Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Sofia Barile

L'insostenibile leggerezza dell'essere

immagine copertina
Milan Kundera
L'insostenibile leggerezza dell'essere
Tradotto da Giuseppe Dierna
Adelphi (collana Gli Adelphi) 1982
10 righe da pagina 59:

E qualcos'altro lo elevava: teneva sul tavolo un libro aperto. In quel bar nessuno aveva mai aperto un libro sul tavolo. Un libro era per Tereza il segno di riconoscimento di una fratellanza segreta. Contro il mondo della volgarità che la circondava, essa aveva infatti un'unica difesa: i libri che prendeva in prestito alla biblioteca comunale; soprattutto i romanzi: ne aveva letti un'infinità, da Fielding a Thomas Mann. Le offrivano la possibilità di una fuga immaginaria da quella vita che non le dava alcuna soddisfazione, ma avevano significato per lei anche in quanto oggetti: le piaceva passeggiare per strada con dei libri sotto il braccio. Essi rappresentavano per lei ciò che il bastone da passeggio rappresentava per un dandy del secolo scorso. La distingueva dagli altri.

inviato il 01/01/2017
Nei segnalibri di:

CON TE FINO ALLA FINE DEL MONDO

immagine copertina
NICOLAS BARREAU
CON TE FINO ALLA FINE DEL MONDO
Tradotto da Monica Pesetti
I Classici Universale Economica Feltrinelli 2014
10 righe da pagina 171:

È strano, il tempo.
Domina la nostra vita come nessun altro parametro. In definitiva tutto ruota intorno al tempo che abbiamo, al tempo che non abbiamo, al tempo che ci rimane. E questo è il tempo cronologico. Un giorno, dieci mesi, cinque anni. Poi c'è il tempo interiore, il fratello volubile del tempo cronologico. Quello che trasforma un'ora di attesa in trentacinque e quella che abbiamo per terminare qualcosa di importante in otto minuti.
Ci sfugge, ci incalza, ed esiste solo un frangente in cui i padroni siamo noi: quei rari momenti in cui viviamo completamente dentro il tempo e proprio per questo non lo avvertiamo più. Mettiamo fuori uso tutti quei piccoli ingranaggi che di solito si incastrano uno nell'altro e navighiamo senza sforzo nella vita lasciandoci spingere dal vento.
Sono i momenti dell'amore.

inviato il 11/09/2016
Nei segnalibri di:

Jane Eyre

immagine copertina
Charlotte Brontë
Jane Eyre
Collins Classics 2010
10 righe da pagina 109:

Women are supposed to be very calm generally: but women feel just as men feel; they need exercise for their faculties, and a field for their efforts, as much as their brothers do; they suffer from too rigid a restraint, to absolute a stagnation, precisely as men would suffer; and it is narrow-minded in their more privileged fellow-creatures to say that they ought to confine themselves to making puddings and knitting stockings, to playing on the piano and embroidering bags. It is thoughtless to condemn them, or laugh at them, if they seek to do more or learn more than custom has pronounced necessary for their sex.

inviato il 15/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! :)

Charlotte Bronte, Collins Classic 2010

Charlotte Bronte 21 aprile 1816 Thornton, Regno Unito.

L'amico ritrovato

immagine copertina
Fred Uhlman
L'amico ritrovato
Tradotto da Mariagiulia Castagnone
Feltrinelli Universale Economica 1988
10 righe da pagina 21:

Non ricordo esattamente quando decisi che Konradin avrebbe dovuto diventare mio amico, ma non ebbi dubbi sul fatto che, prima o poi, lo sarebbe diventato. Fino al giorno del suo arrivo io non avevo amici. Nella mia classe non c'era nessuno che potesse rispondere all'idea romantica che avevo dell'amicizia, nessuno che ammirassi davvero o che fosse in grado di comprendere il mio bisogno di fiducia, di lealtà e di abnegazione, nessuno per cui avrei dato volentieri la vita.

inviato il 27/01/2016
Nei segnalibri di:

L'arte di ascoltare i battiti del cuore

immagine copertina
Jan-Philipp Sendker
L'arte di ascoltare i battiti del cuore
Tradotto da Francesco Porzio
Beat 2012
10 righe da pagina 287:

Tin Win vi si inginocchiò davanti. La sua voce. Il suo sussurrare. Le orecchie di Tin Win ricordarono. Le mani sul viso. La pelle ricordò. La bocca ricordò, e anche le labbra. Le dita ricordarono, e il naso. Quanto aveva desiderato quell'odore. Come aveva fatto a vivere senza di lei? Dove aveva trovato la forza per vivere anche solo un giorno senza di lei? Nel letto c'era spazio per due. Com'era leggera! l suoi capelli sul viso. Le sue lacrime. Tante cose da condividere, tanto da darsi, in così poco tempo. Verso il mattino le forze li abbandonarono. Mi Mi si addormentò fra le sue braccia. Il sole sarebbe sorto fra poco, Tin Win se ne accorse dal canto degli uccelli. Posò la testa sul petto di Mi Mi. Non si era sbagliato. Il suo cuore aveva un suono stanco e debole. Non ne voleva più sapere. Era arrivato in tempo. Appena in tempo.

inviato il 26/01/2016
Nei segnalibri di:

Parigi è sempre una buona idea

immagine copertina
Nicolas Barreau
Parigi è sempre una buona idea
Tradotto da Monica Pesetti
Feltrinelli Editore 2015
10 righe da pagina 73:

"Tesoro," aveva detto prendendogli la mano e stringendola con forza. "Va tutto bene. Non devi essere triste. Vado in un paese lontano, così lontano che non si raggiunge nemmeno con l'aereo." Gli aveva strizzato l'occhio, e Robert aveva soffocato a stento le lacrime. "Ma sarò sempre con te. Ti voglio bene, figlio mio."
"Anch'io, mamma," aveva risposto piano, come faceva da bambino, quando dopo la fiaba della buonanotte lei si chinava sul letto per baciarlo, e non era più riuscito a frenare il pianto.
"Non siamo tornati sulla Tour Eiffel," aveva mormorato all'improvviso sua madre, e il suo sorriso lo aveva sfiorato come un battito d'ali. "Ricordi, noi due avevamo un appuntamento a Parigi." "Oh, mamma," aveva detto, e nonostante il groppo in gola aveva sorriso anche lui. "Al diavolo Parigi!" Lei aveva scosso la testa con un movimento quasi impercettibile. "No, figlio mio. Credimi: Parigi è sempre una buona idea."

inviato il 20/01/2016
Nei segnalibri di:

Breakfast at Tiffany's

immagine copertina
Truman Capote
Breakfast at Tiffany's
Vintage 2008
10 righe da pagina 74:

“Never love a wild thing, Mr. Bell”, Holly advised him. “That was Doc's mistake. He was always lugging home wild things. A hawk with a hurt wing. One time it was a full-grown bobcat with a broken leg. But you can't give your heart to a wild thing: the more you do, the stronger they get. Until they're strong enough to run into the woods. Or fly into a tree. Then a taller tree. Then the sky. That's how you'll end up, Mr. Bell. If you let yourself love wild thing. You'll end up looking at the sky.”

inviato il 18/01/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

2008 :)

Sofia, anno di edizione del libro? :)

You're welcome! :)

Thank you! :)

Una sera a Parigi

immagine copertina
Nicolas Barreau
Una sera a Parigi
Tradotto da Monica Pesetti
Feltrinelli 2014
10 righe da pagina 172:

Rimasi sulla soglia e guardai Robert camminare verso le scale.
Si voltò.
"Come diceva il ragazzo indiano in Marigold Hotel?
Andrà tutto bene alla fine, e se non andasse tutto bene
vuol dire che non è ancora la fine."
Mi strizzò l'occhio e io chiusi la porta.
Però, che frase. Ma se in India credono nella rinascita,
da noi invece bisogna mettere in conto che alla fine possa anche
andare male.

Eppure Robert aveva ragione: non era ancora la fine.
Rimasi sulla soglia e guardai Robert camminare verso le scale.

inviato il 18/01/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Sofia, le tue 10righe sono state scelte dalla redazione, sei nella finale di gennaio. :-)

Grazie Sofia, abbiamo integrato le tue 10 righe : )

Ciao! :) La traduzione è di Monica Pesetti e l'anno di edizione è il 2014!

Benvenuta Sonia : ) Nome del traduttore e anno di edizione del libro da cui hai tratto le 10 righe?

L'amico ritrovato

immagine copertina
Uhlman Fred
L'amico ritrovato
Tradotto da Castagnone M. G.
Universale Economica Feltrinelli 2009

Ho esitato un po’ prima di scrivere che ‘avrei dato volentieri la vita per un amico’, ma anche ora, a trent’anni di distanza, sono convinto che non si trattasse di un’esagerazione e che non solo sarei stato pronto a morire per un amico, ma l’avrei fatto quasi con gioia.

inviato il 28/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

GRAZIE!! Pagina 21 =) devo inviare i dati come sempre?

Cara Sonia...le tue righe ci sono così piaciute che hai vinto un libro in regalo per le 10righedellasettimana http://www.facebook.com/photo.php?fbid=415466335139749&set=a.12800929055...
...dovrai scrivere da quale pagina sono tratte le tue righe.

Tranquilla =)

ah! pensavo che si tenesse conto dell'anno di edizione. Sorry :)

nono emy. l'anno di edizione è relativo alla copertina...ma l'anno della pubblicazione è 1971

ehm...mi sa che hai sforato l'anno :-P
Questi estratti mi piacciono molto, me lo segno :)

Partecipo a "i tuoi classici libri" http://scrivi.10righedailibri.it/i-tuoi-classici-libri

Il ritratto di Dorian Gray

Il ritratto di Dorian Gray 17 settimane 5 giorni fa

Grazie!

Norwegian Wood Tokjo blues

Norwegian Wood Tokjo blues 1 year 16 settimane fa

Grazieee!

Norwegian Wood Tokjo blues 1 year 18 settimane fa

Grazie! :)

Breakfast at Tiffany's

Breakfast at Tiffany's 2 years 16 settimane fa

2008 :)

Breakfast at Tiffany's 2 years 22 settimane fa

You're welcome! :)

Jane Eyre

Jane Eyre 2 years 18 settimane fa

Charlotte Bronte, Collins Classic 2010

Una sera a Parigi

Una sera a Parigi 2 years 22 settimane fa

Ciao! :) La traduzione è di Monica Pesetti e l'anno di edizione è il 2014!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy