Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Davide Cosi

Lo Scherzo

immagine copertina
Milan Kundera
Lo Scherzo
Tradotto da Antonio Barbato
Superpocket 2005
10 righe da pagina 139:

Quella strana convinzione che le vicende che mi capitano abbiano un senso ulteriore, significhino qualcosa; che la vita con le sue vicende racconti qualcosa di sé, ci sveli gradatamente qualche suo segreto, stia davanti a noi come un rebus il cui senso è necessario decifrare, e le vicende che viviamo siano la mitologia della nostra vita e in questa mitologia stia la chiave della verità, e del mistero. Si tratta forse di un inganno? È possibile, è addirittura probabile, ma non riesco a sbarazzarmi del bisogno di decifrare continuamente la mia vita.

inviato il 12/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! :)

Ciao Davide, sei nella finale di settembre, 10 righe scelte da Voi utenti.

Milan Kundera (Brno, 1º aprile 1929) è uno scrittore, poeta, saggista e drammaturgo ceco naturalizzato francese

Ventimila leghe sotto i mari

immagine copertina
Jules Verne
Ventimila leghe sotto i mari
Tradotto da Bona Alterocca
Grandi tascabili economici Newton 2012
10 righe da pagina 153:

Mi guardai attorno e osservai alcune acqueforti che non avevo notato durante la mia visita precedente. Erano ritratti di grandi uomini, di personaggi storici la cui esistenza era stata interamente dedicata a un grande ideale umano.
Quale legame poteva esistere tra quegli spiriti eroici e il capitano Nemo?
Forse in quella galleria di ritratti era nascosta la chiave del mistero della sua vita.
Che fosse anche lui un campione dei popoli oppressi, un liberatore delle genti schiave?Era stato un protagonista negli ultimi sovvertimenti politici o sociali di questo secolo?
L'orologio che batteva le otto interruppe le mie riflessioni: già al primo rintocco mi
strappai ai miei sogni e trasalii come se un occhio invisibile avesse potuto scrutare nel più profondo dei miei pensieri.

inviato il 04/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Jules Verne (Nantes, 8 febbraio 1828 – Amiens, 24 marzo 1905), è stato uno scrittore francese.

Libro affascinante, grande classico per tutte le età, ottimo per una vacanza al mare. Coniuga in buon equilibrio avventura, curiosità e interesse per l'ignoto. Temi importantissimi trattati con cura impeccabile, che rende possibile una lettura a vari livelli.

TENERA E' LA NOTTE

immagine copertina
Francis Scott Fitsgerald
TENERA E' LA NOTTE
Tradotto da Fernanda Pivano
1997 Giulio Einaudi editore – Torino s.p.a. – 1960 – 1985 – 1997 – 2005 – 2014 1997
10 righe da pagina 220:

Si scrive di cicatrici guarite, un parallelo comodo della patologia della pelle, ma non esiste una cosa simile nella vita di un individuo.
Vi sono ferite aperte, a volte ridotte alle dimensioni di una punta di spillo, ma sempre ferite.
I segni della sofferenza sono confrontabili piuttosto con la perdita di un dito o della vista di un occhio.
Possiamo non perderli neanche per un minuto all'anno, ma se li perdessimo non ci sarebbe niente da fare.

inviato il 21/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Francis Scott Key Fitzgerald (Saint Paul, 24 settembre 1896 – Los Angeles, 21 dicembre 1940) è stato uno scrittore e sceneggiatore statunitense, autore di romanzi e racconti.

Primavera nera

Henry Miller
Primavera nera
Tradotto da Attilio Verardi
Classici Moderni Oscar Mondadori 2000
10 righe da pagina 152:

Non è né giorno né notte. È l'alba che viaggia a brevi onde al battito delle ali di un albatro. I suoni che mi giungono sono attutiti, rimbombanti, smorzati, come se i travagli dell'uomo si svolgessero sott'acqua. Sento la marea che si ritrae ma non ho paura di essere risucchiato, sento le onde che sciabordano ma non ho paura d'affogare. Cammino tra i relitti e i rottami del mondo, ma i miei piedi non sono contusi. Non c'è limite al cielo né divisione tra terra e mare. Mi muovo tra chiusa e orifizio con piede instabile, che scivola. Non annuso niente, non odo niente, non vedo niente, non avverto niente. Supino o prono, di fianco come il granchio o a spirale come un uccello, tutto è beatitudine vellutata e indifferenziata

inviato il 14/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Henry Valentine Miller (New York, 26 dicembre 1891 – Pacific Palisades, 7 giugno 1980) è stato uno scrittore, pittore, saggista e reporter di viaggio statunitense.

L' ANGELO DI NEVE

immagine copertina
RAGNAR JOASSON
L' ANGELO DI NEVE
Tradotto da ROBERTA SCARABELLI
Farfalle Marsilio 2017
10 righe da pagina 80:

Linda Christensen aveva detto che non stava bene e aveva ottenuto il permesso di tornare a casa prima. Era grata che fosse nevicato poco negli ultimi giorni. Ma il freddo era pesante, ed il buio ancora più difficile da sopportare. Lo trovava snervante. «Io vado» disse alla caposala. Linda era nata in Islanda e, pur avendo vissuto molto tempo in Danimarca, parlava l'islandese quasi alla perfezione. L'accento danese le era rimasto per un anno, dopo che era tornata, ma ormai l'aveva perso del tutto, anche se lei si sentiva ancora una specie di forestiera: più danese che islandese. Forse con il tempo le cose sarebbero cambiate. Si infilò il cappotto e si avviò verso casa.

inviato il 07/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ringrazio lo staff di Dieci Righe e la casa editrice per questo fantastico libro. :)

Ragnar Jónasson (1976-Reykjavík) vive a Reykjavík. Avvocato e giornalista, insegna diritto d’autore all’università ed è anche un noto traduttore

MOBY DICK

immagine copertina
HERMAN MELVILLE
MOBY DICK
Tradotto da Cesarina Minoli
Classici Moderni Oscar Mondadori 2004
10 righe da pagina 139:

Capisci ora, Bulkington? Sembra che tu afferri barlumi di quella verità intollerabile ai mortali, che ogni pensare serio e profondo è soltanto l'intrepido sforzo dell'anima per mantenere la libera indipendenza del suo mare, mentre i venti più selvaggi della terra e del cielo cospirano a gettarla sulla costa traditrice e servile. Ma siccome nell'assenza della terra soltanto sta la suprema verità senza rive, infinita come Dio, così meglio è perire in quell'abisso ululante che venire vergognosamente sbattuto a sottovento, anche se in questo fosse la salvezza. Poiché, allora, oh! chi vorrebbe come un verme strisciare vilmente a terra? Terrore dei terrori! È così vana tutta quest'angoscia? Coraggio, Bulkington, coraggio! Tienti ferocemente, semidio! Su dagli spruzzi della tua morte oceanica, su, in alto, balza la tua apoteosi!

inviato il 07/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Herman Melville (New York, 1º agosto 1819 – New York, 28 settembre 1891) è stato uno scrittore, poeta e critico letterario statunitense

MOBY DICK

immagine copertina
HERMAN MELVILLE
MOBY DICK
Tradotto da Cesarina Minoli
Classici Moderni Oscar Mondadori 2004
10 righe da pagina 138:

Le cose più meravigliose sono sempre quelle inesprimibili, le memorie profonde non concedono epitaffi: questo capitolo lungo sei pollici è la tomba senza lapidi di Bulkington. Voglio dire soltanto che accadeva a lui come a una nave travagliata da fortuna, che trascorre miseramente lungo la costa a sottovento. Il porto sarebbe disposto a darle riparo, il porto è misericordioso, nel porto c'è sicurezza, comodità, focolare, cena, coperte calde, amici, tutto ciò che è benevolo al nostro stato mortale. Ma in quel vento di burrasca il porto, la terra, sono il pericolo più crudele per la nave. Bisogna ch'essa fugga ogni ospitalità; un urto solo della terra, anche se soltanto sfiorasse la chiglia, farebbe rabbrividire il bastimento da cima a fondo. Con ogni sua forza, esso spiega tutte le vele per scostarsi e, così facendo, combatte proprio coi venti che lo vorrebbero portare in patria, torna a cercare l'assenza di terra del mare sconvolto, precipitandosi per amor della salvezza perdutamente nel pericolo: il suo unico amico è il suo nemico più accanito!

inviato il 07/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Herman Melville (New York, 1º agosto 1819 – New York, 28 settembre 1891) è stato uno scrittore, poeta e critico letterario statunitense

Il vagabondo delle stelle

immagine copertina
Jack London
Il vagabondo delle stelle
Tradotto da Stefano Manferlotti
Adelphi 2005
10 righe da pagina 79:

È la vita a costituire l'unica realtà e il vero mistero. La vita è molto di più che semplice materia chimica, che nelle sue fluttuazioni assume quelle forme elevate che ci sono note. La vita persiste, passando come un filo di fuoco attraverso tutte le forme prese dalla materia. Lo so. Io sono la vita. Sono passato per diecimila generazioni, ho vissuto per milioni di anni, ho posseduto numerosi corpi. Io, che ho posseduto tali corpi, esisto ancora, sono la vita, sono la favilla mai spenta che tuttora divampa, colmando di meraviglia la faccia del tempo, sempre padrone della mia volontà, sempre sfogando le mie passioni su quei rozzi grumi di materia che chiamiamo corpi e che io ho fuggevolmente abitato.

inviato il 03/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Jack London, nome completo John Griffith Chaney London (San Francisco, 12 gennaio 1876 – Glen Ellen, 22 novembre 1916), è stato uno scrittore e giornalista statunitense

Martin Eden

immagine copertina
Jack London
Martin Eden
Tradotto da Oriana Previtali
Biblioteca Universale Rizzoli 2000
10 righe da pagina 42:

Passato, presente e futuro si fondevano mentre lui fluttuava attraverso quel mondo vasto e caldo, attraverso grandi avventure e gesta nobili compiute per lei, sì, proprio per lei e per conquistarla, abbracciandola e portandola con sé in volo attraverso l'empireo regno della sua mente. E lei, lanciandogli un'occhiata laterale da sopra la sua spalla, vide qualcosa di tutto questo sul suo viso. C'era un volto trasfigurato, con due grandi occhi brillanti che indagavano oltre il velo del suono riuscendo a scorgerne al di là il palpito e il battito della vita, i giganteschi fantasmi dello spirito. Ne rimase colpita. Il villano impacciato e rozzo era scomparso. I vestiti maltagliati, le mani scorticate, il viso bruciato dal sole c'erano sempre, ma parevano essersi trasformati nelle sbarre di una prigione attraverso cui lei vide affacciarsi un'anima nobile, anche se incapace di rivelarsi, istupidita dalla debolezza di quelle labbra che non le permettevano di esprimersi. Le riuscì di vedere quell'anima solo per un attimo, poi le riapparve l'uomo selvatico e allora sorrise della propria capric

inviato il 24/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

"capricciosa fantasia."

Jack London, nome completo John Griffith Chaney London (San Francisco, 12 gennaio 1876 – Glen Ellen, 22 novembre 1916), è stato uno scrittore e giornalista statunitense

Lo Straniero

immagine copertina
Albert Camus
Lo Straniero
Tradotto da S.C. Perroni
Assaggi di narrativa Bompiani 2001
10 righe da pagina 37:

Anch'io come tutti, avevo letto dei racconti sui giornali. Ma certo esistevano libri speciali che non ho mai avuto la curiosità di consultare; in essi forse avrei trovato dei racconti di evasione. Avrei saputo che almeno in un caso la ruota si era fermata, che in quel precipitare irresistibile, una sola volta, il caso e la fortuna avevano cambiato qualcosa. Una volta! In fondo credo questo mi sarebbe bastato: il mio cuore avrebbe fatto il resto.

inviato il 17/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Albert Camus (Mondovi, 7 novembre 1913 – Villeblevin, 4 gennaio 1960) è stato uno scrittore, filosofo, saggista, drammaturgo e attivista francese.

Pride and Prejudice

immagine copertina
Jane Austen
Pride and Prejudice
Penguin Classics 1972
10 righe da pagina 390:

I am the happiest creature in the world. Perhaps other people have said so before, but not one with such justice. I am happier even than Jane; she only smile, I laugh. Mr Darcy sends you all the love in the world, that he can spare from me.

inviato il 29/08/2017
Nei segnalibri di:

Bruges la morta

immagine copertina
Georges Rodenbach
Bruges la morta
Tradotto da Catherine McGilvray
Fazi 2017
10 righe da pagina 46:

Egli possedeva ciò che si può chiamare "il senso della somiglianza": un senso supplementare, gracile e malaticcio, che univa le cose con mille fili sottilissimi, legava gli alberi con tele di ragno, creava una telegrafia immateriale tra la sua anima e le torri inconsolabili.
Per questo aveva scelto Bruges; Bruges da cui il mare si era ritirato, portando via con sé un'antica felicità.

inviato il 29/08/2017
Nei segnalibri di:

Nessuno accendeva le lampade

immagine copertina
Felisberto Hernández
Nessuno accendeva le lampade
Tradotto da Francesca Lazzarato
La nuova frontiera 2012
10 righe da pagina 9:

Lei sorrise e abbassò gli occhi. Così potei guardarle la bocca, che era molto grande. Il movimento delle labbra, che si allungavano verso i lati, sembrava non finire più; ma i miei occhi esaminavano con piacere quella distesa di rosso umido.
Forse vedeva attraverso le palpebre, o pensava che quel mio silenzio non promettesse nulla di buono, perchè chinò ancora di più la testa e nascose il volto. Ora mostrava tutta la massa dei capelli; in un vortice delle onde le si vedeva un pò di pelle, e mi venne in mente una gallina cui il vento avesse scarruffato le piume, rivelando la carne. Mi piaceva immaginare che quella testa fosse una gallina umana, grande e calda; il suo calore doveva essere molto delicato e i capelli erano una sorta di finissime piume.

inviato il 29/08/2017
Nei segnalibri di:

The Fate of the Tearling

immagine copertina
Erika Johansen
The Fate of the Tearling
Tradotto da Marco Piva
Multiplayer Edizioni 2017
10 righe da pagina 30:

Esaminandolo con il senno di poi, il periodo di reggenza durante il regno della regina Glynn non è stato un vero periodo di reggenza. Il ruolo di un reggente è elementare: proteggere il trono e fungere da barriera contro qualunque usurpatore durante un periodo di assenza del monarca legittimo. Essendo per natura un guerriero, Mazza Chiodata era perfettamente adatto a quel ruolo. Ma tale scorza esterna nascondeva anche un politicante scaltro e, in maniera forse ancor più sorprendente, un credente devoto nella visione della regina Glynn. Nel periodo successivo al fallimento della seconda invasione dei Mort, il reggente non è rimasto tranquillamente in attesa della sua signora: ha anzi concentrato tutti i suoi cospicui talenti verso la realizzazione della sua visione, del suo Tearling.

inviato il 28/08/2017
Nei segnalibri di:

Memorie di Adriano

immagine copertina
MARGUERITE YOURCENAR
Memorie di Adriano
Tradotto da Lidia Storoni Mazzolani
Einaudi 1974
10 righe da pagina 169:

Il mio bisogno di ferire quella tenerezza ombrosa,che rischiava di costituire un impaccio nella mia vita,non era esente da angoscia.Durante un viaggio nella Troade,visitammo la pianura dello Scamandro sotto un livido cielo da bufera ;l'inondazione,i cui danni ero venuto a ispezionare sul luogo,trasformava in isolotti gli antichi sepolcri.Per alcuni istanti mi raccolsi sulla tomba di Ettore;Antinoo andò a sognare su quella di Patroclo. Non seppi riconoscere nel cerbiatto che m'accompagnava l'emulo del camerata di Achille,e schermii le fedeltà appassionate che fioriscono soprattutto nei libri;e la bella creatura insultata arrossì a sangue.La franchezza era sempre più la sola virtù alla quale mi costringevo; mi accorgevo che le discipline eroiche di cui la Grecia ha pervaso l'affetto d'un uomo maturo per un compagno più giovane spesso non sono per noi che ipocrite smancerie.

inviato il 28/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Pagina 167...
Marguerite Yourcenar nata a Bruxelles 8.6 1903 -Norteast Harbor Maine -D.17.12.1987

Rimbaud Poesie

immagine copertina
Arthur Rimbaud
Rimbaud Poesie
Tradotto da Gian Piero Bona
Edizione CDE su licenza Giulio Einaudi 1990
10 righe da pagina 253:

Le sere estive, all'occhio ardente di facciate, quando la linfa freme nelle oscure grate radiante ai piedi dei castani delicati, fuori dai crocchi neri, allegri o ritirati, i baciasigari o i succhia pipa-dura, nel chiosco ove mi sperdo, stretto mezze-mura, -d'Ibled rosseggiain alto la pubblicità, -penso che un rombo d'acqua chiara gelerà d'inverno il Tibet, placando l'umana piena,-e l'aspro vento non risparmi alcuna vena.

inviato il 28/08/2017
Nei segnalibri di:

L'alba del Tempo

immagine copertina
Francesco Coratti
L'alba del Tempo
Amazon Kindle
10 righe da pagina 240:

«Tutto fu architettato da un gruppo di uomini che si faceva chiamare…» e sbirciò sul taccuino per leggere: «la setta occulta degli dei.»
«Inquietante» commentò Julie.
«Secondo la ricostruzione, questi loschi individui erano devoti a Giove, Giunone o il Sol Invictus, il Dio Sole. Tra l’altro, l’imperatore Costantino raffigurò il Sol Invictus sulla sua moneta ufficiale. Per farla breve: la setta occulta degli dei decise di confondersi tra i cristiani, corrompendo le anime più deboli e intaccando lo spirito dei padri fondatori. La Chiesa divenne un sistema gerarchico basato sul potere e sulla ricchezza, tanto che ci vollero quasi mille anni prima che un uomo, il santo di Assisi, riuscisse a riportare un po’ di luce nelle tenebre in cui versava.»
«E i fratelli custodi?»
«Ci sto arrivando» rispose Paolo.

inviato il 23/08/2017
Nei segnalibri di:

Impulsi Ribelli

immagine copertina
Francesco Coratti
Impulsi Ribelli
Amazon Kindle
10 righe da pagina 256:

A volte capita di avere il pieno controllo dei nostri giorni e di sentire il tempo come un compagno di viaggio. Siamo portati a credere che la sorte ci abbia riservato un posto in prima fila. Spavaldi, diamo un po’ tutto per scontato e, ingenuamente, aspettiamo che arrivi la prossima fermata, la nostra, quella che avevamo programmato. Altre volte, invece, siamo fermi senza una prospettiva, senza speranze, indecisi, come se il tempo ci avesse mollato alla prima fermata e scaricato lì come una vecchia valigia. Aspettiamo che il fato ci liberi, ci riscatti. Siamo convinti che una spinta, per noi, potrebbe fare la differenza. Più di rado, però, succede che l’impulso a cambiare giunga dal nostro intelletto, un impulso ribelle, senza pregiudizi, incurante del treno che ci trasporta oppure di quello che attendiamo alla stazione. Per un fuggevole istante, allora, scopriamo che il destino è come una zavorra. Quello è il momento in cui tutto può cambiare.

inviato il 23/08/2017
Nei segnalibri di:

La vera storia del pirata Long John Silver

immagine copertina
Bjorn Larsson
La vera storia del pirata Long John Silver
Tradotto da Roberto Mussapi
Iperborea 1999
10 righe da pagina 364:

Non volevo deluderlo, perciò diedi un'occhiata più intensa ai tre. e quando furono abbastanza vicini, non tardai a riconoscerli. Erano proprio tre uomini di Taylor, tre semplici marinai che non si erano mai fatti notare né avevano mai fatto niente di eccezionale. Come molti altri si erano uniti a noi quando avevano catturato la loro nave. Odiavano il loro capitano, mangiavano poco e male, dovevano lavorare come muli per la mancanza di equipaggio, non avevano nulla in cui sperare, né per il presente né per l'avvenire. Niente di straordinario, dunque, a quanto ne sapevo. Avevano solo cercato di addolcire un po' la loro misera esistenza. E per questo sarebbero stati impiccati.

inviato il 24/08/2017
Nei segnalibri di:

703 ragioni per dire di sì

immagine copertina
L.F. Koraline
703 ragioni per dire di sì
Newton Compton 2016
10 righe da pagina 218:

Per mesi ho sognato a occhi aperti l'audace e seducente personaggio di E.L.James. Morivo dalla voglia di incontrare un tipo come lui.
Affascinante, folle, controverso e sensuale.
Forse l'autrice ha conosciuto Damon Blake e si è ispirata a lui, dovrei cercarla per chiederle conferma della mia teoria.
Certo, è stupendo fantasticare su un personaggio così problematico, tenebroso, affascinante, ma viverlo è tutta un'altra faccenda. Quando salta fuori dal tuo libro preferito e si materializza davanti ai tuoi occhi, realmente, ti rendi conto che non è così semplice affrontarlo.
L'ho sognato così tanto che alla fine ha preso forma e vita incarnandosi in Damon Blake e nella sua folle personalità. Da non credere.
Avrei dovuto concentrarmi di più su Harry Potter, quanto meno adesso volerei su una Nimbus 2000 durante una partita di Quidditch a Hoqwarts e non sarei qui a morire si dolore

inviato il 24/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Rosaneve, ora è tutto ok ;)

Lo Scherzo

Lo Scherzo 2 giorni 6 ore fa

Grazie! :)

Lo Scherzo 1 week 1 giorno fa

Milan Kundera (Brno, 1º aprile 1929) è uno scrittore, poeta, saggista e drammaturgo ceco naturalizzato francese

Ventimila leghe sotto i mari

Ventimila leghe sotto i mari 2 settimane 2 giorni fa

Jules Verne (Nantes, 8 febbraio 1828 – Amiens, 24 marzo 1905), è stato uno scrittore francese.

Ventimila leghe sotto i mari 2 settimane 2 giorni fa

Libro affascinante, grande classico per tutte le età, ottimo per una vacanza al mare. Coniuga in buon equilibrio avventura, curiosità e interesse per l'ignoto. Temi importantissimi trattati con cura impeccabile, che rende possibile una lettura a vari livelli.

Libri da leggere in vacanza

Libri da leggere in vacanza 2 settimane 2 giorni fa

''Sogni di sogni'' di Antonio Tabucchi

TENERA E' LA NOTTE

TENERA E' LA NOTTE 4 settimane 2 giorni fa

Francis Scott Key Fitzgerald (Saint Paul, 24 settembre 1896 – Los Angeles, 21 dicembre 1940) è stato uno scrittore e sceneggiatore statunitense, autore di romanzi e racconti.

Primavera nera

Primavera nera 5 settimane 2 giorni fa

Henry Valentine Miller (New York, 26 dicembre 1891 – Pacific Palisades, 7 giugno 1980) è stato uno scrittore, pittore, saggista e reporter di viaggio statunitense.

L' ANGELO DI NEVE

L' ANGELO DI NEVE 6 settimane 2 giorni fa

Ringrazio lo staff di Dieci Righe e la casa editrice per questo fantastico libro. :)

L' ANGELO DI NEVE 6 settimane 2 giorni fa

Ragnar Jónasson (1976-Reykjavík) vive a Reykjavík. Avvocato e giornalista, insegna diritto d’autore all’università ed è anche un noto traduttore

MOBY DICK

MOBY DICK 6 settimane 2 giorni fa

Herman Melville (New York, 1º agosto 1819 – New York, 28 settembre 1891) è stato uno scrittore, poeta e critico letterario statunitense

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy