Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di isolablu74

Il blu che non è un colore

immagine copertina
Tamara Marcelli
Il blu che non è un colore
Montag

Aspettare una melodia. Una melodia per sentirmi viva. Due tre note che riescano a smuovere quel nodo che c'è in me. Quel buio che mi opprime. Quelle paure che volano lontane. Un dolce alito di vento. Una brezza leggera e lacrime di libertà.
Libertà di vivere un colore. Un blu che uccide, un blu che travolge l'anima.

"Un cielo a tratti finto e a tratti vero..." dice una canzone. Un cielo che fa battere il cuore... senza pensieri... come volare... leggeri... un sorriso infinito...

"il mio azzurro piegherà il tuo acciaio..." la stessa canzone. Una canzone che conoscono in pochi... ma chi se ne frega.

inviato il 13/09/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!

Benvenuta Isola blu :)

Il Ritratto Di Dorian Gray

immagine copertina
Oscar Wilde
Il Ritratto Di Dorian Gray
Tradotto da F. Ferrucci
Einaudi (collana Einaudi tascabili. Classici) 2005

Coloro che scorgono brutti significati nelle cose belle sono corrotti senza essere affascinanti.
Questo è un errore.
Coloro che scorgono bei significati nelle cose belle sono le persone colte.
Per loro c’è speranza.
Essi sono gli eletti: per loro le cose belle significano solo bellezza.
Non esistono libri morali o immorali.
I libri sono scritti bene o scritti male.
Questo è tutto.

inviato il 26/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Meravigliose.

profumo d'inchiostro

immagine copertina
SILVIA PATTARINI
profumo d'inchiostro
Amazon Kindle
10 righe da pagina 11:

NUVOLE

E' così labile
il confine tra
apparenza e realtà:
quanta libertà nella
mutevole danza
delle ingannevoli
nuvole, - principesse del cielo -
misere, effimere,
sigillate nell'ancestrale
schiavitù del Vento.

inviato il 31/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

che bella silvia, complimenti! :)

grazie di cuore, l'anno di pubblicazione è 2014, ma dove devo inserirlo?

Ciao Silvia le tue 10 righe sono state scelte dalla finalista della scorsa settimana, sei nella finale di gennaio... Per ricevere il libro incentivo in caso di vincita, devi trascrivere l'anno di pubblicazione... Grazie. :)

Un bel segnalibro,per queste belle parole...

ok devo solo ricordarmi di farlo... ;-)

Silvia, scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi...

Non tutto è come sembra

immagine copertina
Ornella Nalon
Non tutto è come sembra
0111 Edizioni
10 righe da pagina 10:

Una fredda mattina di Gennaio, il corpo di Gaetano La Torre venne trovato riverso in una pozza di sangue nel parcheggio semivuoto del piccolo centro commerciale alle porte del paese. Di li a qualche giorno, avrebbe compiuto il suo diciottesimo compleanno. Nel suo garage c’era una fiammante berlina decappottabile, nera metallizzata, che si era comprato soltanto il giorno prima e che mai avrebbe avuto la possibilità di sfoggiare come simbolo del suo successo.
Giovanni era ancora a letto quando sua madre andò a informarlo dell’accaduto. Piangeva e non riusciva quasi a parlare tra un singhiozzo e l’altro, ma egli non aveva bisogno di tante spiegazioni; gli bastò comprendere le parole “Gaetano” e “sparato” per sapere di avere perso per sempre il suo amico.
Si mise seduto sul letto, con i piedi nudi che toccavano il pavimento freddo, i gomiti appoggiati alle ginocchia e le mani a tenergli la testa che gli girava e gli sembrava pesante come il piombo.

inviato il 08/12/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ornella scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi...

Fuga dal destino

immagine copertina
Antonio Traficante
Fuga dal destino
0111 Edizioni
10 righe da pagina 95:

Il flebile chiarore offerto dai pali d’illuminazione disposti lungo la carreggiata contribuiva a rendere ancora più lugubre quel panorama, ma allo stesso tempo quell’esibizione di potenza era affascinante. Sembrava di essere stati inghiottiti nelle viscere liquide di una divinità marina, in cui non c’era opportunità di sfuggire alle tremende frustate d’acqua che si abbattevano dappertutto.
L’incessante brontolio del violento temporale sovrastava nettamente il rumo- re del motore, costringendo i tre uomini all’interno del furgone a restare in silenzio, mentre cominciavano a intravedersi le tipiche strutture portuali.

inviato il 20/09/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

che belle frasi!

Il destino esiste solo nella nostra testa. E' una nostra invenzione e ci sceglie, ma possiamo non restarne prigionieri.

Eros e Tano

immagine copertina
Mario Magro
Eros e Tano
0111 Edizioni
10 righe da pagina 1:

«…come vorrei morire? Ciulando, no? È la morte più bella che ci sia…»
Penso che prima o poi sia capitato a quasi tutti, entrando in un bar, di carpire involontariamente una simile dichiarazione dalla voce dell’avvinazzato di turno, esattamente come accadde a me in quel pomeriggio afoso, opprimente.
Eppure a parlarne sono sempre individui inequivocabilmente vivi. Un po’ alticci, magari, ma vivi. E, soprattutto, fermamente convinti di quanto vanno dicendo, anche se viene spontaneo domandarsi se ne abbiano mai provato l’esperienza.
A me è successo almeno una ventina di volte…

inviato il 13/09/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Mario, scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi ;)

Oltre i Confini del Mondo

immagine copertina
Ornella Nalon
Oltre i Confini del Mondo
0111 Edizioni
10 righe da pagina 103:

Diverse volte il carico emotivo era stato così pesante che aveva pensato di non potercela fare. Ma dopo avere pianto, magari anche per ore, riusciva a ritrovare la forza per ricominciare da capo, più motivata di prima.Se ora voleva dare una valutazione ai nove anni trascorsi in quel posto sperduto della Tanzania, dove sembrava che anche Dio non vedesse, poteva tranquillamente affermare che non li avrebbe mai scambiati con gli oltre cinquanta passati nella sua ridente e prospera città del Veneto, perché mai si era sentita più motivata, utile e attaccata alla vita come lo era adesso. Probabilmente, assistendo alle brutture e alle miserie di tante esistenze, si era instaurato un meccanismo inconscio che sminuiva e rendeva più sopportabile le sue.

inviato il 08/09/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Ornella :) scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi

BIGLIETTO DI TERZA CLASSE

immagine copertina
SILVIA PATTARINI
BIGLIETTO DI TERZA CLASSE
0111 Edizioni
10 righe da pagina 147:

Quella che gli americani definivano 'l'estate indiana' era giunta da tempo, le fronde degli alberi si incendiavano di colori sgargianti, rosso e giallo, mentre si spogliavano mossi dal fresco venticello d'ottobre, lasciando cadere dolcemente le foglie lungo i viali. Si incamminò verso il negozio del marito poco distante da casa. Aveva udito in lontananza le sirene delle ambulanze, ma come al solito non gli aveva dato importanza, fino a quando vide le camionette ferme nei pressi del negozio del marito. Corse nella loro direzione, mentre un brutto presagio prendeva sempre più piede nella sua anima.

inviato il 24/10/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Silvia, scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi... ;)

Prima preda (Licantropi filantropi)

immagine copertina
Mario Magro
Prima preda (Licantropi filantropi)
Zerounoundici Edizioni
10 righe da pagina 150:

Perché.
Se un giorno qualcuno, così, a bruciapelo, mi chiedesse qual è la parola più triste fra quante vengono pronunciate, sicuramente questa sarebbe la mia risposta. Perché.
“Perché” è la parola che sale alla mente nei momenti di sconforto, quando tutto ciò che hai sempre dato per certo smette per un istante di avere senso.
Ed è questa la parola che sfugge dalle mie labbra. Fiutavento ha l’udito fino, e tanto gli basta per afferrare al volo la situazione. D’altra parte, vista la sua esperienza, chissà quante volte ci sarà passato pure lui.
«Dai Ciuffetto, siediti un attimo. Sarai stanco.»
Io praticamente mi abbatto sulla seggiola pieghevole che lui prontamente piazza sotto al mio sedere.
«Non capisco» farfuglio confuso «noi li proteggiamo. Li serviamo. Lottiamo da millenni per preservare la loro esistenza. E loro ci trattano…»
«Da cani?» mi suggerisce.

inviato il 08/09/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Mario :) scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi.

Con la mia valigia gialla

immagine copertina
Stefania Bergo
Con la mia valigia gialla
0111 Edizioni 2013
10 righe da pagina 129:

Penso che mi mancherà sempre Matiri. Mi mancherà quel raggio di luna che taglia il mio letto come una tela di Fontana. E a me piace entrare nella sua luce e addormentarmi con la luna negli occhi che filtra a quadri dalla zanzariera della mia finestra. Mi mancherà il canto degli uccelli tra i rami. Isterici alle sei del mattino, quasi tristi verso sera, quando i grilli rubano loro la scena sonora. Mi mancheranno le stelle, il cielo così denso da farmi piangere per il miracolo naturale che ogni notte si ripete in silenzio, le scie di lustrini sospesi che ognuna di loro lascia quando cade… e sembra che il tempo si fermi e quell’istante duri mille anni. Mi mancheranno il sorriso silenzioso della luna e quelli rumorosi dei bambini, quando corrono nei corridoi o quando chiedono i palloncini allungando la mano. Sorrisi che sfidano il destino, inspiegabili. Sorrisi che fanno capolino tra la pelle bruciata e la fasciatura sporca. Sorrisi che sanno farmi sentire piccola piccola perché io a volte non so sorridere.

inviato il 09/10/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Un’opera assai valida, che consiglio caldamente a ogni amante della buona lettura.

Che belle righe, una spiccata sensibilità, che si accompagna al ripetersi di eventi legati ai ritmi della vita ,complimenti, naty

Alla fine dei sogni

immagine copertina
Stefania Trapani
Alla fine dei sogni
0111 Edizioni
10 righe da pagina 126:

«Hai la mia parola» disse Carlos, che non aveva mai mantenuto
una promessa in vita sua, e non aveva alcuna intenzione di
mantenere un segreto simile con suo cugino.
Un istante dopo aveva cominciato a russare.
Silvia si liberò dalla sua presa, e senza badare a ciò che aveva
addosso, cioè nulla, si buttò in acqua. Non aveva mai fatto il
bagno di notte; fu un’esperienza sconvolgente. L’acqua,
incredibilmente calda, l’accolse come un ventre materno. Avrebbe
voluto trascorrere lì l’eternità… sotto quel cielo, dentro a quel
mare.
Le passò un pensiero tremendo nella mente.
«Morirei qui…»
Ma qualcuno la chiamò sotto voce.
«Silvia! Silvia, vieni! Andiamo!»
Silvia guardò a riva e riconobbe la sagoma striminzita di Michela,
con le scarpe in mano.
«Ma cosa stai facendo in acqua?! Andiamo!» continuò
bisbigliando.
Michela e Silvia andarono via mentre i due ragazzi dormivano
ancora, allontanandosi da loro il più velocemente possibile.
Chiamarono un taxi e in pochissimo tempo giunsero al loro hotel.

inviato il 09/10/2013
Nei segnalibri di:

Il Ritratto Di Dorian Gray

Il Ritratto Di Dorian Gray 4 years 32 settimane fa

Meravigliose.

Il blu che non è un colore

Il blu che non è un colore 4 years 51 settimane fa

Grazie!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy