Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di maxgranchi

Occhi di sale

immagine copertina
Massimo Granchi
Occhi di sale
Palabanda
10 righe da pagina 1:

L’ultimo anno delle scuole medie, Paolo Murgia fu chiamato ogus de sali. Un nome strano ma adatto. Non era dovuto a una caratteristica del suo sguardo o al colore degli occhi. Lo aveva meritato perché Giovanni Manca, detto Nino, lo aveva sfidato per ottenere il posto migliore sull’autobus della scuola, quello in fondo, all’angolo, accanto al finestrino; l’aveva colpito in volto con una manciata di sale.
Le liti scoppiavano così improvvise da non lasciare il tempo di capire come accadesse, da dove partissero o chi fossero i responsabili. Anche i colpi arrivavano come saette nell’aria che lasciavano addosso formicolii, vergogna e qualche volta soprannomi. Lo scontro permetteva al vincitore di vivere di onore e gloria, mentre al perdente rimaneva addosso l’umiliazione.

inviato il 10/11/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Massimo :)

Massimo, dovresti postare 10 righe tratte anche dai libri che leggi ;)

As a plant claper

immagine copertina
Massimo Granchi
As a plant claper
0111 edizioni
10 righe da pagina 45:

She thought back chases behind the dragonflies and butterflies, to the variety of ladybugs that populated the garden of daisies, with snails gathered from thistles to cook them in tomato. She had figured the San Michele hill as if she was back on the terrace of the her family house; she had recognized its profile against the blue sky of inexhaustible springs. She had dreamed of climbing the rocks red-hot from the sun under the large quarries to the ruins of the castle with the massive quadrangular base and the three surviving towers walled. She had wanted to get to the top where she would see the horizon and the deep blue sea that sometimes, on summer days, she seemed to hear rumble against the cliffs of Devil's Saddle hill.

inviato il 14/07/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Massimo, scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi ;)

Come una pianta di cappero

immagine copertina
Massimo Granchi
Come una pianta di cappero
0111 Edizioni
10 righe da pagina 45:

"Aveva ripensato agli inseguimenti dietro alle libellule e alle farfalle, alla varietà di coccinelle che popolavano il giardino di margherite, alle lumache che raccoglieva tra i cardi per farle cuocere nel pomodoro. Si era figurata il colle San Michele come fosse di nuova affacciata alla terrazza di casa. Aveva riconosciuto il suo profilo contro il cielo azzurro di inesauribili primavere. Aveva immaginato di scalare le rocce arroventate dal sole sotto le grandi latomie fino alle rovine del castello con la massiccia base quadrangolare e le tre torri superstiti cinte da mura. Aveva desiderato di arrivare in cima dove avrebbe visto l'orizzonte e il mare cobalto che a volte, nelle giornate estive, le pareva di sentire rumoreggiare contro i faraglioni della Sella del Diavolo."

inviato il 17/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie, amici di 10 Righe dai libri. Sono felice di far parte della vostra squadra!

Benvenuto Massimo :)

Non tutto è come sembra

immagine copertina
Ornella Nalon
Non tutto è come sembra
0111 Edizioni
10 righe da pagina 10:

Una fredda mattina di Gennaio, il corpo di Gaetano La Torre venne trovato riverso in una pozza di sangue nel parcheggio semivuoto del piccolo centro commerciale alle porte del paese. Di li a qualche giorno, avrebbe compiuto il suo diciottesimo compleanno. Nel suo garage c’era una fiammante berlina decappottabile, nera metallizzata, che si era comprato soltanto il giorno prima e che mai avrebbe avuto la possibilità di sfoggiare come simbolo del suo successo.
Giovanni era ancora a letto quando sua madre andò a informarlo dell’accaduto. Piangeva e non riusciva quasi a parlare tra un singhiozzo e l’altro, ma egli non aveva bisogno di tante spiegazioni; gli bastò comprendere le parole “Gaetano” e “sparato” per sapere di avere perso per sempre il suo amico.
Si mise seduto sul letto, con i piedi nudi che toccavano il pavimento freddo, i gomiti appoggiati alle ginocchia e le mani a tenergli la testa che gli girava e gli sembrava pesante come il piombo.

inviato il 08/12/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ornella scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi...

Come una pianta di cappero

Come una pianta di cappero 4 years 38 settimane fa

Grazie, amici di 10 Righe dai libri. Sono felice di far parte della vostra squadra!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy