Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Alessandro Montagna

Diario di scuola

immagine copertina
Daniel Pennac
Diario di scuola
Tradotto da Yasmina Melaouah
Feltrinelli 2008
10 righe da pagina 85:

Non ricordo mai i nomi degli allievi che incontro, né del resto le loro facce, ma sin dai primi versi, dai primi titoli di romanzi citati, dalle prime allusioni a una lezione in particolare, qualcosa si ricompone dell’adolescente che non voleva leggere o della ragazzina che sosteneva di non capire niente: mi tornano alla mente altrettanto familiari dei versi di Supervielle o del nome di Segunto Sombra […]
A ogni incontro ti accorgi che una vita è sbocciata, imprevedibile come la forma di una nuvola.

inviato il 02/05/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Daniel Pennac, pseudonimo di Daniel Pennacchioni (Casablanca 1944), scrittore francese.

Nuova Atlantide

immagine copertina
Francesco Bacone
Nuova Atlantide
Tradotto da Luigi Punzo
Bulzoni 2001
10 righe da pagina 143:

Abbiamo anche case del suono, dove noi facciamo esperimenti e prove su tutti i suoni e sulla loro generazione. Abbiamo armonie che voi non avete, di quarti di tono e di variazioni di suono ancora più piccole. Diversi strumenti musicali, inoltre, a voi sconosciuti, alcuni più melodiosi di quelli che avete voi, insieme a campane e campanelli, che sono delicati e melodiosi. [...] Imitiamo e riproduciamo tutti i suoi articolati, le lettere, le voci, le note delle bestie e degli uccelli.

inviato il 25/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Francis Bacon (Londra 1561 – Londra 1626), filosofo e saggista inglese.

La città di Anfione e la città di Prometeo

immagine copertina
Rosario Assunto
La città di Anfione e la città di Prometeo
Jaca Book 1997
10 righe da pagina 72:

E se per definire questa scienza è stato fatto il nome di Prometeo, [...] la struggente nostalgia da cui ci sentiamo prendere al cospetto di immagini come quella urbinate della "Città ideale", provano quanto illusoria fosse l'aspirazione che in tanti coltivammo, una ventina d'anni or sono, di conciliare Prometeo ed Orfeo - o meglio, secondo la speranza trasmessa a noi dal nobilmente pensoso spirito di Lewis Mumford, di metter Prometeo sotto la guida di Orfeo.

inviato il 25/09/2017
Nei segnalibri di:

I figli di Nadar

immagine copertina
Pierre Sorlin
I figli di Nadar
Tradotto da Sergio Arecco
Einaudi 2001
10 righe da pagina 46:

Per Baudelaire la fotografia doveva accontentarsi di conservare: "Che salvi dall'oblio [...] le cose preziose di cui va scomparendo la forma e che richiedono un posto negli archivi della nostra memoria" mentre "il tempo divora", i cliché fanno durare ciò che prima sembrava condannato all'effimero. Baudelaire non solo credeva nella creatività del fotografo, ma riteneva che questi potesse lavorare esclusivamente sul passato.

inviato il 25/09/2017
Nei segnalibri di:

Poetica

immagine copertina
Aristotele
Poetica
Tradotto da Diego Lanza
Bur Rizzoli 2011
10 righe da pagina 147:

Da ciò che si è detto è chiaro che compito del poeta non è dire le cose avvenute, ma quali possono avvenire, cioè quelle possibili secondo verosimiglianza o necessità. Lo storico e il poeta non si distinguono nel dire in versi o senza versi [...]; si distinguono invece in questo: l'uno dice le cose avvenute, l'altro quelle che possono avvenire. Perciò la poesia è cosa di maggiore fondamento teorico e più importante della storia perché la poesia dice piuttosto gli universali, la storia i particolari.

inviato il 25/09/2017
Nei segnalibri di:

Lettre à M.r Chauvet sur l’unité de temps et de lieu dans la tragédie

immagine copertina
10 righe da pagina 161:

Abbiamo visto Corneille chiedere il permesso di far procedere gli avvenimenti più in fretta di quanto la verosimiglianza permetta, vale a dire più in fretta che nella realtà. Ora questi fatti che la tragedia rappresenta, di cosa sono il risultato? Della volontà di certi uomini, mossi da certe passioni. E' stato quindi necessario far nascere più rapidamente questa volontà, esagerando le passioni, snaturandole.

inviato il 25/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Alessandro Manzoni (Milano 1785 – Milano 1873).

Storia della colonna infame

immagine copertina
Alessandro Manzoni
Storia della colonna infame
Mondadori 1984
10 righe da pagina 6:

Ci par di vedere la natura umana spinta invincibilmente al male da cagioni indipendenti dal suo arbitrio, e come legata in un sogno perverso e affannoso, da cui non ha mezzo di riscotersi. Ci pare irragionevole l'indignazione che nasce in noi spontanea contro gli autori di que' fatti, e che pur nello stesso tempo ci par nobile e santa: rimane l'orrore, e scompare la colpa.

inviato il 25/09/2017
Nei segnalibri di:

I Decaduti

immagine copertina
Giuseppe Aletti
I Decaduti
Aletti 2015
10 righe da pagina 22:

Orno la notte
di vecchi pensieri.
Come leggiadra estate
fingo di godere,
in un'ombra solitaria.
Valico strade deserte,
e assaporo, nel ricordo,
le ore.
Evanescenza del mio essere
in un tramonto
senza mete.
Dicesti amore,
trovai morte.
Visitati luoghi
i ricordi.
Lune attraverseranno
sentimenti,
in attesa di mani.
Ancora ti cercherò
nei taciuti sguardi
di gente attraversata,
stanca, in passi
sempre uguali.
Declinerò il tempo
per un nuovo tramonto.
Ogni cosa sarà,
perché è ricordo.

inviato il 25/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Giuseppe Aletti (Taranto 1970), scrittore, critico letterario ed editore italiano.

L'evoluzione creatrice

immagine copertina
Henri Bergson
L'evoluzione creatrice
Tradotto da Fabio Polidori
Raffaello Cortina Editore 2002
10 righe da pagina 10:

In realtà, il passato si conserva da se stesso, automaticamente. Esso ci segue, tutt'intero, in ogni momento: ciò che abbiamo sentito, pensato, voluto sin dalla prima infanzia è là, chino sul presente che esso sta per assorbire in sé, incalzante alla porta della coscienza, che vorrebbe lasciarlo fuori. La funzione del meccanismo cerebrale è appunto quella di ricacciare la massima parte del passato nell'incosciente per introdurre nella coscienza solo ciò che può illuminare la situazione attuale, agevolare l'azione che si prepara, compiere un lavoro utile. Talvolta qualche ricordo non necessario riesce a passar di contrabbando per la porta socchiusa; e questi messaggeri dell'inconscio ci avvertono del carico che trasciniamo dietro a noi senza averne consapevolezza.

inviato il 18/09/2017
Nei segnalibri di:

La locandiera

immagine copertina
Carlo Goldoni
La locandiera
Bur Rizzoli 1997
10 righe da pagina 221:

MARCHESE: Eccola qui. L’ho ritrovata, e ve la rendo. Partirò per compiacervi, ma in ogni luogo fate pur capitale della mia protezione.
MIRANDOLINA: Queste espressioni mi saran care, nei limiti della convenienza e dell’onestà. Cambiando stato, voglio cambiar costume; e lor signori ancora profittino di quanto hanno veduto, in vantaggio e sicurezza del loro cuore; e quando mai si trovassero in occasioni di dubitare, di dover cedere, di dover cadere, pensino alle malizie imparate, e si ricordino della Locandiera.

inviato il 18/09/2017
Nei segnalibri di:

La cascata

La cascata 2 giorni 3 ore fa

Bene, vi ringrazio per la lieta informazione.

La cascata 1 week 2 giorni fa

David Vogel (1891–1944), scrittore ucraino di origine ebraica.

La milleduesima notte

La milleduesima notte 2 giorni 3 ore fa

Joseph Roth (Brody 1894 – Parigi 1939), scrittore austriaco.

Quand'ero bambino

Quand'ero bambino 2 giorni 3 ore fa

Jacques Prévert (Neuilly-sur-Seine 1900 – Omonville-la-Petite 1977), poeta e scrittore francese.

Arrivederci ragazzi

Arrivederci ragazzi 2 giorni 3 ore fa

Louis Malle (Thumeries 1932 – Beverly Hills 1995), regista e scrittore francese.

Un amore di zitella

Un amore di zitella 2 giorni 3 ore fa

Andrea Vitali (Bellano 1956), scrittore e medico italiano.

L'isola di Arturo

L'isola di Arturo 1 week 2 giorni fa

Elsa Morante (Roma 1912 – Roma 1985), scrittrice italiana.

Aprile. Storia di un amore

Aprile. Storia di un amore 1 week 2 giorni fa

Joseph Roth (Brody 1894 – Parigi 1939), scrittore austriaco.

La passeggiata

La passeggiata 2 settimane 2 giorni fa

Robert Walser (Bienne 1878 – Herisau 1956), scrittore e poeta svizzero.

La danzatrice di Izu

La danzatrice di Izu 2 settimane 2 giorni fa

Yasunari Kawabata (Osaka 1899 – Zushi 1972), scrittore giapponese. Ha ottenuto il premio Nobel per la letteratura nel 1968.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy