Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di thejast

OscuraMente

immagine copertina
Gianluca Giusti
OscuraMente
Errekappa edizioni
10 righe da pagina 17:

Mentre stavo facendo colazione, nell’attimo stesso in cui il mio biscotto preferito non vedeva l’ora di tuffarsi nel più invitate dei caffèlatte mi sono chiesto quale sia stata la genesi di questa immortale teoria in base alla quale usiamo solo il 10% del nostro cervello. Da qui è partita la mia ricerca e ispirato da un semplice frollino mi sono tuffato anch’io.

inviato il 17/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Gianluca benvenuto :) scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi...

Il gioco del mondo

julio cortazar
Il gioco del mondo
Edizioni Mondolibri su licenza Einaudi
10 righe da pagina 25:

Uscire, fare, sbrigare, non erano cose che aiutassero ad addormentarsi.Sbrigare, che espressione. Fare. Fare qualcosa, fare del bene, fare la pipì, far passare il tempo, l'azione in tutte le sue combinazioni. ma dietro ad ogni azione si nascondeva la protesta, perché fare significava uscire da per arrivare a, o muovere qualcosa perché stesse qua e non là, o entrare in quella casa invece di non entrarci o entrare in quella accanto, ovvero in ogni atto era insita l'ammissione di una carenza, di qualcosa non ancora fatto e che era possibile fare, la protesta tacita di fronte alla continua evidenza della mancanza, della diminuzione, della pochezza del presente. Credere che l'azione potesse colmare,o che la somma delle azioni potesse realmente equivalere a una vita degna di questo nome, era un' illusione da moralista. Era meglio rinunciare, perché la rinuncia all'azione era la protesta medesima e non la sua maschera.

inviato il 22/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :-)

Benvenuta Ginette :)

I GRAFFI DELL’ANIMA.

immagine copertina
Alessandra Puggioni
I GRAFFI DELL’ANIMA.
10 RIGHE DAI LIBRI 2014

Ogni attimo della nostra vita ci prepara a vivere l’attimo successivo...ogni errore che commettiamo ci insegna a non commetterlo più. Ogni dolore che proviamo ci rende immuni dal suo ritorno, ogni amore perso è il rafforzamento di un amore nuovo... impariamo dal dolore a non soffrire, dalla sofferenza a non cedere, dal cedimento a non morire, dalla morte a vivere...

Ciao Sweet, tu ci hai portato a piccoli passi nel tuo mondo di arte, musica, poesia e dolcezza. Noi ti porteremo sempre a spasso nei nostri pensieri.

inviato il 24/01/2014
Nei segnalibri di:

Compleanni Staff 10 righe dai libri

immagine copertina
Staff 10 righe dai libri
Compleanni Staff 10 righe dai libri
10 righe dai libri 2014

Oggi è il compleanno della nostra cara Barbara Antonacci http://scrivi.10righedailibri.it/userpage/1745 Staff 10 righe dai libri http://scrivi.10righedailibri.it/userpage/365
Auguri Barbaraaa e grazie per le fresche righe dai libri che ogni giorno cogli e semini per tutti lettori.
:)

inviato il 05/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Natalina :*

E' si mancavano i miei di auguri...

Grazie :D

Auguri di cuore Barbarè! ;)

Illustrazione di Miles Hyman

MEDEA

immagine copertina
EURIPIDE
MEDEA
Tradotto da Ester Cerbo
Bur Rizzoli 2012
10 righe da pagina 180:

Non ti sbagli davvero se definisci sciocchi e poco avveduti gli uomini di un tempo. Per le festività si sono inventati l'inno e per simposi e banchetti canzoni che rallegrino l'esistenza. Ma nessuno ha trovato l'arte di acquietare il dolore della gente con la musica, con le melodie: di conseguenza la morte ed eventi terribili si abbattono sulle case. Sarebbe
un bel guadagno per gli uomini curare i mali con i canti: a cosa servono trilli e gorgheggi dove ci sono tavole ben imbandite? Un convito lauto basta da solo a rallietare la gente.

inviato il 18/03/2014
Nei segnalibri di:

Inés dell'anima mia

immagine copertina
Isabel Allende
Inés dell'anima mia
Tradotto da Elena Liverani
Universale Economica Feltrinelli 2013
10 righe da pagina 123:

Dietro a noi rimase Cuzco, sotto un cielo azzurrino, incoronata dalla fortezza sacra di Sacsayhuamán. Appena usciti dalla città, ancora in piena vista degli occhi del marchese governatore, del suo seguito, del vescovo e della gente della città che ci congedava, Pedro mi chiamò al suo fianco con voce chiara e tono di sfida.
"Qui, vicino a me, doña Inés Suárez!" gridò e quando ebbi superato i soldati e gli ufficiali per sistemare il mio cavallo di fianco al suo, aggiunse a bassa voce: "Andiamo in Cile, Inés dell'anima mia...".

inviato il 18/03/2014
Nei segnalibri di:

Crociata

immagine copertina
Robyn Young
Crociata
Tradotto da Laura Prandino
Tea 2010
10 righe da pagina 223:

"C'è niente di cui voi desideriate parlare con me?"
"Ho detto di no."
"Molto bene. Voglio solo che voi sappiate che sono sempre qui. Mi piacerebbe pensare che, se mai aveste necessità, verrete da me. Per quanto voi abbiate i vostri amici, naturalmente, e vostro padre e Khadir."
Baraka sollevò la testa di scatto, un lampo di sospetto nello sguardo. "Khadir? E' il compagno di mio padre, perché dovrei parlare con lui?"
"So che vi è molto affezionato", rispose cauto Qalawun.

inviato il 18/03/2014
Nei segnalibri di:

Diario

immagine copertina
Etty Hillesum
Diario
Tradotto da J.G.Gaarlandt
Adelphi 1985
10 righe da pagina 105:

...Ieri sera,mentre andavo da lui in bicicletta, avevo dentro un grande e dolce desiderio di Primavera.E mentre pedalavo sognando sull'asfalto dellla Larissenstraat tutta impaziente di vederlo, d'un tratto mi sono sentita accarezzare da una tiepida aria di primavera e ho pensato : anche questo va bene.
Perchè non si potrebbe provare un grande e tenero trasporto amoroso per una primavera ,
per tutti gli uomini ?

inviato il 21/03/2014
Nei segnalibri di:

La casa degli spiriti

immagine copertina
Isabel Allende
La casa degli spiriti
Tradotto da Angelo Morino e Sonia Piloto di Castri
Universale Economica Feltrinelli 2010
10 righe da pagina 89:

Si rendeva conto che Clara non gli apparteneva e che se lei avesse continuato ad abitare in un mondo di apparizioni, di tavolini a tre gambe che si muovono da soli e di carte che scrutano il futuro, la cosa più probabile era che non le sarebbe mai appartenuta. Non gli bastava neppure la spregiudicata e impudica sensualità di Clara. Desiderava molto più del suo corpo, voleva appropriarsi di quella materia imprecisa e luminosa che c'era nel suo intimo e che gli sfuggiva anche nei momenti in cui sembrava agonizzare di piacere.

inviato il 17/03/2014
Nei segnalibri di:

Il gusto proibito dello zenzero

immagine copertina
Ford Jamie
Il gusto proibito dello zenzero
Tradotto da Laura Noulian
Garzanti
10 righe da pagina 100:

"La notte scorsa ci sono stati altri arresti. Hanno prelevato un sacco di giapponesi, in tutta la cittá. Colpa del Puget Sound. E non solo in cittá, probabilmente in tutto lo stato", rispose il giovane fotografo."Cosí ora la gente cerca di liberarsi di tutto che potrebbe collegarli alla guerra con il Giappone. Lettere. Vestiti. Deve sparire ogni cosa. È roba troppo pericolosa per conservarla. Persino le vecchie fotografie. La gente é costretta a bruciare i ritratti dei genitori e dei parenti."

inviato il 18/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

:) grazie tante a voi e a tutti che mi hanno segnalibrato :))

Complimenti Suzie! hai vinto il premio segnalibri e ricordati che devi comunicare l’indirizzo dove verrà spedito il libro che hai vinto a libroincentivo@10righedailibri.it. Inoltre, prossimo lunedì dovrai anche comunicarci le tue 10righe preferite tra le 10 righe postate da oggi fino alla prossima domenica.
Buone letture!

Sogni di Bunker Hill

immagine copertina
John Fante
Sogni di Bunker Hill
Tradotto da Francesco Durante
Einaudi 2004
10 righe da pagina 139:

All'improvviso una figura mi si parò davanti. Credevo di conoscere la sua faccia, ma non ne fui sicuro fino a quando lui disse:
-Che cosa ci fai qua?
Poteva essere solamente mio padre.
- Sono tornato a casa.
Il suo respiro veniva fuori come vapore.
- Sei gelato, - disse. - Dov'è il tuo cappotto?
- Ce l'hai addosso tu, - dissi io. Si sbottonò il pesante cappotto di montone, e se lo tolse.
- Mettilo, - disse, porgendomelo.
- E tu?
- Non ti preoccupare per me, mettilo.
Mi aiutò a infilarmelo. Adesso lui stava in maniche di camicia, con i fiocchi che lo colpivano.
- Andiamo, - disse.
Ci allontanammo rapidamente. Il cappotto aveva il calore del suo corpo. Era una parte integrante della mia vita, come una sedia vecchia, o una forchetta consumata, o lo scialle di mia madre, le cose della mia vita, le preziose cose senza valore che mi erano care.

inviato il 19/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Alessia, abbiamo condiviso le tue 10 righe sui social
:)

Auguri a tutti i papà :)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy