Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di piacere.paola

LA LETTERA D'AMORE

immagine copertina
Cathleen Schine
LA LETTERA D'AMORE
Gli Adelphi
10 righe da pagina 230:

"Le lettere si fraintendono così facilmente. Però puoi leggerle e ricorreggerle finchè non vengono proprio come vuoi. Non è come quando si parla. Certo, una lettera la puoi progettare, migliorare; puoi renderla più gradevole, più aspra, puoi cambiare idea. Ma una volta spedite, le lettere non possono cambiare, nè crescere, nè farsi influenzare, nè ritirarsi timidamente. Niente intonazioni, niente variazioni di volume, niente alterazioni dei lineamneti che possano ammorbidire le parole o chiare un pensiero. Le lettere sono concrete. Sono storia. Si, pensò Johnny, ma una lettera è anche effimera. Nel momento in cui la infili in una busta cambia completamente. Finisce di essere mia, diventa tua. Quello che volevo dire io è sparito. Resta solo quello che capisci tu. Aprila: c'è dentro solo quello che ci vedi tu, nient'altro."

inviato il 08/06/2011
Nei segnalibri di:

Il profumo

immagine copertina
Patrick Süskind
Il profumo
TEA
10 righe da pagina 45:

"Quell'odore era un miscuglio di fugace e di intenso, no, non un miscuglio, un tutto unico, e inoltre era debole e lieve e tuttavia forte e deciso, come una pezza di sotile seta cangiante... ma no, neppure come seta, bensì come un latte dolcissimo, in cui il biscotto si scioglie... (...)
Indescrivibile ,quell'odore, indescrivibile, impossibile classificarlo in qualche modo, in realtà non poteva esistere. E tuttavia era là, nella sua splendida naturalezza. Grenouille lo seguì, con il cuore che batteva ansioso, poichè sentiva che non era lui a seguire il profumo, bensì il profumo ad averlo catturato, e ora lo attirava irresistibilmente a sè."

inviato il 04/05/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Libro straordinario, coinvolgente!

La memoria olfattiva è incredibilmente forte...

OCEANO MARE

immagine copertina
A. BARICCO
OCEANO MARE
BUR
10 righe da pagina 165:

"Io non ti seguirò André. Non mi ricostruirò nessuna vita, perchè ho appena imparato ad esser la dimora che è stata la mia. E mi piace. Non voglio altro. Lo capisco, le tue isole lontane, e capisco i tuoi sogni, i tuoi progetti. Ma non esiste più una strada che mi potrebbe portare laggiù. E non potrai inventarla tu, per me, su una terra che non c'è. Perdonami, mio amato amore, ma non sarà mio, il tuo futuro."

inviato il 02/05/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

un tempo era il mio libro preferito in assoluto... poi si cresce e bisogna rivolgere l'amore anche a tantissimi altri libri!

Belle!

FACCIAMO UN GIOCO

immagine copertina
Emmanuel Carrère
FACCIAMO UN GIOCO
Einaudi
10 righe da pagina 33:

"Ecco, è tutto pronto, vi ricordo le regole del gioco: in questa carrozza ristorante ci sono un certo numero di uomini e donne che hanno letto questa storia, e che, con scopi reconditi differenti ma sostanzialmente sessuali, cercano di identificarne l'eroina. L'eroina sei tu, ma sei l'unica a saperlo e le altre donne fanno finta di essere te. (...) In più, contrariamente all'eroina, loro hanno letto la storia fino alla fine e quindi sanno cosa succede nelle poche pagine che rimangono. Questa situazione mi fa impazzire, mi fa impazzire che , grazie a "Le Monde" si svolga REALMENTE, ma in compenso non ho più idea di come fare a controllarla."

inviato il 01/05/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Anche io adoro Pirandello, care Elena e Paola, e quando nella vita di tutti i giorni ho difficoltà di comunicazione, penso a lui e alle sue opere!

Bravissima Elena! hai colto nel segno... "Uno, nessuno e centomila" è il mio manuale di vita.

Difficilmente gli altri ci comprendono...grande Pirandello!

Come ci si immagina le cose e come vanno realmente a finire... Come le nostre fantasie (che magari ci sembrano "innocenti") possono venire interpretate diversamente dagli altri a seconda della propria cultura e del proprio modo d'essere...

SE TU FOSSI QUI

immagine copertina
Maria Pia Ammirati
SE TU FOSSI QUI
Cairo Editore
10 righe da pagina 157:

"Mi ricordai di una sfuriata Luisa con il barista del mare, una mattina quando aveva chiesto il cornetto e lo aveva preparato, come ora, un cornetto congelato. Si era rifiutata di mangiarlo e aveva fatto mille storie sul cibo sano, sui grassi saturi, sul tipo di conservazione. Ci avevano accompagnati alla porta e mentre lei ancora inveiva io ridevo come un matto, perchè mi sembrava tutto così assurdo, così spropositato per un solo cornetto uguale a mille altri cornetti disseminati nel mondo. Avrei comperato anche io un forno a microonde per scaldare i cornetti la mattina e avrei sovvertito ad una delle prime regole di Luisa, che voleva una cucina sana ad ogni costo, ma l'avrei fatto per far sorridere le bambine, per cominciare una vita nuova. Saremmo partiti dal cornetto congelato e avremmo fatto piazza pulita della vita di prima, che nonostante tutte le cautele ci aveva tirato un pugno nello stomaco.Si trattava di ripartire, stavolta senza troppi preparativi."

inviato il 01/05/2011
Nei segnalibri di:

Paura di volare

immagine copertina
Erica Jong
Paura di volare
Tradotto da Marisa Caramella
Bompiani 1978
10 righe da pagina 124:

Giacemmo abbracciati nel letto. Esaminammo le nostre nudità con tenerezza e divertimento. La cosa migliore nel fare l'amore con un altro uomo dopo anni e anni di matrimonio è la riscoperta del corpo maschile. Il corpo del marito diventa praticamente una cosa sola con il tuo. Sai tutto di lui, come sai tutto di te stessa. Ne conosci tutti gli odori e i sapori, le curve, i peli e le voglie. Ma Adrian per me era come un paese inesplorato. Lo esplorai a caso con la lingua.Cominciai dalla bocca e scesi verso il basso. Il collo robusto, bruciato dal sole. Il petto coperto di peli rossastri e ricciuti. La pancia un pò grassoccia...diversa da quella piatta e scura di Bennet. Il pene roseo...

inviato il 22/06/2011
Nei segnalibri di:

Una donna

immagine copertina
Sibilla Aleramo
Una donna
Feltrinelli
10 righe da pagina 117:

Dicevo che quasi tutti i poeti nostri hanno finora cantato una donna ideale, che Beatrice è un simbolo e Laura un geroglifico, e che se qualche donna ottenne il canto dei poeti nostri è quella ch'essi non potettero avere: quella ch'ebbero e che diede loro dei figli non fu neanche da essi nominata. Perchè continuare ora a contemplar in versi una donna metafisica e praticare in prosa con una fantesca anche se avuta in matrimonio legittimo? Perchè questa innaturale scissione dell'amore? Non dovrebbero i poeti per primi voler vivere una nobile vita, intera e coerente alla luce del sole?
Un'altra contraddizione, tutta italiana, era il sentimento quasi mistico che gli uomini hanno verso la propria madre, mentre così poco stimano tutte le altre donne.

inviato il 23/06/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Roberto, forse non tutti niacchiano, ma sono sicura che soprattutto non tutti capiscano...!

Vedi, Giada, gli uomini capiscono, capiscono ma nicchiano. Sai...i diritti acquisiti.

La Aleramo ha sintetizzato quello che è il pensiero di tutte! Roberto mi fa piacere che tu capisca :)

Che dire? Inutile intrupparsi in vaghe giustificazioni. AVETE RAGIONE.

Parole sante!!!

Il coperchio del mare

immagine copertina
Banana Yoshimoto
Il coperchio del mare
Tradotto da Alessandro Giovanni Gerevini
Universale Economica Feltrinelli 2010
10 righe da pagina 63:

Da quando sono tornata qui, continuo a ricordare il passato. La nostalgia è diventata la forza che mi fa muovere. Cosa che, a prima vista, può anche sembrare positiva. La verità, invece, è che sono rivolta al passato. Esattamente come quelli che continuano a pensare al vecchio amato, anche secoli dopo la separazione.
Non so come cambierà qesto paese in futuro. Io comunque vado in giro ogni giorno camminando su queste mie gambe con la voglia di accarezzare la terra. Perché sulle strade seminate di amore alla fine sbocciano i fiori.Da quando sono tornata qui, continuo a ricordare il passato. La nostalgia è diventata la forza che mi fa muovere. Cosa che, a prima vista, può anche sembrare positiva. La verità, invece, è che sono rivolta al passato. Esattamente come quelli che continuano a pensare al vecchio amato, anche secoli dopo la separazione.Non so come cambierà questo paese in futuro. Io comunque vado in giro ogni giorno camminando su queste mie gambe con la voglia di accarezzare la terra. Perché sulle strade seminate di amore alla fine sbocciano i fiori.

inviato il 09/05/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Simone ti prego lascia indenni le dita di chi si occupa dele spedizioni!!!!!!!!!!! Scherzi a parte, ormai vivendo qui, nell'isola più bella del mondo!, mi sono rassegnata ai ritardi, e non solo delle spedizioni...Spero solo che prima o poi sarò premiata per la mia pazienza:))Un bacione a te!

Commento Corretto: Per Simone Saveri: dato che ancora aspetto il libro che mi avevi generosamente "girato" con una tua vittoria dei segnalibri, vorrei ricambiare donando a te questo libro incentivo vinto con "Il coperchio del mare": chissà che tu non riesca a riceverlo prima di me!!!!!!!!!!!Buona lettura!:)

Staff di dieci righe, non vi voglia sembrare che non abbia gradito la vittoria: sono strafelice; desidero solo ricambiare la generosità mostrata in passato da Simone, sperando di vincerne ancora tanti da tenere sicuramente con me!!!Grazie di nuovo a tutti:)

Grazie a tutti!!!!!!!!
Adesso il credito sale a sei!!!!!!!!!:))

Complimenti, ti sei aggiudicata il libro incentivo per le 10 righe più gradite dagli utenti!

Bello

Bello!

belli i libri di Banana Yoshimoto

grazie grazie grazie!

Tristano muore

immagine copertina
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Feltrinelli 2004
10 righe da pagina 51:

Tu non t'immagini neppure come possono finire all'improvviso certi agosti che sbattono contro un settembre anticipato, come un'automobile finita contro un albero, e si accartocciano, si afflosciano come una fisarmonica che perde fiato. Tanta arroganza per le canicole dell'Assunta o quando il cielo notturno fra i fuochi d'artificio di San Lorenzo e i sensi sembrano così pieni e la vita una caverna dalle volte altissime, invece quattro gocce di pioggia, il tempo di un coriandolo e un giorno solo si inghiotte quel mese turgido e tronfio... Anche la vita è così, come l'agosto, ti accorgi che è scaduta dal dire al fare, quando non te lo aspettavi proprio, l'elastico si è ritirato e non si allungherà mai più...

inviato il 09/05/2011
Nei segnalibri di:

La fattoria degli animali

immagine copertina
Geroge Orwell
La fattoria degli animali
Tradotto da Bruno Tasso
Arnoldo Mondadori Editore 1947
10 righe da pagina 99:

Benjamin sentì un naso strofinarsi contro la sua spalla. Guardò. Era Berta. I suoi vecchi occhi erano più appannati che mai. Senza dir nulla, lo tirò gentilmente per la criniera e lo portò nel grande granaio ove erano scritti i Sette Comandamenti. Per qualche istante ristette fissando la parete scura e le lettere bianche.
«La mia vista si indebolisce» disse infine. «Anche quando ero giovane non riuscivo a leggere ciò che era scritto qui. Ma mi pare che la parete abbia un altro aspetto. I Sette Comandamenti sono gli stessi di prima Benjamin?»
Per una volta Benjamin consentì a rompere la sua regola e lesse ciò che era scritto sul muro. Non vi era scritto più nulla, fuorché un unico comandamento. Diceva:

TUTTI GLI ANIMALI SONO EGUALI
MA ALCUNI ANIMALI SONO PIÙ EGUALI DEGLI ALTRI

inviato il 08/05/2011
Nei segnalibri di:

Todo modo

immagine copertina
Leonardo Sciascia
Todo modo
Adelphi 2003
10 righe da pagina 92:

"La trave: dalla prima volta che ho letto questo passo o che l'ho sentito, sempre ho pensato a Polifemo che si strappa dall'occhio la trave fumigante... E chissà se a Gesù non sarà accaduto di sentire da un qualche cantastorie l'avventura di Ulisse, o da un mercante... Pensi quanto poco noi conosciamo della vita di Gesù: come se ciascuno di noi trovasse dei testimoni della propria vita dal momento in cui io sono stato ordinato sacerdote, lei è entrato nella magistratura, il commissario nella polizia, il professore" indicando me "ha fatto la sua prima mostra; e così via... E la nostra vita conta sì per il fatto che io sono prete, lei giudice, il commissario commissario e il professore pittore: ma l'infanzia, l'adolescenza, i luoghi in cui siamo vissuti, le persone tra cui abbiamo passato l'infanzia, l'adolescenza, la giovinezza? E i libri che abbiamo letto, e gli amori, e gli inganni? E possiamo fare anche a meno dell'adolescenza e della giovinezza: ma un uomo è quale i primi dieci anni della vita lo hanno fatto; e nulla sappiamo di lui se nulla sappiamo di questi suoi dieci anni..."

inviato il 09/05/2011
Nei segnalibri di:

La solitudine del satiro

immagine copertina
ennio flaiano
La solitudine del satiro
adelphi 1996
10 righe da pagina 353:

La disattenzione è il modo più diffuso di leggere un libro, ma la maggior parte dei libri oggi non sono soltanto letti ma scritti con disattenzione. Oppure con un'attenzione che fa parte dell'intesa autore-lettore. Si legge come si fuma, per tenere occupate le mani e gli occhi. Libri già cominciano a trovarsi abbandonati sui sedili dei treni. Sono stati letti per abitudine, per noia, per orrore del vuoto e di se stessi. Tra i vizi, la lettura, come diceva Valéry Larbaud, è il vizio impunito, ma in certi casi smettere di leggere come di fumare può evitare gravi conseguenze.

inviato il 03/05/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

...mi spiace aver creato polemiche inutilii...non sono su facebook, ma mi piacerebbe far sapere a quel signore che la mia edizione adelphi è del '96 (ovviamente ed evidentemente è una ristampa) e che IO SONO ABRUZZESE E ADORO FLAIANO...che tra l'altro è il mio autore preferito ed è morto nel '72, anno della mia nascita!!!!e ogni sua riflessione è per me fonte di ispirazione, divertimento, amarezza, follia, surrealismo.....e chi più ne ha più ne metta!è difficilissimo scegliere 10 righe dai suoi libri, per l'abbondanza di idee che ci ha regalato!grazie a voi per il sostegno e spero anch'io che quel signore fosse ironico;)

Tiziana, mi hai tolto le parole di bocca!!!;))

Patti, temo che il "Signor" Alessandro Paesano non abbia ben chiaro il meccanismo per postare su 10righe: come si dovrebbe riportare la pag. della prima ed. dei brani postati, se si possiede "solo" una risampa???Se fossi su facebook ti avrei sostenuto anche lì:))

Tiziana, su Facebook http://www.facebook.com/10righedaiLIBRI ho condiviso le tue 10 righe e qualcuno a commentato... spero ironicamente :))

...dipende sempre da chi legge e da cosa legge!!!!
comunque ovviamente Flaviano è noto per la sua, a volte anche esagerata, ironia...

Temo sia la consapevolezza di sè che se ne può ottenere...

Mentre le gravi conseguenze del fumo sono ormai note a tutti, mi sfugge del tutto quali potrebbero essere quelle provocate dalla lettura.

Cronache marziane

immagine copertina
Ray Bradbury
Cronache marziane
Tradotto da Giorgio Monicelli
Arnoldo Mondadori Editore 2010
10 righe da pagina 302:

La vita sulla Terra non si è mai composta in qualcosa di veramente onesto e nobile. La scienza è corsa troppo innanzi agli uomini, e troppo presto, e gli uomini si sono smarriti in un deserto meccanizzato, come bambini che si passino di mano in mano congegni preziosi, che si balocchino con elicotteri e astronavi a razzo; dando rilievo agli aspetti meno degni, dando valore alle macchine anzi che al modo di servirsi delle macchine. Le guerre, sempre più gigantesche, hanno finito per assassinare la Terra. … Ecco perché noi siamo fuggiti.

inviato il 03/05/2011
Nei segnalibri di:

I testamenti traditi

immagine copertina
Milan Kundera
I testamenti traditi
Tradotto da Ena Marchi
Adelphi Edizioni 1994
10 righe da pagina 90:

Che cos'è l'estasi?(...) Estasi significa essere "fuori di sé", come dice l'etimologia della parola greca: uscir fuori dalla propria posizione (stàsis). Essere "fuori di sé" non significa essere fuori dal momento presente, come il sognatore che evade verso il passato o verso il futuro. Significa esattamente il contrario: l'estasi è infatti l'identificazione assoluta con l'attimo presente, oblio totale del passato e del futuro. Quando il passato e il futuro vengono cancellati, l'attimo presente si trova in uno spazio vuoto, fuori dalla vita e dalla sua cronologia, fuori dal tempo e da esso indipendente (perciò è paragonabile all'eternità, anch'essa negazione del tempo).(...)L'uomo desidera l'eternità ma può averne soltanto il surrogato: l'attimo dell'estasi.

inviato il 26/04/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Giusto vivere nel presente, non nel passato!

Bellissimo...

Lettere d’amore

immagine copertina
Ugo Foscolo
Lettere d’amore
Rizzoli 2005

…Abbandonandoti, mi conforto nella certezza di averti fatto sentire tutta la vivacità della tua anima, e di essere stato amato da te quanto tu possa amare mai. Vivi sicura che il tuo amico non ti farà mai arrossire della tua passione per lui; e che non oserà amare altre donne, perché non troverà più niuna che somigli alla sua celeste Antonietta. Ti giuro ciò che ho tante volte giurato nelle mie lettere, e tante volte confondendo i miei sospiri ai tuoi baci: Tu sarai l’ultimo eterno amore di questo giovine sfortunato. Ma io ti rendo nel tempo stesso il tuo cuore, che mi hai un tempo donato con tanto candore. Tu mi hai fatto per tre mesi sentire tutta tutta la felicità della vita; e abbandonandomi, mi lasci un tesoro di tenere e soavi memorie. Devo io farti miseria con la mia insistenza? ... ... non mi lagnerò se tu amerai un altro, e se ti scorderai perpetuamente di me. Serba le mie lettere: quando più né l’amore, né alcun dolce sentimento ti parleranno di me... io ti prego di serbarle almeno come deposito confidato a te dall’amicizia...

inviato il 27/04/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Vero amore trasuda da queste righe. Grazie per avercele fatte rileggere!

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 8 years 1 week fa

Avvicinandosi vide Filippo Brunelleschi, accompagnato, come sempre ultimamente, da un giovane apprendista che, malgrado non lavorasse nella sua bottega e avesse solo quindici anni, si era guadagnato l'amicizia del maestro e, con essa, il rispetto di tutti gli altri artisti della sua cerchia.

Il profumo

Il profumo 8 years 6 settimane fa

La memoria olfattiva è incredibilmente forte...

La solitudine del satiro

La solitudine del satiro 8 years 6 settimane fa

Temo sia la consapevolezza di sè che se ne può ottenere...

Il punto sublime

Il punto sublime 8 years 6 settimane fa

C'è una bellissima canzone di Max Pezzali, della quale in questo momento non ricordo il titolo, che dice: "L'unico istante è quello presente..". Vorrei sapere investire solo nell'istante presente, e sarebbe sicuramente la cosa migliore. Grazie per gli auguri Mel Va...

Il punto sublime 8 years 6 settimane fa

Un po' mi rappresentano questi dieci righe: ho voluto fortemente la vita che ora mi sta stretta e non sopporto più. Si cambia. Inoltre da giovani spesso si è offuscati da quello che io chiamo "senso di onnipotenza", che spinge a dire: "a me non capiterà". Domani compio 45 anni. E posso dire: "A me è capitato".

FACCIAMO UN GIOCO

FACCIAMO UN GIOCO 8 years 7 settimane fa

Bravissima Elena! hai colto nel segno... "Uno, nessuno e centomila" è il mio manuale di vita.

FACCIAMO UN GIOCO 8 years 7 settimane fa

Come ci si immagina le cose e come vanno realmente a finire... Come le nostre fantasie (che magari ci sembrano "innocenti") possono venire interpretate diversamente dagli altri a seconda della propria cultura e del proprio modo d'essere...

I testamenti traditi

I testamenti traditi 8 years 7 settimane fa

Bellissimo...

stanze nascoste

stanze nascoste 8 years 7 settimane fa

Il nero è in ognuno di noi, e - personalmente - esserne cosciente a volte dà senso ad una giornata.

Giorni di zucchero fragole e neve

Giorni di zucchero fragole e neve 8 years 7 settimane fa

Nei libri trovo me stessa e appago la mia sete di sapere.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy