Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di gerardoderrik

Camorra

Antonio G. D'Errico
Camorra
ANORDEST
10 righe da pagina 113:

I rifiuti provenivano dalle grandi industrie, in
genere del nord Italia. Avevamo adottato un sistema
che ci consentiva di filtrare i nostri contatti
con le aziende, in modo tale da preservarle da
eventuali scandali e problematiche che si sarebbero
presentati. Ancora oggi, non mi risulta che le
aziende che ci affidarono la loro spazzatura siano
state incriminate per fatti del genere. Lo stesso
Saviano parla a lungo dell’argomento ma non
nomina nessuna industria coinvolta...

inviato il 21/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

dimenticavo nell'ambito del Premio ci sono circa 10 autori in gara e la giuria e' composta dai giovani studenti delle scuole superiori...
Al premio ha anche partecipato tullio de Piscopo con l'editore Hoepli...una sorta di biografia.

Il libro e' in gara al Premio Napoli Time, un premio molto importante in ambito Nazionale...

vi omaggio della sinossi del testo:

Le confessioni sugli anni di piombo
della malavita organizzata di
stampo camorristico. La voce di un
protagonista che è stato ai vertici
dell’organizzazione criminale, di cui
conosce intimamente le dinamiche
operative e lo spirito intimo dei suoi
traffici, dalle droghe al mercato delle
armi, dalla corruzione sugli appalti
pubblici al riciclaggio selvaggio dei
rifiuti, alle connivenze con politici
corrotti.
Mario Perrella è un uomo di clan
che accetta di entrare per primo in
un programma di collaborazione
con la giustizia, perché le lotte fratricide
tra famiglie lo inducono a
un’alta presa di coscienza. Lontano
da ipocrisie, le sue confessioni sono
testimonianza verificata.
Anche i suoi lunghi appelli a Roberto
Saviano, per un confronto
puntualmente negato, rimane argomento
di verifica e di discussione.
Questo libro rivela verità che andrebbero
ascoltate oltre ogni immagine
precostituita del fenomeno camorristico.

Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico.

Jorge Real Antonio G.D'Errico
Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico.
Anordest
10 righe da pagina 1:

I ricordi sono tenerezze che ci fanno ritrovare vive come un tempo le età della nostra vita vissuta, dove le colpe non sono mai definitive così come l’innocenza non è solo improvvisazione o perdono.
Ci appartengono le une e l’altra. A loro torniamo spesso con la mente rammaricata per le occasioni che abbiamo sciupato di poterci amare così come eravamo: coi nostri difetti, senza cancellare del tutto i nostri pregi che andavano anche loro valorizzati.

inviato il 21/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Gli ultimi due commenti sono tratta dalla postfazione di Paolo Pennacchione ora recluso nel carcere di Ancona- Montacuto- e deve scontare ancora 10 anni, ma se gli viene riconscoiuta la malattia da gioco, sicuramente uscira' prima...

In letteratura si dice che si sarebbe abbastanza originali se solo si sapesse essere veri. Io questo lo posso dire con certezza, perché sono stato vero in ogni immagine, in ogni pensiero, in ogni colpa o vergogna che ho confessato. Non ho tralasciato mai di dire la verità. Il mio amico Santo lo sa: conosce i miei bisogni, nonostante stia vivendo momenti molto difficili. Non smetterò mai di credergli, di parlargli in segreto, di rivolgermi con anima e corpo a Lui. Di Lui non perderò mai la speranza: ciò che gli chiedo è come il suo giglio.

Purtroppo il vero giocatore sa di misurarsi con un nemico più forte di lui che finirà sempre per batterlo. Eppure continuerà a giocare senza tregua, vincendo senza sentirsi soddisfatto per la vittoria e a perdere senza sentirsi rassegnato alla sconfitta.
Adesso, a me non interessa più vincere o perdere. Non mi faccio illusioni. Devo solo uscire da una difficoltà che mi ha accompagnato per tanti anni, che ha caratterizzato la mia vita stessa prima che il suo stile, che si è nutrita di me e della mia identità. Sono perfettamente consapevole che devo ricostruirmi tutto quanto ho smarrito e sacrificato, correndo dietro alle illusioni. Devo ritrovare il senso delle cose che fanno di ogni uomo un uomo. Devo ritrovare la cura e la responsabilità di essere padre, di sapermi riconoscere come guida per le mie principesse Erika e Antonia. Devo ritrovare la bellezza dell’amore da regalare a Irina, a cui ho dato anche qualche gioia insieme a tanta sofferenza.
Alla fine di tutto, se riguardo a tutte le cose che ho raccontato, manca solo il segreto che non ho ancora svelato. Ma d’altra parte se non fosse inconfessabile non potrebbe neanche essere definito tale.

Davvero un libro che cura le persone affette dalla febrre del gioco. Anche la finanziaria ultima di Renzi prevede di potenziare i centri che affrontano la ludopatia...

Dimenticavo che il libro e' stato tradotto in lungua SPagnola e a breve uscira' con il titolo: No Va Mas... con una casa editrice iberica importantissima...

Cronache Affari Italiani.

"Io, rapinatore per gioco". La vera storia di un ludopatico", di Jorge Real e Antonio G. D'Errico.
ANTEPRIMA/ Perde l’affetto dei genitori, della ragazza che ama, le amicizie. Si circonda solo di persone interessate a procurarsi denaro da consumare nel gioco, al casinò, alle corse dei cavalli. Paolo Pennacchione è il protagonista (reale) del libro Rapinatore per gioco. Arriva a compiere delle rapine per avere i soldi da puntare. Ma Paolo è da tenere in carcere o da curare come ludopatico grave?. LEGGI L'ESTRATTO DALLA PREFAZIONE DI DON CIOTTI

Grazie del benvenuto davvero ... E' un gioco ma diciamo che e' anche uno specchio per promuovere e farsi promuovere? ALmeno lo spero...

Benvenuto Gerardo :)

E' un tipo di narrativa impegnata ed ecco la sinossi del testo:

Il giocatore d’azzardo esprime un
ego che non riesce a controllare. perde
l’affetto dei suoi genitori, il bene
della ragazza che ama, la sincerità
delle amicizie. Si circonda solo di
persone interessate a procurarsi denaro
da consumare nel gioco, al casinò,
alle corse dei cavalli, frequentando
bische clandestine.
Paolo Pennacchione è il protagonista
di questa storia vera. Nato
a Ortona in provincia di Chieti, da
una famiglia di umili origini, viene
sopraffatto dal suo bisogno irrefrenabile
di denaro da puntare al tavolo
da gioco o su una tris di gare di
cavalli.
A un certo punto, il suo bisogno
patologico del rischio, della scarica
adrenalinica, gli impone di alzare
il tiro. Iniziano i suoi rocamboleschi
“prelievi illegali” come rapinatore di
banche. A poco più di trent’anni si
rende artefice di quaranta rapine, per
un totale di alcuni milioni di euro. Si
aprono i cancelli della prigione, che
lo custodiranno per qualche tempo.
Chiede e ottiene misure alternative.
Le sfrutta non per restare a casa
e meditare sui suoi sbagli ma come
occasioni per continuare a realizzare
altre rapine e altre puntate al gioco
di cui non può farne a meno. Ritorna
in carcere. Entra e esce. Per un periodo
si trasferisce in Spagna. Guadagna
anche qui il “privilegio” di un
posto nelle prigioni andaluse.
Attualmente è recluso presso il
carcere di Ancona. Ma Paolo Pennacchione
è da tenere in carcere o
è da curare come ludopatico grave?
rapinatore
per gioco
storia vera di un ludopatico
Presentazione di
don luigi ciotti
edizioniAnordest
edizioniAnordest
proPtAaOgLoOni sPtEaN dNeAlClCeH vIiOcNeEnde raccontate in questo libro-verità. 9 788898 651191
ISBN 978-88-98651-19-1
“Italiani stregati dal gioco d’azzardo. Tre
milioni a rischio ludopatia. Boom anche di
adolescenti con la febbre del gioco: oltre un
milione gli studenti coinvolti.”
Corriere della Sera
jorge real
antonio g. d'errico
biografie

gerardo d'errico Aggiungo ancora 7 righi...
La mia infanzia me la ricordo in tutti i suoi particolari, tanto da poterla ricostruire in ogni fatto, in ogni speranza o paura, in un’ansia eccessiva e immotivata, in un piacere improvviso, in un dolore che mi ha sorpreso e ferito. Ma alla fine tutto diventava, nei miei occhi affascinati e nel mio cuore palpitante, delicata emozione e sensazioni dense di bellezza.

Romeo e Giulietta

immagine copertina
William Shakespeare
Romeo e Giulietta
Tradotto da Salvatore Quasimodo
Mondadori (collana Oscar classici) 2001

Amore corre verso amore,
così come gli scolari
lasciano i loro libri,
per contro,
amore lascia amore
con volto corrucciato
con cui gli scolari
vanno a scuola.

inviato il 20/10/2014
Nei segnalibri di:

Trent'anni... e li dimostro

immagine copertina
Amabile Giusti
Trent'anni... e li dimostro
Mondadori 2014
10 righe da pagina 188:

“Accidenti, Carlotta, sono stato un idiota!” Non è esattamente ciò che speravo. Certo, non mi aspettavo che mi chiedesse di sposarlo, ma questa frase è una frustata. “Insomma, lo abbiamo fatto senza preservativo, ti rendi conto?”
Si muove per la stanza , si strofina le mani, come se avesse freddo. “Capisci quello che ti sto dicendo? Quanto alle malattie non devi avere paura, faccio il test continuamente e comunque sono stato sempre prudente, e tu, sono sicuro, non hai alcun problema.”
Annuisco, mi gira la testa. Capisco che le sue perplessità sono sensate, ma mi fanno venire la nausea. Lui continua a spostarsi, sembra che il vento lo scuota.

inviato il 20/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

“Ma che mi dici del… insomma, è uno di quei periodi del mese in cui…”
“No, no, stai tranquillo:”
“Ti giuro, Carlotta, sono mortificato.”
“Dai Luca, sono certa che non c’è niente di cui preoccuparsi.”
“Si, lo so… però, cazzo, non sarebbe dovuto succedere!
Non so il come, non sarebbe proprio dovuto accadere. E’ stato un errore, abbiamo bevuto un po’, mi sentivo triste, e quando si è brilli e infelici si fanno stronzate.”
Vai via Luca, ti prego vai via. Non aggiungere altro o mi romperò come una statuina di porcellana presa a calci.
“Carlotta, io… sarà meglio che torni nella mia stanza, no?” Mi osserva, attende come un condannato, forse teme che lo trattenga.
“Si, direi di si. Vai pure, è tutto ok. Niente malattie e niente bambini!” Sorrido, faccio una smorfia buffa, per mandarlo via senza troppi pesi.

Le Satire

immagine copertina
Aulo Persio Flacco
Le Satire
Tradotto da Marco Pagliano
Zanichelli 1967
10 righe da pagina 27:

Chi rese agevole al pappagallo il suo "salve" ed ha ammaestrato le gazze a tentare le nostre parole? Maestro d'arte e datore d'ingegno fu il ventre, artista nell'imitare voci negate. Che se rifulga la speranza del denaro ingannatore, potrai anche credere che corvi poeti e gazze poetesse cantino armonie Pegasee.

inviato il 21/10/2014
Nei segnalibri di:

IL PIACERE

immagine copertina
Gabriele d'Annunzio
IL PIACERE
Oscar mondadori classici moderni 2011
10 righe da pagina 39:

Egli era per così dire tutto impregnato d’arte (…). Dal padre appunto ebbe il culto delle cose d’arte, il culto spassionato della bellezza, il paradossale disprezzo de' pregiudizi, l'avidità del piacere. (…)fin dal principio egli fu prodigo di sé; poiché la grande forza sensitiva, ond’egli era dotato, non si stancava mai di fornire tesori alle sue prodigalità. Ma l’espansione di quella forza era in la distruzione di un’altra forza, della forza morale che il padre stesso non aveva ritegno a reprimere. (...) Il padre gli aveva dato, tra le altre, questa massima fondamentale: bisogna fare la propria vita come un’opera d’arte. Bisogna che la vita d'un uomo d’intelletto sia opera di lui. La superiorità vera è tutta qui.

inviato il 22/10/2014
Nei segnalibri di:

Schopenhauer e Leopardi

immagine copertina
Francesco De Sanctis
Schopenhauer e Leopardi
Colonna Edizioni 2003
10 righe da pagina 66:

Perché Leopardi produce l'effetto contrario a quello che si propone. Non crede al progresso, e te lo fa desiderare: non crede alla libertà, e te la fa amare. Chiama illusioni l'amore, la gloria, la virtù, e te ne accende in petto un desiderio inesausto. E non puoi lasciarlo, che non ti senta migliore; e non puoi accostartegli, che non cerchi innanzi di raccoglierti e purificarti, perché non abbi ad arrossire al suo cospetto. E' scettico, e ti fa credente; e mentre non crede possibile un avvenire men tristo per la patria comune, ti desta in seno un vivo amore per quella e t'infiamma a nobili fatti. Ha così basso concetto dell'umanità, e la sua anima alta, gentile e pura l'onora e la nobilita.

inviato il 21/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Marcello, nel premiarti ho dimenticato di scriverti di scegliere le tue 10 righe preferite postate da lunedi 27 a venerdi 31 ottobre e comunicarle in modo che procediamo con le premiazioni del mese di Ottobre... Grazie :)

Grazie per le belle parole!

Ciao Marcello, la Buona Lettura e l'Amore per le 10 righe che ci regali ogni volta... Ti portano in finale nella classifica settimanale di Ottobre. Complimenti!!! :)

Pare che questa settimana abbia vinto io, in quanto, a norma di regolamento, ho raggiunto la vetta per primo. Colgo l'occasione per ringraziare tutti quelli che hanno votato le mie 10 righe. Buonanotte a tutti!

Il leone di Thalakrea

immagine copertina
Michelle Paver
Il leone di Thalakrea
Tradotto da Gianna Guidoni
A. MONDADORI 2013
10 righe da pagina 47:

La cucciola di leone amava ascoltare il ruggito del padre. Quel suono profondo, che scuoteva la terra come un tuono, la faceva sentire protetta e sicura.
E, questa volta, era particolarmente felice di udirlo, perché aveva fatto un brutto sogno, nel quale era inseguita da cani famelici e terribili creature che correvano su due gambe come gli uccelli ma che, invece delle ali, avevano orribili ombre svolazzanti dietro le spalle. Quindi era stato bello svegliarsi e sentire i ruggiti del padre; ora nessun mostro a due gambe avrebbe potuto aggredirla.

inviato il 22/10/2014
Nei segnalibri di:

Il cavaliere inesistente

immagine copertina
Italo Calvino
Il cavaliere inesistente
Garzanti 1985
10 righe da pagina 85:

Libro, è venuta sera, mi sono messa a scrivere piu' svelta dal fiume non viene altro
rombo lassu' della cascata, alla finestra volano muti i pipistrelli ,abbaia qualche cane ,
qualche voce risuona dai fienili.Forsenon è stata scelta male questa mia penitenza, dalla
madre badessa: ogni tanto mi accorgo che la penna ha preso a correre sul foglio
da sola , e io a correrle dietro. E' verso la verità che corriamo , la penna e io ,la
verità che aspetto sempre che mi venga incontro , dal fondo d'una pagina bianca ,
e che potrò raggiungere soltanto quando a colpi di penna sarò riuscita aLibro, è venuta sera, mi sono messa a scrivere piu' svelta dal fiume non viene altro
rombo lassu' della cascata, alla finestra volano muti i pipistrelli ,abbaia qualche cane ,
qualche voce risuona dai fienili.Forse non è stata scelta male questa mia penitenza, dalla
madre badessa: ogni tanto mi accorgo che la penna ha preso a correre sul foglio
da sola , e io a correrle dietro. E' verso la verità che corriamo , la penna e io ,la
verità che aspetto sempre che mi venga in

inviato il 13/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Di nulla carissimi amici ,sarà certamnete doveroso, e arduo, da parte mia scegliere ,le 10 righe ,ciao a tutti,naty

Grazie Natalina :)

Amici dello Staff, ho scelto le 10 righe relative al libro :La porta proibita,T.Terzani ,scritte da Monica Polelli ,felice settimana a tutti/e,naty

Ciao Natalina, sei nella classifica finale del mese di Ottobre...
Ricorda di comunicarci le tue 10 righe preferite, partendo da oggi a domenica 26 Ottobre... Grazie.
Di questa settimana invece quali sono le 10 righe da te scelte?Grazie e Buone Letture! :)

PREMIAZIONE LIBRO INCENTIVO CLASSIFICA MENSILE - SETTEMBRE

STAFF 10 RIGHE DAI LIBRI
PREMIAZIONE LIBRO INCENTIVO CLASSIFICA MENSILE - SETTEMBRE
LIBRI CLASSIFICA 10 RIGHE 2014

CLASSIFICA SETTIMANALE TOP SEGNALIBRI:
Barbara A. 16 segnalibri, Violet Hill 12 segnalibri, Violet Hill 8 segnalibri, Natalina Maio con 12 segnalibri.
LA VINCITRICE è Barbara A. con 16 segnalibri.
✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶
CLASSIFICA LIBRI SCELTI DAI FINASTI:
Viviana De Cecco, con 8 segnalibri, Claudio Tarani con 8 segnalibri, Monica Polelli con 6 segnalibri.
La Vincitrice è Viviana De Cecco.
✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶
CLASSSIFICA LIBRI SCELTI DALLA REDAZIONE:
Maurizio Vettraino con 13 segnalibri , Francesca Cammisa con 8 segnalibri, Simonetta di Rollo con 8 segnalibri , Mauro R. con 7 segnalibri.
Il Vincitore è Maurizio Vettraino.
✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶ ✶

inviato il 01/10/2014
Nei segnalibri di:

23 aprile Oggi è la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore

immagine copertina

"Chiedo scusa alla favola antica
se non mi piace l'avara formica.
Io sto dalla parte della cicala
che il più bel canto non vende, regala."
(Gianni Rodari)

http://scrivi.10righedailibri.it/

inviato il 23/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

in foto: National Children's Library, Gangnam, Seoul, South Korea

Camorra

Antonio G. D'Errico
Camorra
ANORDEST
10 righe da pagina 113:

I rifiuti provenivano dalle grandi industrie, in
genere del nord Italia. Avevamo adottato un sistema
che ci consentiva di filtrare i nostri contatti
con le aziende, in modo tale da preservarle da
eventuali scandali e problematiche che si sarebbero
presentati. Ancora oggi, non mi risulta che le
aziende che ci affidarono la loro spazzatura siano
state incriminate per fatti del genere. Lo stesso
Saviano parla a lungo dell’argomento ma non
nomina nessuna industria coinvolta...

inviato il 21/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

dimenticavo nell'ambito del Premio ci sono circa 10 autori in gara e la giuria e' composta dai giovani studenti delle scuole superiori...
Al premio ha anche partecipato tullio de Piscopo con l'editore Hoepli...una sorta di biografia.

Il libro e' in gara al Premio Napoli Time, un premio molto importante in ambito Nazionale...

vi omaggio della sinossi del testo:

Le confessioni sugli anni di piombo
della malavita organizzata di
stampo camorristico. La voce di un
protagonista che è stato ai vertici
dell’organizzazione criminale, di cui
conosce intimamente le dinamiche
operative e lo spirito intimo dei suoi
traffici, dalle droghe al mercato delle
armi, dalla corruzione sugli appalti
pubblici al riciclaggio selvaggio dei
rifiuti, alle connivenze con politici
corrotti.
Mario Perrella è un uomo di clan
che accetta di entrare per primo in
un programma di collaborazione
con la giustizia, perché le lotte fratricide
tra famiglie lo inducono a
un’alta presa di coscienza. Lontano
da ipocrisie, le sue confessioni sono
testimonianza verificata.
Anche i suoi lunghi appelli a Roberto
Saviano, per un confronto
puntualmente negato, rimane argomento
di verifica e di discussione.
Questo libro rivela verità che andrebbero
ascoltate oltre ogni immagine
precostituita del fenomeno camorristico.

Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico.

Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico. 4 years 45 settimane fa

Gli ultimi due commenti sono tratta dalla postfazione di Paolo Pennacchione ora recluso nel carcere di Ancona- Montacuto- e deve scontare ancora 10 anni, ma se gli viene riconscoiuta la malattia da gioco, sicuramente uscira' prima...

Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico. 4 years 45 settimane fa

In letteratura si dice che si sarebbe abbastanza originali se solo si sapesse essere veri. Io questo lo posso dire con certezza, perché sono stato vero in ogni immagine, in ogni pensiero, in ogni colpa o vergogna che ho confessato. Non ho tralasciato mai di dire la verità. Il mio amico Santo lo sa: conosce i miei bisogni, nonostante stia vivendo momenti molto difficili. Non smetterò mai di credergli, di parlargli in segreto, di rivolgermi con anima e corpo a Lui. Di Lui non perderò mai la speranza: ciò che gli chiedo è come il suo giglio.

Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico. 4 years 45 settimane fa

Purtroppo il vero giocatore sa di misurarsi con un nemico più forte di lui che finirà sempre per batterlo. Eppure continuerà a giocare senza tregua, vincendo senza sentirsi soddisfatto per la vittoria e a perdere senza sentirsi rassegnato alla sconfitta.
Adesso, a me non interessa più vincere o perdere. Non mi faccio illusioni. Devo solo uscire da una difficoltà che mi ha accompagnato per tanti anni, che ha caratterizzato la mia vita stessa prima che il suo stile, che si è nutrita di me e della mia identità. Sono perfettamente consapevole che devo ricostruirmi tutto quanto ho smarrito e sacrificato, correndo dietro alle illusioni. Devo ritrovare il senso delle cose che fanno di ogni uomo un uomo. Devo ritrovare la cura e la responsabilità di essere padre, di sapermi riconoscere come guida per le mie principesse Erika e Antonia. Devo ritrovare la bellezza dell’amore da regalare a Irina, a cui ho dato anche qualche gioia insieme a tanta sofferenza.
Alla fine di tutto, se riguardo a tutte le cose che ho raccontato, manca solo il segreto che non ho ancora svelato. Ma d’altra parte se non fosse inconfessabile non potrebbe neanche essere definito tale.

Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico. 4 years 45 settimane fa

Davvero un libro che cura le persone affette dalla febrre del gioco. Anche la finanziaria ultima di Renzi prevede di potenziare i centri che affrontano la ludopatia...

Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico. 4 years 45 settimane fa

Dimenticavo che il libro e' stato tradotto in lungua SPagnola e a breve uscira' con il titolo: No Va Mas... con una casa editrice iberica importantissima...

Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico. 4 years 46 settimane fa

Cronache Affari Italiani.

"Io, rapinatore per gioco". La vera storia di un ludopatico", di Jorge Real e Antonio G. D'Errico.
ANTEPRIMA/ Perde l’affetto dei genitori, della ragazza che ama, le amicizie. Si circonda solo di persone interessate a procurarsi denaro da consumare nel gioco, al casinò, alle corse dei cavalli. Paolo Pennacchione è il protagonista (reale) del libro Rapinatore per gioco. Arriva a compiere delle rapine per avere i soldi da puntare. Ma Paolo è da tenere in carcere o da curare come ludopatico grave?. LEGGI L'ESTRATTO DALLA PREFAZIONE DI DON CIOTTI

Rapinatore per Gioco.Storia vera di un ludopatico. 4 years 46 settimane fa

Grazie del benvenuto davvero ... E' un gioco ma diciamo che e' anche uno specchio per promuovere e farsi promuovere? ALmeno lo spero...

Camorra

Camorra 4 years 46 settimane fa

dimenticavo nell'ambito del Premio ci sono circa 10 autori in gara e la giuria e' composta dai giovani studenti delle scuole superiori...
Al premio ha anche partecipato tullio de Piscopo con l'editore Hoepli...una sorta di biografia.

Camorra 4 years 46 settimane fa

Il libro e' in gara al Premio Napoli Time, un premio molto importante in ambito Nazionale...

10 righe dalla Trinacria

10 righe dalla Trinacria 4 years 46 settimane fa

Partecipo al gioco 10 righe dalla Trinacria con http://scrivi.10righedailibri.it/sonetti-della-scuola-siciliana-

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy