Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di g.frangella

Il sentiero dei nidi di ragno

immagine copertina
Italo Calvino
Il sentiero dei nidi di ragno
Classici Oscar Mondadori

Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta di piccoli gesti anonimi, forse domani morirò, magari prima di quel tedesco, ma tutte le cose che farò prima di morire e la mia morte stessa saranno pezzetti di storia, e tutti i pensieri che sto facendo adesso influiscono sulla mia storia di domani, sulla storia di domani del genere umano. Certo io potrei adesso invece di fantasticare come facevo da bambino, studiare mentalmente i particolari dell’attacco, la disposizione delle armi e delle squadre. Ma mi piace troppo continuare a pensare a quegli uomini, a studiarli, a fare delle scoperte su di loro. Cosa faranno «dopo», per esempio? Riconosceranno nell’Italia del dopoguerra qualcosa fatta da loro? Capiranno il sistema che si dovrà usare allora per continuare la nostra lotta, la lunga lotta sempre diversa del riscatto umano?

inviato il 08/02/2014
Nei segnalibri di:

La notte ha cambiato rumore

immagine copertina
Marìa Duenas
La notte ha cambiato rumore
A. MONDADORI

La normalità era solo quello che la mia volontà, il mio impegno e la mia parola avrebbero accettato che fosse, e per quel motivo sarebbe stata sempre con me. Cercarla altrove o volerla ritrovare nel passato non aveva il minimo senso.

inviato il 19/01/2014
Nei segnalibri di:

Rosso porpora

immagine copertina
Gianluca Frangella
Rosso porpora
Self publishing

Iniziai a sentirmi sempre più triste sapendo che lei non era più lì. Iniziai a camminare pensieroso per le strade di Londra sperando, forse, di poterla rivedere almeno un’ultima volta ancora. Camden Town, King’s Cross St Pancras, Green Park e così Embankment e St Jame’s Park; lungo il Thames e nel parco del Greenwich observatory e poi ancora a Bank: Londra sembrava diventare triste e vuota.
Anche London Bridge, Knights Bridge o Millennium Bridge, sembravano essersi spogliati del loro fascino, come accadde per Backingham Palace e Westminster Palace. Era davvero giunta l’ora di lasciare l’Inghilterra.

inviato il 15/01/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Gianluca, scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi ;)

Rosso porpora

immagine copertina
Gianluca Frangella
Rosso porpora
Self publishing 2012

– Io non potrò mai darti quel genere di sensazioni, mi dispiace.
– Ed io non le voglio … perché ho capito che è facile innamorarsi di un mito. Chi non s’innamorerebbe di un attore bello e famoso? Chi rifiuterebbe un’attrice bella e famosa? Chi non resterebbe senza parole se qualcuno che ha carisma, ed è amato da tutti, decidesse di dargli attenzione?
– Chi sa amarsi per quello che è e non per quello che vorrebbe essere.

inviato il 12/01/2014
Nei segnalibri di:

Rosso porpora

immagine copertina
Gianluca Frangella
Rosso porpora
Amazon 2012

Red light district - Amsterdam

Passò del tempo, forse una ventina di minuti: la tenda restava chiusa. Decisi di andare via. Iniziai a camminare lentamente, tenendo sempre lo sguardo fisso su quella vetrina, quando all’improvviso si aprì la porticina e un uomo ne uscì. Mi fermai di nuovo. Un altro signore sulla cinquantina si era già fermato davanti alla porticina. Non aprì affatto la tenda, ma potei vederla di fianco alla parete che attendeva il suo cliente entrare. Poco prima di richiudere la porta, i nostri sguardi s’incrociarono di nuovo. Lei esitò un istante, guardò dentro, riguardò ancora verso me. La porta si richiuse di nuovo.
Altri giorni andai in quella via. Ogni volta guidato dal pensiero di quella ragazza. Ogni volta con impresso nella mente il suo sguardo triste, mentre un uomo usciva e un altro entrava per cercare amore da lei, che amore non sembrava averne più da dare.

inviato il 08/01/2014
Nei segnalibri di:

Rosso porpora

immagine copertina
Gianluca Frangella
Rosso porpora
Narcissus Self-publishing

Salendo le scale, nel pianerottolo del primo piano, uno sotto il mio, sentii aprire una porta ed esitai un istante. La porta si chiuse subito dopo e sentii dei passi venirmi incontro. Ripresi a camminare e m’incrociai con il proprietario di casa di Sabrina, che se ne andò senza salutare e con passo svelto, forse, per non essere scorto da nessuno.
Trovai Sabrina davanti alla porta di casa che si sistemava alla svelta il vestito e si pettinava velocemente con le mani. Era ben vestita, ma non aveva messo il trucco. Mi sentì arrivare e disse:
– ah! Eccoti. Ho fatto il prima possibile … tutto di corsa … vi ha dato problemi Elenoire?
– Affatto – risposi guardandola negli occhi.
Sabrina continuò a parlare, ma non riuscii ad afferrare le sue parole. “Sabrina” pensai “fatale destino il suo, essere diventata mamma così giovane … per mantenere sua figlia era disposta a pagare ogni prezzo”.

inviato il 06/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Non lo sapevo, scusate.

Ciao Gianluca, le 10 righe sono sempre benvenute, i link che riportano agli store online sono invece vietati. http://www.10righedailibri.it/faq

Grazie Emma :)

vado a cercarmelo sui link che hai segnalato, coraggio ! i passaparola smuovono sempre qualcosa.

Rosso porpora

immagine copertina
Gianluca Frangella
Rosso porpora
Narcissus Self-publishing

Ogni essere vivente, pensavo, agisce per istinto e l’unico modo per tenerlo sempre vivo nel nostro spirito, è quello di metterci in condizione di cavarcela da soli. Un po’ come un animale cresciuto in cattività: se fosse riportato nel suo habitat naturale, rischierebbe di morire affamato, poiché non ha più l’istinto di cacciare.
[...] il suo istinto si stava azzerando e chiedeva di essere stimolato. Non le importava se rischiava di perdermi, né si curava di sbagliare per poi soffrire rimpianti e rimorsi. Desiderava solo fare giusto o sbagliato da sola. Essere direttamente responsabile delle sue scelte.

inviato il 25/01/2013
Nei segnalibri di:

Rosso porpora

immagine copertina
Gianluca Frangella
Rosso porpora
Narcissus Self-publishing

Spesso la bruna sconosciuta aveva il sorriso sulle labbra. Era bellissima con i suoi capelli mossi che le ondeggiavano sul collo. La vedevo andare avanti e indietro per quella finestra: compariva ora e ora scompariva e poi di nuovo, riappariva. Ora in reggiseno, ora con la maglia, ora si pettinava e poi si metteva gli orecchini. Si abbassava, scompariva. Si alzava indossando un cappello. Spariva dietro la parete e ricompariva con il cardigan addosso e ora ricompariva con addosso un giubbotto. La luce si spegneva. Lei scompariva.

inviato il 24/01/2013
Nei segnalibri di:

Senza sangue

Alessandro Baricco
Senza sangue
Feltrinelli

Allora pensò che per quanto la vita sia incomprensibile, probabilmente noi la attraversiamo con l'unico desiderio di ritornare all'inferno che ci ha generati, e di abitarvi al fianco di chi, una volta, da quell'inferno, ci ha salvato. Provò a chiedersi da dove venisse quell'assurda fedeltà all'orrore, ma scoprì di non avere risposte. Capiva solo che nulla è più forte di quell'istinto a tornare dove ci hanno spezzato, e a replicare quell'istante per anni. Solo pensando che chi ci ha salvati una volta lo possa poi fare per sempre. In un lungo inferno identico a quello da cui veniamo. Ma d'improvviso clemente. E senza sangue. L'insegna sgranava da fuori il suo rosario di luci rosse. Sembravano i bagliori di una casa in fiamme. Nina appoggiò la fronte alla schiena di Pedro Cantos. Chiuse gli occhi e si addormentò.

inviato il 24/01/2013
Nei segnalibri di:

Essere senza destino

immagine copertina
Imre Kertész
Essere senza destino
Universale Economica Feltrinelli
10 righe da pagina 26:

Tuttavia avevo già sentito dire che adesso nelle fabbriche e in posti del genere viene impiegato anche chi per età non sarebbe ancora idoneo al lavoro obbligatorio, per esempio io. Insieme a me ci sono circa diciotto ragazzi, con motivazioni simili, anche loro sui quindici anni. Il posto di lavoro è a Csepel, presso una società per azioni, che si chiama "Shell raffineria petrolifera". Se non altro ho acquisito un certo privilegio, perché con la stella gialla è proibito lasciare il territorio comunale. A me, invece, hanno consegnato un regolare certificato, munito persino del timbro del comandante dell'industria bellica, in cui si dichiara che posso "varcare il confine doganale per Csepel".

inviato il 06/05/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

partecipo a Libri Operai http://scrivi.10righedailibri.it/libri-operai

Ines dell'anima mia

Isabel Allende
Ines dell'anima mia
Feltrinelli
10 righe da pagina 98:

"Perchè mi tormenti,bella Ines?" mi domandò per l'ennesima volta, prendendomi per la vita. "Non mi offenda signore. Non l'ho autorizzata a trattarmi con familiarità" replicai, liberandomi dalle sue grinfie."Bene,allora, distinta signora Ines, quando ci sposiamo?" "Mai.Qui ci sono ke sue camicie e le sue calzamaglia rammendate e lavate.Si cerchi un'altra lavandaia, perchè a casa mia non la voglio più.Addio..."e lo spinsi verso la porta. "Addio dici Ines? Si vede che non mi conosci, mia cara! Nessuno può permettersi di insultarmi e men che meno una sgualdrina" mi gridò dalla strada. Era l'ora dolce dell'imbrunire nella quale si riunivano gli avventori per attendere l'ultima infornata delle empanadas,ma non ebbi la forza di servirli,tremavo d'ira e d'imbarazzo. -

inviato il 19/01/2014
Nei segnalibri di:

Aforismi sui libri

Staff 10 righe dai libri
Aforismi sui libri
10 righe dai libri 2013

Diamo il benvenuto al 2013 e per tutto l'anno
- scrivete nei commenti brevi frasi, aforismi e pensieri (tratti dai libri) che parlino di libri, lettura e del piacere di leggere... Il nome dell'autore citato è obbligatorio.

- se avete avete anche un'immagine scrivete un post e qui nei commenti riportate la frase con il link.

: )

 

Iniziamo con un aforisma suggerito da Natalina Maio

"La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro: leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare."

(Arthur Schopenhauer)

 

leggi tutto
inviato il 01/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

io libro, tu libri, ...NOI liberiamo il mondo da ogni forma di dipendenza e schiavitù.

I libri ci aiutano ad andare lontano...mentre la vita è breve e ci sfugge !

Un aforisma che lessi per caso su un giornale locale in vacanza a Roma ma mi è rimasto impresso nella mente da tanto è veritiero:
Pochi libri cambiano una vita. Quando la cambiano è per sempre, si aprono porte che non si immaginavano, si entra e non si torna più indietro.
(Christian Bobin)

"i libri pesano tanto: eppure chi se ne ciba e li mette in corpo vive tra le nuvole" L. Pirandello

Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come fanno gli ambiziosi per istruirvi. No, leggete per vivere.
Gustave Flaubert

Rosso porpora

immagine copertina
Gianluca Frangella
Rosso porpora
Self publishing

Indossava una gonnellina leggera che si appoggiava sui fianchi fino a scendere all'altezza delle ginocchia. Era senza calze e camminava scalza. La pelle olivastra sembrava delicatissima. Per la rima volta,da quando la conobbi,mi venne un forte desiderio di averla. Fino a quel momento mi sentii frenato dalla presenza di Roberta, che ora non era più qui con me: mi aveva lasciato. L'alcol poi mi fece pensare che Sabrina, se avesse accettato di andare con uomini sconosciuti, non avrebbe avuto problemi di fare l'amore con me, anzi, fui certo che le avrebbe fatto piacere lasciarsi andare a una persona che si era affezionata a lei, più di qualunque altro nel suo passato.

inviato il 09/01/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Margherita :)

Grazie :)

Il Signore degli anelli - La compagnia dell'anello

immagine copertina
J.R.R. Tolkien
Il Signore degli anelli - La compagnia dell'anello
Tradotto da Vicky Alliata di Villafranca
Edizione Mondolibri su licenza RCS 2000
10 righe da pagina 83:

"Tre Anelli ai Re degli Elfi sotto il cielo che risplende,
Sette ai Principi dei Nani nelle lor rocche di pietra,
Nove agli Uomini Mortali che la triste morte attende,
Uno per l'Oscuro Sire chiuso nella reggia tetra
Nella Terra di Mordor, dove l'Ombra nera scende.
Un Anello per domarli, Un Anello per trovarli,
Un Anello per ghermirli e nel buio incatenarli,
Nella Terra di Mordor, dove l'Ombra cupa scende".

S'interruppe qualche secondo e poi disse con voce lenta e grave: "Questo è l'Anello Sovrano, quello che serve a dominarli tutti. E' quell'Unico Anello che egli perse molto tempo fa, affievolendo di parecchio la propria potenza. Lo desidera più di qualsiasi altra cosa al mondo, ma non deve mai più riaverlo".

inviato il 09/04/2013
Nei segnalibri di:

Di tutte le ricchezze

immagine copertina
Stefano Benni
Di tutte le ricchezze
Feltrinelli 2012
10 righe da pagina 80:

La tempesta aveva schiantato i rami più deboli, creando geometrie bizzarre e arabeschi arborei. Serpenti, draghi, amadriadi, ragni, idoli decapitati, gomene di navi, profili di mostri crepitanti sotto ogni loro passo.
Lasciarono il sentiero per un varco muschiato, gli alberi si infittirono, la luce cambiava a ogni istante, e da ogni ombra sembrava potesse spuntare uno gnomo cordiale, o la grinfia di una strega.
Michelle procedeva avanti, evitando i grovigli e scavalcando le radici. Il professore ne ammirava il passo elastico, nonchè la grazia e l'agilità dei muscoli sotto la cresta iliaca, specialmente il trocantere e il piriforme.
Insomma, le guardava il culo.

inviato il 17/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

fatto ^_^ grazie!!

Devi comunicarlo a librincentivo@10righedailibri.it e scrivere un commento sotto le 10 righe scelte ricordando al vincitore di inviare una mail a librincentivo@10righedailibri.it

Ciao Staff! Ho deciso la mia citazione preferita,cosa devo fare?

Ciao :) grazieeee!!! Quindi aspetto direttamente lunedì prossimo per scrivervi la mail indicando le righe scelte da me?

Ciao Lara! Le tue 10 righe sono le più segnalibrate della settimana, ti aggiudichi un libro incentivo! :)
Lunedì prossimo dovrai inoltre selezionare la tua citazione preferita fra quelle postate questa settimana :)

Il pianeta dei bruchi

immagine copertina
Ken Follett
Il pianeta dei bruchi
Tradotto da Gianni Padoan
Oscar Mondadori 2011
10 righe da pagina 28:

Nell'angolo più vicino, dalla parte della stazione di Charing Cross, c'era un uomo che vendeva i giornali della sera. Fritz lo raggiunse, gli porse il denaro e prese il giornale. Il ragazzo controllò la data. Era proprio la data di quel giorno.
Sentendosi piuttosto sconcertato, tornò indietro fino alla porta, la aprì e si ritrovò nell'ufficio. Diede il giornale a Helen e si lasciò cadere su una sedia.
"Bene" disse poi, fissando lo zio Grigorian "se puoi trasferirti a Londra come se nulla fosse, suppongo che tu sia perfettamente in grado di andare anche sulla Luna."

inviato il 30/04/2013
Nei segnalibri di:

Ebano

immagine copertina
Ryszard Kapuściński
Ebano
Tradotto da Vera verdiani
I Narratori Feltrinelli 2000
10 righe da pagina 10:

Mandorle, chiodi di garofano, datteri, cacao, vaniglia e foglie d'alloro. Le arance e le banane un tanto al pezzo, il cardamomo e lo zafferano a peso. E le botteghe color cannella di Schulz a Drohobycz? "Il loro interno fiocamente illuminato, buio e solenne odorava intensamente di vernice, ceralacca, incenso, aromi di paesi lontani e sostanze rare". Ma l'odore dei tropici ha qualcosa di diverso e di cui subito cogliamo la graveolenza, la corposità vischiosa. Un odore che ci avverte che ci troviamo nel punto della terra dove una biologia esuberante e instancabile lavora, produce, prolifera e fiorisce senza sosta e senza sosta si ammala, si decompone, si tarla e marcisce.

inviato il 07/05/2013
Nei segnalibri di:

Leggo i libri perché ...

Staff 10 righe dai libri
Leggo i libri perché ...
Moderatori Staff
10 Righe 2013

"Leggo per trovare delle perle di saggezza."
(R.W. Emerson)

 

Con questa frase diamo il via alla nuova raccolta dei vostri pensieri.
Vi chiediamo:
PERCHÉ LEGGETE I LIBRI?
:)
Scrivete il vostro pensiero nei commenti (massimo 5 righe). Periodicamente la redazione sceglierà le frasi da pubblicare nella gallery ufficiale 10 Righe dai libri

----

- L'illustrazione di base è stata postata dai lettori. Se conoscete l'autore o l'autrice scrivete il nome nei commenti così integriamo.

- Il gioco è ideato da Gli amanti dei libri

http://www.gliamantideilibri.it/cosa-abbiamo-capito-dai-vostri-leggoperc...

leggi tutto
inviato il 20/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ho imparato a leggere per imparare a volare con la fantasia. Sto imparando a scrivere per ricordare fin dove ho volato.

Leggo perché voglio vivere!

Leggo per trovare delle risposte e per cercare, ogni volta, delle nuove domande.

Leggo per abbandonare la mia vita monotona e viverne altre 1000 tutte diverse..
una vita non mi basta!!

Leggere perchè?
Perchè leggo...
Per me...
Caro libro ,
Amico mio,
essere con con te
la "solitudine " non c'è.

Io non ho paura

immagine copertina
Niccolò Ammaniti
Io non ho paura
Einaudi 2001
10 righe da pagina 64:

"Piantala con questi mostri, Michele. I mostri non esistono. I fantasmi, i lupi mannari, le streghe sono fesserie inventate per mettere paura ai creduloni come te. Devi avere paura degli uomini, non dei mostri", mi aveva detto papà un giorno che gli avevo chiesto se i mostri potevano respirare sott'acqua.

inviato il 21/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

No Mel va. Non la conoscevo anche essendo un estimatore della Mannoia. In effetti è molto bella, ma è anche vero che lei è molto, molto brava.

Gentile, staff, vi ringrazio per il libro e mi scuso per il ritardo nella risposta. Me ne sono accorto solo ora. Ho provveduto a spedirvi la mail. Grazie ancora.

Ciao Roberto sono felice di comunicarti che le tue righe sono le più segnalibrate e che per questo ti sei aggiudicato un libro incentivo.
Per poterlo ricevere devi fare 2 cose:
1) scegliere le tue righe preferite fra quelle che verranno postate questa settimana
2) dopo aver espletato questa prima formalità devi farci avere un tuo recapito, mandaci una mail a libroincentivo@10righedailibri.it specificando l'indirizzo e la motivazione della vittoria, e anche le righe che vuoi far vincere.

conosci la canzone della mannoia dal titolo omonimo? è veramente bella, ovviamente mero giudizio personale..

Grazie :)

Sì hai proprio ragione. E' raro vedere scritto così bene una storia in fondo così complessa e delicata come il rapimento di un bambino.

Un libro stupendo. Ammaniti scrive proprio bene. A me è rimasta in mente la scena di loro che fuggono la prima volta, e la descrizione della sorellina che non ce la fa, è talmente perfetta da sembrare di essere lì, e cercare di aiutarla. Bravo Niccolò e bella scelta Roberto, ovviamente è un mero giudizio personale :)

ricambio ;)

Rosso porpora

immagine copertina
Gianluca Frangella
Rosso porpora
Narcissus Self Publishing

1) ______________________________________
2) ______________________________________
3) ______________________________________
4) ______________________________________
5) ______________________________________
6) ______________________________________
7) ______________________________________
8) ______________________________________
9) ______________________________________
10) http://www.ultimabooks.it/rosso-porpora

Perché 10 righe non hanno lo stesso valore di un intero libro.

inviato il 01/05/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Infatti, anche una mia amica ha difficoltà a farsi pubblicare il suo secondo romanzo

Ci sto lavorando molto Elena, ma avrai capito anche tu che non è cosa facile, farsi conoscere.

Gianluca, in un futuro il tuo racconto potrà essere cartaceo?

Nessuna offesa Elena. Ciao. ;)

Gianluca, non volevo offenderti, volevo solo sottolineare che se mi riesce lo vorrei acquistare. Mi scuso con tutto lo staff e con tutti gli iscritti di questo sito, che io ritengo favoloso.

grazie Andrea

Già avevo pubblicato il primo capitolo : ) Comunque grazie... ; ) Buona serata

Per chiudere il discorso, poichè questo è uno spazio libero, lo faccio leggere io il primo capitolo, perchè l'ho appena trovato e (in parte) letto, e non se ne parla più. E ti metto anche il mi piace, anche perchè queste discussioni non mi piacciono affatto.
https://www.facebook.com/notes/rosso-porpora-di-gianluca-frangella/rosso...

In un periodo di crisi dove la gente si suicida per la povertà, evidenziare il lato economico non mi sembra squallido, bensì umano. E comunque ritengo più opportuno pubblicizzare la mia arte delineandone l'economicità anziché, come fanno certe persone, pubblicizzare l'ignoranza delineandone ipocrisia e superficialità. Questo Forum è curato da persone che conosco da molto tempo: credo stia a loro decidere.
Ergo: "fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e conoscenza"

Poichè mi sento un po' il responsabile di questa sfilza di "boh", essendo stato io il primo a metterlo, ci terrei a fare una precisazione: Gianluca caro, la finalità di questo sito, come ben si capisce dallo stesso titolo e come ha cercato di farti capire anche Stella 74, è quella di divulgare la lettura, la cultura e la scrittura del libro attraverso la divulgazione di "10 righe" estrapolate da un libro. Ora, uno - come te, appunto, che infatti scrive: "Perché 10 righe non hanno lo stesso valore di un intero libro." - può anche non condividere questo "metodo" e queste "regole" di promozione del libro, ci mancherebbe!, però in questo caso il buon senso imporrebbe a quella persona di tenersi lontano da quell'ambiente, non solo per il rispetto che si deve ai frequentatori del sito, ma, soprattutto, perchè nessuno obbliga nessuno a interagire all'interno di un sito di cui non si condividono le regole. Quindi, ha ancora ragione stella 74 quando dice che hai sbagliato sito per pubblicizzare il tuo libro. Del tutto urticante (senza offesa) ho trovato, inoltre, la tua reiterata ed incalzante insistenza, all'interno dei commenti, a ri-pubblicizzare il tuo libro (addirittura anche sotto il profilo economico, che squallore!, come se la decisione di acquistare un libro dipendesse dal suo prezzo e non dal suo contenuto!), tenendo però fermo il tuo proposito di non pubblicarne neanche una, di righe (la quarta di copertina ed i commenti dei lettori non sono righe del libro). Per finire, ti dico, sempre senza offesa, che io nelle case di chi ha regole che non condivido, semplicemente, non entro. Detto questo, ti auguro, di vero cuore, ad maiora (semper)!

Il libro è ...

Il libro è ... 4 years 9 settimane fa

Un libro è l'anticamera di un sogno.

Il libro è ... 4 years 22 settimane fa

Il libro è... librarsi sulle ali della fantasia.
(Gianluca Frangella)

Il libro è ... 5 years 6 settimane fa

Era assai bello leggere quel libro, che anche il vento curioso di sapere come andava a finire, a dispetto sfogliava le pagine ancor prima di me.

Aforismi sui libri

Aforismi sui libri 4 years 22 settimane fa

Mente il mare non lo puoi rinchiudere in una bottiglia, la vita la puoi racchiudere in un solo libro.
(Gianluca Frangella)

Aforismi sui libri 5 years 6 settimane fa

Il libro è per lo scrittore un amico discreto, in silenzio ad ascoltare.
Per chi lo legge un amico sincero, serenamente a raccontare.

(Tratto da una conversazione fra me e una mia lettrice che mi chiese cosa provo quando scrivo - Gianluca Frangella)

Rosso porpora

Rosso porpora 4 years 23 settimane fa

Grazie :)

Rosso porpora

Rosso porpora 5 years 2 settimane fa

Non lo sapevo, scusate.

Rosso porpora 5 years 2 settimane fa

Grazie Emma :)

Leggo i libri perché ...

Leggo i libri perché ... 5 years 6 settimane fa

Ho imparato a leggere per imparare a volare con la fantasia. Sto imparando a scrivere per ricordare fin dove ho volato.

Caro libro, grazie!

Caro libro, grazie! 5 years 6 settimane fa

Caro libro, grazie! Mi hai saputo parlare senza invadenza; mi hai fatto sognare senza arroganza; e mi hai fatto aprire la mente senza presunzione.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy