetti,si può sempre rimediare dopo. Prima di tutto costruisci la stazione. Una stazione speciale per lei, dove il treno desideri fermarsi,in cui trovare un rifugio, così anche senza uno scopo preciso.Cerca di immaginarla nella tua mente quella stazione,di darle concretamente forma e colore.Poi incidi con un chiodo il tuo nome sulla base e soffiaci la vita.

inviato il 07/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Domenico, abbiamo completato i campi ;)

Traduttore Antonietta Pastore (molto brava) anno 2014

Ciao Domenico, anno di edizione del libro e traduttore?

Storia di chi fugge e di chi resta

Elena Ferrante
Storia di chi fugge e di chi resta
Edizioni E/O
10 righe da pagina 205:

Arrivai al mare, un foglio grigiastro sotto il cielo pallido con nuvole rare dagli orli rosa. La massa di Castel dell'Ovo era tagliata nettamente in due dalla luce, una forma d'ocra splendente dal lato del Vesuvio, una chiazza marrone dal lato di Margellina e Posillipo. La via lunga la scogliera era vuota, il mare non aveva suono, ma emanava un odore intenso.chissà quale sentimento avrei avuto di Napoli, di me se mi fossi svegliata tutte le mattine non al rione ma in uno di quei palazzi sulla litoranea. Cosa cerco? Cambiare la mia nascita? Cambiare, insieme a me stessa, anche gli altr?

inviato il 05/06/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Domenico :)

PINOCCHIO

immagine copertina
Carlo Collodi
PINOCCHIO
SALANI Editore 1924
10 righe da pagina 47:

Smesso che fu di nevicare,Pinocchio,col suo bravo Abbecedario nuovo sotto il braccio, prese la strada che menava alla scuola: e strada facendo ,fantasticava nel suo cervellino mille ragionamenti e mille castelli in aria, uno più bello dell'altro.
E discorrendo da sè solo diceva :
- Oggi, alla scuola,voglio subito imparare a leggere : domani poi imparerò a scrivere e domani l'altro imparerò a fare i numeri.
Poi,colla mia abilità, guadagnerò molti quattrini e coi primi quattrini che mi verranno in tasca,voglio subito fare al mio babbo una bella casacca di panno. Ma che dico di panno ? Gliela voglio fare tutta d'argento e d'oro, e coi bottoni di brillanti. E quel pover'uomo se la merita davvero.

inviato il 11/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Di nulla Emma , la voce di Sermonti raggiunge l'anima!!!

correggo: grazie Natalina, hai avuto...
la tastiera è impazzita ! scusa

grazie Natalina, mano hai avuto un bel pensiero e sicuramente mi collego su Rai 3 e magari con Le Metamorfosi "in mano così riesco a seguire meglio. Qui da noi oggi è stata una discreta giornata, niente pioggia e dei bei raggi di sole, ma del diman non v'è certezza !

Ciao Emma ,in questi pomeriggi di pioggia, seguo radio tre, alle ore 17,Vittorio
Sermonti legge :"Le metamorfosi", di Ovidio, una lettura eccellente ,spero ti possa interessare,un saluto a te e tutti,naty

Carlo Collodi nasce a Firenze il 24 Novembre 1836

L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio

immagine copertina
Murakami Haruki
L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio
Tradotto da Antonietta Pastore
Einaudi 2014
10 righe da pagina 42:

"...le persone cui viene toltà la libertà, finiscono sempre per odiare qualcuno. Non sei d'accordo? Non è proprio il genere di vita che fa per me!"
"Vorresti essere sempre sciolto da vincoli, libero di seguire il corso dei tuoi pensieri, vero?", "esatto". "A me però non sembra un'impresa facile, quella di seguire liberamente i pensieri che si hanno in testa."
"Pensare liberamente è un pò come uscire dai limiti del proprio corpo. Emanciparsi dalla gabbia circoscritta del Sè, affrancarsi da tutte le catene, e lasciar volare l'intelligenza senza condizionamenti. Questa è l'essenza della libertà, per quel che riguarda il pensiero...."

inviato il 10/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

Traduzione di Antonietta Pastore

Nome del traduttore?

Il Maestro e Margherita

immagine copertina
M.Bulgakov
Il Maestro e Margherita
La Biblioteca di Repubblica

Ma allora chi sei tu, insomma?
Sono una parte di quella forza che eternamente vuole il male
ed eternamente compie il bene.

inviato il 06/07/2014
Nei segnalibri di:

I giorni chiari

immagine copertina
Zsuzsa Bànk
I giorni chiari
Tradotto da Riccardo Cravero
NERI POZZA 2012
10 righe da pagina 8:

A dir la verità non so perché Aja scelse di invitare proprio me ad entrare nella sua vita, una vita diversa da tutto ciò che avevo incontrato prima, diversa da tutto ciò che conoscevo e che mi sembrava lontana. Non so cosa fu a spingerla vicino a me, a mandarla da me invece che da altri, a legarla a me: che cosa porta a scegliersi? [...]
Siamo rimaste insieme solo perché neanche in seguito arrivò qualcuno che potesse sostituirmi? Non gliel'ho mai domandato, e oggi non ha più importanza. Oggi siamo quel che siamo e non domandiamo, non cerchiamo ragioni.

inviato il 07/07/2014
Nei segnalibri di:

La conquista della felicità

immagine copertina
Bertrand Russell
La conquista della felicità
Tradotto da Giuliana Pozzo Galeazzi
TEA 2012
10 righe da pagina 150:

Gli antichi, come tutti sanno, consideravano la moderazione una delle virtu' essenziali.
Sotto l'influenza del romanticismo e della rivoluzione francese ,questo concetto è stato
abbandonato da molti uomini , e gli uomini hanno cominciato ad ammirare le passioni
travolgenti ,anche se ,come quelle degli eroi di Byron ,erano distruttrici e antisociali.
Gli antichi, comunque ,erano chiaramente nel giusto .In una vita buona deve esistere
un equilibrio tra le diverse attività ,e nessuna di esse deve essere spinta al punto da
rendere impossibili le altre. il goloso sacrifica tutti gli altri piaceri a quello del mangiar,
e così facendo diminuisce la felicità complessiva della sua vita.
Molte altre passioni oltre a quella del mangiare possono essere spinte a questo estremo.
L'imperatrice Giuseppina era golosa in fatto di abiti .Sulle prime Napoleone pagava
i conti dei suoi sarti sebbene con proteste sempre piu' vive...

inviato il 07/07/2014
Nei segnalibri di:

All'inizio, lei era

immagine copertina
Luce Irigaray
All'inizio, lei era
Tradotto da Pierluigi Cerri
Bollati Boringhieri 2012
10 righe da pagina 10:

Il maestro comincia generalmente il suo insegnamento con le parole: Io dico. Ossia egli pensa che la verità sia garantita dal proprio discorso e che il discepolo debba ripetere lo stesso discorso, affermando: egli dice, o egli ha detto. La verità è dunque trasmessa dal maestro al discepolo, come da un padre a un figlio. La verità è trasmessa tra uomini, secondo un ordine genealogico o gerarchico. E' noto, come ricorda per esempio Clémence Ramnoux nel suo lavoro sui presocratici, che all'origine è una lei - natura, donna o dea - che ispira la verità a un saggio. Il maestro però tiene generalmente segreto ciò che ha ricevuto da lei, grazie al quale, grazie alla quale ha elaborato il suo discorso. Egli non dice granché riguardo a questa origine, perché le parole gli mancano o perché vuole tenerlo per sé, perché non può o non vuole parlare della sua relazione con lei.

inviato il 21/06/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

partecipo al MINIGIOCO DI SABATO 21 GIUGNO http://scrivi.10righedailibri.it/maturarighe-2014

Decolonizzare l'immaginario

immagine copertina
Serge Latouche
Decolonizzare l'immaginario
Editrice Missionaria Italiana 2004
10 righe da pagina 67:

Il nostro PIL è il più antico del mondo. Ma conteggia anche l'inquinamento dell'aria, la pubblicità delle sigarette e le corse delle ambulanze che raccolgono i feriti sulle autostrade. Conteggia la distruzione delle nostre foreste e la scomparsa della nostra natura. Conteggia il napalm e il costo dello stoccaggio dei rifiuti nucleari. Il PIL, invece, non conteggia la salute dei nostri bambini, la qualità della loro istruzione, la gioia dei loro giochi. Non prevede la bellezza della nostra poesia o la saldezza dei nostri matrimoni. Non prende in considerazione il nostro coraggio, la nostra integrità, la nostra intelligenza, la nostra saggezza. Misura qualsiasi cosa, ma non ciò per cui la vita vale la pena di essere vissuta.
(Robert Kennedy)

inviato il 22/06/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

partecipo a Maturarighe 2014 http://scrivi.10righedailibri.it/maturarighe-2014, Giuoco domenicale del 22 Giugno 2014, tema 2

Una stanza tutta per sé

immagine copertina
Virginia Woolf
Una stanza tutta per sé
Tradotto da Maria Antonietta Saracino
Mondadori 2000
10 righe da pagina 18:

...Accanto a me c'era un libro, e aprendolo mi soffermai casualmente su Tennyson.
Il poeta cantava così:

Una splendida lacrima è caduta

Dalla passiflora sul cancello.

Arriva lei, la mia colomba, il mio tesoro;

Arriva lei, la mia vita, il mio destino;

La rosa rossa grida "S'avvicina. s'avvicina";

Piange la rosa bianca, "è in ritardo";

Il delphinium ascolta, "La sento, la sento";

E il giglio sussurra, "L'attendo".
.

inviato il 13/06/2014
Nei segnalibri di:

101 Storie Zen

immagine copertina
NYOGEN SENZAKI E PAUL REPS
101 Storie Zen
ADELPHI 1993
10 righe da pagina 13:

Nan-in ,un maestro giapponese dell'era Meiji(1868-1912),ricevette la visita di un
professore universitario che era andato da lui per interrogarlo sullo Zen .
Nan-in servì il tè .Colmò la tazza del suo ospite ,e poi continuò a versare .
Il professore guardò traboccare il tè , poi non riuscì piu' a contenersi. "E' ricolma.
Non c'entra più!".
"Come questa tazza, " disse Nan-in "tu sei ricolmo delle tue opinioni e congetture.
Come posso spiegarti lo Zen, se prima non vuoti la tua tazza?".

inviato il 09/06/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ti ringrazio ,un poco di leggerezza non guasta ...

Verissimo, liberiamoci dai pesi...! interessante Natalina!

La vita in tempo di pace

immagine copertina
Francesco Pecoraro
La vita in tempo di pace
Ponte alle Grazie
10 righe da pagina 9:

Ivo Brandani era perseguitato dal senso della catastrofe. La vedeva in ogni iniziativa di trasformazione della realtà, in ogni edificio (che può crollare), in un aereo in volo (che può precipitare), in un'automobile in corsa (che può sbandare), in una presa di corrente (che può andare in corto), in una pentola sui fornelli (rischio incendio), in un bicchiere d'acqua (che può rovesciarsi), in un uovo fresco (che può rompersi): tutto ciò che sta in piedi può cadere, tutto ciò che funziona può smettere di farlo. Anzi, prima o poi avrebbe smesso di farlo, questo era sicuro. Ma come si sarebbe potuta evitare QUELLA catastrofe? Era un evento molto lontano nel tempo, non avrebbe dovuto importargliene. Invece gliene importava.
Quelle genti non si era mai saputo bene chi fossero, né da dove fossero venute, né con precisione quando, né perché. Si sapeva solo che erano una secrezione etnica dell'Asia Centrale...
[Così s'introduce un'ossessione! Anche se l'ossessione, la più sbieca e folle e snob delle ossessioni, riguarda la remota caduta di Costantinopoli]

inviato il 11/06/2014
Nei segnalibri di:

L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio

L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio 5 years 9 settimane fa

Traduttore Antonietta Pastore (molto brava) anno 2014

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy