Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di FrancescaLove

Survivor

immagine copertina
Chuck Palahniuk
Survivor
A. MONDADORI

Questo è il mio pesciolino numero 641 in una vita costellata di pesciolini rossi.
I miei genitori mi comprarono il primo per insegnarmi cosa significasse amare e prendersi cura di una creatura vivente del Signore.
640 pesci dopo, l'unica cosa che ho imparato è che tutto quello che ami morirà.

inviato il 07/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Piccola Biblioteca Mondadori Oscar- Monina Capogrossi- 2003

Ciao Fra Z, anno di edizione pagina e traduttore delle tue 10 righe Grazie ;)

Il Maestro e Margherita

immagine copertina
M.Bulgakov
Il Maestro e Margherita
La Biblioteca di Repubblica

Ma allora chi sei tu, insomma?
Sono una parte di quella forza che eternamente vuole il male
ed eternamente compie il bene.

inviato il 06/07/2014
Nei segnalibri di:

La morte e la Vita dopo la morte

immagine copertina
Elisabeth Kubler-Ross
La morte e la Vita dopo la morte
Edizioni Mediterranee

Le persone più belle che abbiamo conosciuto sono quelle che hanno conosciuto la sconfitta, la sofferenza, lo sforzo, la perdita e hanno trovato la loro via per uscire dal buio. Queste persone hanno una stima, una sensibilità, e una comprensione della vita che le riempie di compassione, gentilezza e un interesse di profondo amore. Le persone belle non capitano semplicemente; si sono formate.

inviato il 01/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ti ringrazio per aver condiviso! D'altronde leggevo che la scrittrice ha profuso tutta la sua vita nell'assistenza ai malati terminali, e nelle ricerche così sul morire e sulla morte. Più di chi vive queste esperienze..lancinanti, chi può conoscere il vero senso della vita?
Grazie

Condivido il contenuto del mesaggio! Belle parole, che corrispndono alla realtà.

I Miserabili

immagine copertina
Victor Hugo
I Miserabili
I mammut

Ho incontrato per la via un giovane poverissimo che era innamorato: aveva un vecchio cappello, la giacca logora, l'acqua gli passava attraverso le suole delle scarpe e le stelle attraverso l'anima.

inviato il 30/06/2014
Nei segnalibri di:

il teatro e il suo doppio

immagine copertina
Antonin Artaud
il teatro e il suo doppio
Piccola Biblioteca Einaudi
10 righe da pagina 71:

Si tratta dell'Amore, perché tu diventi l'altro ed è fatta.
Diventi l'astro, ed è la stessa cosa.
E' fatto così, il linguaggio. Tu non parli.
Ma è tutto qui.
Capisci, è tutto qui prima che tu lo dica.
Astro e fuoco. Tu sei il fuoco.

inviato il 30/06/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Francesca, potresti aggiungere qualche riga? :)

Ciao Barbara. Scusami, ma ahimè leggo solo adesso. Ti ringrazio tanto cmq! L'anno di edizione lo aggiungo comunque: è il 2000.

Ciao Fra z, l'altra settimana ho vinto il libro incentivo quindi questa settimana dovevo scegliere le mie 10 righe... Scelgo le tue che andranno in finale, ma devi completare i dati, nelle tue 10 righe manca l'anno di edizione, lascialo qui nei commenti. Grazie ciao :)

La Nausea

immagine copertina
Jean -Paul Sartre
La Nausea
La Biblioteca di Repubblica

Pensavo vagamente di sopprimermi, per annientare almeno una di queste esistenze superflue.

Ma la mia stessa morte sarebbe stata di troppo.

Di troppo il mio cadavere, il mio sangue su quei ciottoli, tra quelle piante, in fondo a quel giardino sorridente.

E la carne corrosa sarebbe stata di troppo nella terra che l'avrebbe ricevuta, e le mie ossa, infine, ripulite, scorticate, nette e pulite come denti, sarebbero state anch'esse di troppo: io ero di troppo per l'eternità.

inviato il 23/06/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie !!! :D

Benvenuto/a :)

AVRò CURA DI TE

immagine copertina
Massimo Gramellini Chiara Gambarale
AVRò CURA DI TE
Longanesi 2014
10 righe da pagina 35:

Io sento,ecco. Ho quest'orchestra pazza e stonata nella testa con cui mi sveglio ogni mattina, questo buco nel cuore per cui tutto mi attraversa fino a investire respiro e ragione.Ti assicuro che non avrei voluto essere così.Io sento,ecco. Ho quest'orchestra pazza e stonata nella testa con cui mi sveglio ogni mattina, questo buco nel cuore per cui tutto mi attraversa fino a investire respiro e ragione.Ti assicuro che non avrei voluto essere così.

inviato il 21/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie!

Ciao Arianna le tue 10 righe sono state scelte dalla redazione per il mese di gennaio... sei in finale

Opere Scelte

immagine copertina
George Byron
Opere Scelte
Tradotto da Tomaso Kemeny
Arnoldo Mondadori Editore 1993
10 righe da pagina 177:

ll 22 GENNAIO 1788 nasceva a Londra il poeta GEORGE GORDON BYRON

Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio cuore una dimora
per la tua bellezza,
del mio petto un sepolcro
per le tue pene.
Ti amerò come le praterie amano la primavera,
e vivrò in te la vita di un fiore
sotto i raggi del sole.
Canterò il tuo nome come la valle
canta l'eco delle campane;
ascolterò il linguaggio della tua anima
come la spiaggia ascolta
la storia delle onde.

inviato il 22/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie, decisamente mi sono piaciute le 10 righe di Natalina tratte dal libro fuori catalogo di Hermann Hesse "Ore nell'orto" !

Ciao Emma, con le tue 10 righe sei nella finale classifica settimanale di gennaio... Ricorda di comunicarci le 10 righe che più ti piacciono da oggi 26 gennaio a sabato 31 gennaio. Grazie :)

grazie Naty ! buona serata

Emma ben tornata!!!

Il bordo vertiginoso delle cose

immagine copertina
Gianrico Carofiglio
Il bordo vertiginoso delle cose
Rizzoli 2013
10 righe da pagina 36:

Non aveva importanza che qualcun altro le avesse scritte prima di me. Erano passate attraverso le mie dita e attraverso le fibre eccitate della mia fantasia, ed erano mie.
Da quel giorno cominciai a collezionare frasi. Se stavo leggendo un libro o un giornale, o ascoltavo una canzone a casa e un passaggio o un verso mi colpivano, li battevo subito a macchina e sotto ci scrivevo la data - la mia data - ma non l'autore. Non furono un calcolo razionale né tantomeno l'intenzione di ingannare qualcuno - i fogli erano per mio esclusivo uso personale, nessuno li ha mai letti e oggi sono perduti - a suggerirmi di procedere in quel modo, ma certo è che scrivendo quelle frasi e abbandonandole su quei fogli come se fossero state l'accurato prodotto della mia ispirazione - e, in realtà, in qualche modo, lo erano - mi sembrava di procedere, e di essere già molto avanti in un tirocinio dall'esito inevitabile. Reinventare quelle parole, copiandole...

inviato il 14/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Tra le righe postate questa settimana ho scelto http://scrivi.10righedailibri.it/lamante-di-lady-chatterley-4

Ciao Sara, ricordati di comunicarci le tue 10 righe preferite grazie...

Che bello!!!! Lo farò senz'altro!

Ciao Sara, con le tue dieci righe sei nella classifica di gennaio... Complimenti!!! :D
Ricordati di comunicarci le tue 10righe preferite da oggi a domenica 25 Gennaio... Grazie :)

Il cavaliere inesistente

immagine copertina
Italo Calvino
Il cavaliere inesistente
Garzanti 1985
10 righe da pagina 85:

Libro, è venuta sera, mi sono messa a scrivere piu' svelta dal fiume non viene altro
rombo lassu' della cascata, alla finestra volano muti i pipistrelli ,abbaia qualche cane ,
qualche voce risuona dai fienili.Forsenon è stata scelta male questa mia penitenza, dalla
madre badessa: ogni tanto mi accorgo che la penna ha preso a correre sul foglio
da sola , e io a correrle dietro. E' verso la verità che corriamo , la penna e io ,la
verità che aspetto sempre che mi venga incontro , dal fondo d'una pagina bianca ,
e che potrò raggiungere soltanto quando a colpi di penna sarò riuscita aLibro, è venuta sera, mi sono messa a scrivere piu' svelta dal fiume non viene altro
rombo lassu' della cascata, alla finestra volano muti i pipistrelli ,abbaia qualche cane ,
qualche voce risuona dai fienili.Forse non è stata scelta male questa mia penitenza, dalla
madre badessa: ogni tanto mi accorgo che la penna ha preso a correre sul foglio
da sola , e io a correrle dietro. E' verso la verità che corriamo , la penna e io ,la
verità che aspetto sempre che mi venga in

inviato il 13/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Di nulla carissimi amici ,sarà certamnete doveroso, e arduo, da parte mia scegliere ,le 10 righe ,ciao a tutti,naty

Grazie Natalina :)

Amici dello Staff, ho scelto le 10 righe relative al libro :La porta proibita,T.Terzani ,scritte da Monica Polelli ,felice settimana a tutti/e,naty

Ciao Natalina, sei nella classifica finale del mese di Ottobre...
Ricorda di comunicarci le tue 10 righe preferite, partendo da oggi a domenica 26 Ottobre... Grazie.
Di questa settimana invece quali sono le 10 righe da te scelte?Grazie e Buone Letture! :)

Non ti muovere

immagine copertina
Margaret Mazzantini
Non ti muovere
Mondadori
10 righe da pagina 125:

Si è presa il viso nelle mani: "Se mi vuoi un po' di bene, lasciami".
La stringo forte, i suoi gomiti si piazzano nella mia pelle.
"Io non ti lascerò mai".
E sono così certo di quello che dico che il mio corpo s'indurisce, ogni mia fibra s'indurisce mentre l'abbraccio, come se una corazza di forza si fosse stretta intorno a me. E restiamo così, ognuno con il mento nella spalla dell'altro, a guardare ognuno nel proprio vuoto.
Cosa vuol dire amare, figlia mia? Tu lo sai? Amare per me fu tenere il respiro di Italia nelle braccia e accorgermi che ogni altro rumore si era spento. Sono un medico, so riconoscere le pulsazioni del mio cuore, sempre, anche quando non voglio. Te lo giuro, Angela, era di Italia il cuore che batteva dentro di me.

inviato il 07/08/2014
Nei segnalibri di:

What is this thing called science? - 2nd edition - (10 righe tradotte da Riccardo Di Lorenzo)

immagine copertina
Alan Francis Chalmers
What is this thing called science? - 2nd edition - (10 righe tradotte da Riccardo Di Lorenzo)
Hackett Publishing Company, Inc. - Indianapolis - 1982
10 righe da pagina 14:

… la storia di Bertrand Russell sul tacchino induttivista. Questo tacchino osservò che, fin dal suo primo giorno nell’allevamento, veniva nutrito alle 9 del mattino. Comunque, essendo un buon induttivista, non trasse conclusioni. Aspettò fino a quando raccolse un grande numero di osservazioni sul fatto di essere nutrito alle 9 del mattino, e fece queste osservazioni in una larga varietà di circostanze, di mercoledì e giovedì, nei giorni caldi e nei giorni freddi, nei giorni di pioggia e nei giorni secchi. Ogni giorno aggiungeva al suo elenco un’altra asserzione sulle osservazioni. Finalmente la sua coscienza induttivista fu soddisfatta ed effettuò un’inferenza induttiva, concludendo: «Sono sempre nutrito alle 9 del mattino.». Ahimè, questa conclusione si dimostrò essere falsa in maniera lampante, quando alla vigilia di Natale, invece di essere nutrito, venne sgozzato.

inviato il 09/08/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Mr. Fra Z, cosa dici? Questo è "What is this thing called science?" e per l'esattezza la seconda edizione del 1982. E poi il fatto che la stessa storia è narrata pure nel testo "Introduzione alla metologia della ricerca" lo hai letto senz'altro nella mia pagina, poichè l'ho postato pure nella stessa data e pochi minuti prima del testo originale, indicando proprio le 10 righe dell'aneddoto. Alla tua domanda ti rispondo che le 10 righe dall'inglese sono state tradotte da me, come già avevo dichiarato. Se scorri bene la mia pagina troverai altri gruppi di 10 righe tradotti da me dalla lingua originale. Il testo "Introduzione alla metologia della ricerca" riporta la traduzione effettuata da Aldo Runfola della prima edizione inglese del 1976 del testo di Alan Francis Chalmers, pubblicato in italiano nel 1979 da Mondadori - Milano col titolo: "Che cos'è questa scienza?: la sua natura e i suoi metodi". Peccato che poi nella terza edizione inglese del 1999 purtroppo la stessa storiella è stata sintetizzata e leggendola non dà le stesse emozioni che dava nelle prime due edizioni. Se leggi con attenzione la mia pagina, potrai trovare anche il racconto in forma sintetica riportato in tale terza edizione inglese del 1999. Ciao. Riccardo

Ciao, ma la stessa storia di Russel è raccontata nei 2 libri "introduzione alla metodologia della ricerca" e "What's this thing called science"?
E questa traduzione riportata qua sopra è tua?

Ludus in fabula

immagine copertina
Sandro de Nobile
Ludus in fabula
Tradotto da Presentazione di Rolando D’Alonzo
Edizioni Tabula fati 2014
10 righe da pagina 25:

Ora va meglio. Stiamo insieme, […], insieme, sempre insieme, continuando a tenerci per mano.
Spesso siamo quasi felici, a volte forse lo siamo veramente, perlopiù siamo sereni.
Eppure, ogni tanto, raramente, ma accade, sotto il chiarore di un qualche lampione del parco, o sotto l’intermittenza delle luminarie di Natale, o sotto il sole deflagrante del mare d’estate, sotto una qualche luce, a volte, mi pare di vedere, in fondo ai suoi occhi, un riverbero strano, non un bagliore, come un’ombra, un’ombra che forse sta sempre lì, ma che solo di rado si concede allo sguardo altrui.
È un’ombra triste, fatta di noia e di stanchezza, un’ombra carica di sonno, volutamente abbandonata.
Quell’ombra sembra dire: “Dimenticatemi, lasciatemi stare, lasciatemi dormire, lasciatemi…ˮ come lo diceva quella sera, che il sonno voleva prendersela, che gli occhi volevano chiudersi, che io volli tenerla con me, e non lasciarla andare.
È allora che le stringo la mano più forte, e le racconto una storia.
Una storia che fa ridere.

inviato il 10/08/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

..ciao Monica :)

"Spesso siamo quasi felici, a volte forse lo siamo veramente, perlopiù siamo sereni ..." condivido con te queste belle righe ciao AtAfE.

dal racconto (che apre la raccolta):
TIPO SHARAZAD…

Il Catturastelle

immagine copertina
Enrico Padovan ill. Marianna Balducci
Il Catturastelle
pdf gratuito 2014

Mamma fa un salto. «È… è…»
«Una stella» concludo io.
«L’hai rubata. Sei un ladro!»
«Nessuno è perfetto.»
«Ma tutte le stelle sono…»
«Di assoluta, legittima e incontestabile proprietà della Città delle Milleluci, lo so! Ma questa è per Stella.»
Lei boccheggia.
Stella si avvicina e sfiora la bottiglia con le dita. «È la cosa più bella del mondo.»
Io mi inginocchio vicino a lei, in modo da poterla guardare negli occhi. «L’ho fatto per te, capisci? Perché tu possa avere un briciolo di luce. La vita non può essere solo una notte infinita.»

inviato il 10/08/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Da qui si può scaricare il pdf:
http://www.paywithapost.de/pay?id=05325e18-2591-4970-aa48-443f8dc52305

L'ombra del vento

immagine copertina
Carlos Ruiz Zafón
L'ombra del vento
A. MONDADORI
10 righe da pagina 505:

L'attesa rese ancora più drammatico, l'inevitabile epilogo. Non vi fu pietà per nessuno. Eppure nulla alimenta l'oblio più di una guerra, Daniel. La legge del silenzio prevalse e ci convincemmo che quanto avevamo visto, fatto o saputo non fosse che un incubo. Le guerre negano la memoria, dissuadendoci dall'indagare sulle loro radici, finché non si è spenta la voce di chi può raccontarle. Allora ritornano, con un altro nome e un altro volto a distruggere quel poco che avevano risparmiato.

inviato il 11/08/2014
Nei segnalibri di:

Generazione Liga

immagine copertina
Emanuela Papini
Generazione Liga
Einaudi Super ET 2014
10 righe da pagina 61:

Ma ho imparato che la vita ti mette davanti solo le prove che sei in grado di superare.
Altrimenti, non ti avrebbe lasciata viva.
E ho anche imparato che l'esistenza pone dele domande alle quali la risposta è una sola: quella, l'unica che avrebbe voluto sentire chi hai profondamente amato.
Che se n'è andato nello spazio di un istante, senza lasciarti il tempo di salutare, di chiedere scusa per gli sbagli, di dire tutte le cose che avevi dentro
e non potrai farlo mai più.
E allora le scelte sono la risposta. E dopo anni, capisci che in realtà le cose che avevi dentro e che non hai avuto il tempo di dire alla fine le hai fatte.

inviato il 12/08/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Natalina in questa estate davvero pesante ho pensato di leggere qualcosa di apparentemente leggero ... Ciao

Monica ...segnalibrone!!!

What is this thing called science? - 2nd edition - (10 righe tradotte da Riccardo Di Lorenzo)

What is this thing called science? - 2nd edition - (10 righe tradotte da Riccardo Di Lorenzo) 5 years 5 giorni fa

Ciao, ma la stessa storia di Russel è raccontata nei 2 libri "introduzione alla metodologia della ricerca" e "What's this thing called science"?
E questa traduzione riportata qua sopra è tua?

il teatro e il suo doppio

il teatro e il suo doppio 5 years 3 settimane fa

Ciao Barbara. Scusami, ma ahimè leggo solo adesso. Ti ringrazio tanto cmq! L'anno di edizione lo aggiungo comunque: è il 2000.

Survivor

Survivor 5 years 5 settimane fa

Piccola Biblioteca Mondadori Oscar- Monina Capogrossi- 2003

La morte e la Vita dopo la morte

La morte e la Vita dopo la morte 5 years 6 settimane fa

Ti ringrazio per aver condiviso! D'altronde leggevo che la scrittrice ha profuso tutta la sua vita nell'assistenza ai malati terminali, e nelle ricerche così sul morire e sulla morte. Più di chi vive queste esperienze..lancinanti, chi può conoscere il vero senso della vita?
Grazie

La Nausea

La Nausea 5 years 8 settimane fa

Grazie !!! :D

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy