Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Alessandro Montagna

Giacomo l'idealista

immagine copertina
Emilio De Marchi
Giacomo l'idealista
Scrivere 2017
10 righe da pagina 13:

Quantunque si sforzasse di cantarellare sul suo patimento, una tenera commozione tremolò nella sua voce. Povero Giacomo! A questo suo amore aveva consacrato la parte migliore della giovinezza [...] Nel suo ascetismo filosofico aveva accesa una lampada davanti a una cara immagine, e in questa luce mite che emanava dal suo cuore, insieme alla sua virtù aveva potuto trattenerlo un santo rispetto per la celeste creatura, che l'amore monello piglia col vischio. Il tempo che egli aveva occupato in aspettare non era stato perduto per lui e nemmeno per la bella Celestina, se è vero che anche la donna migliori nel pensiero dell'uomo che l'adora.

inviato il 12/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Emilio De Marchi (Milano 1851 – Milano 1901).

Il gioco del mondo

immagine copertina
Anders de la Motte
Il gioco del mondo
Tradotto da Elisabetta Duina
Elliot 2011
10 righe da pagina 238:

C’erano anche molti libri. Non ne fu sorpresa: a Henrik piaceva leggere, fin da piccolo. All'inizio lo aveva aiutato a imparare, ma lui apprendeva velocemente e quando aveva sei anni era bravo quanto lei. Suo padre teneva numerosi vecchi classici illustrati in una scatola, e Henrik li aveva letti più volte. Le versioni a fumetti di “Robinson Crusoe” e “Moby Dick” probabilmente avevano salvato i suoi voti in svedese per l’intero ciclo della scuola dell’obbligo. E poi lui era brillante, per cui un’occhiata veloce a un testo bastava per dare l’impressione di essere ben preparato. Davvero tipico di Hernik, campione di scorciatoie.

inviato il 12/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Errata corrige: il titolo corretto è "Il gioco"...

Si tratta del libro incentivo, pertanto ringrazio lo staff di 10righe per il regalo. Anders De la Motte (Billesholm 1971), scrittore svedese.

Jean Santeuil

immagine copertina
Marcel Proust
Jean Santeuil
Tradotto da Salvatore Santorelli
Theoria 2019
10 righe da pagina 414:

I luoghi sono persone, ma persone che non cambiano e che spesso ritroviamo dopo molto tempo, meravigliandoci di ritrovarle uguali. […] Perché i luoghi cambiano meno rapidamente degli uomini, per i quali la cortina di salici, il sentiero in salita o il mulinello dell’acqua sotto il ponte tra le ninfee sono come le fotografie che restano in una casa, irriconoscibili da parte di chi non ha mai visto le persone immortalate […] Perché nulla fuori di noi può renderci un’impressione che abbiamo avuto, tesoro che può custodirsi in un solo scrigno, la memoria, e che può essere donato agli altri solo attraverso una specie d’illusione, la poesia.

inviato il 05/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Marcel Proust (Parigi 1871 – Parigi 1922).

La terra e il riposo

immagine copertina
Gaston Bachelard
La terra e il riposo
Tradotto da Mariella Citterio e Anna Chiara Peduzzi
Red 2007
10 righe da pagina 97:

La casa illuminata nella campagna deserta è, infatti, un tema letterario che si ripete attraverso i secoli e che si ritrova in tutte le letterature. La casa illuminata è come una stella nella foresta che guida il viandante smarrito. Gli astrologi amavano affermare che il sole, nel corso dell’anno, abita le dodici case del cielo e i poeti celebrano in continuazione la luce delle lanterne come raggi di un astro intimo. […] La finestra della casa di campagna è un occhio aperto, uno sguardo rivolto alla pianura, al cielo lontano, al mondo esterno in senso profondamente filosofico.

inviato il 29/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Gaston Bachelard (Bar-sur-Aube 1884 – Parigi 1962), filosofo francese.

Senilità

immagine copertina
Italo Svevo
Senilità
RCS - Corriere della Sera
10 righe da pagina 32:

Quella sterminata vanità non l'inquietò poiché tanto gli giovava: anzi non se ne avvide. Egli, che come tutti coloro che non vivono, s'era creduto più forte dello spirito più alto, più indifferente del pessimista più convinto, guardò intorno a sé le cose che avevano assistito al grande fatto. […]
La luna non era sorta ancora, ma là, fuori, nel mare, c'era uno scintillio iridescente che pareva il sole fosse passato da poco e tutto brillasse ancora della luce ricevuta. Alle due parti, invece, l'azzurro dei promontori lontani era offuscato dalla notte più tetra. Tutto era enorme, sconfinato e in tutte quelle cose l'unico moto era il colore del mare. Egli ebbe il sentimento che nell'immensa natura, in quell'istante, egli solo agisse e amasse.

inviato il 29/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Anno edizione 2002.
Italo Svevo (Trieste 1861 – Motta di Livenza 1928).

Architettura e felicità

immagine copertina
Alain de Botton
Architettura e felicità
Tradotto da Stefano Beretta
Guanda 2016
10 righe da pagina 52:

D’altro canto, tendiamo ad attribuire il nome di “casa” a quei luoghi in cui l’aspetto corrisponde al nostro io e lo legittima. Non è indispensabile che le nostre case ci offrano un riparo permanente o che contengano i nostri vestiti per meritare questo nome. Parlare di casa in relazione a un edificio significa semplicemente riconoscere che è in armonia con il canto interiore a noi caro. [Tratto dal cap. IV – Ideali di casa. Memoria]

inviato il 22/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Alain de Botton (Zurigo 1969), scrittore svizzero.

Le consolazioni della filosofia

immagine copertina
Alain de Botton
Le consolazioni della filosofia
Tradotto da Anna Rusconi
Guanda 2016
10 righe da pagina 139:

Gli artisti e i filosofi non si limitano a mostrarci quello che abbiamo provato, ma ci sottopongono la nostra esperienza con un’intensità, un’acutezza […] dando così forma ad aspetti della nostra vita che riconosciamo come profondamente nostri anche se da soli non saremmo mai riusciti a comprenderli con altrettanta chiarezza. Ci illustrano la nostra condizione, aiutandoci così a sentirci meno soli e confusi. [Tratto dal cap. V – Consolazione per le pene d’amore – Schopenhauer]

inviato il 22/07/2019
Nei segnalibri di:

La suora giovane

immagine copertina
Giovanni Arpino
La suora giovane
Ponte alle Grazie 2017
10 righe da pagina 49:

Non so cosa sto diventando, ma so che voglio capire, vivere. Se Serena fosse qui la giornata sarebbe completamente diversa, io guarderei dalla finestra e anche il cortile vuoto della caserma, la fetta di strada grigia, il dorso delle case che montano la collina diverrebbero più comprensibili, meno estranei. Comincio a capire quanto tempo ho perduto, quante cose un uomo non ha, e non sempre per colpa sua, quanto vale la compagnia vera, l’affetto, la fiducia. Erano parole, o anche sentimenti che mi parevano logici, compiuti, e adesso li sento difficili, da conquistare. Così anche questa smania che si insinua nella mia felicità mi rende migliore, mi aiuta a capire, a forzarmi per capire di più.

inviato il 15/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Alessandro, sei nella finale settimanale di luglio.

Via dalla pazza folla

immagine copertina
Thomas Hardy
Via dalla pazza folla
Tradotto da Marco Cappani
Fermento 2015
10 righe da pagina 169:

L’allora dei cittadini è l’ora dei campagnoli. A Londra, venti o trent’anni fa è un tempo antico; a Parigi lo è dieci o cinque anni; a Weathersbury una sessantina o ottantina di anni erano inclusi nell'attuale presente, e nulla che fosse inferiore al secolo lasciava qualche traccia nel suo aspetto o nel suo tono di vita. […] Dieci generazioni non riuscivano ad alterare il giro di una sola frase. In quei remoti cantucci del Wessex i tempi antichi dell’affaccendato forestiero non sono che i tempi vecchi; i suoi tempi vecchi sono ancora nuovi: il suo presente è il futuro. Così il granaio era familiare ai tosatori, e i tosatori erano in armonia col granaio.

inviato il 01/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Thomas Hardy (Upper Bockhampton, 2 giugno 1840)

Io sono un gatto

immagine copertina
Natsume Sōseki
Io sono un gatto
Tradotto da Antonietta Pastore
Beat 2018
10 righe da pagina 23:

Poco dopo la serva porta una terza cartolina. Non illustrata, questa volta. Accanto agli auguri per l’Anno Nuovo c’è la preghiera di “porgere i migliori saluti anche al gatto”. Poiché è scritto nero su bianco, il padrone, […] non può fare a meno di capire, si volta a guardarmi e fa “uhm”, come se finalmente si accorgesse della mia presenza. Il suo sguardo, diversamente dal solito, sembra contenere un accenno di rispetto. Uno sguardo più che meritato, visto che è grazie a me se di colpo ha acquisito nuova considerazione.

inviato il 24/06/2019
Nei segnalibri di:

Il sentiero nel bosco

Il sentiero nel bosco 9 settimane 6 giorni fa

Adalbert Stifter (Oberplan 1805 – Linz 1868), scrittore austriaco.

Nebbia

Nebbia 9 settimane 6 giorni fa

Miguel de Unamuno (Bilbao 1864 – Salamanca 1936), scrittore e filosofo spagnolo.

Hotel Savoj

Hotel Savoj 10 settimane 6 giorni fa

Joseph Roth (Brody 1894 – Parigi 1939), scrittore austriaco.

Le finestre illuminate

Le finestre illuminate 10 settimane 6 giorni fa

Heimito von Doderer (Hadersdorf-Weidlingau 1896 – Vienna 1966), scrittore austriaco.

Fama tardiva

Fama tardiva 48 settimane 6 giorni fa

Arthur Schnitzler (Vienna 1862 – Vienna 1931)

Doppio sogno

Doppio sogno 48 settimane 6 giorni fa

Grazie per l'informazione! Scelgo le seguenti 10righe: http://scrivi.10righedailibri.it/paradiso-e-inferno

Doppio sogno 49 settimane 6 giorni fa

Arthur Schnitzler (Vienna 1862 – Vienna 1931)

La cripta dei cappuccini

La cripta dei cappuccini 49 settimane 6 giorni fa

Joseph Roth (Brody 1894 – Parigi 1939)

La figlia del capitano

La figlia del capitano 50 settimane 2 giorni fa

Aleksandr Sergeevič Puškin (Mosca 1799, San Pietroburgo 1837)

Demetrio Pianelli

Demetrio Pianelli 50 settimane 6 giorni fa

Emilio De Marchi (Milano 1851 – Milano 1901)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy