Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Sofia Barile

Ci vediamo un giorno di questi

immagine copertina
Federica Bosco
Ci vediamo un giorno di questi
Garzanti 2017
10 righe da pagina 31:

Da sempre mi ripeteva che dovevo vivere di più, e più a fondo, ma esisteva un vivere di più e un vivere di meno? Per quanto mi riguardava, esisteva solo un vivere e un sopravvivere. È vero, io non ero mai stata una che beve la vita, una godereccia, una temeraria. Lei era quella che si buttava a bomba nell’acqua dopo aver mangiato un chilo di focaccia, io quella che aspettava tre ore precise sotto l’ombrellone, con la protezione totale sul naso e il cappellino, e poi faceva il bagno arrivando fino al cartello delle acque sicure. Eravamo semplicemente molto diverse, come i bianchi e i neri nel cesto della biancheria da lavare.

inviato il 08/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Federica Bosco è nata a Milano il 25 settembre 1971.

Dubliners, "The dead"

immagine copertina
James Joyce
Dubliners, "The dead"
Wordsworth Classics 1993
10 righe da pagina 153:

A wave of yet more tender joy escaped from his heart and went coursing in warm blood along his arteries. Like the tender fire of stars moments of their life together, that no one knew of or would ever know of, broke upon and illumined his memory. He longed to recall to her those moments, to make her forget the years of their dull existence together and remember only their moments of ecstasy. For the years, he felt, had not quenched his soul or hers. Their children, his writing, her household cares had not quenched all their souls’ tender fire. [...] He longed to be alone with her. When the others had gone away, when he and she were in the room in the hotel, then they would be alone together.

inviato il 05/01/2018
Nei segnalibri di:

Luna di miele a Parigi e La ragazza che hai lasciato

immagine copertina
JoJo Moyes
Luna di miele a Parigi e La ragazza che hai lasciato
Tradotto da Maria Carla Dallavalle
Mondadori 2016
10 righe da pagina 370:

Quel dipinto, più di tutti gli altri, appartiene a me e a te. E sai qual è la cosa più bizzarra, Èdouard? Lui ammira veramente il tuo lavoro. Ne capisce, conosce la scuola di Matisse, Weber e Purrmann. È stato così strano ritrovarmi a difendere la tua pennellata straordinaria con un Kommandant tedesco! Ma mi rifiuto di staccare il quadro, checché ne dica Hélène. Mi ricorda di te e dei tempi in cui eravamo felici insieme. Mi ricorda che l’uomo è capace di amore e bellezza, e non solo di distruzione. Prego perché tu possa tornare presto sano e salvo, tesoro mio.
Per sempre tua, Sophie.

inviato il 03/01/2018
Nei segnalibri di:

Northanger Abbey

immagine copertina
Jane Austen
Northanger Abbey
Collins Classics 2012
10 righe da pagina 64:

And such is your definition of matrimony and dancing. Taken in that light certainly, their resemblance is not striking; but I think I could place them in such a view.And such is your definition of matrimony and dancing. Taken in that light certainly, their resemblance is not striking; but I think I could place them in such a view. You will allow, that in both, man has the advantage of choice, woman only the power of refusal; that in both, it is an engagement between man and woman, formed for the advantage of each; and that when once entered into, they belong exclusively to each other till the moment of its dissolution; that it is their duty, each to endeavour to give the other no cause for wishing that he or she had bestowed themselves elsewhere, and their best interest to keep their own imaginations from wandering towards the perfections of their neighbours, or fancying that they should have been better off with anyone else.

inviato il 15/03/2017
Nei segnalibri di:

Qualcosa

immagine copertina
Chiara Gamberale
Qualcosa
Longanesi 2017
10 righe da pagina 44:

"Infatti è così. Non passerà mai questo buco, perché è TROPPO, troppo grande".
"Uffa" sbuffò il Cavalier Niente. Di nuovo si pulì gli occhiali su una manica, di nuovo se li infilò sempre più sporchi.
"Per l'ultima volta, Principessina: se lascerai stare il buco e lo accetterai senza tanti starnazzi, vedrai che entro un anno si restringerà da solo e diventerà addirittura qualcosa di prezioso da avere dentro di te, come... come un passaggio segreto, ecco. E poi magari di nuovo si allargherà e di nuovo si restringerà, perchè i buchi che abbiamo nel cuore fanno così. Ma tutto passa, ragazzina".

inviato il 14/03/2017
Nei segnalibri di:

Un viaggio chiamato vita

immagine copertina
Banana Yoshimoto
Un viaggio chiamato vita
Tradotto da Gala Maria Follaco
Universale Economica Feltrinelli 2016
10 righe da pagina 113:

La vita è una sola, e ogni persona è unica. È la cosa più importante di tutte, eppure troppo spesso ce ne dimentichiamo.
Non siamo nati per mangiare, né per guadagnare denaro, né per starcene senza far nulla, né per lasciare eredi, né tantomeno per invecchiare. Non siamo invece venuti al mondo perché dentro di noi brucia la fiamma di una passione? Per fare fino in fondo le cose per cui siamo portati? Non siamo qui, adesso, per amare i nostri cari e creare tanti bei ricordi, e portarli con noi fino a quando moriremo, senza rimpianti?

inviato il 12/03/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Banana Yoshimoto, (Tokyo, 24 luglio 1964)

Norwegian Wood Tokjo blues

immagine copertina
Haruki Murakami
Norwegian Wood Tokjo blues
Tradotto da Giorgio Amitrano
Einaudi Super ET 2013
10 righe da pagina 337:

- Ho bisogno di tempo, - dissi. - Tempo per pensare, per fare ordine dentro di me, per capire. Mi rendo conto che non è giusto nei tuoi confronti, ma per adesso è tutto quello che posso dire.
- Però hai giurato che ti piaccio dal profondo del cuore, e che non vuoi stare mai più lontano da me, vero?
- Certo che è vero.
Midori si staccò da me e mi guardò in viso sorridendo.
- Va bene, aspetterò. Ho fiducia in te, - disse. - Ma quando mi prenderai, dev'essere a me che pensi. Capisci che voglio dire?
- Capisco benissimo.
- Per il resto puoi fare quello che vuoi, solo non farmi del male. Ho già sofferto abbastanza, finora, e adesso voglio essere felice.

inviato il 09/02/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazieee!

Ciao Sofia, le tue 10 righe sono le finaliste del mese di Febbraio, 10 righe scelte dalla redazione. Per Te un libro incentivo. Manda i tuoi dati all'indirizzo: libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie! :)

Ciao Sofia, sei finalista del mese di Febbraio, 10righe scelte dalla redazione.

Se questo è un uomo

immagine copertina
Primo Levi
Se questo è un uomo
La Biblioteca di Repubblica
10 righe da pagina 24:

Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realtà ci si è rivelata: siamo arrivati al fondo. Più giù di così non si può andare: condizione umana più misera non c'è, e non è pensabile. Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremmo conservarlo, dovremmo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.

inviato il 27/01/2017
Nei segnalibri di:

L'insostenibile leggerezza dell'essere

immagine copertina
Milan Kundera
L'insostenibile leggerezza dell'essere
Tradotto da Giuseppe Dierna
Adelphi (collana Gli Adelphi) 1982
10 righe da pagina 59:

E qualcos'altro lo elevava: teneva sul tavolo un libro aperto. In quel bar nessuno aveva mai aperto un libro sul tavolo. Un libro era per Tereza il segno di riconoscimento di una fratellanza segreta. Contro il mondo della volgarità che la circondava, essa aveva infatti un'unica difesa: i libri che prendeva in prestito alla biblioteca comunale; soprattutto i romanzi: ne aveva letti un'infinità, da Fielding a Thomas Mann. Le offrivano la possibilità di una fuga immaginaria da quella vita che non le dava alcuna soddisfazione, ma avevano significato per lei anche in quanto oggetti: le piaceva passeggiare per strada con dei libri sotto il braccio. Essi rappresentavano per lei ciò che il bastone da passeggio rappresentava per un dandy del secolo scorso. La distingueva dagli altri.

inviato il 01/01/2017
Nei segnalibri di:

CON TE FINO ALLA FINE DEL MONDO

immagine copertina
NICOLAS BARREAU
CON TE FINO ALLA FINE DEL MONDO
Tradotto da Monica Pesetti
I Classici Universale Economica Feltrinelli 2014
10 righe da pagina 171:

È strano, il tempo.
Domina la nostra vita come nessun altro parametro. In definitiva tutto ruota intorno al tempo che abbiamo, al tempo che non abbiamo, al tempo che ci rimane. E questo è il tempo cronologico. Un giorno, dieci mesi, cinque anni. Poi c'è il tempo interiore, il fratello volubile del tempo cronologico. Quello che trasforma un'ora di attesa in trentacinque e quella che abbiamo per terminare qualcosa di importante in otto minuti.
Ci sfugge, ci incalza, ed esiste solo un frangente in cui i padroni siamo noi: quei rari momenti in cui viviamo completamente dentro il tempo e proprio per questo non lo avvertiamo più. Mettiamo fuori uso tutti quei piccoli ingranaggi che di solito si incastrano uno nell'altro e navighiamo senza sforzo nella vita lasciandoci spingere dal vento.
Sono i momenti dell'amore.

inviato il 11/09/2016
Nei segnalibri di:

L'amico ritrovato

immagine copertina
Uhlman Fred
L'amico ritrovato
Tradotto da Castagnone M. G.
Universale Economica Feltrinelli 2009

Ho esitato un po’ prima di scrivere che ‘avrei dato volentieri la vita per un amico’, ma anche ora, a trent’anni di distanza, sono convinto che non si trattasse di un’esagerazione e che non solo sarei stato pronto a morire per un amico, ma l’avrei fatto quasi con gioia.

inviato il 28/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

GRAZIE!! Pagina 21 =) devo inviare i dati come sempre?

Cara Sonia...le tue righe ci sono così piaciute che hai vinto un libro in regalo per le 10righedellasettimana http://www.facebook.com/photo.php?fbid=415466335139749&set=a.12800929055...
...dovrai scrivere da quale pagina sono tratte le tue righe.

Tranquilla =)

ah! pensavo che si tenesse conto dell'anno di edizione. Sorry :)

nono emy. l'anno di edizione è relativo alla copertina...ma l'anno della pubblicazione è 1971

Norwegian Wood Tokjo blues

Norwegian Wood Tokjo blues 45 settimane 6 giorni fa

Grazieee!

Norwegian Wood Tokjo blues 48 settimane 2 giorni fa

Grazie! :)

Breakfast at Tiffany's

Breakfast at Tiffany's 1 year 45 settimane fa

2008 :)

Breakfast at Tiffany's 2 years 16 ore fa

You're welcome! :)

Jane Eyre

Jane Eyre 1 year 48 settimane fa

Charlotte Bronte, Collins Classic 2010

Una sera a Parigi

Una sera a Parigi 2 years 1 giorno fa

Ciao! :) La traduzione è di Monica Pesetti e l'anno di edizione è il 2014!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy