Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di EleBookpassion

La prima cosa bella

immagine copertina
Bianca Marconero
La prima cosa bella
Newton Compton
10 righe da pagina 15:

Perché se Dio non gioca con i dadi – ed è tutto da dimostrare che non lo faccia –, poco ma sicuro che i dadi sono la chiave di ogni partita di D&D e, in certa misura, la chiave del destino.
Come gli avventurieri del mio corto, anche noi siamo personaggi di un gioco di ruolo; da qualche parte c’è qualcuno che tiene conto dei Punti Ferita.
Tutto si riduce a questo, temo. Lanci fortunati, lanci sfortunati. Non è un fatto di merito o talento. È un fatto di posti e momenti. Questione di dadi, insomma.

inviato il 26/02/2016
Nei segnalibri di:

R.I.P. Requiescat In Pace

immagine copertina
Eilan Moon
R.I.P. Requiescat In Pace
CreateSpace Independent Publishing Platform
10 righe da pagina 120:

La caligine si era diradata e Bor avvertì una morsa al cuore. Avrebbe preferito che la nebbia gli avesse impedito di vederla piangere. Non sopportava le sue lacrime, lo facevano sentire debole perché il cuore lacrimava sangue quando lei soffriva.

inviato il 12/11/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Ele, dovresti postare 10 righe tratte anche dai libri di altri autori... ;)

Il mio lieto fine

Eilan Moon
Il mio lieto fine
Amazon Kindle
10 righe da pagina 85:

«Io non mi sposo, se mi dici che mi ami e vuoi stare con me» azzardai, con il respiro strozzato in gola e le mani gelide per la tensione.
Lui si volse verso di me. «Qui non si tratta di me, Serena» iniziò lui, ed ebbi un brivido di paura: non mi chiamava mai con il mio nome completo. «Non si tratta di Christian o di quello che provo per te. Se ti dicessi che ti amo e tu lo lasciassi e poi tra noi non funzionasse? La colpa sarebbe mia che ti ho portato via da lui.»
«Non capisco» tentai di stimolarlo a spiegarsi meglio.
«Tu devi lasciarlo perché vuoi farlo, non perché ci sono io di mezzo.»
Il silenzio si fece pesante e denso.
«Tu vuoi un figlio e vuoi sposarti, io questo non posso farlo» aggiunse lui dopo, distogliendo lo sguardo dal mio che si stava riempiendo di lacrime.
«Ho paura di restare sola» bisbigliai.
«Tutti abbiamo paura di restare soli, ma non si sposano solo per quel timore.»
Pensai che avevo avuto ragione. Nico non sarebbe mai stato mio marito e forse non avremmo avuto dei bei bimbi cicciotti che correvano per casa, ero disposta a rinunciare a quello per lui.

inviato il 11/10/2015
Nei segnalibri di:

R.I.P. De Profundis

immagine copertina
Eilan Moon
R.I.P. De Profundis
CreateSpace Independent Publishing Platform

Bor scoppiò a ridere. Asia adorava il suo sorriso perché lui era un uomo virile come nessun altro, ma quelle poche volte che rideva, il viso si trasformava e a lei sembrava di poter leggere quell’anima complessa come fosse divenuta d’improvviso trasparente, e quello che vi scorgeva era un individuo dalla sensibilità distruggente e dal coraggio più folle. Ecco perché lo amava in modo tanto doloroso e immenso, perché lui era la completezza. Lui era forte e fragile, sapeva amare e odiare, era la luce e le tenebre, ma solo a lei era permesso guardare nell’antro della bestia e trovarvi il principe.

inviato il 28/09/2015
Nei segnalibri di:

Scarlett

Barbara Baraldi
Scarlett
A. MONDADORI

siamo messi al mondo come attori che devono calcare la scena dello spettacolo più importante, senza possibilità di fare le prove. La prova generale è la vita stessa. E'normale sbagliare...ma gli errori insegnano-

inviato il 28/09/2015
Nei segnalibri di:

R.I.P. Requiescat In Pace

immagine copertina
Eilan Moon
R.I.P. Requiescat In Pace
Amazon Kindle
10 righe da pagina 56:

Il Venator insinuò la gamba sotto l’inguine del demone e si abbassò all’altezza degli arti inferiori. L’essere perse l’equilibrio e precipitò a terra. Bor gli fu subito sopra, ma il mostro aveva grande forza nelle braccia e parò il colpo che il cacciatore aveva inferto.
Asia tremava. Guardava la scena con ansia e tensione. Non si accorse dell’altra creatura vomitata dalla terra maledetta che l’aveva raggiunta alle spalle. L’Incubo indossava abiti ormai sporchi e laceri, ma il corpo era ancora in uno stato di decomposizione non avanzato. I lineamenti erano definiti e i due occhi che puntavano la sua vittima sembravano ancora vivi.

inviato il 27/09/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Adoro questa autrice

grazie!

Benvenuta Elebook... :)

RUGGINE

immagine copertina
Anna Luisa Pignatelli
RUGGINE
FAZI editore 2016
10 righe da pagina 86:

Gina ricordò quando, anni addietro, all'inizio dell'autunno metteva i vasi al chiuso in cantina, perchè le piante non si seccassero.
Ora il freddo in autunno aveva preso a non farsi sentire, le piante rassicurate continuavano a fiorire, poi all'improvviso si levava la tramontana che portava il gelo, la brina e la morte. Lì in quel cortile protetto dal vento resistevano più a lungo, scaldate dal raggio di sole che vi compariva a mezzogiorno.
"in questo paese non ci si rende conto che non sono solo le stagioni a essere cambiate, ma il mondo...

inviato il 26/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

le ultime due righe mi sembrano purtroppo di attualità !"

La prima cosa bella

immagine copertina
Bianca Marconero
La prima cosa bella
Newton Compton
10 righe da pagina 15:

Perché se Dio non gioca con i dadi – ed è tutto da dimostrare che non lo faccia –, poco ma sicuro che i dadi sono la chiave di ogni partita di D&D e, in certa misura, la chiave del destino.
Come gli avventurieri del mio corto, anche noi siamo personaggi di un gioco di ruolo; da qualche parte c’è qualcuno che tiene conto dei Punti Ferita.
Tutto si riduce a questo, temo. Lanci fortunati, lanci sfortunati. Non è un fatto di merito o talento. È un fatto di posti e momenti. Questione di dadi, insomma.

inviato il 26/02/2016
Nei segnalibri di:

R.I.P. Requiescat In Pace

immagine copertina
Eilan Moon
R.I.P. Requiescat In Pace
CreateSpace Independent Publishing Platform
10 righe da pagina 120:

La caligine si era diradata e Bor avvertì una morsa al cuore. Avrebbe preferito che la nebbia gli avesse impedito di vederla piangere. Non sopportava le sue lacrime, lo facevano sentire debole perché il cuore lacrimava sangue quando lei soffriva.

inviato il 12/11/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Ele, dovresti postare 10 righe tratte anche dai libri di altri autori... ;)

Fiabe lunghe un sorriso

immagine copertina
Gianni Rodari
Fiabe lunghe un sorriso
Einaudi Ragazzi 2010
10 righe da pagina 95:

Dalla fiaba "I vecchi proverbi":

Non si sono accorti che il mondo cambia, che i Vecchi Proverbi non bastano più a mandarlo avanti; che ci vuole gente nuova, di coraggio, che abbia fiducia nelle proprie mani e nella propria testa.
Come voi.

inviato il 10/08/2015
Nei segnalibri di:

R.I.P. De Profundis

immagine copertina
Eilan Moon
R.I.P. De Profundis
Youcanprint

Frange bianche e vellutate spezzavano l’aria attorno alle ali, lanuginose e morbide come un tappetto persiano, di quelli tra i più pregiati mai creati da mani umane. Un gufo reale che si fregiava del nome adatto a lui: Assassino della notte. Ewa rimase immobile a osservare la maestosa creatura alata librarsi attraverso il vuoto nero della notte.

inviato il 18/10/2015
Nei segnalibri di:

L'ultima settimana di settembre

immagine copertina
Lorenzo Licalzi
L'ultima settimana di settembre
Rizzoli 2015
10 righe da pagina 70:

Ci sono dolori che non hanno tempo, immobili, enormi, mille volte più forti della nostra capacità di soffrire, mille volte più forti della nostra capacità di sopportarli, e che il tempo modifica solo all’apparenza, allo sguardo degli altri. Sono dolori che restano, inesorabili come un pugnale nel cuore.
Dolori così grandi che ti fanno sentire in colpa se per un attimo riesci a dimenticarli con le incombenze della quotidianità o peggio ancora con una possibilità di svago.
Ci convivi, perché ci convivi, ma è come avere questo pugnale nel cuore che come ti muovi, perché magari ti sei distratto, si muove un pochino anche lui, e il giorno dopo si vendica e te lo fa sanguinare di nuovo, e di più.
Come se il mio cuore non avesse già sanguinato fino al dissanguamento”

inviato il 17/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

quando un libro ci ha colpito, è bello condividerlo!! :))

sai che devo dirti che ti sono tanto riconoscente per la segnalazione di questo libro, vado avanti a leggere e mi dispiacerà quando sarò arrivata alla fine. Prima di tutto è scritto molto bene, scorrevole e poi è strutturato in modo intelligente, sullo sfondo di dolori, di tristezza c'è uno svolgimento sereno , ricco di sentimento, di sensibilità. Quando l'avrò finito sai cosa farò, o rileggerò come faccio con i libri che mi coinvolgono per apprezzare di più passaggio per passaggio. Sicuramente è un libro che regalerò, che diffonderò, si legge veramentre bene, un'ottima compagnia. Grazie ancora a te !

grazie Emma!!! è una lettura carica di humor, ma ha diversi passaggi molto profondi!!

come al solito hai estrappolato 10 righe che hanno attirato la mia attenzione !

Dragonero. La maledizione di Thule

immagine copertina
Stefano Vietti
Dragonero. La maledizione di Thule
Mondadori
10 righe da pagina 249:

"Se è concesso un momento, prima della lotta, va usato per se stessi, per raggiungere l'equilibrio interiore necessario ad agire nel modo migliore una volta estratta la spada." Le parole di suo nonno gli arrivarono alla mente cristalline, come se Ian le avesse ascoltate solo un istante prima di uscire dal villaggio di Thule. "Se è concesso un momento, va usato al fine di porsi nella condizione di muoversi poi solo per istinto, perché una volta estratta la spada non sono concessi che pochi attimi per avere ragione del nemico, e ogni istante in più è un passo verso la sconfitta e non la vittoria."

inviato il 18/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Anno di pubblicazione?

R.I.P. Requiescat In Pace

immagine copertina
Eilan Moon
R.I.P. Requiescat In Pace
Amazon Kindle
10 righe da pagina 110:

Rimasero in silenzio mentre i loro occhi si cibavano gli uni degli altri, senza parole perché quelle tra loro erano inutili. L’alchimia che c’era stata sin dal loro primo incontro era qualcosa di indescrivibile che nessuno dei due aveva mai provato prima. Lui era lo Yang, il lato virile e potente dell’essenza che creavano insieme, e lei era lo Yin, la femminilità, la delicatezza che colmava le mancanze dell’altro. Solo insieme erano completi, lontani erano come un giocattolo rotto.

inviato il 18/10/2015
Nei segnalibri di:

La verità sul caso Harry Quebert

Joël Dicker
La verità sul caso Harry Quebert
Tradotto da Vincenzo Vega
Bompiani 2013
10 righe da pagina 176:

"Si. Sai, jenny era una ragazza formidabile, ma non era Nola. Stare accanto a Nola significava vivere davvero. Non saprei spiegartelo altrimenti. Ogni istante trascorso con lei era una scintilla di vita vissuta pienamente. Ecco cosa significa l'amore, credo. Quella risata, Marcus: risuona nella mia testa ogni giorno da trent'anni. Quello sguardo straordinario, quegli occhi splendenti di amore per la vita, sono sempre lì, davanti a me...così come i suoi gesti, il suo modo di sistemarsi i capelli con le dita, di mordicchiarsi le labbra. La sua voce non smette di vibrare dentro di me. A volte è come se fosse ancora con me.

inviato il 09/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie, abbiamo integrato le 10 righe : )

Traduzione di Vincenzo Vega
Prima edizione Bompiani maggio 2013

Paola, nome del traduttore e anno di edizione?

Doppio Sogno

immagine copertina
Arthur Schnitzler
Doppio Sogno
Tradotto da Giuseppe Farese
Adelphi 2006
10 righe da pagina 96:

Ma sicuramente c'erano anche dei sogni che si dimenticavano del tutto, dei quali non restava più traccia, tranne un certo strano stato d'animo, uno stordimento misterioso. Oppure si ricordavano solo più tardi, molto più tardi, e non si sapeva più se si era fatta un'esperienza reale o soltanto sognato. Soltanto… soltanto…!

inviato il 02/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie tante! :-)))))))

Ciao Suzie Q!
Questa settimana le tue 10righe sono risultate le più segnalibrate
Hai vinto un libro incentivo!
Lunedì prossimo ricorda di inviare una mail a libroincentivo@10righedailibri.it indicandoci il tuo indirizzo e le 10righe che preferisci tra quelle postate da oggi a domenica 13 Febbraio.

R.I.P. Requiescat In Pace

R.I.P. Requiescat In Pace 1 year 34 settimane fa

grazie!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy