Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di silvia76

Aurora nel buio

immagine copertina
Barbara Baraldi
Aurora nel buio
Giunti Editore 2017
10 righe da pagina 255:

La pazzia non esiste.
Nevrosi,disturbi della personalità,persino le psicosi possono essere scatenate da gravi eventidi natura traumatica.
Noi cerchiamo di dare conforto a coloro che hanno subito un crollo,li aiutiamo a convivere con le proprie debolezze.
La natura della psiche umana è complessa,e non è ancora decifrata.
Va tutto bene finchè riudsciamo a confinare la sofferenza dentro a un muro,nella nostra mente.
Fece una pausa. Ma a volte osservare quel muro è spaventoso al punto da rendere l'esistenza stessa insopportabile.

inviato il 16/11/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Silvia...tocc tocc queste 10 righe mi hanno ricordato la lettura di un libro scritto da Antonio Ferrara "Batti il muro"...parla di una bambina che si rifugia in un armadio a causa della malattia della madre...ciao ,naty

Solo Bagaglio a Mano

immagine copertina
Gabriele Romagnoli
Solo Bagaglio a Mano
Universale Economica Feltrinelli 2017
10 righe da pagina 31:

Il bagaglio ideale è leggero,perchè serve a contenere il maggior numero possibili di indumenti,cosmetici,farmaci,libri,apparecchi elettronici,regali,emozioni,progetti,memorie.
No conta com'è quando è chiuso,conta com'è quando lo apri.Vale per la casa che sceglierai.Per la persona con cui passerai gli anni a venire.

inviato il 13/09/2017
Nei segnalibri di:

la strega

immagine copertina
camilla lackberg
la strega
Tradotto da borini-gorla-cangemi-knowles
Farfalle Marsilio 2017
10 righe da pagina 534:

Però la stragrande maggioranza di quelli che arrivavano volevano solo salvare la propria vita e quella della propria famiglia,e costruire un'esistenza migliore in un nuovo paese.Nessuno abbandonava la propria patria e tutti i propri cari ,forse per non farne mai più ritorno, a meno di essere disperato, no?

inviato il 03/09/2017
Nei segnalibri di:

la donna che cancellava i ricordi

immagine copertina
Brian Freeman
la donna che cancellava i ricordi
Tradotto da alfredo colitto
pimme 2017
10 righe da pagina 36:

Le persone credevano che i ricordi fossero fissi,ma nulla era più lontano dalla realtà.Ogni volta che un ricordo veniva tirato giù dallo scaffale della memoria e poi rimesso a suo posto,non era più quello di prima.I terapisti avevano un nome per questo processo : riconsolidamento mnestico.Suo marito Jason era un neuroscienziato e poteva descriverne il funzionamento in termini di proteine sintetizzate dal cervello.Il succo era che ogni ricordo era come argilla morbida. Mentre lo tenevi tra le mani potevi rimodellarlo e dargli una nuova forma.

inviato il 21/06/2017
Nei segnalibri di:

un po di follia in primavera

immagine copertina
Alessia Gazzola
un po di follia in primavera
Longanesi 2016
10 righe da pagina 103:

Si e´ propensi a pensare che le emozioni siano nemiche della razzionalita´,ma la verita´e´ che esse guidano la nostra percezione del mondo e i nostri ricordi del passato.
E non devi essere ostile verso la tristezza perche´ la tristezza sa aprire squarci che ci permettono di guardarci dentro da una prospettiva nuova.
Ci rende consapevoli.

inviato il 01/03/2017
Nei segnalibri di:

caos

immagine copertina
Patricia Cornwell
caos
Tradotto da biavasco a. guani v.
Mondadori Editore 2016
10 righe da pagina 170:

I traumi psichici possono trasformarsi in difetti che , come certe anomalie ed errori informatici, non sempre sono rimediabili. Mi turba constatare che le reazioni impulsive di mia nipote spesso sono giustificate dalla sua percezioni della realtà. Nella maggior parte dei casi non dico nulla e aspetto che ritrovi la lucidità, anche se purtroppo ultimamente succede sempre più di rado. Sapere di chi o di cosa fidarsi sta diventando sempre più difficile

inviato il 19/01/2017
Nei segnalibri di:

mare nero

immagine copertina
gabriella genisi
mare nero
Casa Editrice Sonzogno 2016
10 righe da pagina 91:

Halo è quello che noi siamo . Se siamo.
In positivo o in negativo .Spesso chi fotografa cerca di cogliere quell'essenza con un obiettivo.in quei casi l'immagine non conta,è tutto il resto.E' il sogno, o la proiezione del nostro inconscio.

inviato il 07/09/2016
Nei segnalibri di:

l'importanza di chiamarti amore

immagine copertina
Anna Premoli
l'importanza di chiamarti amore
Newton Compton Editore 2016
10 righe da pagina 131:

No,esibirci ci aiuta a staccare,a ricordare che la nostra vita non è solo obblighi o costrizioni, ma anche spontaneità. Sembra una banalità,me essere spontanei è così difficile al giorno d'oggi che la gente non sa più come si fa. Non esistono corsi per farti sentire in pace con te stesso,eppure ce ne sarebbe un disperato bisogno.

inviato il 12/06/2016
Nei segnalibri di:

Incubo

immagine copertina
Wulf Dorn
Incubo
Tradotto da Alessandra Petrelli
Corbaccio 2016
10 righe da pagina 101:

“Vedi, Simon, a un certo punto nella vita si arriva a capire che qualcosa è cambiato in maniera irrevocabile” aveva risposto il padre. “Il nostro compito è accettare questa realtà, trarne il meglio e usarla per crescere. Non possiamo sfuggire alla morte, ma possiamo sfruttare il tempo che ci rimane. Non dovremmo sprecare nemmeno un giorno, perché potrebbe essere l'ultimo. Secondo me è questo il senso della vita”.

inviato il 05/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Silvia, sei nella finale di giugno! 10 righe scelte dalla redazione.:-)

Incubo

immagine copertina
Wulf Dorn
Incubo
Tradotto da alessandra petrelli
Corbaccio 2016
10 righe da pagina 96:

E' l'istinto a farci riconoscere il momento giusto,gli aveva spiegato il dottor Forstner.
La ragione trova sempre un motivo per non fare qualcosa , in genere perchè abbiamo paura. Ma l'istinto non si lascia ingannare.

inviato il 05/06/2016
Nei segnalibri di:

Sonno

immagine copertina
Haruki Murakami
Sonno
Tradotto da Antonietta Pastore
Einaudi 2014
10 righe da pagina 53:

Ma che atteggiamento avrebbe preso ascoltando il mio racconto?Più ci pensavo più mi sentivo in ansia.Avrebbe veramente creduto a quello che gli dicevo?se gli spiegavo che non dormivo da una settimana,prima di tutto avrebbe dubitato delle mie facoltà mentali.Oppure,semplicemente,mi diagnosticava un insonnia nevrotica.O magari mi avrebbe creduto,mandandomi poi in un grande ospedale per fare delle analisi.E poi cosa sarebbe successo?
Mi avrebbero chiusa lì dentro ,portata da un reparto all'altro ,sperimentato su di me varie terapie.Mi avrebbero fatto un encefalogramma e un elettrocardiogramma,l'analisi delle urine e del sangue ,test psicologici e chissà che altro.Non l'avrei sopportato.Io volevo leggere tranquilla i miei libri.Nuotare un'ora esatta ogni giorno.E soprattutto essere libera.Era tutto quello che desideravo .Perché dovevo farmi ricoverare?E in ogni caso ,che cosa avrebbero capito quelli lì?Mi avrebbero soltanto fatto un sacco di analisi ,per poi imbastire un sacco di teorie.Non volevo essere rinchiusa in un posto del genere.Un pomeriggio, andai in biblioteca,e lessi...

inviato il 26/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Haruki Murakami nato a Kyoto (Giappone) nato il 12 gennaio 1949,è uno scrittore ,traduttore e saggista giapponese.

20 poesie d'amore e una canzone disperata

immagine copertina
Pablo Neruda
20 poesie d'amore e una canzone disperata
Tradotto da Giuseppe Bellini
Nuova Accademia 1963
10 righe da pagina 68:

GIOCHI OGNI GIORNO
Giochi ogni giorno con la luce dell'universo.
Sottile visitatrice ,giungi nel fiore e nell'acqua.
Sei più di questa bianca testina che stringo
come un grappolo tra le mie mani ogni giorno.
a nessuno rassomigli da che ti amo.
Lasciami distenderti tra ghirlande gialle.
Chi scrive il tuo nome a lettere di fumo tra le stelle del sud?
Ah lascia che ti ricordi come eri allora,quando ancora non esistevi.
Improvvisamente il vento ulula e sbatte la finestra chiusa.
Il cielo é una rete colma di pesci cupi.
Qui vengono a finire tutti venti,tutti.
La pioggia denuda,
Passano fuggendo gli uccelli.
Il vento,Il vento.
Io posso lottare solamente contro le forze degli uomini.
Il temporale solleva in turbine foglie oscure
e scioglie tutte le barche che ieri sera s'ancorarono al cielo.
Tu sei qui.Ah tu non fuggi.
Tu mi risponderai fino all'ultimo grido.
Raggomitolati al mio fianco come se avessi paura.
Tuttavia qualche volta corse un 'ombra strana nei tuoi occhi.
Ora,anche ora,piccola mi rechi caprifogli.
ed hai anche i seni profumati.
Mentre il vento galoppa uccidendo farfalle...

inviato il 23/10/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie per il libro incentivo!Provvedo ad inviare i miei dati...naty

Ciao Natalina, sei la finalista del mese di ottobre, 10 righe scelte da Voi Utenti. Per te un libro incentivo. Manda i tuoi dati a :
libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Natalina, sei nella classifica finale di ottobre. 10 righe scelte da Voi utenti.

Grazie !!!

Ciao Natalina, questa poesia è fantastica!!!

Cent'anni di solitudine

immagine copertina
Gabriel Garcia Marquez
Cent'anni di solitudine
Tradotto da Enrico Cicogna
Arnoldo Mondadori Editore 1983
10 righe da pagina 224:

Per parecchio tempo Aureliano Buendia non riuscì a recuperare serenità.Tralassciò la fabbricazione dei pesciolini,mangiava a stento ,e vagava come un sonnambulo per tutta la casa ,trascinando la coperta masticando una collera sorda.in capo a tre mesi aveva i capelli grigiastri,i vecchi baffi con le punte impeciate spioventi sulle labbra pallide,ma in cambio i suoi occhi erano di nuovo le due braci che spaventarono chi lo aveva visto nascere e che in altri tempi facevano roteare le sedie solo a guardarle.Nella furia del suo tormento cercava inutilmente di provocare i presagi che avevano guidato la sua gioventù lungo sentieri di pericolo fino al desolato ermo della gloria.era perduto, smarrito in una casa estranea dove ormai nulla e nessuno suscitava la minima ombra di affetto.Una volta aprì la stanza di Melquiades,cercando le ombre del passato anteriore alla guerra,e trovò soltanto macerie,la mondezza,i mucchi di porcheria accumulati in tanti anni di abbandono.sulle copertine dei libri che nessuno ...

inviato il 31/10/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Gabriel Garcia Marquez (Gabo ) è stato uno scrittore-giornalista,saggista ,insignito del Premio Nobel per la Letteratura nel 1982.

Non lasciarmi

immagine copertina
KAZUO ISHIGURO
Non lasciarmi
Tradotto da Paola Novarese
Einaudi 2005
10 righe da pagina 129:

Durante quei primi mesi,,avevamo in qualche modo elaborato la teoria che il nostro inserimento della comunità dei Cottages-quanto eravamo bravi a copiare- dipendeva da quanti libri si erano letti.Potrà sembrare strano ma è così,quest'idea prese piede nel nostro gruppo,tra quelli che provenivano da Hailsham .Tutto l'insieme era deliberatamente un pò nebuloso - e infatti aveva molti tratti in comune con il modo in cui avevamo affrontato il problema del sesso a Hailsham. Andavamo in giro con l'aria di chi aveva letto ogni genere di cose, annuendo con fare consapevole quando qualcuno menzionava per esempio "Guerra e pace",sottintendendo che nessuno avrebbe sondato nel dettaglio questa affermazione.Non bisogna dimenticare che, dal momento che eravamo stati quasi sempre insieme dal nostro arrivo ai Cottages,sarebbe stato impossibile per uno di noi leggere "Guerra e pace"senza che gli altri se ne accorgessero.

inviato il 15/11/2017
Nei segnalibri di:

L’impazienza del cuore

immagine copertina
Stefan Zweig
L’impazienza del cuore
Tradotto da Lucia Paparella
Elliot 2017
10 righe da pagina 46:

Ti elevi mentre ti dai, ti arricchisci mentre ti accomuni a un altro destino, capisci ogni dolore per mezzo della compassione. E il mio cuore stupito di se stesso trema di gratitudine per quell'ammalata che ho offeso inconsciamente e che con il suo dolore mi ha insegnato la magia creatrice della compassione.

inviato il 28/08/2017
Nei segnalibri di:

Il pomeriggio di un piastrellista

immagine copertina
Lars Gustafsson
Il pomeriggio di un piastrellista
Tradotto da Carmen Giorgetti Cima
Iperborea 2017
10 righe da pagina 37:

Torsten rabbrividì. Gli dava una sensazione inquietante vedere un lavoro che era stato iniziato con le migliori intenzioni e che poi, Dio sa per quale motivo, era stato lasciato naufragare nel più grottesco e precario raffazzonamento.
Si sentiva a disagio. La cosa strana non era solo che il suo predecessore aveva così palesemente perso la voglia di lavorare (...) ma anche che (lui, o loro?) non sembravano essersi minimamente resi conto di quanto il lavoro fosse man mano cambiato e deteriorato. E lo colpì il pensiero che non di rado era proprio quello che succedeva a molte esistenze. O forse non era in realtà quello che succedeva a tutte le esistenze, se si puntava la lampada e le si osservava abbastanza da vicino? Esisteva una vita che si potesse dire migliorata col passare del tempo? Non era forse vero che le cattive abitudini diventavano sempre più radicate, i compromessi più vischiosi, le incoerenze più grandi? Non era, in poche parole, la vita un costante e lento declino da un certo ordine a un sempre crescente disordine?

inviato il 29/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Bellissima idea, la vostra!

Grazie

Grazie

Benvenuta Francesca :)

L'uomo dal fiore in bocca

immagine copertina
Luigi Pirandello
L'uomo dal fiore in bocca
Mondadori 1923
10 righe da pagina 7:

Ah, non lasciarla mai posare un momento l'immaginazione: - aderire, aderire con essa, continuamente, alla vita degli altri... - ma non della gente che conosco. No, no. A quella non potrei! Ne provo un fastidio, se sapesse, una nausea. Alla vita degli estranei, intorno ai quali la mia immaginazione può lavorare liberamente, ma non a capriccio, anzi tenendo conto delle minime apparenze scoperte in questo e i quello. E sapesse quanto e come lavora! Fino a quanto riesco ad addentrarmi! Vedo la casa di questo e di quello; ci vivo; mi ci sento proprio, fino ad avvertire... sa quel particolare alito che cova in ogni casa? Nella sua , nella mia - Ma nella nostra, noi, non l'avvertiamo più, perchè è l'alito della nostra vita,mi spiego?

inviato il 20/02/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Barbara, le tue 10 righe sono le finaliste settimanali del mese di Febbraio, per Te un libro incentivo. Manda i tuoi dati all'indirizzo: libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Barbara, sei finalista settimanale del mese di Febbraio, ricordati di scegliere 10righe che più ti piacciono partendo da oggi 27 febbraio a domenica 05 marzo, riportando qui nei commenti il link.

Luigi Pirandello nacque a Girgenti il 28 giugno 1867.
Insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1934.

Il diritto di sognare

immagine copertina
Gaston Bachelard
Il diritto di sognare
Tradotto da Marina Bianchi
Dedalo 2008
10 righe da pagina 10:

E tutto lo stagno è avvolto nel profumo del suo fiore fresco, il fiore giovane, il fiore ringiovanito dalla notte. Al calar della sera — Monet l’ha visto migliaia di volte — il giovane fiore va a coricarsi sotto l’onda. […] E così ad ogni aurora, il fiore della ninfea — immensa sensitiva delle acque — ristorato da un buon sonno nella notte estiva, rinasce con la luce, e perciò è fiore eternamente giovane, figlio immacolato dell’acqua e del sole.
Tanta giovinezza ritrovata, una così costante sottomissione al ritmo del giorno e della notte, una tale esatta puntualità nel segnare l’attimo dell’aurora, tutto ciò fa della ninfea il fiore stesso dell’impressionismo.
La ninfea è un istante del mondo, un mattino degli occhi, il sorprendente fiore d’un’alba estiva. […]
ll mondo vuol essere visto. Innanzi che avesse occhi per vedere, l’occhio dell’acqua, il grande occhio delle acque tranquille, guardava i fiori sbocciare. E’ proprio in simile rispecchiamento – come dubitarne? – che il mondo per la prima volta prese coscienza della sua bellezza”.

inviato il 27/02/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Alessandro, sei nella finale di marzo, 10 righe scelte da voi utenti.

Gaston Bachelard (Bar-sur-Aube, 1884 – Parigi 1962), filosofo francese.

A Farewell to Arms

immagine copertina
Ernest Hemingway
A Farewell to Arms
Arrow books
10 righe da pagina 12:

That night at the mess I sat next to the priest and he was disappointed and suddenly hirt that I had not gone to the Abruzzi. He had written to his father that I was coming and they had made preparations. I myself felt as badly as he did and could not understand why I had not gone. I t was what I had wanted to do and I tried to explain how one thing had led to another and finally he saw it and understood that I had really wanted to go and it was almost all right.That night at the mess I sat next to the priest and he was disappointed and suddenly hurt that I had not gone to the Abruzzi. He had written to his father that I was coming and they had made preparations. I myself felt as badly as he did and could not understand why I had not gone. It was what I had wanted to do and I tried to explain how one thing had led to another and finally he saw it and understood that I had really wanted to go and it was almost all right. I had drunk much wine and afterward coffee and Strega and I explained, winefully, how we did not do the things we wanted to do; we never did such things.

inviato il 16/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Flavia sei nella classifica finale 10 righe scelte da Voi utenti.

I Frank. La storia della famiglia di Anne Frank

immagine copertina
Mirjam Pressler, Gerti Elias
I Frank. La storia della famiglia di Anne Frank
Tradotto da Palma Severi
Einaudi 2012
10 righe da pagina 8:

I due si interrompono. «Papà, sai cosa ha detto zia O stamattina?» chiede la bambina a voce alta. Lui si avvicina, scuote il capo. «Ieri ha chiesto alla cameriera dov’era lo strofinaccio, naturalmente in francese, e poi ha voluto sapere da zia Leni come si dice quella parola in tedesco. Waschlappen, ha detto zia Leni. E stamattina ha detto alla cameriera: “Dov’è il mio Wasch-lapin?” – La bambina ridacchia. – Capisci, papà? Ha chiesto dov’era il suo coniglio per lavare. Non è divertente?».
Lui annuisce. «Sí, molto divertente. Però non dovreste fare tanto rumore, cosí disturbate le persone».
I due annuiscono. Poi si prendono per mano e solo un pochino piú piano continuano il loro gioco. I bambini sono Buddy Elias e sua cugina Anne Frank, e l’uomo è Otto Frank, che con la figlia minore trascorre le vacanze a Villa Laret.

inviato il 05/09/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Mirjam Pressler (Darmstadt, 18 giugno 1940) - Gerti Elias (Oberhaag, 8 maggio 1933)

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 22 settimane 1 hour fa

Voglio dire,devo essere morta per forza e gli angeli devono avere avuto compassione di me perchè la testa scura e riccioluta che mi pare di intravedere è così ben proporzionata e così attraente da essere quella di un angelo.(un imprevisto chiamato amore-Anna Premoli)

GIOCO - Riga 10 2 years 21 settimane fa

processo nei confronti di quattro agenti del LAPD , il distretto di...

GIOCO - Riga 10 2 years 21 settimane fa

processo nei confronti di quattro agenti del LAPD , il distretto di...

GIOCO - Riga 10 2 years 21 settimane fa

processo nei confronti di quattro agenti del LAPD , il distretto di...

una scelta impossibile

una scelta impossibile 1 year 32 settimane fa

Puoi fare qualsiasi cosa se ti metti in testa di farlo.
La vita non ti offre molti momenti come questo, e sai cosa penso?
Penso che il modo in cui agirai nei prossimi minuti detterà il tipo di persona che sarai da questo momento in poi.

La verità su di noi

La verità su di noi 1 year 37 settimane fa

Traduzione di Luigi Bertolini

la dolce tentazione dell'amore

la dolce tentazione dell'amore 2 years 10 settimane fa

traduzione di Anna Ricci

la scatola nera

la scatola nera 2 years 21 settimane fa

Prego ;) !!!

Una porta di libri

Una porta di libri 2 years 21 settimane fa

libro:un giorno perfetto per innamorarsi(Anna Premoli,newton compton editori)

tutta colpa di un libro

tutta colpa di un libro 2 years 25 settimane fa

ciao,che bello!!!
anno di pubblicazione 2015,tradotto da Roberta Scarabelli

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy